ROG FLOW Z13: una settimana con il "Surface da gaming"

29 Settembre 2022 43

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Negli ultimi anni l’esplosione del mercato del gaming ha portato al crescere dell’offerta di soluzioni dai form factor particolari e sono emerse idee per prodotti diversi dal solito. ROG Flow Z13 si inserisce in questo contesto: è un tablet ma anche un potente PC da gioco, dotato di un Core i9-12900 H e di una Nvidia RTX 3050Ti. Una sorta di Surface molto più prestante e con capacità multimediali di tutto rispetto.

Non si tratta certamente di un prodotto adatto a tutti ma questo 13 pollici, con touch screen e supporto al pennino, permette di lavorare e giocare tanto a casa e in ufficio, quanto in mobilità. Considerando la particolarità delle soluzioni adottate da Asus, abbiamo scelto di utilizzarlo in movimento e provarlo in contesti che valorizzano questo particolare ibrido tra un tablet e un PC da gioco così da capire quanto una soluzione simile sia già oggi praticabile, dove eccelle e in cosa invece c'è ancora margine di miglioramento.

Abbiamo anche avuto modo di sfruttarlo in tandem con una RTX 3080 attraverso l’utilizzo del ROG XG Mobile, che si connette al Flow Z 13 attraverso la Thunderbolt 4 posta sul lato del PC e apre la strada a un’esperienza di gioco completamente diversa, pensata per utenti ancora più esigenti.

PIÙ PC O PIÙ TABLET?

Avendo utilizzato un Surface Pro per diversi mesi, il concetto costruttivo e d’uso del ROG Flow Z 13 non ha rappresentato una novità. Lo chassis di metallo del PC contiene tutte le componenti e fa anche posto per lo schermo, mentre sul retro trova spazio un kickstand regolabile utile per scegliere l’inclinazione con cui si vuole lavorare. La tastiera è invece magnetica, può essere staccata e riattaccata in qualsiasi momento oltre che ribaltata per sfruttare il PC in modalità tablet.

L’hardware scelto e la necessità di raffreddarlo a dovere hanno imposto un peso (1,19 Kg senza tastiera, 1,5 Kg con la tastiera) e dimensioni (30,3 x 20,5 x 1,2 cm) superiori in confronto a quelli del Surface e di altri prodotti simili: compromessi inevitabili che rendono, ad esempio, l’utilizzo in modalità portrait un po’ meno pratico, diciamo una sorta di extra. Nella maggior parte dei casi mi sono ritrovato a voler utilizzare il Flow Z 13 su una scrivania o comunque appoggiato su una superficie orizzontale, come il tavolino di un treno. Resta comunque un prodotto versatile che regala un ventaglio di possibili utilizzi piuttosto vasto, oltre che un’esperienza d’uso decisamente pratica.


L’assemblaggio è di ottima qualità e non mancano una manciata di extra, tra cui la finestra con vista sulle componenti e l’illuminazione RGB, per un look che non rinuncia allo stile tipico dei prodotti ROG. Il sistema di raffreddamento pesca l’aria dal retro e la rilascia dalla cornice superiore, facendo in modo che tutta l’esperienza d’uso sia molto confortevole: quando si gioca per diverse ore non avere componenti sotto alla tastiera, che quindi resta sempre fresca, è una gran comodità e anche a livello di rumorosità il sistema resta sempre piuttosto silenzioso.

La connettività è garantita dalla presenza di due USB-C poste sul lato sinistro, che ospita anche la connessione proprietaria per l’XG Mobile, quindi sulla destra una USB-A, purtroppo solo 2.0, e il jack 3,5 mm utile per chi vuole connettere un paio di cuffie cablate, ancora molto popolari nell’ambito del gaming. Sotto al kickstand si trova invece l’ingresso per la microSD che magari non è comodissimo da raggiungere, ma resta una buona aggiunta che non è banale trovare su dispositivi di questo tipo.

UNA TASTIERA DI TUTTO RISPETTO

La tastiera / cover è un po’ più pesante di quella del Surface Pro, che rimane un’eccellenza in questo particolare ambito, ma non la fa rimpiangere. L’illuminazione RGB e una corsa dei tasti più lunga (di 1,7 mm) la rendono più orientata al gaming, ma anche nell’utilizzo quotidiano - ad esempio nella scrittura di questo articolo - risulta sempre comoda.

Come per tutte le altre componenti di questo ROG Flow Z 13, anche la tastiera si distingue per una qualità costruttiva di tutto rispetto: i pulsanti non sono particolarmente rumorosi e qualsiasi tasto si prema, anche con una certa forza, non mostra alcun tipo di incertezza o flessione. Potete insomma utilizzarla senza timore anche per lunghe ore di lavoro o gioco.

La connessione al PC avviene attraverso connettori fisici, il che offre la miglior risposta possibile agli input ma non dà modo di utilizzarla separata dal dispositivo, come avverrebbe con una tastiera bluetooth.

Buono ma non incredibile il trackpad, che può risultare comodo quando non si ha sotto mano un mouse, ma resta una sorta di seconda scelta. La superficie interna della cover è rivestita con una gomma molto comoda che però, inevitabilmente, nel tempo tenderà un po’ a segnarsi. Quella esterna, invece, in una simil alcantara che, forse anche a causa della colorazione nera, mi è sembrata un po’ troppo propensa a sporcarsi.

UNO SCHERMO PER GIOCARE E NON SOLO

Il ROG Flow Z 13 è disponibile con due schermi differenti: un FHD+ con risoluzione di 1920 x 1200, 120 Hz di refresh rate, 100% sRGB e 500 nit di luminosità massima e poi un altro UHD+ a 60 Hz, 3840 x 2400 pixel di risoluzione e 85% DCI-P3.

Io ho potuto testare il primo e per i miei gusti resta la soluzione migliore: considerando le specifiche dell’hardware, una risoluzione più bassa ma comunque più che sufficiente su un 13 pollici permette di optare per opzioni grafiche superiori, mentre il refresh rate di 120 Hz stringe l’occhio a chi vuole grande fluidità su certi titoli, ad esempio quelli competitivi.

La resa complessiva è buona anche se il pannello non ha tempi di risposta fulminei e questo si traduce saltuariamente in qualche effetto di ghosting sulle immagini. Nulla di troppo fastidioso ma a tratti si nota e, considerando il costo del sistema, non è certo piacevole. Molto buona invece la risposta al tocco: per me l'anima tablet del ROG Flow Z13 è solo residuale, però quando capita di interagire con le dita sullo schermo non si resta mai delusi.

SILENZIO, SI GIOCA

Come già anticipato in precedenza, il sistema di raffreddamento fa un ottimo lavoro: conta due ventole dedicate e due radiatori che contribuiscono a raffreddare tanto la CPU quanto la GPU, spingendo poi l’aria calda al di fuori dello chassis dal lato superiore. La scocca raggiunge circa 40 gradi di temperatura esterni quando sotto stress, che si fanno sentire se si sceglie di utilizzarlo in modalità tablet e lo si regge in mano o, ad esempio, sulle gambe senza sfruttare il kickstand.

Il formato compatto, con lo schermo e le componenti poste uno in corrispondenza delle altre, ha suggerito di optare per alcune scelte piuttosto radicali, come quella di far partire le ventole già una volta che il sistema raggiunge e supera i 50 gradi centigradi, ma senza mai attestarsi su livelli di rumore allarmanti. Giocando abbiamo registrato circa 45 - 50 dBA percepiti alla distanza a cui ci si pone normalmente mentre si usa il PC, valori tutto fuorché estremi.

Si sarebbe invece potuto far di più, a mio vedere, sul fronte degli speaker: quelli montati all’interno del ROG Flow Z 13 vedono uscire l’audio dalle fenditure laterali, producono un suono decente ma con bassi non troppo soddisfacenti e una potenza massima non incredibile (abbiamo misurato al massimo 80 dBA circa mettendoci come al solito in una posizione di utilizzo normale, davanti al PC).

VITA DA TABLET

La volontà di essere anche un tablet e, più in generale, un dispositivo che strizza in maniera importante l’occhio all’uso in mobilità, ha imposto ad Asus di impegnarsi per garantire una durata della batteria più che dignitosa. Quella da 56 Wh inserita all’interno permette di godere, anche grazie al buon lavoro fatto sulla componentistica interna, di circa 6 ore di riproduzione video su Netflix, Prime Video e simili servizi in streaming con la luminosità impostata al 50%, e circa 5 ore di lavoro e navigazione su Google Chrome. Quando ci si mette a giocare, scegliendo il profilo di consumo e performance massimo, si scende ovviamente parecchio ma questa non è di certo una sorpresa.

La webcam anteriore ha una risoluzione massima di 720p e in buone condizioni di luce permette di partecipare a meeting online e videoconferenze senza alcun pensiero, mentre la fotocamera posteriore da 8 megapixel è un extra che difficilmente utilizzerete e che tutto sommato scatta immagini dimenticabili. Diciamo che può essere presa in considerazione in situazioni d’emergenza ma nulla più.

La fotocamera posteriore da 8 megapixel non permette di fare scatti troppo ambiziosi

Non ci sono enormi margini per gli upgrade, invece, visto che l’accesso alle componenti è limitato all’SSD M.2 che può essere sostituito accedendo dalla parte nascosta dal kickstand, ma è un compromesso che tutto sommato ci si poteva aspettare considerando la particolare struttura di questo dispositivo.

LA SCHEDA ESTERNA CHE MANCAVA?

Osservando le specifiche del ROG Flow Z 13 salta subito all’occhio come, quantomeno nella versione testata con un Intel Core i9 12900H, una NVIDIA RTX 3050Ti (nella versione da 4GD GDDR6 e 35-40W di potenza) e 16GB di LPDDR5, il processore sia sovradimensionato rispetto alla GPU.

Una risposta a questo problema viene dal possibile collegamento del dock XG Mobile che, attraverso la connessione proprietaria, mette a disposizione una RTX 3080 e una manciata di altre porte per aumentare la connettivitità (HDMI 2.1, DisplayPort 1.4, quattro USB 3.2, un lettore di SD e un ingresso Ethernet).

Si tratta di una soluzione costosa e con delle limitazioni, ad esempio non è pensata per vedere alcun upgrade futuro, quindi all’interno dello chassis dovrà rimanere la RTX 3080 montata in partenza. Resta, nonostante questo, un'interessante soluzione per chi non ha problemi di budget e vuole un boost di potenza magari quando torna a casa, attacca il Flow Z 13 al monitor (o ai monitor) e ha necessità di maggior potenza rispetto a quando utilizza questo curioso ibrido per lavorare in mobilità.

A CHI SI RIVOLGE?

Il ROG Flow Z 13 non è un prodotto semplicissimo da giudicare. L’idea di creare una sorta di Surface pensato e realizzato per il gaming - o comunque per un certo tipo di performance avanzate - è molto interessante e, ad oggi, si tratta di un prodotto unico sul mercato.

La qualità costruttiva è ottima e ci sono tutta una serie di soluzioni, ad esempio quelle scelte per il raffreddamento, che denotano quanta attenzione sia stata riposta nella progettazione di questo ibrido. Nella quotidianità fatta di spostamenti e lavoro in mobilità, il Flow Z 13 si comporta sempre adeguatamente, garantisce ottime performance, oltre a maneggevolezza e versatilità che solo questo formato a metà tra portatile e tablet può offrire.

Allo stesso tempo ci sono alcuni limiti, innanzitutto di prezzo: circa 2.200 euro per la versione testata, a cui ne vanno aggiunti altri 1.000 e passa per mettere sulla scrivania anche il modulo XG Mobile dotato di RTX 3080. In totale la configurazione testata si aggira attorno a 3.500 euro. La scelta di affiancare un i9 12900H a una RTX 3050Ti crea un collo di bottiglia piuttosto evidente e si somma a una serie di problemini di gioventù, ad esempio legati alla disponibilità di porte e ai tempi di risposta non ottimali dello schermo, che ulteriori future revisioni potranno di certo mitigare.

Ad oggi il Flow Z13 resta un prodotto di nicchia, aspirazionale per l'utenza appassionata di videogiochi che negli anni ha visto diventare sempre più sottili e performanti i computer da gioco e ora sogna un ultimo salto verso la massima versatilità.

CONCEPT MOLTO INTERESSANTEOTTIMA QUALITÀ COSTRUTTIVAUN PRODOTTO VERSATILE
MOLTO COSTOSOALCUNI DIFETTI DI GIOVENTÙ

VIDEO


43

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Harakiri

può benissimo essere...

nel settore dove opero io, ma non è "verticalissimo", ne vedi una marea...la mia compagna lavora nel mondo grafico e li non te lo devo dire nemmeno...

mastrohubert

Insomma, considerando cosa si deve portare dietro un professionista direi che la differenza la fa. Poi specie in certi ambiti, inspegabilmente tutto le performance in ambiente windiws sono superiori. Sembra quasi che ad Apple non interessi entrare in determinati settori.

Stef76

Avessi 3500€ da buttare, lo prenderei subito. Ottimo device per la mobilità e il lavoro, torno a casa o in hotel, amo giocare, lo attacco alla station e lo uso anche per quello.

GhostFox

fare i paragoni con gli stipendi è il senso più sbagliato del mondo, perchè i 5000euro al mese della svizzera NON sono i 5000euro in italia dato che la vita in svizzera costa molto di più tutto, la vita ecc.., la sanità non è pubblica e tanti altri concetti diversi.
Ho anche io un amico al primo lavoro, a dublino, che prende 2500euro al mese, il doppio di uno stipendio medio italiano circa, ma gli affitti la viaggiano a 1000euro al mese per un buco da 45/50mq, si deve pagare l'assicurazione sanitaria, le bollette non sono economiche ecc.. ecc.. quindi i conti dello stipendio vanno fatti nel paese dove vivi, NON rapportati al paese dove non vivi per creare un gap di stipendio con lo stesso tenore di vita che non è il medesimo.

GhostFox

il surface, che possiedo, magari avesse le performance di questo qua... è una delle cose che lamento di più nel quotidiano.

GhostFox

intanto non è un tablet e già qui si capisce che parli di qualcosa che non conosci. E' un pc a tutti gli effetti che fa tutto quello che serve se necessiti di vere performance dedicate in mobilità.

il prezzo serve a poco, se il prodotto resta "mini" e molto mobile, con la potenza che ha, ovvio che debba avere un prezzo elevato, se lo compari a strumenti simili come razer, dell o surface.
io uso il surface e come mobilità è 300 volte meglio di avere un notebook, perchè avendo l'uso senza tastiera non ti ingombra ad essere utilizzato in modi scomodi.
prima di parlare, magari aver avuto la sensibilità di vedere oltre al prezzo, sarebbe molto piu utile al contesto.

è come dire che una 3080TI non serve a niente per giocare in fullHD, eppure il 90% di chi le ha comprate le usa cosi, tutti imbecilli che potrebbero comprare oggi una 1080 per quello specifico uso?!

il surface di microsoft ha avuto un successo enorme, per questo il formato attuale proposto in questo prodotto, punta al medesimo concept ma con prestazioni che un surface si può solo sognare.. ma tant'è se parliamo sempre con chi non li usa, è sempre tutta roba da scaffale.
ci volto MOLTO meno senso nel comprare un IPAD che non fa niente, perchè l'OS per lavorare nella quotidianità è molto meno user-friendly di windows... ma non do degli imbecilli a chi lo possiede per fare AOE.

Sven Goran E.

Il ragionamento sullo stipendio ci sta, ma ti posso garantire che questo non lo trovi in giro da nessuna parte, nemmeno a Taiwan tra quelli che lo hanno concepito

roby

Si 3500 certo

Sergio Amato

Ti dico la mia verità... questi prodotti non sono pensati per essere venduti in Italia...un prodotto del genere qui non ha mercato se non per pochi eletti... già se vai in Svizzera e/o resto d'Europa gli stipendi in alcuni ambiti sono anche il doppio...
Ti faccio un esempio per il mio mestiere da consulente Microsoft:
-io a Roma : 2000 euro netti scarsi....
- amico in svizzera (stesso ruolo) : 5000 euro al mese
- amico in belgio (Stesso ruolo) : 3500 netti al mese
- amico in svezia (stesso ruolo) : 4000
Anche considerando le spese maggiori, capisci quando impatta diversamente l'acquisto di un prodotto del genere nelle casse di una persona...

darthrevanri

ma se io vedo il sold out ovunque? tipo ne volevo uno, da unieuro finiti, su amazon neanche la traccia, guarda che Asus ha un marchio molto forte e di sicuro se hanno prodotto il X13 che ha venduto anche perche' se non vendeva non avrebbero prodotto il Z13, che vendera' o ha gia' venduto, invece mi meraviglio di persone che scrivono su un blog di tecnologia remare contro il progresso. 2200 sono tanti solo in italia con stipendi da 1500 ti ricordo che il resto del mondo evoluto gli stipendi sono di 3000-4000.

Mr. G/Blocked:45/Mac+Android

Se le tue applicazioni sono GPU intensive, non arriverai neanche a 2

OT
Della chiusura di Stadia niente?

Dado

Impressionante!! Esistono persone che progettano e danno il benestare per la produzione di questo prodotto.
Come quelle persone che lentamente hanno portato alla chiusura della divisione mobile di LG, alla chiusura di htc e al prossimo fallimento di Sony mobile.

Ma a cosa serve sto tablet????
2200 euro!!

Antsm90

Probabilmente 4 o 5 ore dura, direi più che abbastanza

Mr. G/Blocked:45/Mac+Android

Perfetto fino a quando non lo utilizzi davvero sul campo... pensa soltanto a quanto durerebbe la batteria senza alimentatore con applicazioni del genere

Mr. G/Blocked:45/Mac+Android

Più che altro non capisco perché non usare la Thunderbolt per queste cose... è fatta apposta

Antsm90

Sarebbe stato un altro prodotto.
Ad esempio per un progetto alla quale sto lavorando mi è necessario un tablet con molta potenza di fuoco (va collegato a dei sensori ad hoc e portato in giro per dei rilevamenti con mapping in tempo reale) e questo è semplicemente perfetto.

Ma in realtà anche per un gamer... Se sei in mobilità e vuoi giocare senza compromessi questo va benissimo (nel tuo esempio invece non avrebbe senso. Se hai un PC con una 3080, usi direttamente il PC)

GabrielJ

Poteva essere una ottima soluzione: non mettere la 3050ti migliorando batteria e dissipazione cpu, in "mobilità" usavi l'integrata e a casa la 3080...
E niente.

MagicLuke

Beh le busca assai da Xbox Cloud Gaming per dire…

Fandandi

"Surface da gaming" = "Surface in versione brutta e inutile"

Fanboy

Non volevo essere cosi diretto :DDD

Matteo

Intanto Stadia chiude i battenti

Tiwi

bella recensione, per il resto, un vero flop, boh, forse sarò io a non capire ma:
per l'uso in mobilità è pesante, la batteria dura poco ed è scomodo
per l'uso in casa/ufficio, ha un soc pompato ma una scheda video che non regge, e di certo portarsi dietro anche la l'altra scheda (che costa la metà di tutto il pc), è follia

insomma, apprezzo il provare qualcosa di nuovo, ma lo trovo inutile, caro e anche realizzato male, non come costruzione ma proprio come scelta dell'hw, bocciato

Pistacchio
Harakiri

ma anche un pro 14...se ci fatturi per davvero non saranno 2-3k di portatile a mandarti in rovina...

R4nd0mH3r0

quella del Galaxy Tab S8 ULTRA andrebbe messa in cornice e ogni mattina che entrano in ufficio andrebbe fatta recitare a memoria a tutti i redattori

I.A.

penso che per quel che costa, il gamer che vuole giocare in mobilità faccia prima a comprarsi un notebook gaming, tipo i ROG di Asus o similari.

mastrohubert

Utilizzo la linea surface da anni. Un aspetto che non è stato preso in considerazione è l'utlizzo da parte di professionisti che hanno bisogno di potenza anche in mobilità. Architentto in cantiere, video maker che trava sa il filmate e fa le prime bozze, grafico che presenta alcuni progetti. Ovvio è un attrezzo di lavoro costoso ma viviamo in un periodo dove un macbook air costa 1500€. Trattandosi di strumenti di lavoro non penso sia quello il punto. Insomma virei su una versione I7(se esiste) e munedosi di una scheda esterna potrebbe essere una soluzione valida.

Pentium

ahahhah ma serio il bundle costa come una macchina?

Pentium

soprattutto entrambe le schede video non potrai mai upgradarle con le nuove

Fanboy

E' inutile, non lo capiscono! Hanno quella del Galaxy Tab S8 ULTRA dalla quale prendere spunto, se proprio non vogliono farle fare all'autore :D

Mr. G/Blocked:45/Mac+Android

Si, per carità, bella idea ma ti costa come prendere 2 device separati e ti becchi tutti i compromessi in termini di surriscaldamento e scarsa autonomia

E K

Potrebbe essere bello ma non lo é. Peccato, l'intenzione c'era tutta.

charlie

per me sarebbe perfetto. devo prendere un portatile e farmi un pc da gaming. con questo contando anche la periferica esterna risolverei. si lascia la periferica esterna a casa collegata al monitor, quando vuoi giocare lo colleghi per il resto hai il portatile da portare dove si voglia

Mr. G/Blocked:45/Mac+Android

Con tutta la buona volontà.... anche no

xpy

Per circa 30 minuti, poi si spegne

idrovorox

a batteria mantiene le stesse performance che in carica??!??!!?!?

FactCheckoIlDisagio

Il Surface da gahahahhahah

T. P.

anche 2!!!
ahahaha

Ciccillo73

Tra l'altro Cosa intendono per giocare in mobilita'? Che lo porti da una stanza/casa all'altra? Perche' in modalita' batteria di sicuro non si puo' giocare, e lo dico da possessore di un HP Omen.

NULL
iTunexify

Cerca di fare tante cose e non ne fa una bene. Il tutto con costi ridicoli

Scemo 4.0

Review testuale un po’ scarna ragazzi, prodotto unico nel suo genere nel bene e nel male.

Recensione MSI Prestige 15, un buon notebook tuttofare

Come scegliere il notebook giusto? Ecco i nostri consigli!

Recensione Lenovo ThinkPad Z13: ultra premium, ultra compatto, ultra potente

Recensione MSI Creator Z17, tutto al TOP, anche il prezzo