Uno dei pianeti più estremi conosciuti ci ha insegnato qualcosa sull'atmosfera

31 Gennaio 2022 4

Un esopianeta distante circa 322 anni luce dalla Terra ci ha permesso di confermare che il nostro pianeta non è l'unico ad avere un'atmosfera stratificata: anche se i gas che la compongono sono leggermente diversi da quelli a cui siamo abituati - e che permettono alla vita come la conosciamo di prosperare. L'atmosfera di WASP-189b, questo il nome del pianeta, è infatti composta da metalli vaporizzati, nientemeno.

Il pianeta di per sé è noto già dal 2020, ma analizzando la luce proiettata dalla sua stella un team di ricercatori internazionale, proveniente dalla divisione PlanetS del NCCR (National Centre of Competence in Research) indiano e dalle Università di Berna e di Ginevra è riuscito a stabilire che "perfino le atmosfere di pianeti giganti gassosi intensamente irradiati hanno strutture complesse tridimensionali".

Le osservazioni sono state rese possibili dallo spettrografo noto come HARPS (High Accuracy Radial Velocity Planet Searcher), che si trova nell'osservatorio di La Silla in Cile, e sono state condotte durante tre passaggi del pianeta "di fronte" (dal nostro punto di vista, almeno) alla sua stella. Purtroppo non è stato possibile osservare direttamente gli strati, ma se ne è dedotta la presenza per via dei diversi effetti Doppler generati dai vari elementi chimici del pianeta. Se osservassimo la Terra da distante, noteremmo che per esempio l'ozono e il vapore acqueo si comporterebbero in modo analogo.

Nell'atmosfera di WASP-189b gli scienziati hanno rilevato ferro, cromo, magnesio e vanadio. Sembra impensabile che ci sia un luogo talmente caldo in cui perfino il ferro è in stato gassoso, ma è importante considerare che WASP-189b orbita attorno alla sua stella a una distanza 20 volte inferiore di quella della Terra: il suo "anno", inteso come periodo di rivoluzione, dura appena 2,7 giorni. Gli scienziati stimano che la temperatura media del pianeta sia ben 3.200°C, più o meno la temperatura che si trova nel nucleo esterno della Terra. È uno dei pianeti con le condizioni più estreme conosciute.

Ora che gli scienziati sanno che l'atmosfera stratificata è una possibilità in questo tipo di pianeti, è lecito ipotizzare che nuovi studi potranno essere compiuti in questo senso. È interessante osservare a questo proposito che il telescopio spaziale James Webb, che è fresco fresco di lancio, è equipaggiato con sensori e apparecchiature utili per questo scopo.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Babi
Cave Johnson

Domanda seria?

cuccuruccu

Si suppone che il nucleo della terra sia solido per via della elevata pressione. È il nucleo interno. Quello esterno è uno strato liquido fra il nucleo interno solido ed il mantello.

Babi
HDMotori.it

ABB E-mobility: in Italia il più grande impianto di stazioni di ricarica DC | Video

Articolo

Disney+, una valanga di nuovi titoli in arrivo nel 2022-23

Tecnologia

Muscoli indossabili, la nuova frontiera degli esoscheletri in studio a Zurigo

HDMotori.it

Lightyear 0, abbiamo guidato l'auto che si ricarica con il Sole | Video