Android 11 Beta: come seguire l'evento di lancio in streaming | 3 giugno alle 17

28 Maggio 2020 18

Android 11 Beta è distante ormai una sola settimana: dopo quattro developer preview, la nuova iterazione del sistema operativo mobile di Mountain View è pronto a compiere il grande passo successivo. La presentazione sarebbe dovuta avvenire nel corso del Google I/O 2020, ma per via del coronavirus l'evento è stato cancellato. In sua vece Google terrà un "release party" il 3 giugno, dalle 17:00 (ora italiana), che si potrà seguire in streaming su YouTube.

All'evento seguiranno 12 video di approfondimento su diversi aspetti del nuovo OS, per esempio sicurezza, privacy, UI, Google Play e Jetpack. Per chi volesse porre domande ai responsabili dello sviluppo, è prevista una sessione interattiva con tutti gli utenti; su Twitter si potrà usare l'hashtag #AskAndroid (naturalmente non è garantita una risposta, visto il probabile elevato afflusso di persone).

Infine, è prevista anche una piccola iniziativa per coinvolgere attivamente tutti gli spettatori: gli appassionati di sketchnoting (la pratica di prendere note e appunti con una componente grafica piuttosto pronunciata, con illustrazioni, simboli e diagrammi a supporto del testo) potranno condividere le loro creazioni con l'hashtag #Android11. Il premio: un retweet dall'account ufficiale di Android per una visibilità garantita.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Il punto è che in passato le eccezioni le hanno permesse. Quando hanno bloccato tanti permessi alle app sul PlayStore (SMS, Device Admin) hanno permesso le eccezioni. Certo, ci sono stati casini e app sospese, ma alla fine praticamente tutti hanno potuto continuare ad usarle se ne avevano un oggettivo bisogno.
Qua tagliano alla grande.

LOL

matteventu

Dopo un anno? Assolutamente no, per un top gamma.
Qualche mese dopo? Già più comprensibile, anche se non ideale.

Ma questo cosa c'entra con la domanda "a cosa serve?" ?

Inoltre, ti ricordo anche che su Android gli sviluppatori non sono tempestivi come su iOS ad adattarsi a nuove API, e questa "lentezza" dell'aggiornamento nell'arrivare alla maggior parte dei dispositivi più comuni aiuta a far si che quando arriva, tutte le maggiori app siano già aggiornate e testate per non avere problemi con la nuova versione dell'OS.

Undertaker

Quindi per te e normale che il 10% dei produttori implementino il Nuovo os dopo un anno?I Pixel sono un prodotto Google e sono aggiornati subito.

matteventu

Ok ma quindi? Cosa devono fare, smettere di sviluppare Android?
E a te (che immagino non abbia un Pixel) cosa importa se esce verso Agosto una versione di Android che il tuo telefono vedrà probabilmente verso Novembre/Dicembre?

"A cosa serve?" A far si che prima o poi venga installato su più device possibile.

Che domande idiote.

Undertaker

Troverai qui su HDBlog un articolo in merito a quanti produttori abbiano instalato Android 10, poi fai tu.

Undertaker

Credo ci sia su HDBlog un articolo su quanti produttori abbiano instalato Android 10, dovrebbe essere sufficiente come risposta.

macosx
virtual

Ma i miglioramenti alla sicurezza possono anche starci, ma se fai queste API nuove almeno falle con logica! Praticamente ora un'app o scrive un file privato (e lì mi pare di capire che non ci sono problemi) o, se deve usare una cartella comune (es. Downloads) può solo interrogare il file picker. Ma ti sembra normale?

Qualcuno di voi ha mai usato un lettore di eBook, tipo Moon Reader+ per esempio? O un lettore video, tipo MX Player? Ecco, secondo Google ora queste app non potranno più leggere l'elenco dei file nella cartella Download ma potranno solo aprirne uno.
E se voglio visualizzare/importare i libri nella visualizzazione "libreria"? E se devo caricarmi un file SRT dei sottotitoli che sta nella stessa cartella Download del mio filmato? No, per Google non posso. Ma stiamo scherzando?!?

Spendiamo 1200 € per telefoni top di gamma e ci mettiamo queste limitazioni? Facciamo come l'altro sistema operativo, dove bisogna che queste app copino i file all'interno della loro cartella privata per poterci accedere? Nooo, questa è FOLLIA! Per non parlare del fatto che disinstallando l'app questa cancella i file, speriamo che il backup funzioni.
Per me l'unico motivo per cui vogliono ROMPERE questa roba (che ora funziona) è che devono raggranellare soldi per il loro cloud, non c'è altra spiegazione.

Già abbiamo perso molte app utili con la storia dei permessi delle chiamate e SMS, ora succederà lo stesso con 'sta roba. Da Pie in poi (vedi registrazione chiamate, ecc. ecc.) è solo una delusione Android, almeno per me. Boh, vorrei essere come la gente normale che non ne capisce, così almeno non sarei già deluso in partenza e leggerei questa notizia pensando a "quali novità Android 11 mi porterà"... il benessere digitale. Seee.

Che schifo.

matteventu

È una provocazione/domanda ironica, spero.

matteventu
matteventu

Da un lato, quel cambiamento porterà notevoli miglioramenti alla sicurezza. Ma proprio notevoli, probabilmente i più grandi mai visti da quando Android è nato, anche più della crittografia abilitata di default.

Dall'altro lato, ci dovrebbero essere ovviamente eccezioni per determinate tipologie di app che necessitano per loro natura di accesso completo allo storage. Ma visto che a Google puzza mettere esseri umani veri a validare le app che richiederebbero tale permesso per assicurarsi un utilizzo lecito ed in sicurezza dell'accesso completo, ecco che fanno delle API limitate al cuIo per tutti.

Bravissimi.

Attendo il "manda tu il curriculum a Google se sei così bravo" di turno.

virtual

Eppure nessuno qui ne fa articoli... una roba del genere dovrebbe avere quantomeno visiblità per come è stata e sarà gestita... Per quanto mi riguarda la fine di Android (anche se non saprei con cosa rimpiazzarlo visto che l'alternativa è iOS).

virtual

Si inventeranno qualcosa per dire che hanno ragione loro, ovviamente.
#Wontfix

Undertaker

A cosa serve se poi viene installato sul 10% dei dispositivi?

Sembra che la presentazione sia rimandata a luglio, peccato.

Walter Minnella

ma quindi non lo presentano il 4a?

Spero li ammazzeranno di lamentele sulle nuove API per accedere ai file, che sono letteralmente RIDICOLE

Recensione Sony Xperia 1 II: tra eccellenze e black out

La carica degli Snapdragon 765: sono gli smartphone del momento | Video

Recensione LG Velvet: il nuovo design ci piace ma serve un rinnovamento software

Recensione Huawei P30 Pro New Edition: può ancora dire la sua