Google vuol tornare a lavorare con Huawei. Chiesta agli USA revisione del ban | Rumor

25 Febbraio 2020 126

Google sembra non volersi rassegnare: l'intenzione di collaborare con Huawei anche in futuro c'è, ora più che mai. Lo riportano alcune testate giornalistiche tedesche, secondo cui l'azienda di Mountain View avrebbe fatto domanda al Governo degli Stati Uniti di poter riallacciare i rapporti commerciali con la società cinese nonostante il ban in corso. Questa notizia (indiscrezione, definiamola, visto che non c'è nulla di ufficiale al momento) emerge a pochi giorni di distanza dalla pubblicazione di un post in cui la stessa Google spiega il motivo per cui i suoi servizi e app possono essere installati sugli smartphone Huawei immessi sul mercato prima del 16 maggio 2019 e non su quelli successivi a tale data.

Sarà la preoccupazione del rapido sviluppo degli HMS, sarà la volontà di non perdere occasioni di guadagno sul mercato cinese (e non solo, basti pensare all'Europa), ma a Mountain View si inizia a pensare che lavorare in sinergia con un colosso come Huawei sia necessario per la propria crescita. In pochissimo tempo l'azienda cinese è riuscita a creare un vero e proprio ecosistema: è, sì, basato su Android, ma mette a disposizione app e servizi tramite una piattaforma che cresce di giorno in giorno.

Anche al lancio del nuovo pieghevole Mate Xs e di MateBook X Pro e MatePad Pro (a proposito, QUI trovate la nostra video anteprima) Huawei aveva colto l'occasione per mostrare gli sviluppi di AppGallery e Quick App, con sempre più applicazioni disponibili pronte a sostituire il toto le GApps. "Se non puoi sconfiggere il nemico, fattelo amico", si dice. E, del resto, anche Huawei potrebbe spingere in questa direzione visto che più volte ha ribadito che Google rimarrà sempre la sua prima scelta.

L'ecosistema Huawei deve ancora essere digerito in Europa che, a differenza della Cina, mostra più diffidenza verso servizi e app diversi da quelli made in Google. Sicuramente incide il "fattore abitudine", e la società asiatica sta facendo di tutto - e in tempi stretti - per rendere i propri smartphone post-16 maggio attrattivi anche alle nostre latitudini. Con risultati non del tutto soddisfacenti, però (basti vedere Mate 30 Pro). E sarà da capire anche come verrà giudicato proprio il nuovo pieghevole (prezzo a parte), anch'esso sprovvisto di servizi Google.

Dunque Google potrebbe essere interessata a chiedere a Trump un alleggerimento del ban su Huawei, perlomeno riguardo gli smartphone e i sistemi operativi. Ben altro discorso per le reti 5G, su cui l'Amministrazione americana non pare avere alcuna intenzione di fare passi indietro.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 462 euro oppure da ePrice a 552 euro.

126

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
salvatore esposito

forse non hai capito che nessuna azienda statunitense è d'accordo con Trump.
non dico che accadrà ma è plausibile che stiano aspettando le prossime elezioni che saranno a breve perché nessuna società statunitense può permettersi di non collaborare con aziende del calibro di ZTE e huawei. questo lo sa anche Trump che sta rilasciando licenze per poter commercializzare a molte aziende (Microsoft ne è un esempio), dubito che Trump voglia proseguire su questa via, il rischio sarebbe altissimo visto che si sta mettendo contro società che tengono su il PIL americano

GianTT

Se l'estensione del ban è assoluta (come per gli embarghi), posso avere sede pure in Nigeria, ma se collaboro con l'Iran (o Huawei potenzialmente in futuro) mi verrà negato il permesso di vendere negli USA. E la cosa si estende anche alle aziende che lavorano con me. E' una regola assurda che funziona perché gli USA sono esageratamente potenti nel mercato, ma che la Cina applica ugualmente al suo interno, se non ti attieni alle sue normative di regime si rifiuta di farti vendere.
Oggettivamente vorrei vedere Apple far la dura con il governo cinese se questo chiedesse di accedere ai dati di un suo utente. Con gli USA la butti in caciara mettendo di mezzo la stampa, lì è più semplice che ti ostacolano sul mercato o rendono la vita impossibile nelle fabbriche. Google ha dovuto cedere un mercato da 1 miliardo e mezzo di persone per non farsi controllare dal regime, e gli USA sarebbero paradossalmente giustificati anche da questo nel pretendere che i produttori cinesi non gestiscano i dati degli americani

salvatore esposito
GianTT

Dipende dal tipo di ban, perché se gli USA decidessero di estenderlo anche a chi collabora con Huawei, i partner europei dovrebbero scegliere tra loro o le aziende americane. E si tratta di una pratica comunissima, i classici "embarghi commerciali" tra nazioni colpiscono anche chi ci lavora indirettamente.

Comunque ti vedo davvero positivista, praticamente Huawei ha un futuro roseo e Trump / US stanno perdendo tempo. Anzi, ci stanno perdendo loro, perché Huawei non avrà la minima ripercussione. Che ci vuole a costruirsi un proprio sistema proprietario e poi spostare gli sviluppatori in massa a sviluppare per se, alla fine abbiamo visto il grande successo avuto da Apple, Google, Micros.. no questa no, va be, diciamo che qualcuno c'è riuscito.

salvatore esposito

sai vero che Apple prova da anni a fare mappe senza successo perché non ha mai lavorato nel settore mentre TomTom è sempre stato a lavorarci, era un big poi oscurato dalla presenza di gmap preinstallato ma non significa che sia inferiore.
il ban di Trump è riferito a società americane che vendono qualcosa, quindi TomTom che è olandese non è investita (oppure le europee funzionano solo se si tratta di sfavorire la Cina?).
per quanto riguarda app tipo fb WhatsApp ecc... sono in arrivo sullo store huawei come da loro annunciato e non vendendole a huawei non violano il ban. da aggiungere che Microsoft ha avuto licenza per continuare a fare affari vendendo windows per i matebook e anche società del calibro di google hanno fatto richiesta e in attesa di risposta.
per quanto riguarda google che non lavora in Cina è perché non ha voluto continuare con quel progetto mentre Apple ha proseguito quindi non mi pare sia così impossibile lavorare in Cina.

GianTT

Ti rendi conto che Apple, una società un po' più grande di Huawei, non è ancora riuscita a proporre un'alternativa seria a Maps in anni e anni, e mi vorresti dire che Tom Tom (fortissima, un decennio fa) è sufficiente a non farti sentire la mancanza?

Tra l'altro, me lo immagino il Trump di turno a non dir nulla alle multinazionali USA del software che sceglieranno di utilizzare i servizi Huawei per la gestione dei loro dati su questi device. Ti rendi conto che è esattamente lo stesso problema che avrebbero usato i servizi Google? Gli USA non vogliono che questi dati vengano gestiti da Huawei perché non si fidano, pensa se va tutto a posto se improvvisamente scelgono un OS ancora più proprietario e servizi ancora più misteriosi, per gli US, sulla gestione dei dati.

Tra l'altro non sarebbe per nulla qualcosa di assurdo se gli USA si accanissero con ancor più forza contro Huawei, ricorda che in Cina ad esempio Google non può far girare il suo motore di ricerca perché il regime pretende che debbano sottostare i risultati di ricerca al rigido controllo del governo, si tratterebbe della stessa situazione però con gli USA stavolta a pretendere di gestire i dati che sono fruiti attraverso i terminali cinesi

salvatore esposito

hanno TomTom al posto di maps... è stato firmato un contratto
per quanto riguarda le altre app da te elencate c'è articolo proprio dell'arrivo di queste sfruttando i servizi di huawei.
cercate di informarvi prima di sparare sciocchezze

GianTT

Se ne sbattono di Maps? Sei serio? E che succede se anche Insta, Whatsapp ecc bloccassero il funzionamento su dispositivi simili per richiesta degli US (probabilissima) o perché non svilupperanno app per il futuro OS proprietario? Tutti troppo facile la fate ad abbattere un duopolio di fatto, sostenuto ad oggi dalla prima economia globale e dai suoi alleati

salvatore esposito

la stragrande maggioranza delle persone (non solo anziane) se ne sbattono dei servizi google,importante e che ci siano cavolate come fb e per quello non c'è problema

GianTT

Non tutte, ma la stragrande maggioranza non spende 1000€ per un telefono e lo sai benissimo pure tu

salvatore esposito

dipende dalla persona, c'è chi spende 200 e chi spende 1000 o oltre, non tutte le persone anziane vivono di pensione minima

GianTT

E spendono più dei 150€ classici?

salvatore esposito

quindi offendi senza nemmeno rendertene conto? la tua maleducazione arriva a tanto? indecente

Dark!tetto

I margini sono sulla fascia alta questo è vero, ma i dati sono da leggere bene. La stragrande maggioranza (vado a memoria, ma dovrebbe essere intorno al 90%) di quei ricavi va appunto ad Apple. Apple a differenza di tutti gli altri brand può permettersi un ricarico operativo del 38%, nessun altro competitor si avvicina ai volumi di vendita nella fascia premium o a quel margine. Tornando al discorso Harmony, Posso assicurarti che non frega a nessuno basta che ci siano dei servizi funzionanti e l'accesso alle principali App, Youtube da browser funziona anche senza play service e Maps da sola non traina un OS mobile. Negli anni ho visto nascere e crollare sistemi e brand validi o meno e sai che ti dico...l'essere umano è sempre più 1gnorante e meno curioso ed è per questo che Apple è riuscita a fidelizzare tutti questi clienti. Non che Apple non abbia nulla da offrire, anzi ha molte frecce al suo arco, ma la maggior parte dell'utenza Apple rimane fedele al brand per motivi futili che in Apple hanno ben capito. La combinazione di Marketing incisivo e proposte esclusive in ambito professionale fanno almeno al momento iOS un sistema inattaccabile da parte dei rivali Android...al momento

Mefistofele

China, india, USA. Questa è la classifica dei paesi con piu smartphone venduti al mondo, iphone ovviamente conduce la leadership. Documentati. L'immaginazione è una cosa, la realtà dei fatti un'altra.

PassPar2_

Ti offendi da solo

salvatore esposito

strano... conosco pochi sopra i 60 che hanno idea di quale modello/brand hanno tra le mani, la stragrande maggioranza entrano nel centro commerciale e comprano uno degli smartphone in offerta visti sul volantino magari dicendo al commesso "questo" puntando il dito sul volantino

salvatore esposito

qui l'unico che le spara grosse sei tu e in più ci aggiungi offese proprio perché non hai argomentazioni valide.
non sono l'unico che te lo fa notare e con tutti reagisci allo stesso modo ovvero offendendo

PassPar2_

Argomenti non ne comprendi, provochi e spari cag@te, quindi gira a largo e non rompere i maroni che non nemmeno ridere

salvatore esposito

guarda caso argomenti zero per l'ennesima volta ma ancora una volta provi ad offendere...

BLOW

Idem passato a p30 pro autonomia e velocità superiori a Samsung! Lo avuto da s5 a s8

BLOW

I telefoni non c'entrano niente e con le antenne 5g che hanno scoperto secondo gli usa un chip spia senza alcuna prova!

BLOW

In Cina preferisco huawei ci sarà un perché!

PassPar2_

Lascia perdere, occupati di cose alla tua portata

salvatore esposito

quindi se un poliziotto ti guarda e non gli piace la tua faccia... per il tuo principio di precauzione ti arresta e sempre per lo stesso principio resti al gabbio senza processo tanto prove che hai fatto o farai qualcosa di male non ce ne sono... cosi sarebbe giusto?

GianTT

Ma anche Samsung è arrivata ad essere chi è grazie agli Android da 150€ nei cestoni del Mediaworld, concordo assolutamente. Ma i margini si fanno sulla fascia alta, sulla bassa la concorrenza è proprio sul prezzo, non puoi farci chissà che rincari. Inoltre chi ti prende il modello economico dopo non spende facilmente 150€ per le cuffie true-wireless o 30€ per la cover figa originale. Apple è un discorso a parte, perché è un brand fortissimo che non ha eguali tra i competitor, Huawei compresa.

GianTT

Il mercato cinese non è il riferimento, è un mercato da aggredire, perché ancora in espansione, seppur con problemi importanti. Primo tra tutti è che la stragrande maggioranza del miliardo e mezzo di cinesi non ha una lira in confronto ad europei o americani, ovvio che sono così tanti che comunque fanno numeri importanti, ma fin tanto che il loro pil pro capite è 1/3 di quello di un americano o europeo medio, il poco meno di un miliardo di abitanti tra USA, Europa, Giappone e Canada conterà più del loro miliardo e mezzo, almeno se non vuoi vendere telefoni da 200-300€, come la stragrande maggioranza dell'offerte dei produttori cinesi in Cina.

Mefistofele

Ma stai scherzando spero! Guarda che esistone solo l'imbarazzo della scelta di app che funzionano molto meglio di youtube e tutte, chi più chi meno, offrono funzionalità aggiuntive come il download dei video e dei brani o la riproduzione in background, cosa che sull'app di google puoi avere solo pagando l'abbonamento. Ti basta fare una piccola ricerca. Per la posta uso aquamail, un altro pianeta in confronto a gmail. Probabilmente la migliore app per gestire email mai realizzata su smartphone.
https://uploads.disquscdn.c...
Forse hai le idee un po' confuse, per tutto questo non servono i google services

Danilo Fortunato

Invece, io credo che sia andata proprio così.... Vedevo ieri un 'intervista dove portavano i dati di questa possibile mossa USA. IL COVID 19 È STATO BREVETTATO DA UNA SOCIETÀ FILOAMERICANA più di un anno fa... Poi magari non andata così, ma conoscendo il delirio onnipotente americano potrei anche crederci. Alla fine spargere un virus non letale per mettere in ginocchio un paese (e la sua economia) non è niente in confronto a tirarsi giù le twin towers

https://uploads.disquscdn.c...

Andrea Vaschieri

Dovevi farlo tu il presidente degli stati uniti... altroché. Ma fammi il piacere. Mi sa che ha ragione ti guardi troppi film.

Zimidibidubilu

Quindi oltre a dover essere un suddito vessato dall'impero dovrei pure ringraziare secondo te.
Ti piace proprio senza vasellina eh.
Per quanto riguarda il ''trasferisciti in Cina'' ti ho già risposto, più volte, ma capisco che è molto comodo fare finta di niente, tanto a te che te frega, posti queste scemenze solo per sfogare la tua rabbia irrazionale.

PassPar2_

Ma trasferisciti in Cina invece di stare qui a sputare nel piatto dove mangi, a partire dalle tecnologie che usi.

Zimidibidubilu

Gli USA non sono un paese alleato, quella è la storiella che raccontano ai bimbi. Gli USA sono un impero spietato e noi siamo sudditi ai confini dell'impero. I più sfigati insomma, quelli che di voce in capitolo non ne hanno nemmeno l'ombra.
Ma tu continua a credere alle favole mi raccomando.

boosook

Quindi tu stai parlando di riscrivere da zero un'app in stile gmail utilizzando le gmail API? Beh, buona fortuna a fare un'app dello stesso livello... su gmail ci sono 15 anni di lavoro. Sarei curioso di sapere che app usi e vedere a che livello è. E comunque uno può non piacere l'app di gmail, ma dev'essere una scelta. Poi certe feature come l'autocomplete non sono questione di chiamare un'API... ok uno può fare senza, può fare senza tante cose, ma ripeto, paghi 1000 euro per l'ultimo top di gamma e devi usare un client alternativo a gmail? Ma chi me lo fa fare con diecimila ottimi top di gamma in giro che non hanno questo problema?
Poi per altri prodotti non c'è la possibilità di fare questo. Ad esempio, un client youtube non lo puoi rifare. E' una questione di licenza. Quindi dovresti andare di browser. E si torna al discorso del chi me lo fa fare quando gli altri lo offrono.

Mefistofele

Che c'entra la certificazione google? Qualsiasi app o sito web può ottenere i permessi per accedere ai tuoi dati google se in fase di accesso tu glie li concedi. Io ad esempio uso un'app per le email di terze parti e mi funziona tutto, incluso alias, push ed SSL

boosook

Ok, non avevo capito il confronto, credevo che intendessi che un utente può usare gmail tramite browser web su cellulare ed è come l'app, allora però tu non hai capito il problema... Senza la certificazione Google, l'app di gmail su android non la puoi proprio installare... Né quella né qualsiasi altra app Google. Non è solo questione di play services.

PassPar2_

Pensala come ti pare, tanto con certe categorie (gli anti americani, i teologi ecc) è inutile discutere. Non ti preoccupare tra qualche anno la tua cara cina avrà la gloria imperiale che cerca e schiaccerà mezzo mondo con i suoi modi imperialisti di procedere.

Mefistofele

Immagina tutti gli scenari che vuoi. Il mercato cinese ormai è il termine di riferimento per qualsiasi produttore. Forse tu ricordi la cina di 30 anni fa...

Dark!tetto

Molti non sono consapevoli che youtube & co. sono di google, ok per maps, ma la storia tecnologica ci insegna che nessun monopolio è inespugnabile.

Dark!tetto

Huawei è quello che è oggi grazie alla bassa gamma, e no credere che chi spende dai 300€ in su sappia quello che sta comprando è come supporre che chi spende 1000€ e passa per iPhone lo fa perchè consapevole delle potenzialità del proprio prodotto. Chiedi a 10 persone perchè comprano Apple e molti ti diranno "perchè è meglio assai", spesso confrontando un Samsung J5 2016 con iPhone X

Dark!tetto

Finchè c'è facebook con annessi instagram e Whatsapp c'è speranza.

Mefistofele

Forse mi sono spiegato male o non hai capito tu, io intendevo dire che tra l'app di gmail su iphone e l'app nativa su android non ci sono differenze. L'unica a parte la gestione degli alias è la quantità di mail da sincronizzare e la possibilità di configurare altri account, ma già parliamo di funzionalità abbastanza spinte per la casalinga di voghera.. Da questo, i google services non sono indispensabili.

PassPar2_

Gli usa sono un paese alleato. Spiassero pure, non mi lanceranno mai bombe sulla testa.

PassPar2_

Ma possibile che non capite un semplice testo di cosa vi è stato detto? Capisci la differenza tra accusa e precauzione?

Dark!tetto

Sarò ignorante io, ma il non cedere in licenza un SW consumer come manterrebbe al sicuro la sicurezza nazionale, se poi il territorio è pieno di dispositivi Huawei, e con licenza google (pre maggio/19) . Posso capire le infrastrutture di rete, ma così...

Dark!tetto

I dispositivi venduti in realtà sono il doppio ed in continua crescita. Non so poi che livello di pericolo alla sicurezza nazionale possa procurare la vendita in licenza di un SW consumer

GianTT

Se certo e allora India e Africa dominano il globo visti i numeri. Poi associ il pil pro capite alle info demografiche e ridisegniamo lo scenario, no?

GianTT

Serve tempo, risorse e collaborazioni con terze parti che rischiano di non avere. Se le società americane escludono i prodotti Huawuei dalle loro offerte, chi lo compra uno smartphone senza Gmail, Maps, Instagram, Facebook, Paypal....?

GianTT

Mamme, papà e nonni che comprano bassa gamma, non il top di gamma. Apple insegna che i margini si fanno su questi, e chi spende già 300€ lo sa cos’è Android e se è meglio o no di Harmony OS

Recensione Xiaomi Mi 10 Pro 5G, audio super e video 8K ma il prezzo sale

#HDonAir faccia a faccia con Samsung: le nostre e le vostre domande

Migliori smartphone fino a 200 euro: ecco i top 5 da comprare | Marzo 2020

Recensione Samsung Galaxy S20+: quel che serviva, senza strafare