Huawei, non solo Mate 40: è in arrivo anche Mate 30 Pro E

14 Ottobre 2020 15

Manca poco più di una settimana all'annuncio dei nuovi Mate 40, previsto per giovedì 22 ottobre, ma a quanto pare Huawei ha anche altri piani: sta infatti per arrivare una nuova versione del modello Pro dello scorso anno, e si chiamerà Mate 30 Pro E. Rispetto al brevetto che aveva anticipato questa possibilità all'inizio dell'anno sembra mancare la fotocamera in più, ma per il resto la certificazioni TENAA appena ricevuta dal modello "LIO-AN00m" parlano chiaro.


A livello di design, a quanto pare non cambia nulla: il distintivo modulo fotografico circolare è ancora lì, e persino la colorazione presentata è quella caratteristica del modello originale, con tanto di tasto di accensione arancione a contrasto (ma non escludiamo che possano essercene di nuove per differenziare più facilmente i prodotti).

Per quanto riguarda le specifiche, dobbiamo affidarci alle informazioni riportate dai leaker cinesi su Weibo, che parlano di una conferma per il SoC Kirin 990 e per lo schermo OLED da 6,53 pollici con bordi curvi estremi - "waterfall", come vuole il gergo. Per quanto riguarda la memoria dovrebbero essere disponibili tre tagli di RAM (6, 8 e 12 GB) e tre anche per la memoria interna (128, 256 e 512 GB), mentre la batteria dovrebbe essere capace di una ricarica rapida a 40 W e avere una capienza di 4500 mAh.

Insomma, difficile capire in cosa questa nuova versione si distinguerà, esattamente, dal Mate 30 Pro che già conosciamo: solo il tempo potrà dircelo. Sempre su Weibo si parla della possibilità che sebbene l'hardware nominalmente sembri destinato a rimanere identico, la componentistica interna sia cambiata, con molte parti prodotte direttamente in Cina. Un fattore che potrebbe abbinarsi con un probabile taglio del prezzo: ma al momento si tratta solo di speculazioni.

Mate 30 Pro, ve lo abbiamo raccontato all'epoca della sua uscita, è un ottimo dispositivo viziato però da un grande difetto, difficile da ignorare: si tratta del primo, importante dispositivo Huawei a scontare gli effetti del ban USA, non essendo quindi equipaggiato con i Servizi Google.

L'operazione è simile a quella vista questa estate con con il P30 Pro New Edition, che come vi abbiamo spiegato nella nostra recensione resta uno dei migliori prodotti nel catalogo Huawei: solo che in questo caso l'idea di riproporre un dispositivo già esistente aveva un senso chiaro, dal momento che lo smartphone arrivava - a differenza della famiglia P40 - ancora con il pieno supporto ai Servizi Google.

VIDEO

Huawei Mate 30 Pro è disponibile su a 530 euro.
(aggiornamento del 21 ottobre 2020, ore 19:38)

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Patrick PB21
Frazzngarth

beh ho preso sto Honor a tipo 85 euro per vedere appunto come evolve la situazione AppGallery

Andrea

Un po' lo sono
Ma non è tutta questa tragedia dai
Sono curioso di vedere come saranno i dispositivi con Harmony os

Frazzngarth

beh come minimo quanto te, visto che ho usato P40 Lite e ho appena preso un Honor senza GMS.

detto questo, sempre dei fermacarte rimangono.

Andrea

Ma se non c'è mamma Google non sei capace di usare uno smartphone?

Mad Man

Pensavo si potessero installare lo stesso ma a quanto pare quel metodo non funziona più..
Continuerò ad aspettare che capiti qualcos'altro di buono ad un prezzo buono

Frazzngarth

apperò...

Patri
Frazzngarth

ah "a parte" quello, niente...

Mad Man

Azz a parte la mancanza di gms cosa gli manca?

Frazzngarth

Poco? Un fermacarte da 480 euro?

lucas

no

Desmond Hume

chissà quanti ne hanno venduti di mate 30 qui

Giovanni

Questo avrà i servizi google.

Mad Man

Mate 30 pro a 480? Così poco? Mi sono perso qualcosa

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi