Lenovo, il prossimo smartphone potrebbe avere uno schermo con bordi waterfall

13 Aprile 2021 14

Lenovo ha dimostrato prima col Legion Phone Duel, e poi col nuovissimo Legion Phone Duel 2 (QUI e QUI, rispettivamente, le nostre prove) di non farsi troppi problemi quando si tratta di proporre design coraggiosi. Nel caso dei due dispositivi citati, però, l'estetica particolarmente aggressiva ha a che fare con la loro natura di gaming phone. Quella che vediamo nel brevetto registrato dal CNIPA (China National Intellectual Property Administration) lo scorso 27 settembre, invece, è una soluzione che riguarderebbe uno smartphone "tradizionale", e con tutta probabilità destinato alla fascia alta del mercato.


Il fatto che non si tratti ancora di un progetto ben definito è testimoniato dalla presenza, all'interno del documento, di tre varianti dello stesso device, differenziate tra di loro sia dal layout della fotocamera posteriore (composta sempre da quatto sensori), sia per quanto riguarda la selfie cam. In un caso infatti c'è un solo foro nel display per ospitarla, nella seconda ipotesi i fori sono due, e infine nella terza opzione non c'è proprio traccia della fotocamera frontale, il che lascia pensare possa essere integrata al di sotto dello schermo.


Tutt'e tre le varianti, comunque, hanno in comune un aspetto decisivo nel caratterizzarne l'impatto, ovvero la presenza di uno schermo con bordi curvi, anzi curvissimi: quelli che in gergo si definiscono "waterfall", a cascata, e che vanno a coprire interamente i lati del dispositivo, spingendo il display fino alla back cover. Il Mi Mix Alpha di Xiaomi resta il concept che ha portato all'esasperazione questo concetto, trattandosi di uno smartphone praticamente a tutto schermo. Ma in questi anni abbiamo visto soluzioni analoghe anche nel mercato reale, anche se un po' meno accentuate, come nel caso di Huawei Mate 30 Pro (che infatti non presentava tasti sui fianchi). Di certo, sebbene si tratti di un dettaglio capace di catturare l'occhio, è anche vero che curvature così pronunciate spesso si associano ad alcune difficoltà ergonomiche nell'utilizzo quotidiano dello smartphone, oltre che ad una maggiore fragilità strutturale del dispositivo.

Non sappiamo se il brevetto di Lenovo sia destinato a tradursi in realtà commerciale (e neppure quale delle tre possibilità finirà per spuntarla, nel caso): di sicuro però sappiamo che l'azienda sta quantomeno valutando di rafforzare il proprio catalogo smartphone anche all'infuori della nicchia dei gaming phone.

VIDEO


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sopaug

utili per rompersi.

Fabrizio

Solo un esercizio di stile, un prodotto reale sarebbe scomodo e problematico

Abel

Di male in peggio

RitornoAlFuturo

Cascata c'è, usatela

VoltoReato

Ok l'estetica, ma l'utilità? Il senso di arrivare anche dietro?

saetta

waterfacc

LaBraceAccesa

Bordi che..?

Alberto

Soliti esercizi di stile inutili

kanna mustafa

Waterfall come i soldi e le lacrime che bisogna sganciare per riparare se cade il telefono......

Dominick Biny

Impossibile da proteggere e utilità pari a zero.
Scaffale.

asd555

A parte un'espressione di design non ne vedo una reale utilità richiesta da chissà quale nuova idea d'uso.

Nukysh

Affascinante da un punto di vista prettamente estetico. Disagevole per l'utilizzabilità. Problematico per l'utilizzo di cover.

Red, trainer
Claudio M.

Già odio gli Edge, poi i waterfall, che "schifezzeria".

Xiaomi Mi 11 Ultra può battere Samsung Galaxy S21 Ultra? | VIDEO

Legion Phone Duel 2 vs ROG Phone 5 vs RedMagic 6: sfida tra gaming phone

Recensione Poco X3 Pro: cosa emerge dopo 1 mese di utilizzo

Recensione Poco F3: un fulmine che ha quasi tutto (anche un difetto)