Realme punta sempre più in alto: la strategia di crescita per il 2021

19 Gennaio 2021 6

Realme vuole continuare a crescere anche nel 2021: il marchio, controllato dalla cinese OPPO (a sua volta controllata dal colossale conglomerato BBK Electronics, a cui rispondono anche Vivo, IQOO e OnePlus), ha condiviso una lettera aperta sul social network locale Weibo riflettendo sulla sui grandi traguardi raggiunti fin qui - che sono notevoli: per esempio, è stata l'azienda più veloce di sempre a raggiungere quota 50 milioni di dispositivi spediti, e si prevede che si classificherà al settimo posto mondiale per spedizioni per l'intero 2020.

Vale la pena ricordare che il primo smartphone Realme è stato presentato in India nella primavera del 2018: l'India rimane uno dei suoi mercati chiave, ma si è espansa rapidamente - ora i suoi prodotti si trovano in 61 diversi Paesi (in Italia/Europa da fine primavera 2019), ed è entrata nella top 5 in 12 di questi (è addirittura prima in assoluto nelle Filippine).

La strategia per continuare a crescere nel futuro è per certi versi analoga a quella che abbiamo visto mettere in atto da altri colossi cinesi - Xiaomi in particolare salta subito in mente - ed è riassumibile con le sigle AIoT e 5G. Quest'ultima ormai dovremmo sapere tutti cosa significa, mentre AIoT potrebbe essere un pochino più oscura; niente paura, è semplicemente l'unione di AI e IoT. In termini semplici, Realme vuole incrementare la sua offerta di gadget, accessori e dispositivi smart, dalla domotica agli indossabili. Lato smartphone, l'intenzione è di lanciare un buon numero di nuovi dispositivi e concentrarsi di più sul gaming - o meglio, sullo Smart Gaming.

In aggiunta, quest'anno Realme vuole aprire il suo primo negozio fisico ufficiale, che dovrebbe fare da pilota a un'ondata di altri punti vendita quantificabile nell'ordine delle migliaia. Ma di questo si parlerà più avanti.


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Se vuole spiccare il volo, basterebbe che dimostri consistenza negli aggiornamenti a lungo termine sui suoi top, allineandosi a OnePlus e Samsung.
Che aggiornasse X2 Pro fino ad Android 12 (così come succederà a OP7/7T e 7/7T Pro) e X50 Pro 5G ad Android 13

Sono già saliti. Rispetto a X2 Pro, il rapporto qualità prezzo è sceso parecchio

specialdo

Forse prenderò un realme prima che salgano i prezzi.

JustATiredMan

eee non ne sarei così sicuro. Una strategia di questo tipo si attua per volontà politica di molti soggetti... Il bannatore è solo stato il soggetto della catena più facile da convincere. Vedremo cosa succederà con il nuovo, ma non credo ci sarà un gran cambio di strategia, forse nei toni si, ma dubito nella sostanza.

Ottavio_Spada

No ormai il bannatore è stato bannato.

JustATiredMan

Ecco la prossima che sarà bannata dagli usa.

HDMotori.it

Recensione Carplay2droid 4G: lo schermo dell'auto diventa un mini PC Android | Video

Recensione Samsung Galaxy S21 FE: ottimo smartphone ma al giusto prezzo

Samsung Galaxy S21 FE in prova. Le nostre prime impressioni | VIDEO

OPPO Find N ufficiale: il pieghevole compatto che mancava