COVID-19, i primi segni sul mercato tech parlano di -8,4%: la situazione in Italia | Gfk

02 Marzo 2020 33

Il diffondersi dei casi di COVID-19 sta decisamente cambiando molte delle nostre abitudini, lavoro e rapporti sociali. Annullate fiere, eventi ed incontri, cambiano anche i consumi che se da un lato stanno aumentando per quando riguarda alcune tipologie di prodotti, generi alimentari in primis, dall'altro vedono registrare cali delle vendite in altri.

Tra questi a subire in modo particolare è l'elettronica di consumo, che la scorsa settimana (dal 17 al 23 febbraio 2020, dati GfK) ha registrato in Italia un calo a valore pari al -8,4% rispetto alla media delle quattro settimane precedenti.


Il trend negativo è particolarmente evidente sia nei punti vendita tradizionali (-8,9%) che online (-6,1%). I Technical Superstore (Grandi superfici specializzate in Elettronica di Consumo) mostrano un trend del -8,4%, in linea con il calo generale del mercato.

Come ipotizzabile, non tutte le regioni italiane hanno subìto allo stesso modo l’effetto Coronavirus sui consumi: i dati GfK mostrano un trend particolarmente negativo in Lombardia (-10%) e nel Nord Est (-12,4%), vale a dire nei territori dove sono stati registrati il maggior numero di casi e che per prime hanno introdotto restrizioni per contenere le occasioni di contagio.


I prodotti più impattati dal calo delle vendite sono stati le asciugatrici (-31,4%), i condizionatori (-27,4%), le stampanti monofunzione (-27%), gli aspirapolvere (-24,1), le stampanti multifunzione (-17,7%) e le macchine per il caffè espresso (-17,4%). Gli smartphone, prodotti più importanti per fatturato sviluppato, hanno fatto segnare un calo del -6,7%, mentre i TV hanno segnato un -10,2%. Nei giorni scorsi anche la società di ricerche IDC aveva pubblicato una sua analisi, decisamente poco rosea, sull'andamento del mercato di smartphone, tablet e PC.

La Cina è stato il primo Paese colpito dal nuovo virus e a quelle latitudini gli impatti sull’economia sono già evidenti. Per il primo semestre del 2020, GfK prevede un mercato della tecnologia di consumo in calo del 18%. I settori più colpiti saranno il grande elettrodomestico, la fotografia e le telecomunicazioni. Meno colpito il settore del piccolo elettrodomestico. Di contro, si prevede un incremento delle vendite di dispositivi per la cura della persona, la cucina e la salute.


33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Choz Chozzy

Anche a me faceva tanta gola il book 2, ma ho trovato un pro usato a buon prezzo e ho optato per quello, dovrò accontentarmi, magari al prossimo giro...

Luca

non c'entra nulla...spara idiozie a caso

Luca

probabile, ma sicuramente meno di uno che pensa certe cose.

Lion

il virus inizia adesso a diffondersi in italia e le asciugartici hanno già riscontrato un -31,4%

CiKappa

io ho il pro da anni, ma mi fa gola il book. Ti consiglio il book :)

Haeve

Il forno al forno

MartinTech

vero, non per niente si dice che tira più un pelo di FCA che un carro di buoi :P

marauder64

Meno rifiuti elettronici se qualcuno che non aveva realmente bisogno di cambiare non lo ha fatto, forse è meglio così

Raphael DeLaghetto

Fca tira sempre

Raphael DeLaghetto

Il pollo al forno

Raphael DeLaghetto

Tanto pure se presentano...nessuno compra..

Raphael DeLaghetto

E senza corda com é?

Raphael DeLaghetto

Come ci si cancella dai loro sms marketing?

Raphael DeLaghetto

Alcune azuende oreferiscono gallire invece che abbassare i prezzi..

Adriano

quello è sicuro, io non ho detto che il coronavirus non abbia inciso. quello che dico è che ha inciso Ultimamente; però molte aziende sfruttano la cosa per giustificare problematiche piu vecchie probabilmente.

Raffael

Penso che la verità sia nel mezzo. Settore calante ok, ma impatto decisamente più negativo a causa del coronavirus

damas1

No è aperto.

Adriano

si ma quello è normale, io parlo a livello di produttori. il mio discorso era un altro

Adriano

non vedo marchi automobilistici non in crisi.

phede86

Normale si evita di andare in zone affollate non sai mai chi puoi incontrare, meglio il classico negozio ora.

phede86

Ma che c'entra? In Europa stavano spingendo l'elettrico per l'ambiente, la crisi è per chi non si era adattato al mercato.

Mefistofele

Io ho a che fare con 7 centri commerciali in Sicilia e posso dirti che c'è un calo delle affluenze molto preoccupante nell'ordine del 50%, negozi che normalmente di lunedì incassano 2k euro per adesso ne fanno 400/500....

Adriano

Guarda il mercato automotive, la cui crisi era già nota; ora i costruttori citano il coronavirus ogni due per tre quando si parla di crisi

Adriano

Il co****** del giorno.

Aster

quale di quelli che ha chiuso?:)

Luca

la ca*** del giorno

Choz Chozzy

Lo risollevo io, surface book 2 o surface pro 7?! Che indecisione, il book 2 sarebbe la versione base ovviamente!

phede86

No semplicemente in una situazione del genere la gente non pensa a comprare un'aspirapolvere ma a limitare gli spostamenti il più possibile, al nord il virus è molto diffuso e si spera possa calare nelle prossime settimane.

damas1

FOTO DI REPERTORIO - COMET BOLOGNA CASALECCHIO - 2013

Aster

L'osce concorda

Solo per mi 10 1 mese di ritardo. Oppo anche loro ritardo ma meno ampio. Vivo uscita in Italia rimandata a data da destinarsi. Ancora la situazione e abbastanza critica nel settore

momentarybliss

Tutto vero, ma non mi pare che la presentazione di nuovi smartphone stia subendo battute d'arresto

Adriano

io penso che si stia utilizzando la scusante del virus per coprire settori ormai in fase calante.

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim