Marte: Perseverance raccoglie un campione di regolite e Ingenuity si aggiorna

06 Dicembre 2022 4

Mentre l'avventura lunare della missione Artemis I prosegue senza intoppi, avviandosi a un ritorno in sicurezza verso la Terra, nel frattempo su Marte procedono le operazioni iniziate con la missione Mars 2020 all'interno del cratere Jezero, dove dal 2021 un rover in accoppiata con un piccolo elicottero stanno eseguendo rilevazioni, analisi e raccolta di campioni, con l'obiettivo di conoscere di più sulla geologia marziana e scoprire se in passato la vita abbia proliferato in qualche sua forma.

Questi gli obiettivi principali, che prevedono una sequenza ben precisa di operazioni e più campagne marziane. Dopo quella iniziale, con cui si è presa confidenza con la strumentazione e si è provato a fondo il funzionamento di Ingenuity, l'elicottero marziano, la seconda campagna è in corso ormai da qualche mese e prevede l'esplorazione approfondita dei resti dell'antico dela fluviale e delle aree circostanti. Ecco la mappa in tempo reale con la posizione aggiornata di Perseverance e Ingenuity.

In questo contesto, il mezzo principale della missione, il rover Perseverance della NASA, ha portato a termine un altro importante obiettivo di raccolta campioni. Poche ore fa è stato in grado di raccogliere un nuovo campione di regolite marziana utilizzando una speciale punta cava applicata al suo trapano, specializzata per operazioni di questo tipo.

L'operazione è avvenuta lungo un'area che si presenta come una grande increspatura di sabbia alla base del delta durante il sol 634, e queste sono le prime immagini condivise dalla NASA. Possiamo vedere con chiarezza il rover durante il carotaggio, l'area del terreno e il campione al sicuro all'interno della provetta.



Per comprendere meglio di che si parla, la regolite è un materiale simil-sabbioso che solitamente associamo alla superficie lunare ma che è presente anche su gran parte della superficie marziana. È costituito da molti piccoli frammenti di roccia, alcuni dei quali provengono da tutto il pianeta.

Miliardi di anni fa, laghi, fiumi e oceani scorrevano su Marte, ma oggi il vento è la forza dominante che modella il paesaggio geologico. Così nel corso del tempo la roccia si è frantumata in pezzi più piccoli, che il vento ha potuto trasportare a grandi distanze facendola cadere in nuove posizioni, contribuendo addirittura alla formazione di increspature ed enormi dune. Da un punto di vista geologico la regolite è importante perché può fornire informazioni sul panorama marziano globale e locale in una volta sola.

Prima di scegliere l'increspatura oggetto del prelievo, il team scientifico responsabile di Perseverance ha trascorso l'ultima settimana a studiare l'area grazie alle immagini raccolte dalle unità Hazcams, Navcams e Mastcam-Z, poi si è passati all'uso degli spettrometri laser per valutare la mineralogia della regolite. Non solo, si è utilizzato lo strumento PIXL per carpire composizione elementare di questi frammenti di roccia, andando addirittura più a fondo dello strato superficiale tramite una piccola manovra di sfregamento del terreno. Il campione è stato raccolto e i presupposti sono positivi, tuttavia sarà necessario riportarlo sulla Terra, dove gli scienziati potranno analizzare nel dettaglio la composizione chimica di questo intrigante miscuglio di roccia marziana.

Immagine del terreno scattata da Ingenuity durante il sol 625

E chiudiamo con un accenno al lavoro di Ingenuity visto che lo abbiamo citato poco sopra. Il piccolo elicottero marziano ha ripreso le attività dopo l'inverno marziano, rompendo la lunga pausa con il volo numero 34 durante l'ultima settimana di novembre. L'immagine sopra è stata la prima condivisa dalla NASA e rispetto ad altre tratte precedenti, questa è stata davvero breve. Potremmo quasi definirla un piccolo balzello durato 18 secondi, che ha permesso a Ingenuity di spostarsi di circa 5 metri.

Nelle ultime settimane, il team operativo ha lavorato per installare un importante aggiornamento software all'elettronica dell'elicottero. Grazie ad esso è stata migliorata la capacità di evitare i pericoli durante l'atterraggio ed è stato introdotto l'uso di mappe di elevazione digitali per facilitare la navigazione. Ingenuity è stato sviluppato come dimostrazione tecnologica e progettato per operare su Marte in un terreno piatto e liscio, come quello iniziale di Wright Brothers Field. Ma ora Ingenuity si è trovato nel complicato ruolo di ricognitore del rover Perseverance, e assieme ad esso di sta spostando in aree decisamente meno comode. Con il nuovo aggiornamento, utilizzando la telecamera di navigazione Ingenuity identificherà il sito di atterraggio visibile più sicuro, atterrando in sicurezza su terreni più rocciosi rispetto a prima.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
makeka94

Anche le regole.

LuPo

E anche la regolizia

Cloud387

Ecco come fanno i regoli

Aster
Curiosità

Youtube e il mistero del video più antico della piattaforma: ecco cosa è successo

Tecnologia

Recensione Ecovacs Deebot X1e OMNI: tanto potenziale ma occhio al prezzo!

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a febbraio 2023

Apple

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video