Nel "domani" di Boston Dynamics robot e uomo instaureranno un legame

11 Maggio 2022 18

Serve prima di tutto umiltà per riuscire nel campo della robotica, la capacità di digerire gli "innumerevoli fallimenti durante lo sviluppo e i test che nel nostro campo hanno sempre preceduto ogni successo". Parola di Marc Theermann, il Chief Strategy Officer responsabile dell’organizzazione di prodotti, partnership e marketing di una tra le prime aziende di robotica al mondo, Boston Dynamics. Insomma: passione sì, senza dubbio, ma anche altrettanta pazienza.

La robotica è un ambito della tecnologia che negli ultimi anni è progredito parecchio anche grazie all'audacia di Boston Dynamics, che ha attirato dapprima Google, poi Softbank e in ultimo il gruppo Hyundai, che l'ha acquisita nemmeno un anno fa. L'azienda è stata svelta a confezionare i suoi progetti ambiziosi. Spot, il piccolo automa elettrico a quattro zampe arrivato nel 2015, peraltro destinatario di recente di un aggiornamento importante, Atlas, una piattaforma bipede di ricerca e sviluppo, e Stretch, il robotico dipendente della logistica messo sotto contratto a gennaio da DHL.

ROBOT NON TOGLIERANNO NULLA ALL'UOMO, DARANNO VALORE

C'è chi guarda a questo campo con una certa diffidenza, intimorito dal fatto che - lo sostengono anche alcuni studi - i robot possano finire per sottrarre lavoro all'uomo. Theermann è di diverso avviso, pure perché in Boston Dynamics immaginano un mondo in cui l'inserimento dei robot possa contribuire ad espandere il potenziale umano, ad aggiungere valore piuttosto che sottrarlo:

Il nostro obiettivo è immaginare e creare robot speciali che arricchiscano la vita delle persone. Non si tratta di sostituire il lavoro umano; si tratta di migliorarlo, con la robotica che aggiunge valore rendendo i nostri compiti quotidiani più sicuri, più facili e più produttivi. [...] Stretch, il nostro nuovo robot per la logistica, è stato progettato per spostare scatole pesanti nei magazzini e nei centri di distribuzione, aiutando i dipendenti a essere più sicuri grazie all'esecuzione di alcuni dei compiti più impegnativi e ripetitivi.

È così che il CSO di Boston Dynamics pensa che l'azienda contribuirà al Progress for Humanity, slogan che sintetizza la vision del gruppo Hyundai, con cui "fortunatamente" - dice - ci sono punti di forza complementari che innescano l'opportunità di creare delle sinergie tecnologiche, quindi progetti, scambi e partnership commerciali affinché uno faccia progredire l'altro e allo stesso tempo uno sia il complementare dell'altro.

'MOMENTO AFFASCINANTE PER LA ROBOTICA'

Il Robotics Lab di Hyundai sviluppa "tecnologie orientate ai servizi e incentrate sull'uomo", mentre Boston Dynamics finora ha sviluppato robot per l'industria e la logistica. Con successo, perché di Spot in giro per il mondo ce ne sono quasi mille, e hanno già dimostrato di essere preziosi svolgendo mansioni delicate, come la ricerca di anomalie termiche nelle sottostazioni elettriche o la mappatura delle zone di radiazione negli impianti nucleari.

Theermann non nasconde l'intenzione di guardare anche al di fuori dal contesto produttivo.

È un momento affascinante della nostra storia per la robotica. Siamo all'alba dei robot mobili che entrano nella nostra vita quotidiana: a scuola, al lavoro e infine nelle nostre case. In futuro, l’impiego dei robot mobili intelligenti si espanderà oltre i contesti industriali di oggi. Prevediamo un mondo in cui i robot entreranno sempre più a far parte della nostra vita quotidiana: un giorno diventeranno comuni negli uffici, nelle scuole, negli ospedali e infine anche nelle nostre case.

La direzione da seguire è già ben chiara nella mente del CSO. Il punto di partenza sta sempre nella comprensione dei bisogni della gente e del modo in cui eseguono le loro azioni così da sviluppare dei robot più aderenti alle stesse e più simili agli esseri umani, anche cercando l'empatia tra uomo e robot. Che c'è già:

È affascinante vedere le persone interagire con Spot. Nonostante capiscano intrinsecamente che si tratta di una macchina, le persone reagiscono spesso come se si trattasse di un vero cane. [...] Stiamo ancora esplorando quanto possano essere espressivi ed emotivi i robot, ma crediamo che la prossima generazione di robot intelligenti debba comunicare con gli uomini su un piano più emotivo. Immaginiamo un futuro in cui i robot un giorno possano essere compagni fidati del nostro quotidiano.

FUTURO PIÙ LUCENTE CON HYUNDAI, ANCHE PER LA MOBILITÀ

Molti dei progetti in cantiere sono riservati, ma tra quelli immediati che si posson dire c'è l'idea di implementare i robot all'interno dello Hyundai Global Innovation Center di Singapore entro il 2022. È stato condotto un proof of concept presso lo stabilimento di Gwangmyeong di Kia, altro brand della galassia Hyundai, dove Spot ha dimostrato di essere utile come soluzione per la sicurezza e la manutenzione.

Hyundai nasce e rimane principalmente un produttore di automobili, ma l'apporto interno del Robotics Lab unito alle conoscenze, da poco pure loro interne, di Boston Dynamics tracceranno la strada per la mobilità di domani.

Robotica e mobilità si completano e accelerano a vicenda. Per questo i robot serviranno come elemento fondamentale per le future soluzioni di mobilità, più pulite ed efficienti. Pensate a viaggi elettrificati, veicoli senza conducente, esoscheletri, soluzioni dell'ultimo miglio e modelli di trasporto sinergici all'interno delle città. Il futuro della mobilità sarà molto diverso dalla mobilità di oggi.

L'integrazione di Hyundai all'interno dei meccanismi di Boston Dynamics ha aiutato a pianificare meglio il futuro, aprendo a possibilità a cui che si possono prendere in considerazione con un maggior grado di concretezza solo nel momento in cui alle spalle si ha un grande gruppo con relazioni consolidate. Queste saranno utili anzitutto a incrementare la produzione e conseguentemente le vendite di Stretch nel settore logistico in un periodo storico-industriale come quello attuale segnato dalla crisi dei chip.

L'accordo con DHL, che utilizzerà una flotta di Stretch per supportare le proprie operazioni in Nord America, è solo il primo dei diversi step che Boston Dynamics vuole compiere.

I nostri team stanno collaborando ad alcuni grandi progetti e non vediamo l'ora di condividere ulteriori dettagli nel prossimo futuro. Una grande idea - ha confessato Theermann - è quella di creare una nuova catena del valore che vada dalla produzione di componenti robotici a soluzioni logistiche intelligenti basate su robot. Stiamo ancora lavorando per definire le tempistiche specifiche, ma i primi progressi sono molto incoraggianti.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
T.Bombadillo

Comunque sono droni, automezzi a guida autonoma con torrette ecc.. non hanno gambe per ora.

T.Bombadillo

Ho di recente letto che la Cina sta tentando azioni diplomatiche molto importati per convincere gli Usa a firmare un trattato sui "Lethal autonomous weapon" anche detti killer Robot, che sono già in sviluppo avanzato Usa ed in piccolissima parte Russia.
Gli Usa rifiuteranno accordi, visto che siamo prossimi alla guerra con la Cina è che ormai hanno investito miliardi.
Leggevo sempre su Limes che sono in grado di riconoscere il nemico tramite diverse tecnologie anche di riconoscimento facciale.
Purtroppo non riesco a trovare l articolo, non è indicizzato google (occorre essere abbonati).

MrNondisponibile

Transumanesimo arrivo!!

MinoLLo

Appunto.

Polymar77

In che senso storia vecchia? Lo Unicorn dovrebbe trovarsi ancora ad Odaiba. Questo è a Yokohama.

Veronika

Molto bella se è ciò che credo

MinoLLo

E' quello nuovo, quello vecchio e lo Unicorn sono storia vecchia.
Fa anche un sacco di mosse.

Polymar77

https://uploads.disquscdn.c...

Polymar77

Gundam non mi sembra d'accordo su sta cosa di Pacific Rim :P

virtual

Dolores, quando arrivi?

Edoardo

Ho visto abbastanza black mirror da sapere che prima o poi i robot finiranno per essere usati per scopi malvagi quali opprimere la popolazione senza nemmeno rischiare la vita degli oppressori.

Tra qualche decina di anni a manganellare saranno i robot, non i caschi blu.

Vespasianix

Guardati a x l. Su prime video m pare.

Jaws 19
Watta

Se mi trova le piantine di ganja saremmo molto amici

MinoLLo

Si vede che sei giovine.

MinoLLo

Legame alla metaihead?

giovanni

I grandi robots pilotati dall'uomo tipo film Pacific Rim si stanno avvicinando.

R4nd0mH3r0

i giapponesi in questo sono già avanti

https://uploads.disquscdn.c...

Apple

Due mesi con MacOS Ventura: ecco come va e le principali novità!

Recensione

Recensione AMD Ryzen 9 7900X e Ryzen 5 7600X: Zen4 è tra noi!

Tecnologia

Internet illimitato e veloce a casa senza fibra: con FWA ho trovato la soluzione

Apple

Recensione iPhone 14 Pro Max, IL migliore di sempre!