Galaxy S11: la fornitura di sensori ToF è affidata a 3 diverse aziende

24 Ottobre 2019 33

La serie Galaxy S11 dovrebbe continuare ad offrire un comparto fotografico posteriore dotato di un sensore ToF, al pari di quanto già visto quest'anno su Galaxy S10 5G e Galaxy Note 10+ (uno dei top 2019 da battere, come ribadito nella nostra recensione).

Sino ad ora questo sensore è stato utilizzato solo su dispositivi che possiamo considerare di nicchia, o comunque non in grado di realizzare volumi di vendita paragonabili a quelli della serie Galaxy S, quindi non ci stupisce che uno degli ultimi rumor relativi a S11 riguardi proprio l'arrivo di un terzo fornitore di moduli ToF, il cui contributo potrebbe essere fondamentale proprio sotto questo aspetto.

La notizia arriva dalla testata sudcoreana The Elec, che menziona il nome della società cinese Sunny Optical. Questa si aggiungerà alle coreane Namuga (fornitore dei moduli per Note 10+) e Patron (fornitore dei moduli di S10 5G) per la realizzazione dei sensori ToF che troveremo sui prossimi Galaxy S11.

Sunny Optical ha già collaborato con Samsung nel ruolo di fornitore complementare a Patron per quanto riguarda il sensore di S10 5G, quindi la società è già integrata all'interno della filiera produttiva della casa di Seoul. La mossa appare comunque interessante, in quanto evidenzia come Samsung debba ancora fare affidamento su società cinesi per la fornitura di componenti, nonostante la sua scelta di delocalizzare la produzione dei suoi smartphone al di fuori della Cina, in modo da evitare di essere colpita dalla guerra commerciale in atto tra Pechino e Washington.

La fotocamera posteriore di Galaxy S10 5G è dotata di sensore ToF, come quella di Note 10+ (in apertura)

Oltre a ciò, pare che Namuga e Patron (e anche altre aziende coreane del settore) non vedano di buon occhio la crescita esponenziale di Sunny Optical; basti pensare che sino all'anno scorso la società cinese si limitava a fornire moduli fotografici utilizzati su smartphone Samsung di fascia bassa, mentre ora sembra essere entrata stabilmente all'interno della cerchia di produttori che si occupano di offrire componentistica di fascia molto alta.

Sino ad ora Samsung non è stata in grado di sfruttare al meglio la presenza dei sensori ToF sui suoi top di gamma, limitando l'utilizzo di questo sensore alla misurazione delle dimensioni degli oggetti e alla scansione 3D. Il suo impatto sulla qualità di foto e video è praticamente nullo, dal momento che tutti i comparti in cui potrebbe essere sfruttato (come le foto in modalità ritratto) fanno largo uso di algoritmi software che permettono anche ai dispositivi sprovvisti di sensore ToF di ottenere risultati paragonabili. Chissà se Galaxy S11 - anche grazie al nuovo SoC Exynos 990 - potrà essere in grado di metterlo a frutto come si deve.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus è in offerta oggi su a 450 euro oppure da ePrice a 709 euro.

33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ydlale

Speriamo che arrivi pure la versione snapdragon 865 pure in europa altrimenti cambio mio s9 con Xiaomi 10 oppure Huawei p40 pro

Lo immaginavo, ma in che contesto?
Cioè quando viene effettivamente utilizzato?
In modalità ritratto (che fa pena)?

boosook

Per simulare la profondità di campo (effetto bokeh) ad esempio

Alessandro
Frazzngarth

Stiamo dicendo la stessa cosa, ma lui pensava che io fossi sarcastico

Raphael DeLaghetto

Mettetevi d accordo..

Raphael DeLaghetto

Sarà da 10,4 mpx...

Luca

ok, avevo capito male..:-)

Io non ho ancora capito quando e come viene sfruttato il sensore tof, in modo concreto.

Frazzngarth

lo sto dicendo io che va bene... sono sensori molto grandi per uno smartphone...

Luca

io non ho scritto va bene, ho solo scritto le misure di quei sensori.. che il 64 mpx sia un ottimo sensore e per la fascia media possa contribuire ad un salto di qualità questo lo scrivo adesso, e con una misura che fino ad ora era stata utilizzata solo da Huawei con il Sony IMX 600

Frazzngarth

eh, allora va bene lol

Luca

il 64 mpx è di 1/1,7 mentre il 104 mpx è di 1/1,33.

Shurru97HD

Esattamente.
Qua pensano ai mpx ma è sulla grandezza del sensore che serve lavorare.

Mark2

Tocca aspettare 79 anni ancora

Esticbo

Avrà un teleobiettivo fold, che quando lo apri sarà come quello dei fotografi che si vedono a bordo campo nelle partite di calcio

Frazzngarth

speriamo che aumentino anche la dimensione del sensore e non solamente i MP, se no non serve a niente...

ci devono sparare dentro un sensore da almeno 1/1.7 pollici se no siamo punto e a capo.

stefano1

Per quanto riguarda la fotocamera sarà da 104 mp o rimane come quella del s10 plus?

Frazzngarth

funziona credo con gli impulsi luminosi e dovrebbe essere lo stesso principio usato per gli sblocchi 3D del volto, penso.

Denis Ripperz Pojer

alla fine è un hardware che può sostituire/migliorare/essere utilizzato da un software

Gabriele_Congiu

Esatto. Nel caso delle foto "bokeh", ad esempio, potresti avere un'impronta 3D molto precisa del soggetto, in modo che lo "scontornamento" avvenga in base ai diversi livelli di profondità (calcolati realmente e non con le maschere) e non a ciò che valuta l'algoritmo.

Kent_Carl

teoricamente, mi ricordo con la mia ragazza comprammo due Galaxy S6 nell'arco di due mesi, lei garanzia Italia, il mio preso probabilmente dagli Stoc*isti, ora non mi ricordo bene i dati ma da qualche numero seriale si vedeva che il mio aveva sensore tipo britecell e lei Sony e a partià di scatto (messi accanto e fatti scattare nello stesso momento) le mie erano "diverse".

Denis Ripperz Pojer

ok quindi si può usare per scansionare una superficie, determinarne la distanza o mettere a fuoco...interessante. grazie

Gabriele_Congiu

Il sensore è composto da due elementi: uno emette il fascio luminoso, l'altro si occupa di determinare quanto tempo ci ha messo un determinato punto ad essere riflesso alla sorgente. Dal momento che la velocità della luce è una costante, è possibile determinare la diversa distanza di tutti i punti analizzati, in modo da creare un modello 3D dell'oggetto scansionato.

Denis Ripperz Pojer

funziona tipo un sonar o con la luce? ma è la stessa tecnologia usata per il riconoscimento facciale?

Frazzngarth

penso possano tracciare una mappa 3D di quello che inquadrano in base a come gli rimbalza addosso il segnale che inviano.

Denis Ripperz Pojer

Qualcuno mi spiega più nel dettaglio come lavorano e cosa potrebbero fare questi sensori? Grazie

Hal Twister

Certo tutto questo mi era già noto e chiaro, mi riferivo a febbraio prossimo.

Hal Twister

Samsung Galaxy S90 no.

Gabriele_Congiu

Nei mesi pre-lancio è difficile azzeccare i nomi corretti, quindi si utilizzano delle sigle abbastanza credibili e generiche, che permettano di capire al volo di quale dispositivo si parla. Dire "Galaxy S11" rende abbastanza chiaro che si parli del successore di S10, mentre altre sigle non permettono di rendere esplicito il collegamento diretto. Ovviamente la situazione cambia nel momento in cui un determinato nome diventa ricorrente e sostenuto da fonti solide e affidabili.

Senzanima

No, perché poi lo si potrebbe confondere con la Volvo.

Hal Twister

Ma sicuro che si chiamerà S11??? E non S90???

asd555

Finché sono costruiti sotto specifiche di Samsung non dovrebbero sorgere problemi di sorta.
Teoricamente dovrebbero essere "tutti uguali".

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Xiaomi Mi Note 10: live batteria (5260 mAh) | Fine ore 22:45 con il 14% rimanente

Samsung Galaxy M30s: live batteria (6000 mAh) | Fine ore 23 con il 32% rimanente

Recensione Huawei Nova 5T: il top da 429€ euro che fa gola