Samsung Quick Share: le opzioni di condivisione arrivano in un'unica app

23 Gennaio 2020 5

Samsung è al lavoro su Quick Share, una nuova applicazione che raccoglierà le opzioni di condivisione di SmartThings e le renderà accessibili anche senza dover ricorrere all'app di quest'ultimo servizio. Ricordiamo che queste permettono di scambiare file tra i vari dispositivi Samsung appartenenti all'ecosistema SmartThings, imitando le funzionalità di AirDrop.

L'avvistamento è stato effettuato dal solito Max Weinbach di XDA, il quale ha ammesso molto candidamente di aver ricevuto il file d'installazione APK da un suo contatto in possesso di un Galaxy S20+ 5G. Sembra infatti che l'app sia al momento esclusiva dei prossimi top di gamma di casa Samsung, ma è probabile che venga resa disponibile per tutti i dispositivi dotati di One UI. Di seguito trovate gli screen dell'interfaccia dell'applicazione.


Come evidenziato in apertura, Quick Share non porta nessuna nuova funzione di per sé, ma si limita ad aggregare alcune opzioni e menù che precedentemente erano sparsi in diverse applicazioni. Ad esempio, troviamo il toggle che attualmente è attivabile e gestibile sotto la voce Visibilità Dispositivo (nel menù Connessioni) e gli aggiunge la possibilità di scegliere se rendere rintracciabile il nostro smartphone da tutti o solo dai nostri contatti.


Questa è l'unica differenza degna di nota; tutte le altre opzioni di condivisione - quindi lo scambio di file tramite Wi-Fi Direct o tramite upload su Samsung Cloud - sono già disponibili da tempo sui dispositivi Samsung, come potete notare dando uno sguardo agli screen proposti qui sopra, provenienti da un nostro Galaxy Note 10+ aggiornato ad Android 10, a patto di avere installato l'app di SmartThings, senza la quale non è possibile sfruttare la funzione Invia a dispositivo.

Insomma, sembra proprio che il prossimo aggiornamento della One UI punterà ad integrare tutte queste funzioni nel sistema operativo e le renderà accessibili dall'app Quick Share. Samsung si prepara quindi a rendere più semplice la condivisione dei file tra i dispositivi appartenenti al suo ecosistema, ma non aspettiamoci rivoluzioni rispetto a quanto possibile già oggi.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo
Mauro79sisonoio

Che poi anche se fanno un sistema facile per fare lo scambio file poi non sai mai dove si vada a salvare, ecco perché tutti dicono "mandamelo su wa" almeno sai dove cercarlo

virtual

Ma Google anziché pensare a sviluppare i misteri da trovare nel Google I/O perché non si impegna a fare un sistema standard che vada bene per tutti i produttori? Ha eliminato Android Beam senza sostituirlo con niente.

Uno smanettone per carità i file li trasferisce, ma qualcosa di semplice che funzioni su tutti gli Android sarebbe il minimo.

Tiwi

vediamo cosa faranno

Vincenzo

io 'rimpiango' Sbean, il 'banale' AndroidBean che però per i Samsung usava il wifi direct, si poteva flaggare wifi e nfc...per lo scambio con smartphone Samsung era comodissimo specialmente con chi è, ANCORA! un po' 'bloccato' tra i menu, condivisione ecc ecc e alla fine se ne viene con la solita frase : mandamelo su WhatsApp….

Recensione Samsung Galaxy S10 Lite: bene lo Snapdragon ma si poteva fare di più

Samsung Galaxy S20, S20+ e S20 Ultra ufficiali: caratteristiche e prezzi | Video

Samsung Galaxy Z Flip ufficiale: caratteristiche e prezzi in Italia | Video

Recensione Samsung Galaxy A71: una piacevole riconferma