Recensione Microsoft Surface Pro 9: cambia poco ma resta il migliore | Video

03 Gennaio 2023 190

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Eccoci qui con quello che ormai considero un appuntamento fisso, parlo della recensione del Surface Pro 9 di Microsoft, un prodotto che, da tempo, è senza ombra di dubbio il migliore della sua categoria. Proprio per questo motivo, specialmente per quello che riguarda le ultime generazioni, non abbiamo visto grandi rivoluzioni nei nuovi modelli. Si è trattato per lo più di ottimizzazioni che lo stanno portando, di anno in anno, a confermarsi come il tablet Windows 2in1 più a fuoco del mercato. Potrei fermarmi qui e dirvi semplicemente che questo giudizio è rimasto totalmente invariato, ma il cambio di piattaforma e un piccolo passo indietro nella connettività mi portano a parlarvene un pochino più nel dettaglio.

FUORI IDENTICO, O QUASI

Diciamo subito che per quanto riguarda l'aspetto estetico andremo molto veloci perchè rispetto alla precedente generazione, che abbiamo recensito qui, non è cambiato praticamente nulla. Non dobbiamo però prendere questa caratteristica come un difetto, anzi, il fatto che comunque fosse la miglior interpretazione di tablet 2in1 sul mercato, rende questo "non cambiamento" un pregio, specialmente se dai competitor non sembra esserci l'intenzione di impensierire la posizione di Microsoft.

Stesso design, stessi materiali e anche stesse dimensioni. Surface Pro 9 misura 28.7 centimetri di larghezza per 20.8 di altezza e 9.3 millimetri di spessore, tutto per un peso di circa 870 grammi per il solo tablet. Abbiamo quindi ancora uno chassis in alluminio anodizzato e un vetro Gorilla Glass 5 a protezione del display.


A dire il vero una differenza rispetto al passato c'è ed è l'assenza del jack audio da 3,5mm. Sì, esatto, Microsoft ha inspiegabilmente deciso di togliere il jack a questo Surface Pro 9. Ci sono quindi due USB-C con supporto Thunderbolt 4, così come restano i magneti alla base per l'attacco della tastiera, ma sparisce il connettore audio e, onestamente, è una scelta per la quale non vedo una logica. Capisco non inserire una USB-A o una HDMI standard, i cui connettori sono abbastanza spessi e potrebbero costringere Microsoft a "ingrassare" il tablet, ma il jack audio era presente fino allo scorso anno e non ha mai dato fastidio a nessuno. Ormai manca da tempo su molti smartphone e lo abbiamo accettato, ma in quel caso, viste le dimensioni, è un compromesso che accetto più facilmente.


Jack audio a parte è rimasta identica anche la tastiera e, come dicevo sopra, è da considerarsi indubbiamente un bene. In questo modo, infatti, la tastiera dello scorso anno rimante compatibile con il nuovo modello, anche se, difficilmente, chi ha acquistato il Surface della precedente generazione vorrà aggiornarlo con il nuovo modello.

In tutto ciò quella di Surface resta anche la migliore interpretazione di cover con tastiera sul mercato. Non è certo come digitare con la tastiera di un notebook classico ma diciamo che, considerando la tipologia di prodotto, l'esperienza di scrittura è comunque di buon livello. Il trackpad come sempre è un po' piccolino, motivo per cui vi consiglio di dotarvi di un mouse o di sfruttare il touch ogni volta che potete.


Come nella versione precedente rimane quindi anche la Surface Pen di ultima generazione, con il suo nuovo design appiattito che ci permette di inserirla nell'apposito alloggiamento a scomparsa nella parte alta della tastiera. Si tratta di un accessorio che può essere più o meno utile a seconda dell'utilizzo che intendete fare del vostro Surface. Se pensate possa esservi utile allora sappiate che si tratta di una pennina assolutamente valida, più comoda di quello che si possa pensare a livello di ergonomia e dotata di una buonissima reattività nella stesura del tratto. Insomma, quello che ci si aspetterebbe da una soluzione del genere. Rispetto alla generazione precedente, anche qui, non cambia nulla a livello di usabilità e prestazioni.

DISPLAY E AUDIO

Passo quindi a raccontarvi un pochino del display di questo Surface Pro 9 che, come per la maggior parte dei componenti della soluzione rimane identico allo scorso anno. Si parla quindi di un pannello da 13 pollici di diagonale con risoluzione 2880x1920 pixel e rapporto d'aspetto di 3:2, oltre che un refresh rate di 120Hz. Nulla di nuovo, così come resta identica anche la tecnologia alla base. Si tratta di un classico LCD IPS a cui Microsoft ha assegnato il nome commerciale di Pixel Sense Flow.

La risoluzione elevata consente di avere un'ottima definizione in tutti i frangenti, rendendo molto piacevole la visione di contenuti multimediali e, allo stesso modo garantendo una buona leggibilità dei documenti e delle pagine di testo. Abbiamo poi una luminosità massima che supera le 440 cd/mq, un valore che garantisce una buona visibilità in tutte le situazioni, anche in ambienti molto illuminati e, soprattutto, in esterna. Si tratta di una caratteristica che, data anche la natura del prodotto, non è sicuramente da sottovalutare.

E infine è buona anche la riproduzione dei colori, che è molto precisa e, soprattutto, offre una copertura colore superiore al 100% per il Gamut sRGB e vicina all'80% per quello DCI-P3. Insomma, probabilmente non lo userete come monitor reference ma se vi doveste trovare a lavorare con immagini e video, potete comunque contare su un supporto valido.


Restando in tema multimedialità spendo poi due parole sull’audio. Ovviamente, dato lo spessore della soluzione abbiamo dei limiti fisici per cui la dimensione degli speaker è indubbiamente condizionata dallo spazio a disposizione. Non possiamo quindi aspettarci chissà quale ampiezza o corposità dei bassi, ma devo dire che il risultato ottenuto è comunque buono. Considerando tutto, infatti, il volume è abbastanza elevato e la qualità discreta. Certo mancano quasi totalmente i bassi e complessivamente restiamo sotto ad iPad Pro, che considero un po' come il riferimento della categoria; ma senza sbilanciarci troppo possiamo direi che comunque questo Surface si difende bene.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Bene, eccoci a parlare di quello che si nasconde sotto la scocca di questo Surface Pro 9 e partiamo dicendo che quest'anno ho avuto la fortuna di provare la versione base del tablet Microsoft che, a mio modo di vedere, è quella più sensata e, probabilmente, anche quella che verrà acquistata maggiormente. Parliamo quindi del modello con CPU Intel Core i5 1235U, accompagnata da 8 GB di RAM LPDDR5 da 5200 MHz e da un SSD Samsung da 256 GB (rimovibile) con velocità di lettura e scrittura di 3500 e 2500 MB/s circa.

SCHEDA TECNICA SURFACE PRO 9

  • Display: 13", PixelSense Flow, 2.880 x 1.920 pixel di risoluzione (densità di 267 pixel per pollice), rapporto 3:2, refresh dinamico fino a 120 Hz, contrasto 1200:1, rivestimento Gorilla Glass 5
  • Processore: Intel Core i5-1235U o Core i7-1255U
  • GPU: Intel Iris Xe
  • Memoria: 8, 16 o 32 GB di RAM LPDDR5
  • Archiviazione: 128, 256, 512 o 1024 GB, SSD removibile
  • Porte: 2x USB-C 4.0/Thunderbolt 4 + 1x Surface Connect + 1x Surface Keyboard
  • Connettività: Wi-Fi ax, Bluetooth 5.1
  • Autonomia: fino a 15,5 ore (uso tipico)
  • Alimentatore: 60 W
  • Fotocamere:
    • Frontale: 1080p, supporto autenticazione Windows Hello, effetti grafici Windows Studio supportati nella variante 5G
    • Posteriore: 10 MP, autofocus, video fino a 4K
  • Audio:
    • Speaker stereo a 2 W
    • Doppio microfono Studio far-field
  • Compatibilità accessori:
    • Progettato per Surface Slim Pen 2
    • Surface Pro Signature Keyboard
    • Surface Pro Keyboard
  • Sistema operativo:
    • Consumer: Windows 11 Home
    • Business: Windows 11 Pro o Windows 10 Pro
  • Colori: Platino, Grafite, Zaffiro, Foresta
  • Peso: 879 g
  • Dimensioni: 287 x 209 x 9,3mm

Ma perchè dico che, a mio modo di vedere, si tratta della versione più sensata? Presto detto. Chi acquista una soluzione di questo tipo è consapevole di non aver bisogno di chissà quale potenza di calcolo o, probabilmente, ha a disposizione una seconda macchina che può dedicare alle operazioni più dispendiose. Per queste persone quindi, come vedremo tra poco anche nei risultati dei test, la potenza che è in grado di offrire questo modello è più che sufficiente.

Andiamo con ordine. Anzitutto devo dirvi che pur trattandosi di un prodotto sottile e leggero, Microsoft non ha rinunciato ad una messa a punto che garantisca buoni margini di spinta alla piattaforma. Attivando la modalità massime prestazioni, infatti, PL1 e PL2 vengono impostati rispettivamente a 35 e 60 Watt, valori che non capita spesso di trovare nemmeno in soluzioni più ingombranti e con un design più classico. Ma passiamo ai risultati dei test.


Caricando al massimo tutti i core della CPU per una decina di minuti circa, ci troviamo di fronte ad un andamento piuttosto solido e sicuramente in grado di garantire una certa stabilità al sistema. I due Performance Core raggiungono inizialmente un picco di frequenza di quasi 4 GHz per poi assestarsi a circa 2,3 GHz, con una media per tutta la durata del test di 2,4 GHz. Il comportamento degli Efficency Core è molto simile, si parte dalla frequenza operativa massima di 3,3 GHz e poi ci si assesta intorno a 2,3, poco sotto i P-Core.

Si tratta di frequenze operative molto buone considerando lo spessore e la capacità di raffreddamento della soluzione. In questa situazione la temperatura media sulla CPU è di 78 gradi circa e il TDP si attesta a circa 30W, segno che comunque la messa a punto lascia del margine anche quando il sistema è sotto pieno carico. E infatti anche in queste condizioni Surface Pro 9 rimane reattivo, il Thermal Throttling non è per nulla penalizzante e, oltre a questo, la rumorosità è sempre contenuta e le temperature sulla scocca mai eccessive. Il vantaggio qui è poi dato dal fatto che nella tastiera non abbiamo componenti che scaldano e, di conseguenza, anche quando le temperature si alzano il comfort di chi usa la soluzione non è mai messo in discussione.


Discorso analogo anche aggiungendo al test la GPU integrata. Le frequenze dei Core ovviamente calano un pochino, facendo segnare una media di 1,8 GHz. Anche il consumo della CPU di conseguenza cala e si attesta a 25W, che diventano 40 se aggiungiamo il carico della GPU. Ad avermi sorpreso è però sicuramente i carico iniziale, dove i consumi hanno sfiorato gli 80W, segno che, comunque c'è sicuramente margine. No, non sto dicendo che potrebbe andare sempre a 80W, altrimenti ci troveremmo con il notebook fuso in men che non si dica, ma diciamo che si potrebbe salire tranquillamente di altri 10W. Anche perché in questo caso la temperatura media della CPU è di circa 72 gradi, ulteriore dimostrazione del fatto che, anche qui, ci sarebbe margine per migliorare ulteriormente le prestazioni e che Microsoft a voluto ottimizzare il sistema prediligendo la stabilità.


Si tratta di una strategia che condivido a pieno. Come detto anche poco fa, chi acquista un notebook di questo tipo non lo fa per affrontare operazioni particolarmente complesse e dispendiose. Per questo motivo è più corretto dare maggiore peso alla stabilità e al comfort d'utilizzo piuttosto che avere una macchina con prestazioni superiori, che non verrebbero comunque quasi mai sfruttate. In tutte le operazioni più comuni questo Surface Pro 9 eccelle, e ci permette di portare a casa il risultato mantenendo anche un consumo tutto sommato sempre abbastanza contenuto.

No, non ci possiamo fare modellazione 3D o rendering di chissà quale tipo. Non possiamo nemmeno pretendere di creare effetti video elaborati o di lavorare a progetti per cui normalmente utilizzeremmo una workstation ben più ingombrante. Giocare? Scordatevi i titoli AAA più recenti con dettaglio al massimo, ma posso dirvi che una partitella a Rocket League non ve la leva nessuno. Io ci ho fatto girare anche Fortnite con dettaglio basso e risoluzione FHD, oltre che aver ritoccato un po' di foto con Photoshop senza alcun particolare problema.

AUTONOMIA

Prestazioni assolutamente soddisfacenti quindi, unite ad una autonomia ottima. Dentro a questo Surface pro 9 abbiamo infatti una batteria non enorme, 47,7 Wh per la precisione, che riesce però a garantire fino a 10 ore di utilizzo lavorativo standard sotto rete WiFi, con luminosità al 50% e modalità d’uso bilanciata. Si sale a quasi 11 ore in riproduzione video con App Netflix o Youtube mentre a pieno carico siamo intorno all’ora e 45 minuti di utilizzo.

La ricarica avviene tramite il connettore proprietario con l’alimentatore da 60W incluso in confezione che ricarica completamente il Surface in stand-by in circa un’ora e mezza. Volendo è anche possibile caricare Surface sfruttando una delle USB-C.

CONSIDERAZIONI

Ok, eccoci come sempre arrivati al momento di tirare le somme. Partiamo con qualche considerazione sul prezzo: la versione da noi provata, ovvero quella con Core i5, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB, è offerta ad un prezzo di listino di 1329 euro. A questi dobbiamo poi obbligatoriamente aggiungere i 159 euro della tastiera, che portano il totale a 1488. Se volete poi anche la pennina allora ecco che si sale fino a circa 1600 euro. Insomma, da qualunque lato la si osservi sono comunque tanti soldi, indubbiamente. Surface Pro non è mai stato un prodotto economico e non lo è diventato nemmeno quest'anno.

Devo però ancora sottolineare come la qualità sia assolutamente ottima e come, alla fine dei conti, acquistando una qualsiasi altra soluzione con caratteristiche simili a livello di portabilità, prestazioni e caratteristiche, non si vada poi tanto lontano nemmeno a livello di prezzo.

Detto ciò lo comprerei? Se avessi bisogno di un prodotto estremamente portatile ma che mi garantisca allo stesso tempo delle buone prestazioni e una stabilità e reattività sempre ottime, direi proprio di sì (budget permettendo). Le alternative non mancano certo, ma sono tutte in casa Microsoft e sono da ricercarsi esattamente nelle versioni precedenti di questo Surface Pro che, con il passare del tempo, si trovano a cifre più basse rispetto al loro prezzo di lancio.

PRO E CONTRO
Display molto buonoSempre compatto e leggeroPrestazioni ottime in relazione alle dimensioniEsperienza d'uso senza pari nella categoria
Niente jack audio, inspiegabilmenteCosta sempre tantoTastiera e penna venduti separatamente
VIDEO


190

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Il corpo di Cristo in CH2O

eh mi spiace, purtroppo io non afferro mai il sarcasmo a meno che non sia davvero evidente.

Fabrizio Spinelli

Ero sarcastico, eh? :D

Il corpo di Cristo in CH2O

al lancio di windows 8, questo non poteva esprimere la sua natura di os innovativo su dei vecchi cassoni come i clamshell di quegli anni. allora ballmer decise che microsoft doveva entrare nel settore dei dispositivi per dare una linea di design agli oem che fosse anche quella che potesse far esprimere al meglio windows 8. gli oem accolsero la proposta e cominciarono a fornire alternative con form factor simili ai surface (altri come i ribaltabili hp spectre, oppure ancora il vaio multi-flip) a prezzi minori con licenze windows praticamente regalate. i surface dovevano vendere poco perchè altrimenti il mercato degli oem sarebbe stato distrutto. quindi non è stata una linea di prodotti nata per fare volumi di vendita. è stata creata come reference design. ormai visto il fallimento di tutto questo, e il fallimento delle evoluzioni di windows, il marchio surface è diventato un simbolo e nient'altro.

Fabrizio Spinelli

Non lo so, Spiegacelo :D

Fit Diesel

Potevi rispondergli: "qualcosa che non sia alla pari, ma superiore".

Fit Diesel

Non sottovalutare la situazione, perché citando una famosa massima: "alle volte dorme più lo sveglio che il dormiente".

Fit Diesel

Prezzo in linea...alla conta di un pranzo domenicale. Peccato per quei 05 centesimi che rovinano tutto. https://uploads.disquscdn.c...

[Max]

Se il problema fosse la CPU neppure si accenderebbe, forse hai il sistema di dissipazione che avrebbe bisogno di manutenzione.

Michele

La portabilità è davvero il punto di forza di questo formato, ma restano comunque sovraprezzati e ancora scomodissimi da usare solo in modalità touch. Di recente ho acquistato per la metà del prezzo (o 1/3, a seconda della configurazione del surface) un 2 in 1 hp e l'esperienza d'uso è assolutamente paragonabile. Sarà leggermente più ingombrante, ma non mi viene in mente una condizione di utilizzo in cui potrei usare il surface e non il 2 in 1. Ho ancora oggi un surface go del 2018 ed è il dispositivo che uso di più, ma restano sovraprezzati.

Pistacchio
gianni polini

Sempre divertente leggere “ore di autonomia”.

Poi ci lavori un minimo, un paio di meeting e dopo 3 ore ti ricorda di collegarlo al caricabatterie

The Undertaker
Pistacchio

Io ho il Surface Pro 3, e ti posso assicurare che l'ho maltrattato alla grande (ci ho giocate anche Shadow of Mordor a dettagli infimi...).

Il suo problema ora è la CPU, l'SSD va ancora alla grande.

Rapidashmarino

le solite, 2 in 1, ma non è ne l'uno ne l'altro, anzi di tablet ha solo il touch

L' Amore pensato

che portatile da 600 nuovo hai preso? io penso che 8 giga di ram a 1200 euro siano un furto

Rettore Università di Disqus
R4nd0mH3r0

il mio discorso non era tanto originale/cinese/compatibile, ma sul semprlice prezzo vergognoso che microsoft (e gli altri ovviamente) chiedono per una tastiera che a dire tanto dovrebbe costare 49€

LuFranco78

Si, anche a me, ma quando spendi 900 per un pc, risparmiare 50€ per una penna e una tastiera compatibile con tutti i rischi del caso mi faceva veramente tristezza. Tantopiù che la tastiera originale ha lo scomparto con tanto di ricarica wireless per il pennino e il pennino originale è veramente ottimo per sensibilità, velocità e tutto il resto. Di listino la combo sta a 299 io ho pagato 200 che alla fine ci sta visto che una tastiera cinese da sola sta sui 65

LuFranco78

guarda, in modalità notebook hai ovviamente bisogno di un appoggio rigido, ma in modalità tablet è talmente veloce ed intuitivo che lei ci lavora perfettamente dal divano o sul letto poggiandolo sulle ginocchia. Mi dice che usare e scrivere col touch o la penna è anche più veloce che usare la tastiera fisica. Io non saprei dirti, uso due fissi con monitor da 27 entrambi.

LuFranco78

Io lavoro in excel su un 27, ma mia moglie in cambio della portabilità gli va bene anche un 13", ma tanto i suoi fogli sono molto semplici, usa molto di più powerpoint.
Ma se vuoi ti do il suo numero così gli fai una risata di persona che dietro una tastiera sono capaci tutti.

PyEr

Quali sarebbero i difetti software? Non seguo le storie dietro i Surface.

E K

"Un iPad base e ci fai tutto ciò che questo non fa", concordo al 100%,
ma sarei dell'opinione che bisonga anche elencare le cose che ipad fa:

- livellamento gambe tavolo
- tagliere schicchettoso per il formaggio
- supporto ficheggiamento da marciapiede per gli under 30
- supporto ficheggiamento da salotto per gli over 30

- avviare app per ipadOS (e solo ed esclusivamente quelle)

- costringerti a comprare iPhone, MBP, Airpods e Apple Watch altrimenti il sistema non si interfaccia con nulla ed é limitatissimo.
- utilizzo di apple maps.

Rettore Università di Disqus

Si mi fa ridere pensare che ci siano persone che lavorano su Excel con dei display da 13 pollici.
Bisogna essere masochisti.

E K

In bagno lo tengo sulla lavatrice, sul divano lo tengo su una gamba, a terra lo tengo sul pavimento e se lo uso a passeggio (per casa) tolgo la tastiera ed uso quella digitale. Direi che é abbastanza versatile. Poi dubito che chi ci lavora (io non ci lavoro) lo faccia seduto sulla bicicletta o appeso ad un palo, ma potrei sbagliarmi.

Rapidashmarino

i miglioramenti si devono fare via software, che ha sempre i stessi difetti della prima versione, anzi forse è peggiorato

The Undertaker
piero

Per fare tutto, anche ordinare un nuovo paio di occhiali

piero

Anche "nel caso doveste trovarvi....etc." suonerebbe pure meglio.

Michele

Obbligatorio? Loro cercano di infilartelo ma puoi benissimo rifiutarti, idem il mouse ne basta uno qualsiasi bluetooth. Questi poi sono prezzi da listino da sito ufficiale, lo street price sarà altra roba. Inoltre l'ssd è sostituibile con un cacciavite e senza invaidare la garanzia

The Undertaker

SQ2 e un processore su base Arm, hanno fatto le cose alla Microsoft, comunque su Microsoft store "Obbligatori un Pacchetto OFFICE 365, e viene fuori una discreta somma non da poco.
https://uploads.disquscdn.c...

The Undertaker

Quindi il processore di Microsoft SQ su base ARM e come al solito "voglio ma non posso"

https:// www .ilsoftware .it/articoli.asp?tag=Processore-Microsoft-SQ1-perche-e-stato-realizzato_20035

The Undertaker

Dai su, e un tuo vecchio video recuperato da Instagram..

Fade

Provai il surface pro 4, il problema fondamentale per cui me ne sbarazzati è soprattutto per il fatto che se vuoi lavorare lontano da tavoli e scrivanie è impossibile.

R4nd0mH3r0

effettivamente.....

R4nd0mH3r0

sarà che sono powero, ma a me 200€ per una tastiera e un pennino sembrano già una rapina a mano armata.

Frank

Ma scusa parli di alternative migliori, ma in realtà sono altri tipi di prodotto.
Ogni tanto mi pare che si commenti a caso.

FactCheckoIlDisagio

Posso dirti con certezza che il 90% delle auto in circolazione ha più di 100.000km.

Inutile andare nel panico con TBW, è solo un parametro. La salute vera del disco te lo dice lo SMART. Il resto è solo inutile panico.

Sistox v2

lumion, twinmotion ed enscape sono abbastanza tranquilli. Non mi servono filmati quindi non saprei dire nulla su qiel versante, ma le immagini statiche non richiedono chissà quanto. Con la giusta quantità di ram non dovrebbero esserci gorssi problemi

Background 07122017

Ho scritto in maniera frettolosa, non ho fatto caso errando, in ogni caso faccio riferimento alle alternative come Ideapad flex, ok non è un 2 in 1, ma davvero ad oggi ha senso spendere il doppio per avere meno prestazioni, meno autonomia? Ok puoi usarlo in modalità tablet, su quale applicazione, già Windows 11 fa pena in modalità tablet figuriamoci tutti gli applicativi che hanno solo interfaccia desktop. Per me è un prodotto inutile , 2 in 1 che non fa bene nessuno dei 2

E K

Una volta erano prodotti interessanti, ma ora per il prezzo e per come si sono adeguati i competitor, ho dovuto comprare di nuovo surface perché le alternative fanno pena/schifo/compassione.

E K

Speravo di comprarlo, poi ho visto che le spec erano similissime all'8 e mancava il jack audio, ho guardato quanto costava l'8 in configurazione 32Gb di RAM ed ho comprato il laptop studio ad un prezzo notevolmente inferiore per il black-friday, e da allora vivo felice usando il pro 5 come muletto e il lap-stu per le cose impegnative.

Pistacchio
Disqutente

Purtroppo...
Magari una rilettura veloce aiuterebbe. Ma alcuni errori basterebbe anche solo fare copia/incolla su un word qualunque per scovarli.

Certo che se testate anche importanti si trovano a scrivere obrori grammaticali non lamentiamoci se poi l'itagliano medio parla e scrive come un bambino di 10 anni...

Poi ovvio che chi è senza peccato scagli la prima pietra, ma un giornalista dovrebbe secondo me tenere in particolar modo a cuore il proprio uso della lingua italiana.

Michele

Ah, il Blackberry

Matteo

sfido che un Archicad non ci possa girare... funziona pure sul Teclast F7 dei miei!

LuFranco78

Ho a casa anche un notebook nuovo sulla fascia dei 600€ e non vale nemmeno la metà del surface. Certo, ammesso tu abbia bisogno di lavorare in mobilità e di fare cose abbastanza comuni e non rendering o applicazioni 3d. Io infatti uso quasi esclusivamente pc desktop potente + smartphone, ma è indubbio che questo è uno strumento eccezionale

Michele

Yes, su Mac c'è la thunderbolt ma è perché è sviluppata da Apple e Intel

LuFranco78

si, ma questo è una cosa diversa, finchè non lo provi e lo usi non capisci il suo utilizzo. E' uno strumento ultraversatile e allo stesso tempo potente

Matteo

lumion... non credo proprio https://media3.giphy.com/me...

Recensione Asus Zenbook S13, vale la pena comprare un notebook premium?

Recensione MSI Prestige 15, un buon notebook tuttofare

Come scegliere il notebook giusto? Ecco i nostri consigli!

Recensione Lenovo ThinkPad Z13: ultra premium, ultra compatto, ultra potente