Dove lo smartphone non arriva: la nostra escursione con Garmin inReach

03 Luglio 2022 102

Con uno smartphone si può fare tutto, o quasi. È questa la convinzione che ci accompagna nel quotidiano, dove uno smartphone connesso a internet ci consente di fare una miriade di cose, dall'ascoltare musica in streaming pescata da cataloghi ricchissimi a effettuare un bonifico con l'home banking, ma anche pagare direttamente con l'NFC lasciando a casa la propria carta di credito e usare Maps per condividere la propria posizione o raggiungere un luogo.

Tutto vero, non fosse che la nostra fede nella copertura telefonica potrebbe essere un po' troppo entusiasticamente riposta. Ovviamente, in città e nei centri abitati il problema non si pone, come è naturale che sia (e per fortuna; a proposito, avete visto la nostra prova sul campo col 5G?). Per rendersene conto bisogna avventurarsi in qualche posto un po' solingo ma non necessariamente remoto, come le zone montane o il mare aperto.

Ed è proprio in uno di questi scenari - per la precisione in Valle d'Aosta, ai piedi del Monte Bianco - che siamo stati invitati da Garmin per provare in prima persona i loro dispositivi satellitari di messaggistica e localizzazione con tecnologia inReach, che garantiscono di poter comunicare ovunque la propria posizione anche in assenza di rete telefonica.

LO SMARTPHONE NON PRENDE OVUNQUE

Il massiccio del Monte Bianco

Tutte le soluzioni che sembrano a portata di mano con lo smartphone dipendono dalla presenza della rete telefonica, compresa la localizzazione. Il fatto è che si tende a rendersene conto quando si è già sul posto e la rete di cui avremmo bisogno manca: un'esperienza che diventa sempre più comune con il crescente successo delle gite in montagna.

Dalle attività tradizionali come il trekking e l'alpinismo alle nuove discipline più adrenaliniche sono sempre di più le persone che frequentano le alte quote specialmente d'estate, molto spesso con poca esperienza di questi ambienti e dei rischi connessi.

Uno di questi, oltre a quello di finire su un ghiacciaio in ciabatte, è quello di non poter sempre godere della copertura o, anche se ci fosse, di non saper spiegare con precisione dove ci si trova ai soccorsi in caso di emergenza, allungando così i tempi di recupero con conseguenze più o meno gravi in base all'entità dell'infortunio.


Effettivamente, è bastata mezz'ora di camminata nei boschi per arrivare in punti senza copertura telefonica: una situazione che può capitare a chiunque, senza necessariamente imbarcarsi in escursioni impegnative.

Come ha sottolineato Simone Moro, tra gli alpinisti più famosi al mondo, specializzato nella salita di ottomila in inverno e anche nel soccorso in Himalaya come pilota di elicottero, anche con una strumentazione adeguata il buon senso e la conoscenza della montagna sono imprescindibili:

"La tecnologia va sempre usata come strumento accessorio rispetto alle vostre capacità e non il contrario, perché non va bene spogliarsi di qualsiasi nozione base e necessaria e delegarla tutta alla tecnologia. Con dispositivi come questi Garmin non comprate la sicurezza, ma solo lo strumento migliore per tener traccia dei vostri spostamenti e chiedere aiuto".

UNA TECNOLOGIA SATELLITARE ALLA PORTATA DI CHIUNQUE

Accanto al buon senso dunque, in questi casi una tecnologia come quella che abbiamo provato con Garmin può tornare molto utile, perché si appoggia direttamente alla costellazione satellitare Iridium. Grazie a questa connessione è possibile, anche in assenza di copertura telefonica, inviare messaggi di testo ai propri contatti stretti o messaggi SOS ai soccorsi che integrano le coordinate della propria posizione.

In caso di emergenza infatti basta premere un pulsante e immediatamente il dispositivo con tecnologia inReach invia un segnale al centro internazionale di gestione emergenze (Garmin International Emergency Response Coordination Center) attivo a livello globale 24 ore su 24.

Nel giro di pochi secondi l'utente viene ricontattato dai sevizi di soccorso dello Stato in cui si trova (in Italia è il 112, all'estero dipende) per fornire supporto e vengono attivate immediatamente le procedure di assistenza e recupero. È possibile interagire con i soccorsi via SMS e avere aggiornamenti sullo stato del recupero, il che aiuta anche dal punto di vista emotivo.

Senza scomodare le emergenze, i dispositivi Garmin che integrano questo sistema consentono anche alle persone care che ci aspettano a casa di seguire il nostro percorso tramite il portale dedicato MapShare. Basta attivare la funzionalità all'inizio dell'escursione e condividere con chi vogliamo il link dove seguire i nostri spostamenti.

I DISPOSITIVI CHE ABBIAMO PROVATO

A sinistra GPSMAP 66sr, a destra inReach Mini 2

La tecnologia inReach è implementata in vari dispositivi Garmin; durante l'escursione in Valle d'Aosta ne abbiamo usati alcuni, tra cui quelli dell'immagine qui sopra, inReach Mini 2 e GPSMAP 66sr. Il primo è una soluzione compatta - pesa circa 100 grammi - ma resistente agli urti e certificata IPX7; display bianco e nero antiriflesso, si ricarica tramite porta USB C e ha una batteria che dura 14 giorni con una frequenza di rilevamento impostata a 10 minuti, ma si arriva a 30 giorni in modalità risparmio energetico.

Il GPSMAP 66sr invece è pensato per gli escursionisti più esperti o per chi preferisce il formato palmare, con cartografia precaricata TopoActive Europe che mostra sul display a colori da 3'' tutte le caratteristiche del territorio come linee di quota, arterie stradali, coste, fiumi, vette e punti panoramici. Autonomia di 36 ore in modalità GPS, che arriva a 450 ore in risparmio energetico.

In entrambi i casi è possibile inviare e ricevere messaggi ad amici e parenti, pubblicare sui social e comunicare con altri dispositivi inReach sul campo. Nel caso in cui ci si perda o scenda una nebbia che rende difficile ritrovare la strada c'è anche una funzione routing TracBack che mostra la strada di ritorno al punto di partenza seguendo il percorso dell'andata direttamente sul dispositivo, per evitare di mettere i piedi in fallo, oltre alla bussola digitale.


Simone Moro ha raccontato la sua esperienza con inReach

I dispositivi permettono anche di ricevere anche aggiornamenti meteo dettagliati sulla propria posizione o sulle destinazioni dell'itinerario, e di accedere senza costi aggiuntivi al cloud e al portale Garmin Explore per pianificare viaggi, creare messaggi preimpostati e testi rapidi, sincronizzare e gestire le impostazioni del dispositivo anche in relazione allo smartphone per navigazione, waypoint, percorsi, attività, pianificazione di viaggi e mappe topografiche.

Garmin inReach Mini 2 viene venduto a un prezzo di listino di 399 euro, mentre la versione precedente parte da 349 euro. GPSMAP 66sr ha un prezzo di listino di 599 euro.

A questo bisogna aggiungere che per accedere alla rete Iridium e comunicare con il dispositivo inReach Mini 2 è necessario un abbonamento satellitare attivo, si può scegliere un pacchetto annuale o un piano mensile flessibile che si può attivare a seconda delle necessità. Si parte da 19,99 euro per il mensile o 14,99 euro al mese per l'annuale.


E mi ha pure indicato il guado.

GARMIN INREACH: RISPONDIAMO LIVE ALLE VOSTRE DOMANDE | REPLAY


102

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro De Filippo

È in effetti è anche vero..mettono le città..paesi principal..e nulla più.. però anche Google Maps..a volte ti fa girare" più a lungo...di ciò che dovrebbe essere il tragitto...

an-cic

I plb puoi usarli dove vuoi, anche in montagna se preferisci... E ti costa meno del solo abbonamento del garmin

MatitaNera

Eh mi pare costicchi. Ma fanno sempre riferimento al mare...

an-cic

Plb1 Ocean signal, ma lo avevo preso tramite un gruppo di acquisto dove ne ordinammo più di 50 e lo sconto era corposo. Pagato sulle 200 se non ricordo male

MatitaNera

Mi sembrano cari anche quelli. Tu quale usi?

MatitaNera

Il problema è sapere dove sei tu su quella cartina.

Ildebrando Jki

Ma non esageriamo...
Il penale non se lo becca manco chi gira ubriaco col suv sotto un limite di tasso, per me, fin troppo abbondante.

T.Bombadillo

In mezzo al mare non so andarci.
Non saprei come fare e quindi al massimo prendo il traghetto.

In montagna vado da anche da solo. Niente di estremo. Tramonto, tendina e pizzoccheri sotto la luna.
Proprio perché la montagna ha i suoi pericoli, la tecnologia può aiutare.
Ho viso istruttori fare ferrate senza dissipatori.
Ho visto trial runner "esperti" correre in un passaggio esposto (dove pochi giorni prima era deceduta una ragazza).

La sicurezza è prescinde dall'esperienza.
Ci lasciano le penne anche gli "esperti"
Garmin mini è ottimo e non c'entra assolutamente nulla con il rendere accessibile percorsi pericolosi a gente impreparata.
Saluti.

Alessandro De Filippo

Prendi la classica cartina topografica! Oh.

an-cic

vero, ma si trovano a poco più della metà e non c'è bisogno di abbonamento satellitare. se devo pagare un abbonamento satellitare allora mi prendo direttamente un telefono satellitare usato e mi fa tutte le funzioni

Portobello

ma con i PLB non puoi scambiare msg, lancia l'sos e attendi......

Migliorate Apple music

Non c’è una pretesa in quel che scrivo

Portobello

la rete Iridium ha il 100%, le altre satellitari ne hanno molto meno

Portobello

non è un telefono, non chiama, non parli: comunichi con i soccorritori solo via SMS

Portobello

ma in 40 persone con guide c'è molto meno pericolo o possibilità di incidenti o di restare isolati

Portobello

io prendo l'avvocato d'ufficio così non mi costa nulla

uncletoma

Chiunque può essere inesperto, per questo esistono le guide alpine.
Esattamente come se è la tua prima immersione in mare: se ci vai da solo te le cerchi, devi avere un istruttore al tuo fianco.

Portobello

tu in montagna o in mezzo al mare ci vai in ciabatte ed iphone scommetto

T.Bombadillo

Ma uno poco esperto non investe una cifra del genere, così a caso.
Lo fa una che è già andato spesso, che si è quindi fatto esperienza e che vuole una sicurezza in più.
Oppure un appassionato che già conosce la montagna.

Ikaro

E allora pace, non penso proprio che a uno che interessa il prodotto possa cambiare più di tanto avere un mese di abbonamento di prova, ne che a garmin serva una pubblicità di questo tipo...

Portobello

quello in foto comunque non è il Mini 2 ma quello precedente, che è più scarso in batteria, software e non prende i satelliti Galileo. Il 2 è chiaramente indicato di fianco al modello.

Portobello

guarda che io lo prenderei ad occhi chiusi se ne avessi la necessità e farei pure il piano Expedition proprio per stare sereno a mandare/ricevere N messaggi (non SOS) e N punti traccia.

Portobello

ma chi li paga poi i soccorsi? soprattutto se a cercarti saranno più persone, un elicottero, altri mezzi.

Portobello

il mini 2 volendo si può usare anche standalone, ma è macchinoso scrivere un testo nonostante abbia anche una specie di T9 per completare le parole.
Diciamo che le cose fondamentali da portare con sè sono:
- il mini (o il 66i ma è già più pesante e perle mappe usi il tel)
- uno smartphone rugged (cat, xcall, dodge)
- un powerbank da ameno 12000

Ikaro

Anche per te stessa domanda... Effettivamente tanti con quale metro di giudizio/paragone? Garmin è una garanzia nel settore perché dovrebbe regalare prove? Fermo restando che se vuoi provarlo in esterna puoi andare nel bosco sotto casa e navigare con telefono in tethering, per me, non sapete di cosa si sta parlando

Portobello

400 euro sono effettivamente tanti, non si sa cosa faccia lievitare il prezzo se la tecnologia a bordo o la tranquillità di essere soccorso.
Facciamo che nel prezzo finale potevano anche mettere un mese di prova gratuita del servizio base

rsMkII

Se uno va a rischiarsela posso capirlo, se uno è solamente inesperto e viene colto alla sprovvista, pur non essendosela "andata a cercare", tu lo lasceresti crepare? Ti faccio notare che vale per quasi tutti gli incidenti allora (il bambino che cade in bici, il tizio che si schianta in auto, l'altro che si fa andare di traverso il panino, l'altro che prende un colpo di sola). Ottimo ragionamento!

Ikaro

Si ma sostenuto rispetto a cosa, è la 3a volta che te lo chiedo :D se lo dici te, che non sei il cliente di riferimento, a quanto vedo, è un bel grazie al cavolo, anche io comprerei la ferrari se costasse 20e, il prodotto quello è, il costo di una attrezzatura di qualità quella è, se sei il cliente tipo lo compri, altrimenti no

Migliorate Apple music

Non è che è doveroso, non c'è nessun dovere di mezzo. Il discorso era più banale, dato il costo sostenuto sarebbe stato interessante avere i primi mesi inclusi nel prezzo (anche al costo di non so pagare 20 euro in più e avere un'offerta particolare).
" i prezzi di una attrezzatura di qualità questi sono..." Un costo può essere sostenuto anche se il mercato si alinea con quei prezzo.

Ikaro

3) e allora perché commenti e pretendi x mesi di abbonamento :D bah

Migliorate Apple music

1) Ah ok non avevo controllato ...
2) "NON è un telefono" Non l'ho mai detto infatti. "fidati che in situazioni complicate per cui è pensato, un telefono te lo sbatti in faccia" Fidati che se mi rispondi così non hai ben capito quello che ho scritto
3) Ma chiusene frega se non fa per me

Ikaro

1) sono un'altra persona ;)
2) sei te che mi sa che non ci stai capendo molto... NON è un telefono, fidati che in situazioni complicate per cui è pensato, un telefono te lo sbatti in faccia
3) se non fa per te amen, non te lo stanno vendendo con la pistola puntata

Ikaro

Però dici che il costo è sostenuto e dovrebbero regalarti x mesi di abbonamento... sostenuto rispetto a cosa? i prezzi di una attrezzatura di qualità questi sono...

Migliorate Apple music

Non mi serve a niente aggiornare il Garmin.
Ripeto con sto esempio stai andando sempre peggio, con il Wifi a casa posso usare buona parte delle funzioni del telefono, è una situazione differente

Migliorate Apple music

Non l'ho messo in dubbio che sia un prodotto professionale

Ikaro

Anche questo ha il wifi, puoi tranquillamente aggiornarlo a casa e poi partire o con il cellulare in tethering... quando andrai in posti remoti ed estremi ti fai l'abbonamento

Ikaro

Sostenuto rispetto a cosa? è un prodotto per l'escursionismo professionistico /semiprofessionistico, questi sono i prezzi della attrezzatura, ovviamente non è per l'escursionista della domenica... un escursionista serio sà quanto un prodotto del genere può aiutare nei casi estremi

Migliorate Apple music

Vero, ma il Wifi non mi serve soltanto per quella specifica cosa, questo abbonamento oltre che per il Garmin per cosa lo utilizzo?
Hai preso l'esempio sbagliato, continuare con il Fold 3 non ti porterà a nulla di buono.

MatitaNera

meglio di niente. Si possono spostare etc.

an-cic

per avere il wifi paghi l'abbonamento esattamente come paghi l'abbonamento a una sim

Migliorate Apple music

e chi ti dice che non ho il wifi?

losteagle

Ti chiamano sul satellitare, guarda che fondamentalmente è un telefono che non si appoggia alla rete terrestre ma comunica grazie alla rete di satelliti Iridium, è per questo che si tratta di una tecnologia costosa.
Poi tra l'altro fà molte altre cose :

https://www .garmin.com/it-IT/p/765374

an-cic

ah si? senza sim e senza wifi per cosa lo usi? come calcolatrice o come fermaporta?

Migliorate Apple music

No, ma se compro un Fold 3 posso utilizzarlo anche senza un abbonamento (con dei limiti? Beh certo ) e quindi il problema non si pone allo stesso modo.

pollopopo
Pmadmax

Per me si sta cercando di rendere la camminata nel bosco una cosa per tutti. Se non sei esperto ti prendi una guida, che di sicuro avrà con se questo sistema, se non sei esperto meglio che fai la passeggiata in posti sicuri, senza mai uscire dai sentieri. La montagna, come il Mare non sono per tutti.

MatitaNera

Direi di sì. Poi dipende dalla zona. Sulle dolomiti non avere almeno 30 persone che passano su ogni sentiero è difficile.

an-cic

cioè dovrebbero regalarti 20€ al mese per x mesi su un dispositivo che ne costa 400? il 5% al mese? e se compri un samsung fold 3 che costa 1949€ samsung ti rimborsa ogni mese 98€ (sempre il 5%)?

Migliorate Apple music

Oppure Garmin si fa carico per tot tempo dell’abbonamento dato il costo sostenuto dell’apparecchio

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022

Alta definizione

Recensione Sony LinkBuds S: le cuffie TWS piccole e potenti

Android

Recensione Nothing Phone (1): buona la prima | Video