Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

WhatsApp e altre app di messaggistica crittografate contro Online Safety Bill in UK

18 Aprile 2023 19

La crittografia end-to-end dei messaggi è sicuramente un enorme passo avanti nella tutela della privacy degli utenti. Tuttavia, nel Regno Unito questo sistema di comunicazione cifrata potrebbe diventare un problema così grave da bloccare l'utilizzo delle applicazioni di messaggistica da parte dei suoi cittadini.

ONLINE SAFETY BILL

All'esame della Camera dei Lord, infatti, è stato portato nelle scorse settimane un nuovo disegno di legge, presentato dall'ex primo ministro britannico Boris Johnson, chiamato Online Safety Bill, che "punta a combattere l’abuso e l’odio su Internet" prevedendo diversi obblighi e doveri per le piattaforme digitali, compreso quello di di controllare la diffusione di materiale pedopornografico.

L'Online Safety Bill, secondo il governo, "non rappresenta in alcun modo un divieto di crittografia end-to-end, né richiederà servizi per indebolire la crittografia", ma le aziende tech hanno il "dovere morale di non nascondere abusi sessuali sui minori, arrivati a livelli senza precedenti, sia a se stesse che alle forze dell'ordine"

Di diverso avviso è il CEO di WhatsApp, Will Cathcart, secondo cui l'Online Safety Bill andrebbe a indebolire la tutela della privacy online. Se approvata, infatti, il governo o l'OFCOM (l'autorità regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito) potrebbero invece richiedere alle app di messaggistica, non solo Whatsapp, la rimozione della crittografia per applicare un sistema di controllo preventivo altrimenti impossibile da mettere in atto. Il disegno di legge, tuttavia, non descrive esplicitamente un meccanismo di blocco.

In caso di rifiuto sarebbero previste multe che possono raggiungere cifre fino al 4 per cento del fatturato annuo della società. L'alternativa per le app di messaggistica sarebbe solo quella di lasciare il mercato britannico, conseguenza già prevista da Whatsapp e da Signal.

UNA LETTERA APERTA PER RIPENSARCI

"Questa non è la via da seguire", hanno affermato in una lettera aperta sia il CEO di WhatsApp che quelli di Session, Signal, Element, Threema, Viber e Wire secondo cui, nella sua forma attuale, l'Online Safety Bill "apre la porta alla sorveglianza continua, generale e indiscriminata dei messaggi personali".

"Come servizi di comunicazione crittografati end-to-end, esortiamo il governo del Regno Unito ad affrontare i rischi che il disegno di legge sulla sicurezza online pone per la privacy e la sicurezza di tutti. Non è troppo tardi per garantire che il disegno di legge si allinei con l'intenzione dichiarata del governo di proteggere la crittografia end-to-end e rispettare il diritto umano alla privacy"

La crittografia end-to-end, si legge nella lettera, "è una delle più forti difese possibili contro le minacce alla privacy e sicurezza", e poiché le istituzioni vitali diventano sempre più dipendenti dalle tecnologie Internet per condurre le operazioni di base, "la posta in gioco non è mai stata così alta".

Questo disegno di legge, se approvato, porterebbe ad una "minaccia senza precedenti per la privacy e la sicurezza sia di ogni cittadino del Regno Unito che di tutte le persone con cui comunicano in tutto il mondo" andando ad incoraggiare, al tempo stesso, altri governi che potrebbero "cercare di redigere leggi simili".

Nella lettera, si chiede quindi al governo di "ripensare con urgenza" a questo disegno di legge sottolineando il fatto che è "impossibile" ciò che viene richiesto, ossia monitorare i messaggi che vengono scambiati sulle piattaforme senza escludere la crittografia end-to-end.

Se implementato nelle sua forma originale, infatti, il disegno di legge non fornirebbe nessuna tipo di protezione esplicita per la crittografia e potrebbe consentire all'OFCOM di "provare a forzare la scansione proattiva dei messaggi privati sui servizi di comunicazione crittografati end-to-end, annullando di conseguenza lo scopo di questo sistema e compromettendo la privacy di tutti gli utenti"

WhatsApp è attualmente l’app di messaggistica più usata nel Regno Unito. Secondo i dati dell’Autorità per le comunicazioni OFCOM, infatti, è utilizzata da più di 7 adulti online su 10.


19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex

Parliamo dell'UK

Alex

No, ma che c'entra?

matteventu
non rappresenta in alcun modo un divieto di crittografia end-to-end, né richiederà servizi per indebolire la crittografia

potrebbero richiedere alle app di messaggistica, non solo Whatsapp, la rimozione della crittografia

Ho letto male io l'articolo, o le due cose insieme non hanno senso logico?

sailand

Da un lato non si può non combattere certi fenomeni, dall’altro non si può assolutamente forzare il diritto alla privacy, specie in un paese schizofrenico sugli argomenti privacy e libertà a cui tiene tantissimo salvo tenere pure al gossip sfrenato e allo spionaggio.
Non è una questione semplice da derimere, temo la ricerca di scorciatoie e provvedimenti demagogici e populisti sia un pericolo non solo in uk.
Spero trovino una soluzione soddisfacente per tutti, io così su due piedi non ne sarei capace.

Margaret Thatcher

Loro hanno il Patriot Act in casa...

csharpino

Botte piena e moglie ubriaca non si possono avere, il punto è definire dove si vuole mettere il confine tra privacy e controllo, ipotizzando ovviamente che il controllo serva solo per fini legittimi e il problema sta proprio qui perchè il confine tra controllo "buono" e controllo "non buono" è labile e molto filosofico in alcuni scenari.

Corradox22

Tra poco i sudditi di Albione avranno altri problemi più importanti della presunta lotta alla pedopornografia e della caduta di un governo. Hanno voluto e avuto la Brexit e adesso non sanno più andare avanti con i propri mezzi.

ErCipolla

Il regno unito ha sempre fatto la guerra alla privacy online e offline, infatti sono anche uno dei paesi che ha sempre spinto per videosorveglianza massiva, riconoscimento facciale ovunque in luoghi pubblici, sorveglianza telefonica, ecc. ecc.

Posso solo dire: bene che siano usciti dalla UE, che si costruiscano il loro "surveillance state" a casa loro...

tanto a breve in uk cadrà pure quest'altro governo, non riusciranno a portare molto avanti

Corradox22

Per ora si preoccupano di ciò che scriviamo, tra poco anche di quello che pensiamo.

PCusen

Dissidente? Ma dove vivi, in Russia?

T. P.

no dai sò ragassi!!!! :)

Il corpo di Cristo in CH2O

esatto, vogliono le libertà più sfrenate e poi si lamentano se c'è qualcuno che fa notare i problemi di quelle libertà. li accusano di essere dissidenti e a favore delle dittature, quando sono loro i primi ad esserlo. questa non è una democrazia, questa è una dittatura del valor medio. prima lo capiscono e prima ci liberiamo di sto fardello.

Fade

di dissidenti basta andare in qualunque pagina facebook sotto un articolo di politica....mica siamo in russia dove devi stare attento a quello che dici

Valeriano

Prima la scusa del terrorismo, ora quella dei minori, ogni scusa è buona per scardinare la privacy!

Alex

Chiaro che non lo è, è solo per accontentare quel gruppo di elettori di destra, bigotti e sicuramente anche per cercare qualche dissidente :)

Ansem The Seeker Of Lossless

Questo solo se assumi che la legge sia fatta per proteggere i minori

Alex

Ste leggi sono veramente stupide, chi le propone spesso non si rende conto delle assurdità. Ci sono altri modi per tutelare i minori, uno di questi sarebbe educarli all'uso di internet e non dando loro dispositivi sotto una certa età...

Ciccillo73

"punta a combattere l’abuso e l’odio su Internet" in pratica Hdblog lo chiuderebbero seduta

Tecnologia

Recensione Eureka NER E10s: aspirazione ciclonica e senza sacchetto | VIDEO

HDMotori.it

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Games

Xbox, svelate 4 esclusive in arrivo su piattaforme concorrenti

Alta definizione

Recensione Fujifilm X100VI: la regina delle compatte è tornata | VIDEO