Alphabet: ricavi su nel Q3 2019 grazie a Google

29 Ottobre 2019 13

Alphabet continua a crescere sul mercato globale, e lo fa spinta dalle entrate provenienti dalla pubblicità di Google nonostante alcune voci (reddito netto e guadagni per azione) siano in calo rispetto allo scorso anno (QUI i dati del terzo trimestre 2018). Sono questi, in sintesi, i risultati fiscali del Gruppo di Mountain View relativi al terzo trimestre 2019, segnato da ricavi in netto rialzo rispetto al Q3 2018 (40,5 miliardi di dollari, +20% su base annua), così come da un reddito operativo che tocca quota 9,2 miliardi di dollari (8,6 miliardi nello stesso periodo dell'anno precedente).

ALPHABET: Q3 2019 IN SINTESI

PIU'

  • ricavi: 40,5 miliardi di dollari | +20%
  • reddito operativo: 9,2 miliardi di dollari | +6,4%
  • ricavi da pubblicità Google: 33,9 miliardi di dollari | +17,1%
  • reddito operativo Google: 10,9 miliardi di dollari | +14,5%

MENO

  • reddito netto: 7,1 miliardi di dollari | -23,1%
  • guadagni per azione: 10,12 dollari | -22,5%

LE PAROLE DI SUNDAR PICHAI
Sundar Pichai

Sono estremamente soddisfatto dei miglioramenti cha abbiamo fatto in tutte le aree nel terzo trimestre, dai nostri recenti progressi nella ricerca e nel quantum computing fino alla nostra forte crescita delle entrate guidata dalla ricerca su mobile, YouTube e il Cloud. Siamo concentrati sulla fornitura dei servizi più utili ai nostri utenti e partner, e vediamo tante opportunità davanti a noi.

Q3 2019: I FATTI PRINCIPALI
Google afferma di aver raggiunto la "quantum supremacy"

Risultati del Q3 2019 che possono nel complesso ritenersi più che soddisfacenti, tenendo anche in considerazione il fatto che il trimestre precedente (da aprile a giugno) era stato particolarmente favorevole, spinto dall'ottimo andamento delle vendite di Pixel 3a e della sua variante XL. Come sottolineato nella nostra recensione del modello più compatto, ad attirare è stata soprattutto la scelta da parte di Google di offrire smartphone già "rodati" e con prestazioni da top di gamma ma ad un prezzo decisamente competitivo. E questo, nelle casse di Alphabet, ha avuto un contraccolpo positivo.

Nel corso del trimestre ci sono state voci di un interessamento verso Fitbit, mossa che - se verrà concretizzata - potrebbe dare un forte impulso al business dei dispositivi indossabili. Alphabet è poi diventata l'azienda con maggior liquidità sul mercato: 117 miliardi di dollari a inizio agosto, secondo il Financial Times, 15 miliardi in più rispetto alla storica rivale Apple. Come ricordato dallo stesso CEO nel comunicato ufficiale, un altro importante campo in cui sono stati raggiunti risultati eccellenti è quello della computazione quantistica, con il (discusso) raggiungimento della quantum supremacy grazie alle capacità di calcolo del processore a 53-qubit Sycamore.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Emarevolution a 391 euro oppure da Amazon a 449 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Matteo

Una buona fetta della tecnologia al giorno d'oggi è in mano ad una azienda che campa di pubblicità.

Fa pensare

True_ghost

azioni che andavano comprate 10 anni fa.. assieme agli altri giganti tech. ormai sono overpriced purtroppo

B!G Ph4Rm4

Tra l'altro ti faccio notare due cose:
- primo: l'algoritmo classico scala "almost-linearly", quindi probabilmente non basterebbe aumentare di uno o due qubit il processore quantistico
- secondo: con l'algoritmo classico si hanno risultati decisamente di più alta qualità e più fedeli di quelli che arrivano dalla versione dell'algoritmo usato da Google, ed è un fattore determinante da considerare

B!G Ph4Rm4

Eheheh esattamente quello che penso anch'io ;D

dario

no, confesso di aver letto solo articoli, anche approfonditi, al riguardo, senza andare alla fonte di ibm sul loro blog, a cui sono approdato grazie alla tua esortazione, e anche nei migliori c'erano diverse inesattezze o frasi fuorvianti rispetto a quanto affermato da ibm.
è privo di senso non computare nei tempi impiegati dal supercomputer ogni strumento a sua disposizione atto ad accorciare i tempi, e tagliare fuori dal calcolo la possibilità di usare gli hd è talmente privo di senso da potersi considerare un'operazione in malafede.

B!G Ph4Rm4

Ma l'hai letta la ricerca di Google e la risposta di IBM?
Hanno semplicemente scritto che Google ha deciso di utilizzare un algoritmo che permettessi di svolgere quel compito tenendo tutto in RAM perchè secondo loro sarebbe stato proibitivo.
Quelli di IBM fanno infatti notare che usando la versione classica dell'algoritmo e appoggiandosi alla memoria secondaria si può benissimo portare a termine l'algoritmo in due giorni senza ottimizzazioni ulteriori e worst-case. Ottimizzando la configurazione, aggiungendo acceleratori per calcolo parallelo e altro si scenderebbe probabilmente ad ore se non minuti.

Quelli di Google hanno dato una non risposta che non replica in maniera puntuale e argomentata a quanto dicono quelli di IBM, che non ho dubbi sappiano e stra-sappiano il fatto loro sull'argomento, quindi non credo raccontino balle. Tra l'altro quello che scrivono quelli di IBM ha senso.

Ergo: 3 minuti contro qualche ora probabilmente, nessuna quantum supremacy, la quantum supremacy implica (sse) che non esista altro modo conosciuto per svolgere quel determinato compito, qui esiste, quindi non ci siamo ancora arrivati.

dario

è vero quanto afferma google, così come potrebbe essere vero quanto affermato da ibm, senza che nessuno dei due abbia dichiarato qualcosa di inesatto.
ricordiamo come premessa che quantum supremacy non si riferisce a una supremazia dei quantum computer rispetto ai computer tradizionali, bensì solo la riuscita dell'elaborazione di un singolo problema, con applicazioni pratiche o meno, che a un computer tradizionale è impossibile.
google nel confronto si è basata su macchinari realmente esistenti con configurazioni realmente esistenti: il suo quantum computer e un supercomputer ibm.
il vantaggio e la vittoria schiacciante sul problema sono stati dati dal fatto che si tratta di calcoli esponenziali, macinati con semplicità da un insieme di qbit e che invece a un computer tradizionale richiedono tempi biblici o configurazioni poco realistiche, benché non impossibili.
ibm risolve a livello teorico il problema dotando un supercomputer di più risorse, fornendolo di memoria in grado di ovviare ai limiti della tecnologia utilizzata con la forza bruta di una configurazione superpompata. il che, se a livello teorico è vero, a livello pratico non è stato dimostrato in un pc reale perché nessun supercomputer è attualmente equipaggiato di quei quantitativi di memoria a disposizione, benché tecnicamente non sia impossibile.
tre le considerazioni al riguardo:
- quanto affermato da google, in relazione ai supercomputer esistenti con le configurazioni previste, è reale.
- il giorno che ibm configurasse un supercomputer come dalla sua simulazione teorica per fargli "scavallare" il limite dato dal bisogno di risorse per il calcolo esponenziale da fare, sarebbero comunque 200 secondi contro 200.000, non sufficienti per parlare di quantum supremacy, che si ha solo di fronte a problemi risolti impossibili da risolvere per pc tradizionali, ma comunque una differenza molto imponente.
- va da sé che per le ragioni sopra esposte di esponenzialità del calcolo, basterebbe comunque aggiungere un pugno di qbit, anche solo 1 o 2 in più, per arrivare a un quantitativo di risorse da utilizzare nel supercomputer del tutto irragionevoli per colmare parzialmente il gap, per cui in ogni caso se oggi si può arrivare a invalidare la prova, il risultato sarebbe solo rimandato a un domani molto prossimo.

fermo restando che, al di là delle suggestioni date dal nome altisonante di quanto ottenuti, la quantum supremacy resta sempre una piccola cosa, in termini di implicazioni reali.

rsMkII

Credo che abbiano ben chiara la propria situazione finanziaria. Sicuramente le mosse le stanno facendo nel modo migliore possibile, non preoccuparti! XD
E non perché non possano sbagliare, anzi, ma perché avranno centinaia di esperti che lavorano giorno e notte dietro a queste questioni (scusa il gioco di parole).

Robì

Hahaha!

rsMkII

https://uploads.disquscdn.c...

Robì
T. P.

avete spoilerato la riunione di venerdì! :)
vero che essendo festivo, mi sa che la rimandavano...

B!G Ph4Rm4

Google dovrebbe diversificare un po' di più, praticamente il ricavo arriva dalla pubblicità e basta.

Comunque questa storia dela quantum supremacy penso si possa lasciar perdere, sembra che quello che ha scritto IBM sia vero, ovvero usando un algoritmo diverso da quello Google possono fare la stessa cosa in due giorni, quindi mi sa che Google o ha detto consapevolmente una cavolata o l'ha presa molto alla leggera.

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi