Giove: mai così vicino alla Terra negli ultimi 70 anni | Come e quando osservarlo

19 Settembre 2022 20

Stiamo per assistere a uno spettacolo della natura che ogni amante dell'astrofotografia, astronomo dilettante o qualunque altra categoria di appassionati di osservazioni spaziali non vorrà perdersi in nessun modo. Stavolta il protagonista è Giove, il pianeta gigante gassoso che domina in dimensioni su tutti gli altri pianeti del sistema solare, che nei prossimi giorni andrà incontro a due eventi particolarmente adatti alla sua osservazione dalla Terra.

La data da segnare è lunedì 26 settembre, giorno in cui Giove sarà in opposizione, fenomeno che si verifica quando un oggetto astronomico sorge a est mentre il Sole tramonta a ovest, posizionando così i due oggetti celesti sui lati opposti del nostro pianeta.

L'opposizione di per sé non è un fenomeno raro, infatti, si verifica poco meno di una volta all'anno (ogni tredici mesi per essere precisi), ma l'aspetto più interessante riguarda la percezione delle sue dimensioni, che lo faranno apparire più grande e luminoso del solito. Se già questo aspetto sarebbe sufficiente a invogliare alla sua osservazione chi è dotato di un buon telescopio, c'è un altro punto da tenere bene a mente e che farà la differenza. Giove si troverà nel punto più vicino alla Terra degli ultimi 70 anni, dobbiamo infatti ritornare all'anno d'incoronazione dell'ex Regina Elisabetta per sperimentare una simile distanza dalla Terra.

Giove sarà a circa 587 milioni di chilometri di distanza dalla Terra. Potrebbe sembrare molto e in termini assoluti lo è, ma quando si trova nel suo punto più lontano il pianeta dista circa 965 milioni di chilometri dalla Terra.

COME OSSERVARLO

Secondo Adam Kobelski, astrofisico ricercatore presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, basterà un binocolo di buona fattura per osservare il pianeta e percepire almeno la tipica colorazione più scura della banda centrale, e forse avvistare anche qualcuna delle sue lune, tuttavia sarà necessario utilizzare un telescopio vero e proprio per vedere la Grande Macchia Rossa e la distinzione tra le caratteristiche bande di Giove. Un telescopio con lente da almeno 4 pollici o superiore, e magari alcuni filtri nella gamma da verde a blu per enfatizzare ulteriormente le sue caratteristiche.

Nel caso in cui ci si affidi a un binocolo, è importante ricordare che la stabilità della posizione sarà fondamentale, come la scelta di un luogo d'osservazione adatto. Le indicazioni sono le solite: meglio posizionarsi in luoghi elevati, magari in montagna sopra i 1000 metri, dove l'atmosfera lievemente più rarefatta facilita l'osservazione, e ancora meglio se lontano da qualsiasi forma di inquinamento luminoso. La vista sarà ottima non solo il 26 settembre ma anche nei giorni immediatamente precedenti e successivi, dunque il ventaglio di possibilità per godere dello spettacolo sarà piuttosto ampio, meteo permettendo ovviamente.

Kobelsky ricorda che se ce l'ha fatta Galileo con le attrezzature del 17° secolo, ce la potete fare anche voi e senza per forza essere in possesso di attrezzature professionali.

L'IMPORTANZADI GIOVE

Giove attira da sempre le attenzioni degli astronomi, ma negli ultimi anni anche quelle delle agenzie spaziali, NASA in primis. Sappiamo che il gigante gassoso ha 53 lune di varie dimensioni in orbita attorno a lui, ma gli scienziati ritengono che in totale potrebbero essere 79 o più. Ma sono quelle più grandi a destare interesse, ossia Io, Europa, Ganimede e Callisto, conosciute anche come satelliti galileiani. Prendono il nome dal primo uomo che li osservò nel 1610, Galileo Galilei, e proprio per questo motivo potrebbero essere ben visibili con mezzi semplici, come vi abbiamo spiegato nel capitolo dedicato all'osservazione.

Buona parte dei dati più recenti che abbiamo in possesso derivano dalle osservazioni della navicella spaziale Juno della NASA, in orbita attorno a Giove da sei anni, il cui viaggio è iniziato nel 2011. Dal 2016 continua a raccogliere immagini, video e dati sull'atmosfera di Giove, sul campo magnetico interno e sulla sua magnetosfera, e continuerà a farlo almeno fino al 2025 (la missione è stata recentemente estesa) o fino a che sarà in funzione.

La prossima missione in partenza verso Giove e le sue lune sarà Europa Clipper, il cui obiettivo primario sarà la luna da cui prende il nome. Perché tanto interesse verso Europa? Questa luna presenta una superficie ghiacciata, al di sotto della quale potrebbe nascondersi un oceano piuttosto interessante. La vicinanza a Giove e la presenza di un nucleo ferroso, consentono di ipotizzare l'oceano sia più caldo di quel che si possa pensare, le cui attività mareali potrebbero addirittura essere la causa delle tipiche fratture superficiali della crosta ghiacciata.

Queste condizioni potrebbero renderlo simile a un brodo primordiale il cui contenuto affascina e incuriosisce la comunità scientifica. La navicella spaziale, attualmente in fase di realizzazione, esplorerà l'iconica luna di Giove, dove li scienziati della NASA teorizzano che possano esserci le condizioni in grado di sostenere la vita. Al momento il lancio di Europa Clipper è previsto a ottobre del 2024.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ngamer

grazie

SirCiadi

Comunque immagini notevoli.

Ngamer

skywatcher quattro 150p con asi zwo 533 mc pro + filtro cls . sono alle prime armi si puo ottenere sicuramente di meglio aumentando il numero di pose e andando in posti con meno inquinamento luminoso ( l ho fatta dal balcone di casa..) e devo migliorare in post produzione .

Flagship

Non lo vedrai.
Sarà nuvoloso

Minion

questa è buona.

SirCiadi

WooooW, con che telescopio hai ottenuto questo?

Ngamer

pr milano . appena finito una sessione su giove e saturno + andromeda e pacman (ngc281) pose equivalenti 20min circa , cè molto rumore ( pochi scatti) e devo capire come ridurre un po le stelle in post. purtroppo ho anche un lampione in direzione nord est , un leggerissimo inquinamento luminoso :P https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

Gupi

Non so di dove sei, ma qui al nord ieri il seeing era pessimo, oggi sembra meglio, dovrebbe migliorare nei prossimi giorni

Tiwi

visto che viviamo in Italia e non in alabama noi come lo vedremo?

Ngamer

si vedi 3-4 "stelline" in fila ma niente piu

Il Preside

Tutto bello per carità, poi però riduciamo il nostro pianeta in un autentica discarica...

Andreoid

Posso confermare che con un buon binocolo Giove e 2-3-4 lune si vedono senza grossi problemi

Ngamer

"basterà un binocolo di buona fattura per osservare il pianeta"
direi proprio di no , forse un binocolo 20x60 per vedere la palla rotonda e le lune ma dettagli praticamente assenti .
" Un telescopio con lente da almeno 4 pollici o superiore, e magari alcuni filtri nella gamma da verde a blu per enfatizzare ulteriormente le sue caratteristiche."
con questo si ma almeno a 70x per intravedere le bande .
sotto metto 2 immagini di giove prese ieri sera , una elaborata al pc l altra no , quella non elaborata è quello che riuscite a vedere con un piccolo telescopio a circa 100x ( diametro tra 70-110 mm ) attraverso l oculare . nello specifico ho usato un newton 150mm la vista all oculare è un po meglio di questa non elaborata ma non di molto , purtroppo non ho una camera adatta per i pianeti cmq ieri il cielo era sereno poca foschia ma molta turbolenza l immagine vibrava parecchio https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...
il puntino nero che si vede è l ombra di uno dei suoi satelliti ( almeno credo non mi pare la grande macchia rossa )

One-Punch Mar

Super telescopio non credo sia necessario, sarà sufficiente un discreto telescopio per osservazioni planetarie e lunari

Gupi

Non è vero

MarioT

Per vedere la macchia rossa serve un super telescopio, a prescindere dalla minor distanza degli ultimi 70 anni.

Maurizio

Giove ci vuole annettere ... come la Ruzzia sta facendo con l'Ukraina

Andreoid

"dobbiamo infatti ritornare all'anno d'incoronazione dell'ex Regina Elisabetta per sperimentare una simile distanza dalla Terra"

Anche lui voleva partecipare al funerale insomma

Per Giove!

Gunny35

Grande Giove!

Tecnologia

Recensione Ecovacs Deebot X1e OMNI: tanto potenziale ma occhio al prezzo!

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a febbraio 2023

Apple

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video

Articolo

NASA testa il motore a detonazione rotante: rivoluzionerà i viaggi nello spazio