Apple, Samsung e Microsoft accusate da iFixit di ostacolare il diritto alla riparazione

21 Luglio 2021 121

I colossi del mercato tecnologico non fanno abbastanza per garantire il diritto alla riparazione. È questa la dura accusa lanciata da IFixit, un marchio ben noto per esaminare i segreti più nascosti della progettazione dei dispositivi elettronici con i suoi approfonditi teardown. Il tema non è nuovo - se ne occupa da tempo anche l'Europa - ma sono nuove le accuse lanciate dal co-fondatore di iFixit, Kyle Wiens, ad aziende come Apple, Samsung e Microsoft nel corso dell'audizione presso la Productivity Commission australiana.

La materia del contendere è semplice: queste società intervengono sulla progettazione dei dispositivi elettronici e sulla filiera dei fornitori per impedire a terze parti di eseguire le riparazioni - vale a dire rendendo impossibile l'accesso agli strumenti e alle parti di ricambio necessarie per effettuare l'intervento.

ESEMPI PRATICI

Non è un'accusa generica ma molto ben circostanziata e avvalorata da esempi pratici. Wiens ne evidenzia alcuni tra i più significativi:

  • Alcuni produttori limitato la capacità di terze parti di acquistare componenti. Varta, produttore di batterie, tedesco, vende batterie ad un'ampia varietà di aziende. Samsung usa queste batterie nei suoi auricolari Galaxy, ma quando andiamo da Varta e diciamo se possiamo comprare quel componente come pezzo di ricambio, ci rispondono: no, il nostro contratto con Samsung non ci permette di venderlo.
  • Per quanto riguarda Apple, Wiens fa notare: c'è un particolare chip per la ricarica sul MacBoook Pro, c'è una versione standard del componente e poi c'è la versione Apple del componente che è leggermente modificata, ma lo è abbastanza da funzionare solo su questo computer, e l'azienda è soggetta a rispettare i requisiti del contratto con Apple. La casa di Cupertino è anche accusata di distruggere parti di ricambio scaduti i sette anni previsti dal servizio di assistenza su un determinato prodotto: potrebbe semplicemente renderli disponibili per l'acquisto da parte di riparatori terzi, e invece preferisce eliminarli;
  • Di Microsoft si criticano le scelte progettuali che rendono la riparazione praticamente impossibile in alcuni casi: viene fatto l'esempio del Surface Laptop che ha ottenuto un punteggio di riparabilità pari a 0 su 10, anche a causa della scelta di incollare la batteria anziché renderla rimovibile con altri sistemi di fissaggio. Per correttezza bisogna dire che il punteggio di 0 su 10 si riferisce alla prima e alla seconda versione del portatile, mentre qualcosa è cambiato in meglio con la terza (5 su 10).
Surface Laptop: bello da vedere e da usare, difficile da riparare
I RIMEDI POSSIBILI: STAMPA 3D ED ETICHETTATURA

Realizzare pezzi di ricambio ricorrendo alla stampa 3D e utilizzare un sistema di etichettatura sulla riparabilità sono due soluzioni ritenute abbastanza valide da iFixit per arginare il problema, ma non del tutto risolutive. Sui ricambi stampati in 3D Wiens ha dichiarato:

La stampa 3D è un'idea meravigliosa... abbiamo alcuni modelli stampati in 3D su iFixit, purtroppo, nella nostra analisi dei componenti, circa il 2 per cento può essere stampato in 3D con la tecnologia attuale. Il settore in cui la stampa 3D è più efficace è quello degli elettrodomestici.

Un sistema di etichettatura simile a quello già introdotto in Francia potrebbe essere utile quanto meno ad informare i consumatori sulla durata del prodotto è su quanto è difficile da riparare:

I consumatori trarrebbero davvero vantaggio da uno schema che classifica e valuta i prodotti in termini di durata e riparabilità. Sarebbe ancora meglio se questa classificazione fosse disponibile pubblicamente: un'etichetta che permetta di consultare le informazioni quando si confrontano i prodotti.

A questi correttivi si somma poi quello più determinante: l'apporto che le singole aziende daranno per rendere i loro dispositivi più riparabili e quindi longevi. Un apporto che può essere spontaneo oppure reso obbligatorio da modifiche alla normativa sulla garanzia del produttore. Il dialogo è ancora aperto, non solo in Nuova Zelanda - si veda anche il recente ordine esecutivo di Biden che spiana la strada a nuovi interventi della FTC per garantire il diritto alla riparazione.

Lo smartphone 5G per tutti? Motorola Moto G 5G Plus, in offerta oggi da Stockador a 172 euro oppure da Coop online a 269 euro.

121

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
EL TUEPO

Ah già, vabbè si raggirano ez

Adri949

Certo, ma |é l'unica a mettere blocchi software

efremis

Cosa da sempre risaputa...

piero
KenZen
piero

pensa che se fosse fattibile sarebbe beautiful e non mcgiver

piero

la cosa fantastica è che hanno creato il bisogno della resistenza ai liquidi per annullare del tutto la possibilità di accedere al telefono.

piero

da me si dice paannu. where are you from bro?

piero

ti aprono abbastanza facilmente

Neuzzo

L'accusa fatta a samsung è campata per aria. Se la Ducati stipula un contratto con akrapovic per una marmitta, tu la marmitta la compri da Ducati, non da akrapovic!!! Perchè tu hai sviluppato un prodotto sotto miei specifiche, che è mio!
Se no voglio anche gli a1 di Apple liberi, che mi li vende direttamente TSMC al prezzo del silicio.

Certificazione dei pezzi vis SW, come sopra. E' un prodotto di mia proprietà faccio quello che voglio io.

Fornire schemi di riparabilità, penso che vada a intaccare tantissimo le proprietà intellettuali di progettazione. Sarebbe come spiattellare la nemico come fare le cose. (poi cmq lo sanno tutti come si fa basta un minimo di reverse engineering).

"Non rifiutare di riparare un oggetto riparato precedentemente da altri centri". Ecco questo può essere un punto, ma ci sono dei costi legati alla disponibilità di scorte da mantenere. Certo però istituire un ciclo di vita minimo dei prodotti es: 10anni. potrebbe essere qualcosa. Anche perchè se no si potrebbe far ricadere il problema nell'obsolescenza programmata che è un REATO.

"Passando per cose burocratiche come l'etichettatura arrivando a cosa estremamente più complesso come vietare la vendita di prodotti la cui progettazione viene dimostrata volutamente complessa per ostacolare la riparazione." Chi decide chi? Cioè siamo qui ancora con i caricabatterie dei cellulari diversi, perchè apple ha deciso che la sua porta è migliore dell'USB, ma come dimostri il contrario? fai un processo di 10 anni per un prodotto che dura 2?

Dai rimaniamo ancorati alla realtà, non diventiamo utopici. le richieste di Ifix sono un po' deboli.

Neuzzo

già e carichiamo 50€ a prodotto per fare tutto cio.. maddai..

Overwiew_marcia

Hai centrato il punto, che, a quanto pare, è apparentemente irrisolvibile...

Davide

Mi sembra sotto la luce del sole questa cosa

Tango_TM

gli NDA sono sempre fini a se stessi, gli schemi una volta buttati in rete auguri... Nessuna azienda lo farà mai, sanno come va a finire e purtroppo devo dargli ragione, anche la pena non è che sia sto gran problema alla fin fine.

Inoltre dubito che qualsiasi azienda lasci operare tecnici non propriamente formati (qualche corso obbligatorio per essere accreditati lo si fa sempre) e i costi poi andranno ricaricati sul cliente...

Overwiew_marcia

Il problema dei brevetti impediscono la divulgazione degli schemi elettrici, per quello che solo persone autorizzate, ergo tecnici con almeno il diploma + tot anni di esperienza come "apprendista" nel campo, dovrebbero accedervi con l'obbligo della NON divulgazione, pena perdita delle autorizzazione a riparare gli oggetti, perché sono in molti bravi a cambiare un pezzo, ma non tutti sono capaci di capire se cambiando quel pezzo si risolve il problema. Come esempio porto il discorso della porta di ricarica degli iPhone, spesso si guasta solo quella parte, e con la giusta manualità si cambia senza problemi, ma non di rado si brucia il chip Tristar montato sulla scheda madre/memoria responsabile della gestione della ricarica, ergo significa cambiare l'intera scheda madre la dove una una micro saldatura risolverebbe il problema, ma senza schema elettrico diventa difficile capire la strategia da adottare per capire se la ricarica non avviene per colpa della porta di per se, oppure per il chip bruciato, o una combo dei due pezzi. Diventa dura dire al cliente con modi gentili l'equivalente al più duro "compratene uno nuovo perché il costo per ripararlo e stratosferico" quando sai benissimo che un chip da pochi centesimi più qualche ora di lavoro risolverebbero agevolmente il problema...

comatrix

Weila, ma che fine hai fatto?
Bello vederti scrivere nuovamente

comatrix

Hai letto base cosa ho scritto?
Cito:

- Tanti cambiano un prodotto anche perché il supporto software è terminato, temono che se non ci siano il supporto delle patch di sicurezza e correzioni dei bug, qualcuno possa poi trafugare in qualche modo le informazioni relative

Ansem The Seeker Of Lossless

Nel senso che bloccavano le riparazioni tramite centralina, quindi dovevi andare per forza da quello ufficiale.
Non ho comunque approfondito troppo il tema visto che non sono un agricoltore

Otacon

In che senso hanno impedito di riparare i trattori? Se lo porti dal meccanico non te lo ripara?

Tango_TM

esatto...

Tango_TM

I riparatori autorizzati te la forniscono se la chiedi, sono obbligati tra l'altro...
non pensare che buttino tutto nel cestino dell'indifferenziata

Tango_TM

beh... le persone specifiche sono l'assistenza autorizzata... detto ciò mi sembra un esagerazione quello che chiedi, si creerebbe un'altro business limitato a pochi, cosa che già è.
O lo rendi libero per tutto o niente, pure io ho potrei avere le capacità per ripararmi una cosa.
La questione schemi elettrici è complicata... spesso sono protetti da brevetti e quant'altro...

M3r71n0

Eppure basta poco.
1) Un Norma internazionale che stabilisca l'indice di riparabilità (come per il grado di protezione IP/IK).
2) Indicazione dell'indice di riparabilità sulla confezione (come avviene per la tracciabilità dei prodotti alimentari).3) Allegato al manuale d'uso, deve sempre esserci l'elenco dei componenti utilizzati (marca, modello e quantità), come avviene per gli impianti, per i quadri, per le macchine industriali e per qualsiasi prodotto elettrico assemblato.

noncicredo
Francesco Dell'Ombra

sinceramente se loro riparassero a prezzi consoni mi importerebbe assai del diritto alla riparazione da terzi, è tutto lì il problema. Che poi è tutto da vedere questo terzo che riparazione ti fa.

Andredory

In tutta la mia vita non ho mai sentito né letto da nessuna parte che a qualcuno hanno rubato dei dati sensibili che riguardano i conti bancari ecc. perché non aveva l'ultima patch di sicurezza. Ma anche solo perché non aveva l'ultimo modello di smartphone o perché non lo aggiornava da anni.
Sono solo storielline per diffondere una finta paura ed incentivare l'acquisto di un nuovo telefono.

momentarybliss

E' un bel pezzo che non è più obbligatorio rivolgersi alle officine del costruttore per i tagliandi delle auto in garanzia. Stesse disposizioni ormai dovrebbero essere applicate per i device mobili, stante la loro diffusione, va solo regolamentata l'attività specifica da parte dei terzi in modo che seguano le specifiche dei produttori

Deathstroke

Come fa una riparazione a costare 25€?
Neanche la manodopera ti costerebbe così poco

xxSamu6xx

Motivo per cui per me i Mac, così come qualsiasi altro prodotto che non sia un cellulare, può restare sugli scaffali. Togliere la possibilità di fare upgrade di ssd e memorie è un furto

EL TUEPO

imho se usi qualche guida lo fai benissimo da solo, e fai anche un lavoro migliore, non dovrebbe essere difficile

EL TUEPO

i prodotti apple almeno si aprono abbastanza facilmente

Andrej Peribar

Appunto.
Se la riparazione costasse 25€ invece.
Per questo dicevo che con alcuni meccanismi rendono commercialmente sconveniente la riparazione

Deathstroke

In realtà quasi tutto è riparabile.
Il problema è che se un telefono che compro oggi a 1000€ tra 3 anni momento in cui ho questa ipotetica rottura ha prestazioni migliori un telefono da 300€
Se la riparazione mi costa 200€ chi me lo fa fare?
Solo una sostituzione di batteria ha senso nel caso in cui le prestazioni del device ti vanno bene, ma anche in questo caso non è detto. Mio padre ad esempio ha usato 4 anni un moto g 5 plus. Ormai fermo ad android 8 e doveva caricalo almeno 3 volte al giorno.
Per 90€ ho preso un OnePlus n100 che è ottimo per lui. adesso carica lo smartphone ogni 2 giorni facendo 8h di schermo e conoscendolo almeno altre tante di telefonate.
Questo vale anche per lavatrici e stampanti
La tecnologia corre.

Andrej Peribar

credo che quello sia successivo... ma in ogni caso mi ero limitato al mondo della tecnologia... non saprei onestamente con precisione :)

Andrej Peribar

e di cellulare.... ma non è così importante.
Il mio discorso era da intendersi come diritto alla riparazione, fosse pure la lavatrice o la stampante

Ansem The Seeker Of Lossless

In realtà credo che il casino vero sia uscito quando hanno iniziato a fare il giochetto i produttori di trattori e macchine agricole. Quando agli acricoltori impedisci di riparare mezzi da centinaia di migliaia di euro alla lunga vengono fuori problemi gravi.

Da lì ne è uscito il putiferio che ha poi coinvolto un po' tutti

Deathstroke

In realtà l’utente a cui hai risposto parla di pc
Sugli smartphone purtroppo non c’è molto da fare

Ansem The Seeker Of Lossless

Grazie per la precisazione. Comunque non sono a conoscenza di cause contro privati da parte di MS e Google perchè qualcuno ripara i loro device.
Non so a livello politico se abbiano fatto pressioni o meno.

KenZen

Certo che riparano. Pavannu però... pavannu...
Saluti

KenZen

Volevi pure lo schermo originale? Da quando Apple vende ricambi? :D (facepalm)
Saluti

Roy Rogers

io direi Apple, le altre hanno seguito, visto che ci sono tanti polli.....

KenZen

Ovviamente no :D
Saluti

Andrej Peribar

Non si parla solo di PC

Deathstroke

Eccolo qui il paradosso
Il Pc non top gamma sono tutti riparabili facilmente
Solo gli ultra book top gamma ( XPS-Mac in su) hanno tutto saldato
Mai visto un pc dai 600€ ai 900€ Con ssd e ram saldate

comatrix

Scusa ma chi ha mai detto che abbia iniziato Apple? Me lo citi per favore?

Andrej Peribar

Non è che lo cambiano perché non ha un alto grado di riparabilità.
Ma perché senza una alto grado di riparabilità fuori garanzia non è conveniente effettuare la riparazione.
Soprattutto per prodotti non top di gamma

:)

comatrix

Illuminami per favore, tu sei per caso cugino del più grande ubriacone Arabo di tutti i tempi:

- Nabir Albar? ^^

Deathstroke

Il supporto di Windows è ben più lungo.

Deathstroke

Onestamente non conosco persone che cambiano un pc in meno di due anni
Se lo fa per perchè vuole avere sempre il modello aggiornato non c’entra niente la riparabilitò

Deathstroke

Vedo che l’articolo parla delle 3 aziende più importanti del mercato e non solo di Apple

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim