La luminosità della Terra sembra in diminuzione, forse per via del clima

01 Ottobre 2021 38

Negli ultimi vent'anni la Terra ha perso un po' della sua luminosità: il sorprendente fenomeno è stato osservato con una serie di rilevamenti al Big Bear Solar Observatory della California tra il 1998 e il 2017, per un totale di circa 1.500 notti di dati. Lo studio con le conclusioni è stato pubblicato su Geophysical Research Letters, una delle tante riviste scientifiche della AGU (American Geophysical Union). La causa potrebbe essere il cambiamento climatico.

Il dato principale è che "l'albedo" (ovvero la quantità di luce solare riflessa) del pianeta misurata a fine esperimento è scesa di mezzo punto percentuale rispetto a quando è iniziato. Guardando più nel dettaglio la curva dei dati, è emerso che il valore è rimasto praticamente inalterato per diciassette anni, poi è sceso di botto negli ultimi tre anni.

Gli scienziati sono riusciti a misurare con precisione l'albedo guardando la luna. La luce solare riflessa dalla Terra rimbalza, tra le altre cose, anche sul nostro satellite: questa (relativamente) poca luce è la ragione per cui, in circostanze eccezionali, si riesce a vedere almeno un pochino la faccia nascosta della Luna quando è in fase calante o crescente (fenomeno noto come luce cinerea: un esempio nell'immagine di apertura). Ora, sono tanti i fattori che possono alterare l'albedo di un intero pianeta: la quantità di nuvole, per cominciare, oppure la luminosità del Sole stesso. Ma gli scienziati non hanno trovato una correlazione tra la riduzione dell'albedo e i cambiamenti nella luminosità del Sole. Rimangono quindi le nuvole.

Confrontando le informazioni con il progetto CERES (Cloud and Earth Radiant Energy System) della NASA, è recentemente emersa una cospicua riduzione nel quantitativo di nuvole a bassa quota nell'oceano Pacifico orientale. La causa potrebbe essere l'innalzamento delle temperature degli oceani, a loro volta molto probabilmente correlata all'emergenza climatica attualmente in corso.

In precedenza si immaginava che il riscaldamento del pianeta, incrementando il quantitativo di nuvole, avrebbe causato un aumento dell'albedo; e sarebbe stata una buona notizia, perché più luce solare riflessa significa meno calore intrappolato dai gas serra. E invece a quanto pare non è così che funziona - anzi, è tutto l'opposto. Gli scienziati precisano tuttavia che i dati potrebbero non essere del tutto attendibili, per via di problemi di calibrazione degli strumenti noti da tempo, e invitano a ulteriori analisi dell'albedo terrestre per capire meglio il fenomeno.


38

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
IgliD
Funz
IgliD
Funz
Commendatore

Troppo contrasto

IgliD
PraisetheSun

Che cringe porcamadonna

piero

sì infatti ha sbagliato

Cave Johnson

Sì, sì, conosco bene l'argomento, ma appunto, credo che l'articolista non parlasse di quel fenomeno.

Ngamer

non potrebbe essere un problema dovuto agli strumenti di misurazione??

piero

https://uploads.disquscdn.c...

ecco la librazione di cui parlava roro

RoRo

Sì quello è vero. La parte visibile (e non in circostanze eccezionali) è quella non illuminata da Sole, e non la faccia nascosta.
Siamo alle solite: parlare di ciò che non si sa e farci un articolo.

piero

l'articolista ha sbagliato. doveva scrivere che quella luce riflessa permette di vedere la parte in ombra. detto questo, roro ha ragione anche sulla faccia nascosta. noi riusciamo a vedere anche una certa porzione della faccia nascosta della luna. immagina la luna piena: c'è una parte che non vedi che è quella nascosta, a volte ruota e si vede la parte che non vedresti normalmente (ovviamente anche nell'altro verso). è come se girasse in po'la faccia per farti vedere l'orecchio e poi tornassi in posizione frontale.

Cave Johnson

Leggendo l'articolo mi pare si riferisca al fatto che la luce cinerea permette di vedere la parte in ombra della Luna, non la faccia nascosta.

piero

provato a disattivare la eco-mode?

RoRo

Sì. E' dovuto a due effetti: uno è la librazione, causata dall'eccentricità dell'orbita lunare, che porta a un apparente lieve "ritardo" o "anticipo" della sincronizzazione del blocco mareale; l'altro è la semplice prospettiva in base alla posizione in cielo della Luna (se a est, a ovest), e alla posizione dell'osservatore alle alte latitudini terrestri. Come risultato, nel corso di un ciclo lunare è possibile osservare fino al 18% della faccia nascosta della Luna, quindi di fatto il 59% dell'intera superficie lunare.

RoRo

"Gli scienziati precisano tuttavia che i dati potrebbero non essere del
tutto attendibili, per via di problemi di calibrazione degli strumenti
noti da tempo, e invitano a ulteriori analisi dell'albedo terrestre per
capire meglio il fenomeno."

Non c'è altro da aggiungere: problema ben noto per essere causa di risultati non affidabili. Però bisogna comunque parlare di cambiamenti climatici (e il clima è mutevole per definizione).

Cave Johnson
roby

La terra sparira' senza preavviso da un momento all'altro

Giardiniere Willy

Ecco di chi era la colpa di Juve Chelsea

Funz

Soldi buttati per la tua educazione, direi ..

Funz

Perché secondo te devono stare lì a misurare tutto il tempo per 18 anni per avere dati significativi.
Quante minch**te.

Nickname2

Spegnilo no?

DanieleGB

Colpa dei satelliti di Musk che oscurano il cielo :-)

IgliD
Riccardo Mineri

Eppure secondo la scheda tecnica ciaomi fa 1500 nits di picco...

momentarybliss

Leggevo a tal proposito che la riduzione delle superfici ghiacciate e innevate provoca per l'appunto una diminuzione dell'albedo e quindi un ulteriore innalzamento della temperatura

Il Preside

Praticamente uno studio che non prova nulla e soldi buttati..

nomeutente

Bello che alla fine si precisa che potrebbe trattarsi di errori strumentali rendendo tutto quanto letto sopra poco attendibile. Allora che cavolo le pubblicano a fare ste ricerche?

mruser2

È il pannello led vetusto

Surak 2.04

"il 1998 e il 2017, per un totale di circa 1.500 notti di dati."

Circa 20 anni ... quindi una media di 75 notti l'anno.
Ora, si è sempre detto che le nuvole sono causa di effetto serra, dato che non è la luce che proviene dal cielo ad essere il problema ma l'infrarosso emesso dalla Terra dopo che la luce solare la scaldata. Una roba per altro che tutti notiamo quando di Inverno se è nuvolo è meno freddo che se il cielo è limpido.
Ora qui... si afferma il contrario, ma va bene così!
Figuriamoci poi se su mille mila possibilità non andavano a cercare la colpa al "cambiamento climatico" , per altro partendo dall'albedo ma poi tornando sui dati delle nuvole, ed allora come mai non sono partiti dalle nuvole e lasciato perdere l'albedo?

HeySiri
off

Quindi la luminosità non è un problema solo degli Xiaomi.

Cmq, dove guardi vedi brutti segnali per la sopravvivenza umana

zdnko

Occhio che nel secondo tempo la luminosità sarà eccessiva!

Prime insegna! :D

R4nd0mH3r0

Per quello sono grigi. Gli manca un po' di abbronzatura

mister x

Ma gli alieni stanno nella parte nascosta della Luna, lo sanno tutti, quindi non hanno mai avuto il problema della luce riflessa.

Blue, trainer

Il lato positivo, darà meno fastidio agli occhi degli alieni.

Curiosità

Prime Video, tutte le novità in arrivo a dicembre 2021

Windows

Recensione Huawei MateBook 14s, una conferma con la webcam al posto giusto

HDMotori.it

Nuovo Mercedes-Benz Citan, van compatto ma spazioso | Recensione

Tecnologia

Bitcoin, uno stile di vita? Tra libertà e finanza, viaggio nel mondo dietro le crypto