MediaTek: SoC di fascia media compatibili con il 5G nel 2020

22 Ottobre 2019 2

MediaTek spinge sull'acceleratore nel campo del 5G: dopo aver svelato il suo primo SoC di fascia alta a primavera, il produttore taiwanese sembra intenzionato a percorrere la stessa strada intrapresa dal competitor Qualcomm con lo sviluppo di nuovi chip dal costo più basso. La notizia rimbalza da oriente - link in FONTE - e, secondo quanto riportato, anche MediaTek punterebbe alla realizzazione di un nuovo SoC a 7nm con modem 5G destinato ad equipaggiare i prossimi smartphone di fascia media.

L'architettura non dovrebbe cambiare, verrebbe quindi mantenuta quella del chipset MT6885 ma le dimensioni del processore dovrebbero essere ridotte del 25%, così come il costo dovrebbe essere sensibilmente inferiore. La produzione di massa è prevista per il secondo trimestre 2020, il che significa che i produttori non potranno averlo a disposizione almeno fino all'estate del prossimo anno.

Terminato lo sviluppo di questa soluzione, MediaTek dovrebbe poi passare al processo produttivo EUV a 6 nm di TSMC, già confermato dalla fonderia, in linea con la propria roadmap. Quest'ultimo passaggio richiederà diversi mesi: MediaTek avrebbe quindi tutto il tempo per valutare l'evoluzione del mercato 5G e regolare di conseguenza la propria linea produttiva, con l'obiettivo di spedire nel 2020 fino a 60 milioni di chip compatibili con le reti di nuova generazione.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Pure l'unicorno è bello secondo le persone che non l'hanno mai visto.

Egidiangelo

belle

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Xiaomi Mi Note 10: live batteria (5260 mAh) | Fine ore 22:45 con il 14% rimanente

Samsung Galaxy M30s: live batteria (6000 mAh) | Fine ore 23 con il 32% rimanente