Android: in sviluppo lo sblocco automatico dello smartphone dopo aggiornamento OTA

12 Dicembre 2019 25

Uno degli aspetti più noiosi di un aggiornamento software è sicuramente l'attesa dell'installazione con conseguente riavvio e sblocco del dispositivo. Ne è consapevole anche Google, che negli ultimi giorni ha confermato di essere a lavoro su questo aspetto attraverso un commit pubblicato su Android Gerrit (link in FONTE).

Secondo quanto descritto, infatti, l'azienda di Mountain View starebbe sviluppando "Resume on Reboot", una nuova funzione che consentirà all'utente di non inserire le credenziali di accesso dopo un aggiornamento OTA per completarne l'installazione (e procedere alla lunga fase di ottimizzazione delle app).


Di seguito la descrizione dettagliata fornita dall'azienda di Mountain View:

Quando viene scaricato un OTA, il RecoverySystem può essere azionato per memorizzare le informazioni della schermata di blocco dell'utente in modo sicuro utilizzando la funzione IRebootEscrow HAL. Questo fornirà accesso alle credenziali criptate, (CE) le credenziali del keymaster e possibilmente altre per sbloccarle quando il dispositivo si riavvia dopo un OTA.

Poiché la funzione utilizza un HAL chiamato IRebootEscrow, specifica XDA Developers, la funzionalità Resume on Reboot potrebbe non essere inclusa su tutti i dispositivi Android a causa di questo requisito hardware. Ciò che è certo è Google la sta già testando sui più recenti Pixel 4 e Pixel 4 XL (li abbiamo recensiti entrambi, sia il piccolo, sia il più grande) con implementazione di default. Non sono ancora note le tempistiche di distribuzione ufficiali e non è chiaro se sarà necessario attendere l'arrivo del futuro Android 11.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 649 euro oppure da Amazon a 704 euro.

25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Red 10

Non so a cosa ti riferisci quando scrivi che 9/10 dei protocolli BT non sono supportati.
Il calendario ed i contatti funzionano anche offline.
Per quanto riguarda la sveglia, non c'entra Android ma il produttore del telefono. Ad esempio i primi HTC Android avevano la sveglia che funzionava col telefono spento. Ora ho uno smartphone ZTE che un minuto prima della sveglia si accende da solo, in modo che la sveglia funzioni da Android avviato (anche altri smartphone hanno questa funzionalità, e ovviamente funziona con la sveglia di sistema, ma non è detto che funzioni con app sveglia di terze parti).

Sprovvisto no, supporta 1/10 dei protocolli BT standards. Offline non riesci a fare niente... Vedi calendario o contatti. Da spento non riesce a far andare la sveglia... Non finisce la lista, eppure é da 10 anni che Symbian é sparito...

Red 10

Non mi sembra che Android ne sia sprovvisto.

Collegamenti BT, funzionalità offline, orologio, text2speech

Mich Tankian

Troll del ca...

Alessandro

Sono queste le modifiche di cui l'umanità ha bisogno

max76

Ahahahah

Red 10

Tipo?

Michael Polisini

Torna nel medioevo

Mako

da quando hanno inserito il pegi e il filtro famiglia del benessere digitale hanno stretto molto su questa questione

Ti metteresti a ridere, se ti inviassi il messaggio scritto da Google e il motivo per cui me l'hanno rimosso...

Penso che nessun italiano riesca a capire il messaggio... Ma dopo averlo interpretato ho capito questo:
- se la tua app é per utenti inferiori a 18 anni sei obbligato a inserire un filtro famiglia
- se inserisci un filtro famiglia, devi dare TUTTI i codici di accesso a Google per poter "provare" la tua app

Ora, la mia app era per persone a partire da 16 anni, non adatto a famiglie (infatti c'è scritto: non necessita filtro famiglia). Ma essendo sotto i 18 anni, il filtro famiglia viene testato. Non essendoci, é stato rimosso dallo store.

Riesci a seguire la logica? Io no.

Comunque, ho messo che é a partire da 18 anni e ora sembra essere a posto.

E' il come viene presentato che fa la differenza.

Su Android, si riavvia e ti appare il messaggio: "per motivi di sicurezza, inserisci di nuovo il pin".

Su Windows, al posto di farti vedere un blue screen, dovrebbero scriverti: "ora il tuo sistema é aggiornato all'ultima versione" e tutti sarebbero contenti ;)

Solo perché non sei capace ad usare un telefono, non significa che il tuo sia migliore.

Il "sul mio nessun problema", lo puoi dire solo se usi 1/100 delle potenzialità del telefono. Io di solito sto al 90% e mi lamento perché non sa fare cose che potevo fare con i Nokia 20 anni fa.

Arturo Smeraldo

Non aggiornate

Ngamer

crash su android sono anni che non ne ho ( e qui mi tocco :P )

Ngamer

evidentemente era necessaria una nuova backdoor :P , non mi sembra una tragedia aspettare 2 min per un aggiornamento che arriva poche volte l anno

ghost

Cos'è un crash su android tipo un riavvio forzato?

Roberto

oh, sarà un caso, ma mai successo nessuno dei tuoi problemi col mio op6t... e nemmeno prima col samsung s7 edge
che telefono hai?

Andrea M.

il problema non è l'OS, prendi un telefono serio non un cinafonino.

T. P.

molto interessante come funzione comunque! :)

momentarybliss

Non capisco quale immensa seccatura fosse sbloccare il telefono dopo il reboot, ma va beh

csharpino

Dopo un crash (ovvero quando poi ti dice: "reinserisci il tuo pin, per motivi di sicurezza") devi reinserirlo. ????

Mako

L'articolo (purtroppo come al solito) non è chiaro: non viene sbloccato il dispostivo, ti vengono comunque richiesti la combinazione o il PIN, quello che cambia è che il servizio di aggiornamento può accedere alle app (per fare la fase di ottimizzazione che c'è di solito) come se il telefono fosse sbloccato e concludere l'aggiornamento senza aspettare l'input dell'utente

Mako

Nelle 30-40 tick che metti durante la sottomissione ce n'è una che dice che se l'app non rispetta i requisiti per l'età verrà rimossa, ti sta bene perché non leggi

Se fosse solo quello il problema...

Dopo un crash (ovvero quando poi ti dice: "reinserisci il tuo pin, per motivi di sicurezza") devi reinserirlo.

Lo sblocco intelligente (ovvero quando sono a casa) funziona 1 volta sì, 10 volte no. Quando é in carica, dopo 10 secondi che non lo uso mi chiede di nuovo il pin - anche se ho impostato 5 minuti.

Dopo un aggiornamento, mi riattiva il roaming in automatico.

Intanto ieri, Google mi ha tolto una app dallo store senza preavviso per un qualche filtro famiglia che non ho messo... Ma dirlo quando lo inoltro allo store é troppo difficile? Perché accettarlo per poi ritoglierlo 2 settimane più tardi?

E' un OS fatto coi piedi da una ditta di manovali...

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

OnePlus Concept One, fotocamere invisibili grazie al vetro elettrocromico | Anteprima

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video