OnePlus 7 e 7 Pro si preparano al dual boot grazie a una TWRP custom

24 Marzo 2020 6

OnePlus7 e 7Pro possono ora fare il dual boot, grazie a una versione ufficiosa della TWRP creata dall'infaticabile community di smanettoni di xda-developers. La pratica non è certo nuova tra gli appassionati del modding; proprio il "capostipite" OnePlus One è attualmente in grado di avviare Android 10 e perfino Ubuntu Touch. Tecnicamente gli OnePlus 7 sono avvantaggiati perché già hanno doppie partizioni: usano la tecnica "A/B" ideata da Google, il cui scopo originario era avere due copie sostanzialmente identiche del sistema per rendere l'applicazione di aggiornamenti firmware più sicura, stabile e rapida.

La TWRP custom è basata su quella ufficiale, che infatti deve essere installata a monte prima dell'applicazione della mod. La recovery procede poi a riorganizzare le partizioni per accogliere due sistemi operativi separati. Opzionalmente è disponibile addirittura uno schema A/B/C, che prevede anche una partizione comune dove salvare i dati utente come documenti, foto e video. Per quest'ultimo è necessario anche l'intervento di Magisk.

74.8 x 157.7 x 8.2 mm
6.41 pollici - 2340x1080 px
75.9 x 162.6 x 8.8 mm
6.67 pollici - 3120x1440 px

La modifica è naturalmente open-source, e tutta la documentazione si può trovare su GitHub. È piuttosto rischioso mettere le mani alle partizioni di sistema, quindi è un'operazione riservata solo ai modder più esperti e veterani. In ogni caso, sul thread ufficiale di XDA è anche disponibile una serie di suggerimenti e trucchi per tornare alla tabella di partizioni originale.

VIDEO

OnePlus 7 Pro è disponibile su a 581 euro.
(aggiornamento del 01 aprile 2020, ore 16:12)

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Japmaniaco

Non le fotocamere dei ultimi Oneplus.. e per far funzionare tutti i sensori sulla gcam serve un modulo magisk..

Nino

e' magia quello, lo utilizzo.

Pablo Escodalbar

Credo serva Magisk proprio per quello.

RitornoAlFuturo

Infatti. Tra l'altro nasceva dall'esigenza di funzionalità mancanti, oggi più o meno sono già completi all'acquisto

Tiziano

Fico ma oggi come oggi il modding ha poco senso - tipo molte App riconoscono la modifica e non la puoi utilizzare

Recensione Xiaomi Mi 10 Pro 5G, audio super e video 8K ma il prezzo sale

#HDonAir faccia a faccia con Samsung: le nostre e le vostre domande

Migliori smartphone fino a 200 euro: ecco i top 5 da comprare | Marzo 2020

Recensione Samsung Galaxy S20+: quel che serviva, senza strafare