Microsoft Surface Pro 8: è il migliore 2 in 1 sul mercato | Video

19 Febbraio 2022 204

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Mentre da qualche giorno si parla già delle ipotesi sul Surface Laptop 5, di cui sarebbe trapelata la scheda tecnica, e dal 22 febbraio arriverà nel nostro Paese il Surface Laptop Studio, Microsoft ha deciso di portare in Italia il Surface Pro 8, dopo averlo presentato lo scorso autunno a livello globale.

L’azienda di Redmond l’aveva annunciato lo scorso settembre come il 2 in 1 più potente sul mercato. Di fatto, si tratta di un'evoluzione progressiva della gamma con componenti aggiornati: il concetto di base rimane lo stesso, sebbene con qualche miglioramento abbastanza significativo rispetto alle edizioni precedenti.

Quindi, accantoniamo in questo caso la formula delle recensioni più classiche, che vanno a indagare ogni aspetto di prodotti completamente nuovi, per concentrarci sui punti chiave del nuovo Surface Pro 8. Eccoci allora: cinque domande e cinque risposte che concentrano le cose più importanti da sapere sull'ultimo arrivato tra i 2 in 1 di Microsoft.

INDICE

1. È IL 2 IN 1 PIÙ POTENTE SUL MERCATO?

L’affermazione di Microsoft è senz’altro molto vicina alla verità, anche perché in campo non ci sono molti concorrenti. Il Surface Pro 8 è un ottimo prodotto, ma anche quasi un unicum nella sua categoria, tanto che si potrebbe dire che nella concezione comune coincide con la definizione di 2 in 1.

Per chi non fosse addentro la materia, la sua caratteristica principale è l’estrema versatilità che lo rende l’ideale per l’utilizzo in mobilità: ottimo per treni, viaggi e spostamenti, basta una mossa per staccarlo da tastiera e pennino e usarlo come tablet, oltre ad essere decisamente più leggero e comodo rispetto ai convertibili dotati di schermo che ruota a 360°.

In entrambe le vesti, sia quella di PC che di tablet, svolge bene le proprie funzioni ed effettivamente nella sua configurazione top di gamma è veramente difficile trovare di meglio in questo form factor; dalla sua ha poi la presenza di Windows, che rende possibile svolgere tutti quei task lavorativi che invece sono preclusi agli altri tablet che girano su Android.

2. QUALI SONO I PUNTI FORTI?

Tra i pregi, il primo da menzionare è senz'altro la qualità costruttiva: il Surface Pro 8 si conferma un prodotto solido e ben fatto, e il kick stand incorporato permette di scegliere l’angolazione preferita per il display in modo sicuro grazie alla cerniera molto solida.

La percezione al tatto e alla vista è quella di un prodotto di fascia alta, molto premium, e a questo contribuisce anche la tastiera retroilluminata in alcantara, che non flette e col nuovo design si incastra perfettamente sotto il display in modalità laptop senza coprirne nemmeno un millimetro di troppo.

Altro punto forte è il display, che nonostante le dimensioni del dispositivo siano rimaste pressoché le stesse (si parla di 287 mm nel Pro 8 rispetto ai 292 mm nel Pro 7) è quasi un pollice più grande rispetto al predecessore grazie al ridimensionamento delle cornici, che sono diventate decisamente più sottili e quindi dall’aspetto moderno.


Quindi 13” con aspect ratio di 3:2 (rispetto ai 12,3” precedenti) e una risoluzione di 2880x1920 per un display che è davvero un fiore all’occhiello, migliorato in luminosità e fedeltà cromatica permette di godere di tutte le funzioni dedicate ai tablet di Windows 11. La frequenza di aggiornamento è a 60 Hz di default ma può arrivare a 120 Hz, che è insolito fuori dall’ambito gaming.

La cornice superiore rimane un po’ più spessa rispetto alle altre perché alloggia la fotocamera anteriore e il sensore a infrarossi per il riconoscimento del viso, che è davvero fulmineo e non sbaglia un colpo, anche a una discreta distanza. Tra i pro rientrano le fotocamere (posteriore da 10 MP con video fino in 4K e anteriore da 5MP) che permettono di fare delle videochiamate di ottima qualità per un portatile.

Le chiamate sono ottime anche grazie al doppio microfono che riesce a catturare l’audio con una maggiore definizione rispetto al passato, mentre la riproduzione degli altoparlanti è soddisfacente ma non ai livelli dell’audio presente su altri prodotti di fascia alta come ad esempio i MacBook; d'altronde c'era da aspettarselo, considerando che lo spazio a disposizione è decisamente molto ridotto.


Chiude l’elenco dei pro, ma non per importanza, l’autonomia, che è davvero significativa: Microsoft annuncia 16 ore, personalmente con un uso da ufficio e luminosità al 60% sono arrivata a 12 ore tra riproduzione di video, controllo delle mail, scrittura di testi, navigazione e qualche puntata su Photoshop. Risultato a fuoco considerato l’uso in mobilità per cui è pensato.

A questo contribuisce anche la batteria leggermente più capiente rispetto al Surface Pro 7 (si è passati da 45 Wh che garantivano già 10 ore di utilizzo ai 51 Wh sul Surface Pro 8). La ricarica avviene velocemente con il caricabatterie proprietario magnetico Surface Connect a 65 W, che permette di passare dal 10% al 100% di carica in meno di un'ora, mentre avviene più lentamente via usb-C.

3. QUALI SONO I PUNTI DEBOLI?

Per quanto riguarda i punti deboli la principale obiezione rispetto a questo Surface Pro 8 riguarda la dotazione hardware e in particolare il processore, perché Microsoft ha scelto di montare degli Intel di 11^ generazione invece degli ultimi usciti, quelli di 12^ generazione, che hanno comportato un bel salto avanti rispetto a prestazioni e consumi energetici.

Da un lato la cosa è dovuta al fatto che questi ultimi non erano ancora usciti quando il Pro 8 è stato annunciato a livello globale lo scorso autunno, e dall’altro probabilmente è legata alla crisi dei chip che poteva portare a dei problemi di reperibilità dei processori. Peccato, perché è un po’ come se da questo punto di vista il Pro 8 nascesse già “vecchio”; d’altronde in tempo di chip shortage queste considerazioni lasciano un po’ il tempo che trovano.

Un’altra considerazione riguarda le temperature raggiunte dal Surface Pro 8, perché i modelli precedenti scaldavano parecchio proprio per via del design fanless del 2 in 1, cioè privo di sistemi di raffreddamento attivi, fattore che incideva anche sulle prestazioni in un periodo di tempo prolungato.


Da questo punto di vista la situazione è migliorata perché oltre a un sistema di heatpipe che disperde il calore su tutto il corpo del prodotto è stata aggiunta anche una ventola, che probabilmente è tra le cose che hanno contribuito all’aumento del peso (si è passati dai 790 g del Pro 7 agli 891 g del Pro 8). Molto silenziosa, risolve in parte ma non del tutto il problema del surriscaldamento.

Terzo e ineludibile punto debole del prodotto è il rapporto del prezzo rispetto alle specifiche e l’innalzamento della soglia di prezzo della configurazione entry level. La configurazione del Pro 8 che abbiamo provato è quella con Intel Core i7, 16GB RAM e 256 GB di SSD, che al momento costa 1.699 euro sul sito ufficiale, mentre la versione entry level con i5, 8GB RAM e 128 GB SSD costa 1.139 euro.

L’equivalente della versione precedente costava 1.699 euro a prezzo pieno e adesso si trova sul sito ufficiale a 1.199 euro, ma c’era anche un entry level con Intel Core i3 (configurazione che non è stata rinnovata) che costava 919 euro a prezzo pieno e si trova adesso a 669 euro scontato, a significare che il prezzo della configurazione base è salito di parecchio. Inoltre bisogna aggiungere il costo della tastiera che in questa versione si trova al momento a 154,99 euro sul sito e della slim pen 2 che si trova a 134,99 euro.

4. COSA CAMBIA RISPETTO AL SURFACE PRO 7?

Cambiamenti rispetto al Surface Pro 7 sono, come anticipato, il display più grande, le cornici ridotte, il processore che è passato dalla 10^generazione alla 11^ generazione e anche il materiale: si è passati dal magnesio all'alluminio, mentre le colorazioni sono due, platino e grafite.

È scomparso lo slot per la microSD e c’è la nuova Slim Pen 2 dotata di Bluetooth 5, 4096 punti di pressione e di feedback tattile compatibile solo con Surface laptop Studio e Surface Pro 8 che riproduce la “resistenza” del foglio (non avendo a disposizione il modello precedente non posso esprimermi sulla differenza ma solo constatare che funziona bene, è molto responsiva ma per il momento ci sono poche app dedicate su Windows 11). La tastiera è stata riprogettata per ospitare la penna in un alloggiamento sotto il display in quella che trovo un'ottima soluzione.

La dotazione delle porte rimane minimal anche per via dello spessore molto ridotto del dispositivo ma rispetto al Pro 7 è stata aggiunta una porta usb-C in più: quindi abbiamo un attacco per il connettore proprietario ricarica 65W, jack per le cuffie da 3,5 mm, tasto accensione e spegnimento, bilanciere e due porte usb-c thunderbolt 4 che possono essere usate anche per collegare due schermi esterni o per la ricarica, anche se più lenta rispetto al caricatore proprietario; una novità che era stata introdotta dal Surface Pro 7 che trovo molto comoda perché permette di usare lo stesso caricatore per smartphone e laptop.

5. A CHI È PIÙ ADATTO?

Concludendo, il Surface Pro 8 è adatto per svolgere tutte le mansioni lavorative e non che richiedono Windows, anche il montaggio di video. Consiglio come minimo la versione con i5, 16 GB di RAM e SSD da 256 GB per poter svolgere tutti i propri task in agilità.

Sicuramente è un prodotto che può interessare ai professionisti che abbiano specificamente la necessità di lavorare molto in mobilità senza dover rinunciare alla presenza di Windows, o agli studenti universitari. Se si cerca un 2 in 1 che non invidia niente ai colleghi portatili questa è senz'altro la soluzione più valida, perché racchiude le massime prestazioni nello chassis più leggero e ibrido, con ottimo display e touchscreen, senza dimenticare l'aspetto stiloso.

Se invece non avete queste necessità così specifiche, allo stesso prezzo o meno si trovano vari laptop validi con le stesse specifiche o anche più potenti, quindi molto dipende come sempre dalle esigenze soggettive. Dal canto suo, Microsoft ha fatto un ottimo lavoro nel mettere a punto il Surface Pro più completo della gamma.

VIDEO

DISPLAYDESIGN E QUALITÀ COSTRUTTIVAALLOCAZIONE SLIM PENAUTONOMIA
PREZZO ELEVATOPROCESSORE NON DI ULTIMA GENERAZIONE

204

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
BluowingD

Evidentemente preferisce informarsi solo su HDBlog...

CiKappa

Qualcuno sa se la tastiera del Pro 8 è retroattiva con i vecchi Pro? Leggo di no, ma come dimensioni dovrebbe funzionare, no?

Pistacchio
BluowingD

Vabbè, solo chi non fa niente non sbaglia mai niente. IlPost non è esente da difetti, e qualche volta gli "ospiti" non sono all'altezza (so esattamente a quale ribrica di riferisci e sono d'accordo con te), ma a mio parere la qualità media che offre è nettamente superiore rispetto a quella a cui ormai siamo abituati lì fuori.

Giovanni Alfano

Prodotto stupendo e versatile (ho da diversi anni un pro 6). Naturalmente non è per tutti, e da qui i commenti in modalità volpe e l'uva. Ci sono persone per le quali anche i materiali e gli 800 grammi hanno un valore. Se per voi non lo sono, semplicemente comprate altro. Non proiettate voi stessi nel totale del campione, che è l'errore che fanno sempre le menti semplici.

Giovanni Alfano

Se hai i soldi per comprarlo, non è fuori mercato. E se sono arrivati all'ottavo, è perchè si vende. Ottimo prodotto.

Danny "Wolf" Godhouse

Certo che l'ho visto.
Ne ho uno nel telefono mi pare.

Giacobbe

Immagino tu non abbia mai visto in vita tua un lettore micro SD all'interno di un laptop...

Del Fante Guido

Elencameli. Ne bastano due bada.

Undertaker, always banned

Like X2.

Hanno tolto il mi piace, però se vai su disqus ce le ritrovi tutte

Mauro Morichetta

Sono queste le cose che mi fanno incavolare di Microsoft, realizzano l'unico ibrido che unisce tutte le utenze e poi fanno un sistema operativo che non va d'accordo con il touch, questo fa si che il pacchetto base senza tastiera non ha senso se ne fai un uso professionale, per vedere youtube va bene qualsiasi cosa...

Alessandro

Il commento che aspettavo. Non penso di aver mai raggiunto manco 5 ore col 7

CiKappa

Trovo molto più interessante il laptop studio, peccato che sembri un mattone e non abbia 15,6" di display.

Del Fante Guido

Fuori mercato rispetto a chi? Ci sono competitor 2in1 a pari qualità che hanno un listino inferiore?

Undertaker, always banned

https://media3.giphy.com/me...

Undertaker, always banned

Ovvio...

Undertaker, always banned

Quelle 4 rakkie ...

Yup! Se il thumb-up arriva simultaneamente alla pubblicazione del commento, quindi senza che chi lo ha messo abbia avuto il tempo di leggerlo, ovvio che stimola al curiosità

Danny "Wolf" Godhouse

Ti piacciono le mele?

moichain

prezzi fuori mercato per la configurazione intermedia servono quasi 2000 euro con tastiera e penna!

TheAlabek

Sono anche d'accordo con te, ma qui torniamo al discorso morti di faiga

Sandruz

Commento squallido e sessista.

Sandruz

Ma non è che stiamo parlando di una modella di Victoria's Secret... È una ragazza normale.
Onestamente guardo la recensione per il prodotto in se, non per chi lo presenta.

Undertaker, always banned

Non capisco tutti questi commenti negativi senza avere provato il dispositivo...

Undertaker, always banned

Perche bloccarle sono anche belle Gnocche, basta non cliccare sul link, almeno non vedi foto dei soliti telefoni...

[Max]

2 sono le possibilità o non hai letto i commenti o non sei riuscito a capirli.

Danny "Wolf" Godhouse

Qua siete tutti abituati bene.
Beati voi :)

Danny "Wolf" Godhouse

Calcolando che ancora non mi sono mai contagiato.... penso di no :)
Magari è stata solo fortuna.

Tiwi

buono, ma prezzo troppo alto per quello che offre

Gianballo Bombolonen

ci manca riccardio

alex-b
TheBoat

Solito problema: schermo incollato alla scocca e l'unico modo per accedere a componenti chiave, come ad esempio la batteria, che ricordo a tutti essere un consumabile esattamente come gli pneumatici di una macchina, è scollare lo schermo con conseguente rischio di rottura e difficoltà dell'operazione..

gp

La 12° gen serve per l'autonomia

E allora il 11gen va piu che bene, nemmeno te ne accorgi delle differenze.
Io ho un 8gen i7 512ssd, una bomba non sento alcuna necessità sia di cambiarlo sia con un 12 o 11 gen figurati.

MatitaNera

Hai conosciuto donne positive?

ricky aty

Troppo caro e poi ha hardware vecchio già fra un po avremo intel 13 generazione.

LuiD

Giusta la considerazione sul fatto che dovrebbe essere venduto almeno con la tastiera inclusa.

Squak9000

Non è roba da "prestazioni"... è compatto e leggero inoltre, nonostante abbiano fatto miracoli, il sistema di aerazione e raffreddamento ha i suoi limiti.

Quindi che sia i7 o i5 poco cambia... più di tanto non tiene.

Squak9000

Sicuramente molto bello... ma la gamma Surface l'ho trovata sempre scomoda.

Come stato progettato e costruito lo trovo molto molto scomodo da usare sulle gambe... serve una scrivania o comunque un appoggio. Impossibile usare in piedi con la tastiera.
"in piedi su usa con il touch"... mah, non so windows11 ma windows10 è nammerda e tremendamente scomodo da usare con il touch.

Trovo il Surface laptop decisamente più bello e funzionale.

gp

Non guardo nessun numerino, se mi serve un dispositivo fatto bene, portatile con touch penna e tastiera di livello, non ho alternative

Bestmark 3.0

Il problema é che da volantino sono qualcosa intorno alle 16, le 12h sono quelle che dovrebbe aver fatto Elena

DjL4S3r

E' arivato anche a me, in tempi 0 XD

DjL4S3r

Ma alla M$ non stanno per niente bene...prezzi folli per un harware del genere. Va bene il design, va bene la qualità, ma siamo proprio fuori di coppa ;)

Giardiniere Willy

Cosa dovrebbe leggere? Il giornale? Repubblica? Libero? Byoblu?

È forse il giornale più serio che c'è in Italia, che non significa che sia perfetto, ma almeno può essere degno di considerarsi un "giornale"

No.
Generalmente è sconsigliato in contesti critici e/o produttivi acquistare prodotti non arrivati sul mercato di massa. i test in laboratorio sono importanti ma i campioni sono molto bassi. Basti vedere le politiche di upgrade di sistema operativo o di progetti nuovi in cui le funzioni core non sono comprese nelle nuove release. Le prestazioni passano in secondo piano è un rischio alto: se capita un problema relativo ad un release nuova (non presente nella vecchia) è considerato un errore gravissimo di chi ha intrapreso questa strada.
Pertanto se l'indirizzo sono le aziende premium o i professionisti la scelta di una CPU collaudata dal mercato di massa è la scelta migliore.
Tu? tu che guardi i numeretti e le specifiche hai altre priorità e sicuramente guarderai comunque altri dispositivi orientati a garantire rapporto specifiche/prezzi più conveniente.

Luca Rissi

Bene, hai mostrato i muscoli adolescente alfa, ora puoi dedicarti all’onanismo.

Frankbel

Io ne ho preso uno per gelare le bibite.

Olianza <3

Commenti da segailo?
Mi sa che te hai qualche problema ormonale riguardo a dht e testosterone.
Per un uomo, osservare una donna e provare piacere nel farlo è un atto primordiale e naturale.
Mi rattrista piuttosto vedere certe donne denunciare per molestie perchè hanno ricevuto dei commenti (complimenti) riguardo a loro da parte di uomini.
La natura è suddivisa in maschi e femmine, i maschi hanno alti livelli di testosterone e bassi estrogeni, le femmine il contrario.
Tutto questo porta il maschio ad essere affamato di fig*.
E va bene così.
Non essere d'accordo significa andare contro più di 800 milioni di anni di evoluzione.
Non so se mi sono spiegato...

Microsoft Surface Laptop Studio, Pro 8 e gli altri: quale scegliere per il business?

Honor MagicBook 16 2022, la recensione: diversi passi in avanti e un prezzo maggiore

Recensione MSI GE76 Raider i9 12900HK e RTX 3080 Ti: un mostro di potenza!

Il 2-in-1 nel 2021: la mia esperienza con Asus Vivobook Slate 13''