Google Maps, su Android arrivano gli "indirizzi digitali" universali

29 Maggio 2020 100

Google Maps ora permette a tutti gli utenti con smartphone Android di ottenere un proprio "indirizzo digitale" usando il formato dei Plus Code, codici a sei cifre che permettono di identificare in modo univoco un luogo sulla Terra. L'utente potrà ottenere il proprio Plus Code semplicemente premendo sul punto blu che rappresenta la propria posizione, e poi condividerlo con altri semplicemente copiandolo negli appunti e incollandolo - per esempio su WhatsApp o, perché no, nelle note di spedizione in fase di completamento di un ordine online.

Per spiegarla in parole molto semplici: la maggior parte delle abitazioni e degli edifici ha il proprio indirizzo postale "classico", con via, CAP e numero civico. Ma ci sono località in cui questo tipo di indirizzo non c'è: per noi è facile pensare a casi estremamente rari, ad esempio a una baita in montagna, o alle viuzze pluricentenarie nel centro storico di qualche paesino medievale, ma ci sono intere aree nel mondo che non hanno nomi di vie e numeri civici. Si stima addirittura che una persona su quattro al mondo si trovi in questa situazione.

In questo caso l'alternativa sono le coordinate di latitudine e longitudine, che però sono sfilze di numeri piuttosto lunghe e difficili da ricordare. I Plus Code sono sostanzialmente una "compressione e semplificazione" (a livello mnemonico, per lo meno) di quei codici. Google ha introdotto i Plus Code come concetto già nel lontano 2015, e verso il 2016 iniziavano a farsi strada su Maps. Attraverso un'attivazione lato server, ora sono (o meglio, saranno, entro le prossime settimane) disponibili per tutti gli utenti di Maps su Android (per quel che vale, noi l'abbiamo già ricevuto).

Google osserva che i Plus Code possono essere particolarmente utili in situazioni di crisi ed emergenza. Invece di descrivere a un soccorritore una posizione basta comunicargli le sei lettere del Plus Code e avere la certezza che ciò basta per essere individuati (nel raggio di qualche metro, se non altro).


100

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mefistofele

I padroncini non li avevo mai neanche considerati

Andrea Z.

guarda che c'è corriere e corriere, alcuni sono in outsourcing pagati a consegna, specialmente in questo periodo. Io ricevo decine di pacchi a settimana, non tutti hanno il furgone bartolini o dhl, la divisa e ogni benefit aziendale... in ogni caso i plus codes esistono da più di due anni e fino ad oggi nessuno li ha integrati da nessuna parte

Mefistofele

Eppure basterebbe rileggere, per non pensare che flotte di mezzi assicurati per milioni di euro l'anno si avvalgano di un semplice tomtom come un comune mortale

Andrea Z.

ma scherzi? all'epoca provai questa funzione e funzionava benissimo... ma sei libero di pensare che due anni fa un sito aveva previsto che oggi sarebbero usciti i plus codes e come funzionassero, e avesse creato finti screenshot di google maps a mostrarne il funzionamento....

Federico
Andrea Z.

veramente sto leggendo un articolo di febbraio 2018 che dice tutto il contrario di quello che affermi. Non incollo il link per non mandare in moderazione il commento, ma se cerchi su google "google plus codes" troverai un link con titolo "Google Maps silently rolls out plus codes, a new addressing system"

Federico

Parecchi, e tutti usano Google Maps.
Ripeto, fino a pochi giorni fa saranno pure esistiti in linea di principio, ma solo da pochi giorni sono diventati effettivamente supportati.
Apri Google Maps e vedrai comparire il codice dell'indirizzo di casa tua, mettilo nella barra di ricerca di Chome e si aprirà la cartina, facci tap sopra e partirà il navigatore.
Adesso, prima di qualche giorno fa no.

Andrea Z.

ma tu di persona quanti corrieri conosci esattamente? e che palla di cristallo hai per avere queste certezze sul futuro? comunque questi codici esistono da febbraio 2018, quindi due anni e passa. E funzionano da allora, su tutti i google maps installati su tutti i telefoni android. Se te ne sei accorto oggi mi dispiace, ma esistono e funzionano da più di due anni.

Federico

Ma non puoi sostituirlo all'indirizzo, che deve essere presente per legge. Va aggiunto ed il corriere lo inserisce nel suo navigatore invece di perdere tempo (e spesso sbagliare) digitando l'indirizzo.

Non sono pubblicizzati da anni ma da giorni, fino a poco tempo fa non li accettava neppure Chrome.
Li useranno tutti i commercianti del pianeta nel materiale pubblicitario.

Andrea Z.

sono pubblicizzati da anni, prova a cercare su google se non mi credi... mica ti voglio convincere. Un corriere in strada non deve e non può cercare su google. Ma soprattutto, non deve. Idem se provi a mettere questo codice al posto del tuo indirizzo quando fai un acquisto. Un venditore ha praticamente il dovere di ignorarlo, perchè la legge non prevede di usare codici privati, io in poste italiane ci ho anche lavorato, il corriere ha il DOVERE di scriverti "indirizzo errato" e non consegnarti il pacco.

Federico

Le cose non esistono fino a quando non vengono pubblicizzate ed implementate in Chrome e nel motore di ricerca Google.
Metti uno di questi codici nella barra di ricerca di Chrome e ti si aprirà la carta geografica centrata sul punto desiderato.
Mettici qualdiasi altro sistema di codifica e non succederà niente di diverso da una comune ricerca.

Andrea Z.

guarda che questi indirizzi di google esistono da anni, e nessuno ancora li ha usati. Nessun corriere li accetta, nessuno shop online, niente.

Federico

Hai ragione tu, non la userà nessuno.
Per fortuna il mondo reale se ne frega degli hater ed usa Google.

Federico

Caspita, tutti gli esercizi commerciali lo metteranno bene in evidenza.

Non esistono "vari competitor", esiste Google Maps, Chrome... e degli insignificanti nanerottoli che litigano fra di loro per le briciole.

Google è lo standard di fatto, e gli standard sono sempre positivi.

Andrea Z.

se non ho capito puoi spiegarmelo, umilmente posso sempre sbagliare

Mefistofele

Non scherzare tu, o forse si dato che non hai capito cosa c'è scritto

Andrea Z.

non penso, la scala è interna al palazzo, non è un indirizzo. Possibile che nel tuo condominio ci si perde a tal punto da non trovare le scale interne? mettete dei cartelli.... molti lo fanno!

Andrea Z.

i corrieri spesso hanno un vecchissimo tomtom personale... non scherziamo...

Andrea Z.

ma secondo te qualcuno mai pubblicizzerà un indirizzo visibile solo usando una stringa in unformato proprietario usato e accettato solo da uno dei vari competitor? un corriere potrebbe non avere manco lo smartphone, se ce l'ha, dovrebbe essere per forza google...

Andrea Z.

la brevità

Andrea Z.

esiste da anni in realtà e non ne ho mai visto o sentito un utilizzo pratico almeno in italia... finchè sono indirizzi "di google" e non universali....

Andrea Z.

veramente sono anni che esiste questa funzione. Inoltre come dice l'articolo ci sono paesi del mondo come il giappone, dove non esistono numeri civici

Questa e una bella idea.

BrunoVM

In pratica suggerisci di fare come i captcha dei siti istituzionali italiani, in cui le parole da inserire sembrano estratte da qualche generatore di termini dialettali meridionali...

OlioDiCozza

spettacolo, se lo usa la mia prostituta preferita posso trovarla la sera in macchina anche quando cambia zona

Mefistofele

Oltre che attaccabrighe anche bugiardo https://uploads.disquscdn.c...

StadiaReborn

Da ricordare che Google ha dismesso goo .gl , che tra l'altro era uno dei migliori url shortener se non il migliore in assoluto... Persino i servizi di successo chiudono 'sti sc3m1...

StadiaReborn

Dettagli... Tra qualche anno ci ricorderemo solo della grande G.

Pablo Escodalbar

Allora serve a qualcosa!

SerbelloniMazzantiVienDalMare

Verissimo

Federico

Ma assolutamente no.
I corrieri hanno obsoleti indirizzi che poi devono inserire manualmente nel navigatore, ed i clienti dei ristoranti devono fare lo stesso per sapere come districarsi in una città che non conoscono.
Google Maps è lo standard della navigazione su strada, e questo sarà lo standard che seguiremo tutti per comunicare dove siamo

csharpino

Se solo il mondo non girasse soltanto intorno alla condivisione digitale delle informazioni purtroppo però da quando gli umani hanno l'uso della parola tendono ad usarla per scambiarsi informazioni...

Squak9000
Squak9000
Squak9000
Squak9000
xxx360

Io mi riferivo al mondo del lavoro in risposta a quello che hai detto. Whatsapp è molto usato per le comunicazioni aziendali e non è uno standard aperto ma una tecnologia proprietaria. Stessa cosa “potrebbe” diventarlo un sistema semplificato di scambio di coordinate.

Squak9000
csharpino

Addio

Federico

Difficile dare a me dell'attaccabrighe visto che sei stato tu a disturbare il thread da me aperto.

TR.

1 metro teorico. Io la uso di frequente e spesso la posizione indicata è un po' fuori bersaglio.

LuPo

Comodi per ordinare cibo da asporto quando si è in mezzo al nulla.

Mefistofele
SerbelloniMazzantiVienDalMare

Verissimo infatti i corrieri si stanno attrezzando proprio per fare questo passaggio.

Mefistofele

A tua nonna potrebbe tornare utile

Mefistofele

I corrieri sono dotati di apparecchiature e software gestionali basati sul sistema di tracciamento satellitare convenzionale, per localizzare il proprio mezzo al fine di stilare statistiche, monitorare livelli di efficienza, garanzie assicurative sul carico ed interfacciamento sul per la raccolta dati in telegestione. Sostituire uno standard globale legato a licenze di esercizio e normative internazionali di garanzia, proprio per dei corrieri, è semplicemente impossibile

Mefistofele

Che c'entra, WhatsApp è stato una genialata perché ha modificato funzionalità già assimilate da tempo dalle persone meno ferrate di tecnologia e che una mail non l'hanno mai spedita in vita loro, sms usati da 30 anni ed una rubrica telefonica autoconfigurante.

Mefistofele

Secondo me non sei niente più di uno squallido atraccabrighe privo di argomenti

efremis

Probabile

Federico

Perché?
I troll vanno usati a vantaggio della diffusione delle proprie idee.
Non si parla con i troll, si utilizzano.

Recensione Sony Xperia 1 II: tra eccellenze e black out

La carica degli Snapdragon 765: sono gli smartphone del momento | Video

Recensione LG Velvet: il nuovo design ci piace ma serve un rinnovamento software

Recensione Huawei P30 Pro New Edition: può ancora dire la sua