IO: i servizi della pubblica amministrazione a portata di app. Come funziona

20 Aprile 2020 156

La tecnologia aiuta ad accorciare le distanze tra i cittadini e la pubblica amministrazione con un'app per smartphone. Il progetto IO annunciato nel 2018 è entrato in una fase più matura: da poco l'app è scaricabile in versione open beta da tutti gli interessati - nel corso dell'ultimo anno è stata disponibile solo per chi aveva accesso alla beta privata.

E' corretto sottolineare che lo sviluppo non è ancora terminato e che le aree, i servizi e gli enti che supportano IO sono ancora pochi, ma in prospettiva futura l'idea di poter concentrare in un'unica app tutto ciò che riguarda i rapporti tra cittadino e pubbliche amministrazioni è indubbiamente interessante.

Più nel dettaglio l'app IO permette di:

  • visualizzare in un unico posto tutte le comunicazioni in arrivo dalle pubbliche amministrazioni (nazionali e locali)
  • pagare tributi e multe tramite conto corrente e carte - è possibile pagare anche un avviso cartaceo attraverso scansione del QR Code
  • ricordare e gestire le scadenze nei confronti della pubblica amministrazione: ad esempio la carta di identità o il permesso ZTL

In futuro il servizio verrà potenziato con la possibilità di:

  • ottenere certificati, notifiche e atti pubblici da memorizzare nello smartphone
  • avere a disposizione tutti i documenti personali (es. codice fiscale, patente e tessera sanitaria) in formato digitale
  • possibilità di pagare anche attraverso Bancomat Pay, PayPal e Satispay
COSA SERVE E COME FUNZIONA

Per iniziare a provare IO è sufficiente avere uno smartphone Android e iOS, recarsi nei rispettivi store e scaricare l'app. L'accesso può essere effettuato esclusivamente tramite SPID o Carta di Identità Elettronica (CIE).


Collegandoci con i nostri dati personali sono presenti i servizi nazionali dell'ACI (Bollo Auto e Certificati di proprietà) più una serie di servizi locali (dei Comuni di Torino, Bagnacavallo, Collecchio, Felino, Garbagnate Milanese, Milano, Montechiarugolo, Palermo, Ripalta Cremasca, Sala Baganza e Valsamoggia).

E' presente anche il codice fiscale in formato digitale. Gli aspetti della sicurezza e della tutela della privacy sono garantiti dall'accesso all'app tramite codice o altro sensore biometrico e dalla conformità di IO ai principi fissati dal GDPR.

Gli sviluppatori aggiungono che ad aprile arriveranno anche i primi servizi di Roma Capitale dedicati alle attività produttive e all'edilizia, mentre i cittadini di Trento potranno effettuare i pagamenti e gestire i servizi scolastici direttamente dall'app.

Gli utenti interessati possono consultare le FAQ ufficiali (link in FONTE) con ulteriori dettagli sul funzionamento:

  • IO | Android | Google Play Store, Gratis
  • IO | iOS | Apple App Store, Gratis
LO SVILUPPO CONTINUA

La pubblicazione della versione open beta segna l'ingresso del progetto nella fase 2 che ha come obiettivo l'adozione del servizio su vasta scala. Da un lato l'infrastruttura verrà ottimizzata, dall'altro si moltiplicheranno gli enti che decideranno di supportare IO. Gli utenti finali possono collaborare per migliorare l'app segnalando bug con l'apposito pulsante (si trova nell'angolo in alto a destra dell'interfaccia).

Ci vorrà però ancora del tempo prima che la maggior parte dei servizi pubblici essenziali possano essere gestiti tramite l'app: secondo le stime ufficiali tale obiettivo sarà raggiunto tra circa 2 anni.


156

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
dongongo

Qualcuno è riuscito a farla funzionare su dispositivi rootati?

Luigi

Comunque si il nostro settore pubblico non è abnorme e semplicemente vecchio.

ermo87

Sarà, ma continua a a bruciarti come immaginavo xD

qandrav

pensa quel che ti pare, quello che non ci arriva sei tu

qandrav

no test4 di c4zzo se tu avessi acceso il cervello avresti compreso che ovviamente non parlavo di gente per bene come infermieri medici poliziotti ecc.
ma ho notato che non sei il solo, siete una massa di p3core attente solo ad una cosa:
nOn gEnEralizZaRe

ermo87

Intanto non riesci a dare una spiegazione sensata alla tua affermazione.

qandrav

tu e tutti gli altri siete le tipiche persone che vedono il dito ma non la luna

Luigi

Nel mio caso non conoscevo nessuno lì. Essendo ad un bel pò di km di distanza dalla mia regione di origine e non avendoci nemmeno studiato o vissuto prima.

Luigi

Potrebbe anche essere.

Mariux Revolutions

https://uploads.disquscdn.c...

"Buonasera, dottore."

"Amore mio."

"Sì, mi dica."

"Non resistevo più, pensavo a te."

ermo87

E allora lo vedi che è questione di marcio, non di pubblico e privato?

Una cosa sono i diritti che mancano a molti dipendenti, un'altra è l'abuso dei fannulloni

Fai categorizzazioni aprioristiche.

Dario

tutte comunque disabilitabili dopo l'installazione, immagino, come per la quasi totalità delle app

qandrav

vabbè se uno lavora per un'azienda marcia c'è poco da fare

ad ogni modo licenziare nel pubblico è completamente impossibile, almeno nelle aziende private qualcosa si riesce a fare

ermo87

Sì, il mondo dei sogni. Mai sentito parlare di evasione e raccomandazioni.. la convinzione fotte la gente. Ordine del giorno altro che casi assurdi

qandrav

no, lavoro nel privato e nel privato (salvo casi assurdi) se fai il parassita te lasciano a casa

ermo87

Anche tu potresti essere un parassita. Ci hai mai pensato?

Francesco Venturini

Senza calendario come ti segni le scadenze?
Alcuni sono un po' esagerati, la magior parte ordinaria amministrazione

qandrav

mai entrati in casa quelle robacce di quotidiani, non li userei nemmeno per la gabbietta del canarino

cmq complimenti sei talmente c0glione che hai citato 3 politici per i quali non ho mai votato in vita mia.
Hai solo tentato di inserirmi in una categoria e ti è andata male, mi fanno pena quelli come te che pensano che una persona debba per forza appartenere ad una categoria

qandrav

i parassiti peggiorano l'italia per tutti, sia a me sia a te...

yepp
ermo87

Ti brucia mi sa, manco te lo chiedo...

Ketama126

L’Italia ne ha di strada da fare, ci sono rimasto male quando anni fa un mio amico serbo si era fatto la carta d’identità elettronica serba, e io avevo ancora quella cartacea, quella elettronica l’ho presa l’anno scorso, che tristezza

TLC 2.0

Piacentini è una garanzia (vedasi Spid, PagoPA e CIEid). Il problema è che l'hanno cacciato.

goghicche

Stiamo deviando dal discorso... volevo solo evidenziare che non è il caso, a MIO parere, di definire tutti i dipendenti pubblici dei parassiti, tutto lì.

Andrea Ciccarello

Speriamo che tutto vada per il meglio

Bellerofonte

quoto: "E' presente anche il codice fiscale in formato digitale. Gli aspetti della sicurezza e della tutela della privacy sono garantiti dall'accesso all'app tramite codice o altro sensore biometrico e dalla conformità di IO ai principi fissati dal GDPR.". Al solito, dichiarazioni generali prive di significato concreto, fino a quando il sistema non subirà un data breach.

fedeoasis

Sinceramente progetti come questi, che puntano a centralizzare, razionalizzare e semplificare li vedo non come sperpero. Per me sono i progetti verso cui devono essere spesi i soldi pubblici, ovvero quei progetti che hanno lo scopo di efficientare la macchina della PA.

Margaret Thatcher

2. Non credo che sia d'obbligo essere stati dirigenti privati, secondo il sito della SNA:

Per la partecipazione al concorso di ammissione al corso-concorso dirigenziale i candidati non dipendenti pubblici devono essere muniti, oltre della laurea specialistica o magistrale oppure del diploma di laurea conseguito secondo l’ordinamento didattico previgente al D.M. 509/1999, anche di dottorato di ricerca o di diploma di specializzazione o di master di secondo livello. I dipendenti pubblici sono ammessi a partecipare al concorso se in possesso di laurea specialistica o magistrale oppure di diploma di laurea conseguito secondo l’ordinamento didattico previgente al D.M. 509/1999, purché abbiano maturato un’esperienza di lavoro almeno di cinque anni nella pubblica amministrazione in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso della laurea (triennale).

Se vai a vedere nelle graduatorie c'è anche gente classe 92 e 93, penso siano dottori di ricerca e non dirigenti privati.

Luigi

Risolto, pensavo fosse più complesso, dato che avevo visto un altra procedura più assurda che si necessitava di chiamare anche il numero verde delle poste.

Luigi

Ma semplicemente che sono rimasti a come si faceva in precedenza. Non tanto a chi c'era in precedenza. Oltretutto chi entrerà in certi entri si dovrà beccare le conseguenze della malagestio passata, esempio roba di lavori fatti con meno materiale del dovuto o di scarsa qualità.

Luca Lindholm

Lei come vede la privatizzazione della disciplina delle fonti del rapporto di lavoro nel pubblico impiego, introdotta nel 1992?

Luca Lindholm

In che senso?
Loro chi?

Luigi

Io con concorso, altri non so.

Luca Lindholm

Lei è uno di quelli che legge Giornale/Libero, che vota Renzi/Salvini/Berlusconi/"Moderato" e che si vee Porro su YouTUbe, vero?

-.-

Luigi

Fino a prima avevo lavorato nel privato ed ho pensato che loro non sarebbero durati tanto, dove avevo lavorato in precedenza. Poi essendo del centrosud tante robe da pseudosfruttamento.

Luca Lindholm
non cambia che i sottosviluppati parassiti siano italiani al 100%

Lo vede che il problema è la MENTALITA' che c'è in Italia?

Lei continui pure con questa guerra tra poveri, che nel frattempo l'alta borghesia di Milano e dintorni sono gli UNICI ad averci guadagnato dai governi degli ultimi 28 anni, come certificato in un altro dossier dell'Istat.

A proposito, lei che lavoro fa?
E' un dipendente privato?

Perché le volevo portare le considerazioni circa i dipendenti privati di uno con la partita IVA che scrive un po' sui vari blog, sempre nell'ambito della guerra tra poveri che tanto attecchisce qui in Italia...

GianTT

Funzionasse sul serio e ovunque sarebbe quasi da terzo millennio. Il comune di Milanno via SPID permette di avere un bel po' di servizi, così come l'ACI e l'Agenzia delle Entrate. Unissero tutte queste funzionalità (estendendole a tutta Italia) si potrebbe davvero migliorare la vita del cittadino

Darkon
qandrav

si certo perché te l'ha detto istat

qandrav

faccia e dica quello che vuole, per me conta zero (e idem il tuo parere)

qandrav

1 Come certificato dall'ISTAT, vi è la stessa percentuale di fannulloni tra pubblico e privato (certo e la marmotta confeziona cioccolata). istat? oste com'è il vino

2 i dirigenti sono anche dip pubblici

3 hai capito benissimo chi intendo, non far finta di essere stupido

4 possiamo anche averne 1/100 della francia e 1/1000000 della germania, ma non cambia che i sottosviluppati parassiti siano italiani al 100%

tu e tutti gli altri siete talmente disonesti intellettualmente che tutti avete piagnucolato "non si deve generalizzare", facendo finta di non conoscere il problema principale.

Nino

Levati tu dal caxxoo, io voglio le donne nudeee

Darkon

Fatti ingravidare e levati dal caxxo dai...

Luca Lindholm

Ecco la solita litanìa da italiano medio.

Considerazioni varie:

1) Come certificato dall'ISTAT, vi è la stessa percentuale di fannulloni tra pubblico e privato (circa il 10%, ovvero 1 su 10 non produce... però fa più notizia rispetto agli 9 che producono in silenzio)... ebbene sì: anche nel privato esiste la fannulloneria.
Conoscenti mi hanno raccontato di cose turche successe in aziende PRIVATE... non si fallisce per un fannullone, si fidi.

2) Più che i dipendenti pubblici, sono i DIRIGENTI pubblici il problema annoso.
E per diventare dirigenti pubblici, obbligatoriamente tramite la SNA (Scuola Nazionale dell'Amministrazione, dove si "laureano" tutti i neo dirigenti pubblici), bisogna prima essere stati dirigenti PRIVATI!
Quindi se la prenda col PRIVATO se sforna dei dirigenti carrieristi e scansafatiche!

3) E come si fa con tutti i servizi che sono essenziali per una società CIVILE, DEMOCRATICA e AVANZATA??
Sanità, Istruzione, Ordine e Sicurezza pubblica, garanzia di uno Stato di Diritto e di un ordinamento economico sociale dove ci siano diritti e doveri??
Davvero per lei una persona che a stento sia riuscita a sopravvivere a tutte le malattie senza alcun vaccino o medicina, analfabeta, senza alcuna educazione e nel caos sociale potrebbe rendere la stessa cosa in un'azienda privata??
Continuo a leggere di gente che vorrebbe l'anarco-liberalismo e solo laproperità privata... e CHI/COSA garantirebbe l'esistenza stessa della proprietà privata, se non c'è una legge a stabilire tale concetto e uno Stato ad applicarlo??

4) L'Italia ha meno dipendenti pubblici rispetto a quasi tutti gli altri stati europei.
L'Italia ne ha 3,5 milioni... la Francia ne ha ben 5 milioni e sta di gran lunga meglio (e gli altri stati in percentuale ne hanno anche di più).
Come vede, l'avere tanti dipendenti pubblici NON significa automaticamente inefficienza (anzi, di solito è il contrario).
L'inefficienza è un problema di mentalità generale in Italia, punto.

-----------------------------------
Note a latere:
NON sono un dipendente pubblico e chi nella mia famiglia era dipendente pubblico è deceduto da anni, per cui non ho interessi da difendere, anche perché sono uno studente universitario che il posto fisso molto probabilmente non lo vedrà mai nemmeno nel privato.

Darkon

Beh se offende i "Pizza e Mandolino" come te non è un problema. La verità si sa fa sempre male.

0KiNal0

Nel dettaglio cosa vorrebbe dire? Se vai sui vari siti istituzionali ci sono le sezioni dei concorsi in essere. Ne apri uno e vedi come è strutturato l'iter per la selezione.

Luca Lindholm

Ci sono anche nel privato.

Nino

Ma sono un'uomo io, lui e' un mio amico....

qandrav

posso immaginare, chissà quante cariatidi hai come colleghi :(

qandrav

mi tengo alla larga da quell'individuo, parla solo per far caciara ed offendere

Recensione Sony Xperia 1 II: tra eccellenze e black out

La carica degli Snapdragon 765: sono gli smartphone del momento | Video

Recensione LG Velvet: il nuovo design ci piace ma serve un rinnovamento software

Recensione Huawei P30 Pro New Edition: può ancora dire la sua