Huawei, ultimi giorni per fare scorta di chip prima dell'inasprimento delle sanzioni

26 Agosto 2020 179

Huawei si sta precipitando per accumulare quanti più chip possibile a ormai meno di un mese dall'entrata in vigore delle nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Ricordiamo che l'amministrazione Trump, oltre ad aver esteso il Ban standard di un altro anno, ha anche isolato il colosso cinese dalle fonderie americane o che usano tecnologia americana - quindi sostanzialmente tutte quelle più evolute.

Stando a quanto riporta il Nikkei, l'azienda fondata da Ren Zhengfei sta riempiendo i suoi magazzini di SoC mobile con modem 5G, chip Wi-Fi e RF, display e tanti altri componenti chiave da fornitori come MediaTek, Realtek, Novatek e RichWave. Pare addirittura che alcuni fornitori abbiano concordato di spedire componenti non finiti, per esempio non assemblati o testati, pur di fare volume.

Del resto la società combatte per la sopravvivenza, dicono le fonti interne che hanno parlato con la testata asiatica: secondo le previsioni, le vendite di smartphone in futuro potrebbero crollare di ben il 75% se le scorte di chip si esauriranno. Le fonti tra i fornitori dicono che le chiamate alle 4 di notte o le videoconferenze a mezzanotte stanno diventando sempre più frequenti, e che la percezione è che l'agitazione tra i dipendenti e i dirigenti di Huawei stia aumentando e che l'azienda continui a cambiare la propria strategia.

Ren Zhengfei, fondatore di Huawei.

Vale la pena ricordare che le sanzioni degli Stati Uniti sono state imposte per via di alcuni rapporti commerciali intrattenuti con l'Iran, violando un embargo americano; Trump e il suo staff sostengono tuttavia che la società rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale. L'ipotesi, che va contestualizzata in un clima di tensione tra Cina e USA in costante crescita, è che il governo di Pechino costringa Huawei a commettere atti di spionaggio nei confronti dei cittadini americani, soprattutto attraverso le apparecchiature di rete. Queste accuse, è bene ricordarlo, non sono mai state dimostrate; anzi, in effetti Huawei ha appena annunciato di aver superato i test di sicurezza NESAS della GSM Alliance (quella che organizza anche il MWC).

NESAS è l'acronimo di Network Equipment Security Assurance Scheme, ed è condotto da società esterne indipendenti esperte in sicurezza informatica. Gli standard dei test sono definiti dalla GSMA stessa e dalla 3GPP in collaborazione con un vasto numero di partner, tra cui fornitori, produttori, operatori e altre aziende specializzate del settore delle telecomunicazioni, e includono 20 tipologie di valutazioni separate. La certificazione, in soldoni, indica che le apparecchiature sono sicure da un punto di vista informatico, e che possono essere usate senza timori. Huawei precisa che prima di questa certificazione aveva anche ottenuto quella IMT-2020, che è analoga e viene rilasciata in Cina.

Difficilmente questa certificazione ribalterà la decisione di Trump, ma la speranza è di fermare, o quantomeno ridurre/rallentare, l'emorragia di acquirenti. In tempi recenti anche il Regno Unito ha escluso Huawei dalla corsa al 5G. Lo stesso vale per l'India e per TIM in Italia, e le pressioni americane sugli alleati non vogliono saperne di ridursi.


179

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mirko

Parli per esperienza diretta della tua?

Mirko

Il tuo no, mi fà schifo.

Luigi Andreoli

ma suca

Luigi Andreoli

ma perché non vai a farti fo££ere che sei solo un disco rotto? la tua è una esistenza miser@bile.

Mirko

Ma non dire caxxate, a Hong Kong se ti arrestano perchè manifesti pro-democrazia rischi l'ergastolo.

Mirko

Ma smettila di dire caxxate.

Mattexx

E si Stonex di Maio non l'ha voluta nazionalizzare quando era ministro dello sviluppo economico quindi ci dobbiamo accontentare di quello che produce il resto del mondo.

Luigi Andreoli

La differenza è che Alitalia, Ilva e Ferrovie sono a partecipazione statale, cioè lo Stato ne è socio. La FIAT no. Nelle prime lo Stato, da socio, apporta equity come è giusto che sia, la FIAT è privata, gli utili privati ma negli anni è stata sostenuta dallo Stato Italiano sempre sotto la minaccia di chiudere ed andare a portare il lavoro all'estero e, guarda un pò, poi lo hanno fatto comunque. E ci pagano pure le tasse all'estero, però hanno preso i miliardi garantiti da SACE proprio poco tempo fa. Capitalismo all'Italiana.

Luigi Andreoli

Ti hanno segnalato i fan della libbbbertà.

Luigi Andreoli

Da quando basta un'accusa a fare un colpevole?

Luigi Andreoli

Guantanamo docet. Lascia perdere che a certi livelli non sanno che dire e pur di mantenere il punto ammonticchiano Stronz@te

Luigi Andreoli

La policy americana è "comprarti". Se non ti possono comprare ti minacciano. Se non ti spaventi si inventano un false flag qualsiasi e ti bombardano. Siamo sempre li, la storia insegna ma non ha scolari.

Luigi Andreoli

Era colpa dei minatori italiani in Belgio... Se non offrivano la loro manodopera a basso costo Marcinelle non sarebbe mai accaduta.....

Luigi Andreoli

Estraneo? Fino a pochi anni fa esistevano ancora colonie e, quando sono formalmente scomparse, i paesi ex colonie sono rimasti legati da indebitamenti profondi. E questo si chiama "neocolonialismo".

Luigi Andreoli

Quelli a cui ti rivolgi hanno smesso di leggere il tuo commento al primo punto interrogativo. E ti hanno dato downvote. Qui ci sono le tifoserie, non si vuole uno scambio di opinioni (che magari arricchisce anche) ma si vuole solo imporre la propria versione, contro ogni evidenza. Quindi documentarsi e documentare non serve. Purtroppo è la deriva che ha preso questo mondo, pieno di gente laureata all'università della strada ed esperta di tutto.

Connor RK800

Certamente
Come Alitalia , ferrovie e l'ilva

Luigi Andreoli

La FIAT avrebbe dovuto chiudere 5 o 6 volte allora.

Undertaker

ottima decisione...Bye, bye.

Luigi Andreoli

Non offrono cappuccino e cornetto, questa è ironia piuttosto spicciola e sciocca. Non sparano sulla gente, è un dato di fatto, nonostante sia una dittatura. Il resto della tua risposta è oggettivamente un'idiozia, un arrampicarsi sugli specchi e quindi, onestamente, non ho tempo da perdere a confutare tesi da tifoso.

Undertaker

Magari se rileggi...

Undertaker

No, a Hong Kong offrono cappuccino e briosce. In USA muoiono più bianchi per mano della polizia di neri, e se io poliziotto ti chiedo di fermarti, TI FERMI, non te ne vai ignorandomi.con questo non giustifico il gesto del Poliziotto che rimane sbagliato, ma bisogna anche mettersi nei loro panni, dove in un paese chiunque può avere un arma hai paura.

Luigi Andreoli

Ad Hong Kong la polizia non spara alle spalle della gente, negli USA si. Ad Hong Kong la dittatura cinese consente ai dissidenti di manifestare e bloccare strade ed infrastrutture. Negli USA i suprematisti bianchi salgono sui tetti e sparano ai manifestanti. Questa è la normalità che vi piace?

imborad

Non o iniziato io a fare discorsi sul bloccare aziende per le cose fatte da un governo sei stato tu

csharpino

"bell'argomentazione, complimenti per la maturità" Cit...

Marco Mazzocchi

Da quella di tua m4dre forse, da una parte entra e dall altra parte esce ;)

csharpino

Tu in compenso l'aria stai facendo uscire di un altro orifizio...

salvatore esposito
Undertaker

Gia Chiudiamo le porte anche ai tedeschi e Russi per quello che hanno fatto in passato, Che discorsi del c..o che fai.

Undertaker

Abbiamo aziende europee NON Americane a cui affidare la costruzione delle infrastrutture.

Davide

Ripeto. Quando si tratta di sicurezza nazionale se trovi le prove è già troppo tardi.
È come sospettare di un terrorista e aspettare che colpisca per arrestarlo.
Tieni presente che eventuali falle potrebbero non essere note a tutti quelli che non hanno creato l'hardware, rendendo inutili i test se non come entry test. Prendi ad esempio i bug di Intel. Chi sapeva esistessero? Nessuno. Eppure erano lì da 10 anni.

Marco Mazzocchi

Il fatto è che in Guatemala il presidente aveva voluto le nazionalizzazioni. L Italia del dopo guerra aveva le mani in pasta in molte aziende italiane con la vecchia IRI, ci sarebbero stati molti problemi se Olivetti si fosse opposto al acquisto delle sue aziende. Non conosci il personaggio, non sai niente di niente e ti permetti di dare aria a quella cosa che comunemente si chiama bocca

Arturo Smeraldo

che pollo ad avere preso un Huawei adesso...

csharpino

Genio io non ho detto che è ridicolo ho detto che nel caso della Olivetti è totalmente insensato... La differenza è che le piantagioni del Guatemala non potevi caricartele su un camion e portartele in America e farle lavorare per te li, ci arrivi a capirlo o ti serve che ti faccio un disegnino????

imborad

Io dico che dovrebbe avere almeno 30partiti per essere considerati democratici. I americani hanno solo due quindi non sono democrati.

imborad

Esatto bisogna chiudere le porte ai americani per quello che hanno fatto in vietnam iraq avganistan libia serbia guantanamo yemen venezuela e hanno addirittura mandato lesercito contro la loro stessa gente nei ultimi mesi. Comunque la lista e troppo lunga ma se bisogna boicottare la cina per le poche cose confermate in una marea di azzate propagandistiche e assulutamente giusto eliminare i stati uniti con i loro peccati con i diritti umani e alleati. Se e per questo anche noi abbiamo un po di polca permettendo ai inglesi di usare le nostre basi aeree per vendere aerei al arabia saudita che ha fatto morire un sacco di gente in yemen circa 3 milioni. Quindi i altri stati fovrebbero boicottarci per i fatti che son successi

imborad

Be quindi non posiamo dare neanche ai stati uniti o altri paesi europei dato che sono comunisti per i ricchi

imborad

Mai sentito parlare di vavei.

imborad

Mai sentito parlare di uauei non e che forse intendevi huawei?

Il corpo di Cristo in Carpione

o forse sono i fondamenti della democrazia a vacillare? diciamoci la verità, la minoranza è obbligata ad "adattarsi" pur avendo dimostrato che la loro idea sia migliore ad un branco di caproni. motivo per cui lo sviluppo è sempre rallentato da tabù imposti dalla chiesa e altre amenità del genere. facciamo una votazione? e chi credi che vinca? ma dai! è il sistema più idi0ta ed irresponsabile che sia mai stato inventato e chi lo difende è altrettanto idi0ta ed irresponsabile. ma tanto anche questo mio discorso non serve a nulla, perchè se andiamo a votare vince chi lo sostiene, e perchè? perchè semplicemente lo usa come arma per i deboli di mente, dimostrazione: tutti i referendum e tutti i cambiamenti possibili che vogliono essere fatti decadono sotto lo slogan "votate no! è una limitazione della democrazia questa", ultimo caso la riduzione del numero di parlamentari dove è stato nuovamente lanciato questo slogan. capissero poi cosa significa la parola democrazia vedrebbero bene che la riduzione dei parlamentari non c'entra nulla perchè già la rappresentanza con parlamentari è una riduzione della democrazia. sta società merita il fallimento, è uno schifo in cui si premia la demenza e l'eccesso. fortuna che in ambito scientifico non funziona così perchè altrimenti saremmo ancora a litigare se la terra è tonda o piatta.

Domenico Belfiore

Ma ste cavolate da dove le prendete? 1) huawei ora utilizza Android Aosp personalizzato Emui senza google service quindi un sistema che chiunque può prenderlo e usarlo
2) Aosp viene cmq costantemente patchati da google a livello di sicurezza.
3) essendo i soc di proprietà huawei le patch HW non mancheranno dal momento che huawei stessa sviluppa i driver dei kirin,
Riflettete, android é open source e come tutti gli os open son liberi di essere usati, per non essere aggiornati praticamente google dovrebbe tagliare il supporto a tutti quelli che ne fanno uso e a quel punto diventerebbe un sistema closed. Pensiamo a chi sviluppa costum rom tutti partono dalla stessa base ovvero Aosp e tutti si servono delle patch parziali ovvero quelle che rilascia normalmente google a livello di sicurezza, huawei a sto punto si dovrà preoccupare solo del proprio costum freemwork e al supporto HW.

salvatore esposito
Davide

Italia e USA sono alleati mentre la Cina è un paese ostile fino a prova contraria.
Tutti spiano, fa parte delle normali operazioni di intelligence. Il problema sorge quando sono i rivali a poterlo fare sul tuo territorio mentre tu non hai un vantaggio altrettanto eclatante.
l'Italia poi non ha provider di infrastruttura di rete quindi il problema non si pone

Nino Entradalbar

W le donne nude.

efremis

Che bello diremo addio vavei

Marco Mazzocchi

Nessuno ha costretto nessuno ad andare in Cina. È la logica del capitalismo, si va dove la produzione costa meno. Allora è colpa dei terroni se nel dopoguerra la loro manodopera costava meno? È colpa dei bambini e delle donne inglesi nella rivoluzione industriale se il loro lavoro costa meno? Ma cosa stai dicendo? Nel nostro mondo capitalista Si sfrutta ciò che si può e la gente si lascia sfruttare perché non ha alternativa. Lo vuoi capire o no che è stupido dare la colpa alla Cina?

Uauei ci ha le armi di distruzione di massah
https://uploads.disquscdn.c...

Alex

Avete sbagliato il nome del fondatore di uauei. È Xi Jinping

SuperDuo

Certo che è colpa della cina. Facile attirare aziende con la promessa di fruire di schiavi in quantità e non pagare nulla per i danni alle persone, all'ambiente, alla società.

Guest

in democrazia si è innocenti fino a prova contraria.
Se uno viene bannato a furor di popolo, SENZA PROVE, è il contrario della democrazia

salvatore esposito

quindi domani mattina, Trump dirà "l'Italia ci spia, mettiamo ban e dazi sui prodotti italiani" e tu dirai uguale perché Trump fa bene, quando si trovano le prove è troppo tardi.
siete incredibili

Samsung Galaxy S23, Plus e Ultra in arrivo: tutto quello che c'è da sapere | VIDEO

Riprova Vivo X80 Pro con Android 13: una Vivo sempre più intrigante | Video

Confrontone tra i quasi top 2022, 9 smartphone uno contro l'altro | Video

Rog vs Rog vs Batman: Mediatek 9000 o Snapdragon 8+ gen.1 | Video