Che fine fanno i nostri dati? La FTC lo chiede a Facebook, Amazon e altri big

15 Dicembre 2020 8

Quello dei Big Data è uno dei grandi temi dell'attualità: i dati solo una nuova forma di merce, e tutti noi partecipiamo più o meno consapevolmente di questo fitto scambio quando usiamo internet. I grandi colossi del tech sono aziende private che però tendono ad accumulare un capitale di informazioni enorme, e lo fanno in maniera non del tutto trasparente: si potrebbe dire che ci conoscono meglio di quanto non faccia lo Stato.

La questione, quindi, ha una dimensione politica schiacciante, e ormai impossibile da ignorare. Negli USA quest'anno abbiamo assistito alla storica indagine che ha messo sotto la lente "The Four", i grandi quattro del tech: Facebook, Google, Amazon e Apple. E il risultato è stato una sonora bocciatura delle loro politiche.

Prima ancora di poter intervenire per limitarne le libertà, però, occorre capire esattamente come queste realtà dispongono dei nostri dati. Per questo, sempre negli Stati Uniti, la FTC (Federal Trade Commission) ha ordinato ad Amazon, Facebook (incluso Whatsapp), Twitter, Youtube, Discord, Reddit, Snapchat e ByteDance (ovvero il nome dietro al controverso TikTok) di spiegare dettagliatamente le modalità con cui utilizzano i dati personali degli utenti.

Nello specifico, l'indagine della FTC si concentra su sei aspetti chiave, e punta ad avere finalmente una comprensione senza opacità dei seguenti punti:

  • come i servizi di social media e streaming video raccolgono, utilizzano, tracciano, stimano o derivano informazioni personali e demografiche;
  • come determinano quali annunci e altri contenuti vengono mostrati ai consumatori;
  • se applicano algoritmi o analisi dei dati alle informazioni personali;
  • come misurano, promuovono e ricercano il coinvolgimento degli utenti;
  • come le loro pratiche influenzano bambini e adolescenti.

I commissari Rohit Chopra, Rebecca Kelly Slaughter e Christine S. Wilson hanno inoltre rilasciato una dichiarazione in merito alla questione che riassume bene quale sia la posta in gioco, e quali le ombre che non possiamo più permetterci di consentire:

Nonostante il ruolo quotidiano e centrale che le piattaforme online rivestono nelle nostre vite, le decisioni che prendono nei confronti dei consumatori e dei loro dati restano avvolte dal segreto.

Le aziende avranno 45 giorni dall'avvenuta comunicazione per rispondere: il timer è partito, e tra non molto quindi assisteremo al secondo atto.


8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bannato!

e chi è?

Garrett

Non lo diranno mai

Aniene

https://www.youtube.com/watch?v=hLjht9uJWgw

Andrej Peribar

https://www.youtube.com/watch?v=M8PEkmIy3gI

Parola di Cersei Lannister. :D

Bannato!

Chi aspira al potere vero il denaro lo usa perché necessario. Ma mira ben altro.

Bannato!
si potrebbe dire che ci conoscono meglio di quanto non faccia lo Stato

Evitiamo pure il condizionale, tanto non serve fare gli ingenuotti. E poniamoci un'altra domanda: cui prodest?
Se c'è qualcuno dietro le quinte allora anche gli Stati sono sempre stati dei fantocci.

Zer0

Vengono rivenduti a caro prezzo, per quello ci sembra tutto gratisss

Windows

Recensione Lenovo Ideapad 5 14", ha senso spendere di più?

Accessori

Tre cose che amo e odio degli Apple AirTags (più una a metà strada)

Alta definizione

Migliori TV fino a 65 pollici: ecco i top 5 da comprare | Maggio 2021

Tecnologia

Starship SN15 successo storico! Conclude l'atterraggio e non esplode | Video recap