Android, ecco i motori di ricerca che l'utente potrà impostare come alternativa a Google

09 Gennaio 2020 95

Dal primo giorno di marzo, in Europa, durante la procedura di prima configurazione di un dispositivo Android l'utente potrà scegliere il proprio motore di ricerca predefinito. Google ha apportato questa importante modifica, potenzialmente in grado di erodere la sua posizione di assoluto dominio del mercato, in seguito a un accordo raggiunto con l'Unione Europea. Il colosso di Mountain View ha annunciato nelle scorse ore quali saranno i provider alternativi in primo piano Paese per Paese.

La presenza di scelte diverse per ogni nazione deriva dal fatto che Google ha istituito un sistema di sponsorizzazione ad asta. Per ogni Paese, tutti i motori di ricerca possono fare un'offerta economica; le tre più alte figurano nella pagina iniziale, a fianco di Google. Il meccanismo preciso è un po' macchinoso, ma funziona pressapoco così:

  • Ogni motore di ricerca indica a Google quanto è disposta a pagare ogni volta che un utente lo imposta come predefinito
  • I tre offerenti più alti finiscono in prima pagina.
  • Quando uno dei tre offerenti viene scelto, non paga la cifra che aveva detto, ma quella promessa dal quarto classificato.
  • Tutto il processo si ripete ogni quadrimestre.

Alcuni dei motori di ricerca concorrenti, come DuckDuckGo, hanno condannato la scelta di Google definendola un ulteriore abuso di posizione dominante. Ecosia, motore non-profit che con i suoi ricavi ci pianta degli alberi, si è rifiutata di partecipare. In generale possiamo dire che in questa prima tornata sono andati bene DuckDuckGo, nonostante le proteste, e Info.com; Bing ha invece guadagnato la pagina iniziale solo in un mercato, quello inglese. Di seguito l'elenco completo:

  • Austria: DuckDuckGo, GMX, Info.com
  • Belgio: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Bulgaria: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Croazia: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Cechia: DuckDuckGo, Info.com, Seznam
  • Danimarca: DuckDuckGo, Givero, Info.com
  • Estonia: DuckDuckGo, Info.com, Yandex
  • Finlandia: DuckDuckGo, Info.com, Yandex
  • Francia: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Germania: DuckDuckGo, GMX, Info.com
  • Grecia: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Irlanda: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Islanda: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Italia: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Latvia: DuckDuckGo, Info.com, Yandex
  • Liechtenstein: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Lituania: DuckDuckGo, Info.com, Yandex
  • Lussemburgo: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Malta: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Norvegia: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Paesi Bassi: DuckDuckGo, GMX, Info.com
  • Polonia: DuckDuckGo, Info.com, Yandex
  • Portogallo: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Regno Unito: Bing, DuckDuckGo, Info.com
  • Repubblica di Cipro: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Romania: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Slovacchia: DuckDuckGo, Info.com, Seznam
  • Slovenia: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Spagna: DuckDuckGo, Info.com, Qwant
  • Svezia: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
  • Ungheria: DuckDuckGo, Info.com, PrivacyWall
Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2 è in offerta oggi su a 515 euro.

95

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aster

Si capisco;)

SuperDuo

Anche io la tengo, d'altra parte serve per il play store e simili. Ma se sei mesi fa ricevevo 30 mail al giorno su Gmail ora sono due o tre a settimana.
Il resto proton.

SuperDuo

Anche a me piace per lo stesso motivo. Gli europei sono più attenti alla privacy. Negli uffici di ddg potrebbe arrivare comunque la sorveglianza usa.
E poi migliora di mese in mese

SuperDuo

Non la devi mica chiudere dall'oggi al domani. Ragionare un po prima di rispondere?

broncos

Microsoft i soldi li chiedeva e li chiede al consumatore finale, non ha fatto proprio nulla gratis...

Non credo a Google cambi molto prendere soldi dal consumatore finale di android o chiederli ai fornitori di alternative ai suoi servizi, basta decidere una delle 2 opzioni, ovviamente è esclusa l'opzione che nessuno paghi.

Filo Montani

eh boia se f-droid c'avesse whatsapp e un client ssh un po' più bellino di connectbot potrei usare pure io solo quello

Aster

Fdroid basta e avanza per le mie esigenze, o altri store per la gente con esigenze.Ci sono anche quelli che si cucinano le app in casa;)

Bjerget

mai provato qwant, non saprei

E K

Anche quello.

E K

Tu puoi, molti nella mia situazione no.

Filo Montani

una settimana mi pare tantino, più che altro non hai mai la garanzia che si registrino il passaggio

Matteo

Ho l’email sul mio dominio. Se voglio cambiare backend mi basta girare i record MX così non devo cambiare email in siti o contatti

Matteo

Si

Matteo

Non uso più Gmail da un bel po’. La uso giusto per qualche e-commerce scrauso.

ProtonMail lo ho ma per quante email ricevo non va bene. Ho anche criptext se è per quello

E K

Quando poi, per sbaglio, ti ricordi di avere la stessa email da 15 anni e tutti i tuoi contatti (anche quelli che non ricordi) e i potenziali partner commerciali hanno la tua mail google e mandare 600-700 mail per dire che hai cambiato indirizzo (e magari scrivere la mail in 3 o piú lingue) si trasforma in una settimana di lavoro (che non hai a disposizione) ti passa la fantasia e rimani in google.

E K

Ogni giorno che passa mi rendo conto di quanto in M$ siano dei signori confrontati con gli altri 4 plebei arricchiti dell'informatica.

E K

"Provider alternativi in primo piano"
Da questa frase mi pare di dedurre che se io voglio scegliere ecosia, magari lo trovo in terza pagina, ma lo trovo.
Per il resto, con questa st+unzata della sponsorizzazione, google fará palate di soldi e quando il motore di ricerca non sará all'altezza, gli utenti torneranno su google producendo altri introiti. Fossi nella UE gli sparerei una multa kilometrica per questa furbata della sponsorizzazione.

Giangiacomo

È giusto che sia l’utente finale che decida cosa installare e che motore di ricerca avere. Se uno vuole avere Bing bene, se uno vuole avere DuckDuckGo ancora meglio. Non sei tu che decidi per tutti. Solito commento insensato che pensa solo all’IO e non alle persone in generale.

Alessandro

si ma e americano..... nn sarebbe meglio un motore europeo come qwant?

Alessandro

quando hai 300 e piu account lastpass su email google, difficile cambiar email

Alessandro

a me piace di piu qwant e a te? tra laltro e di origine europea, francia

Filo Montani

no certo, è quello che starei facendo anch'io (tutanota, ma consiglio anch'io proton), tuttavia tra contatti di lavoro e servizi dimenticati uno finisce sempre per tenerla per sicurezza

SuperDuo

Non deve mica essere fatto in un giorno. Basta cambiare un po alla volta man mano che si accede ai vari servizi

bda94

Haha se lo dici te, per cosa il fegato esploso? Sono l'unico che qua non ostenta nessuna multinazionale. Ogni tanto entro per leggere le notizie di motori e offerte. Poi fate come vi pare, rompere le scatole per far scegliere di mettere roba oggettivamente inferiore è inutile. La vedo una mossa per far cassa e basta. Non è perché c'è Google, poteva esserci anche Microsoft o pincopallo

Filo Montani

Non conoscevo, grazie; abuserò di !stackoverflow

Filo Montani

Beh cambiare motore di ricerca è più semplice rispetto alla migrazione di una propria casella di posta

Filo Montani

Cioé? Installi solo apk esterni al play store?

Filo Montani

cosa vorresti sincronizzare? Immagino anche contatti e conversazioni?

Bjerget

Mi pare che indicizzi google con la versione criptata, ma non ne sono sicurissimo

Zeronegativo

ma io ho dovuto selezionare il motore di ricerca su tutti gli smartphone configurati negli ultimi mesi, credevo fosse già obbligatorio.
Meno buono il fatto che si debba pagare google.

Bjerget

!a Mi 9 SE case oppure !500 portraits, anche !gtit "frase in lingua straniera", alla fine ti salti un paio di passaggi, se sai cosa cercare sei a cavallo.

Ansem The Seeker Of Darkness

PEccato che cerchi direttamete sui siti e non faccia da proxy come faceva startpage

mitrez21

Io sto alternando proprio in questo periodo Qwant e DDgo. In effetti è vero, cercare con Google è un po' come andare sempre nello stesso centro commerciale: trovi un sacco di roba, ma niente più di quello.

nebij

google non indicizza i link torrent perchè ha paura di essere considerata corresponsabile della pirateria e quindi è difficile trovare link ai siti torrent più famosi, duck duck semplicemente se ne frega e indicizza tutto quindi se so google cerchi pincopallino torrent o non ti esce niente o ti esce poco su duckduck invece ti escono parecchi risultati

broncos

guarda che non sono io che devo capire, visto che il mondo reale sta andando come ti ho scritto...
sei te che ti devi adeguare...

sei te infatti che ti stai lamentando di come stanno oggi le cose, sei un pò confuso direi....

e semmai un giorno commissioni o antitrust troveranno anche questa soluzione non adeguata, semplicemente se ne troverà un'altra che permetterà sempre a Google o chi per esso, in ogni caso di guadagnarci e di non dover offrire nulla senza avere un ritorno...
è il mondo reale che funziona così...

SuperDuo

Solo se cerchi sempre le stesse cose e ti accontenti sempre degli stessi risultati. Avere un motore tarato sulle tue abitudini ti impedisce di trovare risultati fuori dalle tue abitudini.
Con qwant e duckduckgo ho trovato siti che non conoscevo che google non mi ha mai proposto.

Red Devil

Dovrebbero multare Google...

Microsoft dovette farlo gratis e pure in fretta.

SuperDuo

IL senso di usare un motore che rispetta la privacy ma poi Gmail come casella di posta elettronica? Vanifichi lo sforzo. Magari usi anche chrome?

TI consiglio di dare un'occhiata a protonmail. Zero spam perchè, oltre ad essere criptata in ogni sua parte, non vende il mio indirizzo a terzi per ogni sito che visito.

Matteo

... Il che è più legittimante in realtà, dato che fa parte del pacchetto di acquisto. Ma non capisci che non è questo il punto, si tratta sempre di una posizione dominante di mercato. O lo capisci o è un problema tuo onestamente, queste son le leggi. Se non lo capisci evidentemente ti manca qualche nozione base non so cosa dirti

broncos

Che era infatti una faccenda profondamente diversa... COMPRAVI Windows e ti ritrovavi con internet explorer...

Matteo

Un precedente esiste ed è internet explorer su windows, fine.
Che poi sia fondamentale Chrome per il business di Google è un problema loro.

Alex

Dopo che abusano della loro posizione, si fanno pure pagare per smettere di farlo, incredibili!

broncos

l' abuso di posizione dominante e il favorire la concorrenza, nulla hanno a che vedere col fatto che mai esisteranno società a scopo di lucro che forniranno beni e servizi a loro spese senza poterci guadagnare.

e non è nemmeno lo scopo della commissione europea e dei gli antitrust pretendere una cosa del genere ovviamente infatti.

puoi girarla come vuoi, ma né Google né altri faranno quello che vorresti te e mai nessun organo in un mercato libero obbligherà un'azienda privata a fare una cosa del genere, per quello esistono le aziende pubbliche e le Onlus, fine...

Matteo

Nel mondo reale l'abuso di posizione dominante è punito, fine.

E sveglia!

Bjerget

Cerca !bangs su duckduckgo, troverai tutto l'occorrente

matteventu

Spam intendi nella casella Spam di Gmail?

broncos

ecco ora che l'hai detto una volta in più torna nel mondo reale, dove le cose stanno come ho scritto infatti, altrimenti non saremmo qui a chiederci del perché Google si fa pagare per fare una cosa del genere

xpy

Molto interessante come funzione

Los Endos

Prima che vendesse usavo proprio Startpage

Matteo

che presa per il cuIo…. assurdo che si lasci google comportarsi così

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

OnePlus Concept One, fotocamere invisibili grazie al vetro elettrocromico | Anteprima

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video