Asus Zenbook 17 Fold OLED, dietro le quinte di un notebook pieghevole

23 Dicembre 2022 25

Fino a non molto tempo fa, se mi avessero detto che nel 2022 avrei tenuto tra le mani un notebook pieghevole fatto e finito credo proprio che non ci avrei creduto. Ho iniziato a lavorare in questo settore ormai quasi dodici anni fa, che, considerando il mercato della tecnologia e la sua evoluzione non sono assolutamente pochi. Ho visto da vicino tanti prodotti in anteprima, alcune volte anche concept mai arrivati sul mercato o magari non nella forma che mi era stata mostrata e altre volte ho potuto parlare con ingegneri che mi hanno raccontato la loro visione di un futuro, spesso all'apparenza molto remoto.

Ecco, nel 2018, in occasione del Computex di Taipei, Asus ci rinchiuse in una saletta con un paio di questi ingegneri e un sample di Project Precog, un notebook dotato di due display con una cerniera nel mezzo ad unirli; un prodotto che 5 anni fa sembrava rivoluzionario anche solo in questa forma. Beh, immaginate cosa possa aver pensato quando uno di questi due ingegneri mi disse che non avremmo mai visto una soluzione così sul mercato perchè probabilmente si sarebbe arrivati prima ad avere prodotti con display pieghevoli. 2018, son passati 5 anni ma a quanto pare nelle salette segrete dell'azienda lo Zenbook 17 Fold OLED, con chissà quale nome in codice, era già in qualche modo in programma.

Anche per questo motivo quando mi è stata data la possibilità di approfondire un pochino la genesi di questo notebook non ho saputo dire di no, e quindi ora vi racconto cosa mi ha detto Asus a questo proposito.

UN PROGETTO CHE VIENE DA LONTANO

Anzitutto partiamo dall'idea di realizzare un notebook pieghevole che, come detto poco fa, era ormai da diverso tempo tra i progetti di Asus. Ma quindi perchè solo ora lo si è potuto realizzare? I motivi sono essenzialmente due: il primo è legato alla maturità delle tecnologie necessarie per realizzare questo progetto, il secondo alle abitudini degli utenti. Solo ora si è infatti raggiunta l'affidabilità e la maturità tecnologica necessaria per poter garantire che soluzioni come Zenbook 17 Fold OLED possano effettivamente essere utilizzate tutti i giorni senza problemi e in una forma che non ci costringa a fare troppa attenzione. A questo va unito il fatto che, dopo diverse generazioni di smartphone pieghevoli e con una crescente necessità di adattarsi al meglio al lavoro agile, anche gli utenti sono ora più aperti e pronti ad accogliere questo tipo di dispositivi.

Non è un mistero che le recenti vicissitudini globali abbiano cambiato in maniera importante le modalità con cui la gente lavora e interagisce con i propri prodotti tecnologici, in primis smartphone e notebook. Il confine tra lavoro e tempo libero è sempre più sfumato ed è inevitabilmente emerso un nuovo modello di lavoro che è diventato molto velocemente quello più comune.

Zenbook 17 Fold OLED nasce proprio da questa esigenza di andare incontro alle necessità degli utenti, facendo in modo che il notebook possa adattarsi nel migliore dei modi a qualunque tipo di situazione, più di quello che potrebbe fare un notebook tradizionale. Per questo motivo è stato studiato un prodotto che potesse essere utilizzato in ben 6 modalità differenti.

Il display OLED da 17 pollici dello Zenbook può quindi essere piegato su se stesso trasformandolo in un notebook con display da 12.5 pollici, questo può poi essere utilizzato esattamente come tale sfruttando la tastiera bluetooth in dotazione oppure con la tastiera touchscreen che compare sulla metà inferiore del display. Allo stesso modo lo schermo può essere utilizzato disteso come un grande tablet, oppure appoggiato sulla scrivania in orizzontale grazie allo stand integrato come fosse il monitor di un desktop. Ma non solo, nei momenti di relax possiamo anche piegarlo a libro e utilizzarlo come un e-book reader.

ALLA RICERCA DELLA MASSIMA FLESSIBILITA'

Entrando più nel dettaglio la modalità notebook è quella che sicuramente verrà utilizzata di più dagli utenti comuni e quindi l'obiettivo era quello di non sacrificare eccessivamente le dimensioni. Il risultato è un'esperienza del tutto simile a quella di un notebook da 13 pollici, che è anche una dimensione che permette di realizzare una tastiera fisica che stia nell'impronta del dispositivo mantenendo delle dimensioni standard per quello che riguarda i singoli tasti. Insomma, tutto studiato per offrire un'esperienza senza compromessi nonostante il form factor del prodotto.

Quando poi si apre completamente lo schermo e lo si posiziona sulla scrivania sfruttando lo stand sul retro, abbiamo a disposizione molto più spazio di quello che può offrire un classico notebook da 13 o 15 pollici. Si tratta della modalità più indicata per il multitasking, per tenere aperte più finestre contemporaneamente, ma anche per la lavorazione di file multimediali.

Quelli appena descritti sono sicuramente gli scenari più comuni ma, volendo, gli utenti possono mettere da parte la tastiera Bluetooth e utilizzare il prodotto in modalità estesa, ovvero con orientamento "portrait". L'estensione verticale dello schermo offre maggiore flessibilità in alcune situazioni, come la navigazione web o la consultazione di documenti, e per questo può essere utile in determinate situazioni. La modalità laptop con tastiera virtuale è invece pensata per chi non vuole portarsi dietro la tastiera fisica o anche solo per gli smemorati che la dimenticano. Mentre la modalità tablet offre l'esperienza d'uso di un normale tablet ma con la potenza di un notebook e una superficie molto più ampia dove visualizzare gli elementi.

GLI ELEMENTI FONDAMENTALI

Ok, quindi, tanta flessibilità e versatilità che deve però essere supportata da una meccanica all'altezza, perché tutte queste modalità d'uso prevedono comunque che il notebook venga continuamente aperto e chiuso. Uno degli elementi chiave per la realizzazione e la progettazione di questo Zenbook 17 Fold OLED è senza dubbio stato il meccanismo di chiusura dello schermo.

La sfida era riuscire a realizzare un sistema di cerniere che permettesse, oltre che l'apertura e la chiusura a 180 gradi, anche il mantenimento dell'apertura ad angolazioni inferiori, esattamente come un notebook, con la differenza che qui abbiamo un display pieghevole e un peso equamente distribuito tra le due metà del laptop.

Per riuscire nell'impresa di realizzare una cerniera solida e allo stesso tempo stabile sono serviti mesi di lavoro e la stretta collaborazione con tutti i partner che forniscono ad Asus i vari componenti hardware: dagli elementi delle cerniere alle plastiche della scocca fino allo stesso display OLED flessibile (ndr. prodotto da BOE).

Alla fine dei giochi si è quindi optato per un design nel quale le cerniere si sovrappongono al display nella parte interna. Quando il display è completamente disteso le cerniere sono sostanzialmente a livello della superficie dello schermo, mentre piegandolo una parte di esse si solleva leggermente andando ad aumentare la resistenza e la tenuta del meccanismo.

Rispetto alle soluzioni adottate dagli smartphone pieghevoli più comuni, quella ideata da Asus è decisamente più complessa perchè deve essere collaudata per reggere un peso molto superiore oltre che un pannello di dimensioni molto maggiori. Stesso discorso per lo stand nella parte posteriore del laptop, studiato per reggere il peso della soluzione e renderla stabile quando utilizzata in modalità desktop; tutto questo cercando comunque di mantenere un ingombro più ridotto possibile. Si è quindi dovuto trovare il miglior compromesso tra spessore dello stand, forza della cerniera e lunghezza della porzione inclinabile.

Tutte caratteristiche che hanno richiesto uno studio molto approfondito anche dei materiali da utilizzare per realizzare il notebook. La struttura deve essere ovviamente rigida ma la parte che sormonta la cerniera deve flettersi e quindi in quella porzione serve un materiale malleabile. Dopo diversi tentativi e innumerevoli studi sulla composizione chimica dei materiali più adatti, Asus ha quindi optato per cornice e struttura in lega di metallo e magnesio, in modo da combinare resistenza e leggerezza. Il pannello posteriore è invece realizzato in vetro e, su di esso, è stata applicata una speciale pellicola protettiva antigraffio. Il rivestimento della parte centrale che scorre all'apertura e alla chiusura del pannello e invece di pelle sintetica applicata su una materiale plastico ad alta resistenza.

La pellicola a protezione delle parti in vetro del pannello posteriore è poi stata lavorata con una tecnologia molto particolare e innovativa che permette di ottenere una texture quasi metallica e in grado di riflettere la luce creando un effetto di satinatura a raggi concentrici che richiama la finitura tipica delle soluzioni Zenbook. Al centro di questa raggiatura è posizionato il monogramma a forma di A che da qualche tempo richiama il logo Asus. Insomma, nulla è stato lasciato al caso.

LA SFIDA PIU' GRANDE

Abbiamo quindi capito che realizzare una soluzione di questo tipo non è assolutamente un gioco da ragazzi e, al contrario di quanto si possa pensare, la sfida più grande non riguarda la parte tecnica della progettazione, quanto più il dialogo con tutti i partner e i fornitori. L'integrazione dei diversi elementi della scocca, insieme alla realizzazione dei componenti dell'architettura interna, sono tutte fasi che hanno richiesto moltissimi sforzi e tanto tempo per l'ottimizzazione e il collaudo.

Questo Zenbook 17 Fold OLED è profondamente diverso da qualsiasi altro notebook standard e, per questo motivo, serve ancora più attenzione ai dettagli. Commissionare ai partner i vari componenti ha richiesto un processo di verifica molto più lungo e puntiglioso, pre e post approvvigionamento. E questo ha fatto sì che proprio questa fase di comunicazione tra i vari anelli della catena si sia dimostrata come la più complessa di tutto il processo.

VIDEO ANTEPRIMA


25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Abel

Quello che mi preoccupa sono i graffi sul display flessibile o peggio rotture sulla piega dopo tot aperture. Ripeto, l'idea mi piace moltissimo, ma ho visto più di un video che mi ha fatto desistere

PyEr Natalizio

Quando bisogna trovare per forza un utilizzo...

Stef76

Sarebbe spoiler

Stef76

Devi solo sperare di non addormentarti a letto mentre leggi, rischi di non risvegliarti.

Gupi

Durabilità? Perché quelli classici non si rompevano? Ho avuto il primo fold 3 anni, l'ho letteralmente devastato, mille cadute senza usare cover, il display interno è l'unica cosa che non si è frantumata.

salvatore esposito

quindi tu vorresti un prodotto che ti faccia da desktop, laptop, tablet ed ebook reader in un peso di quanto? 150gr? meno?
visto che ci troviamo aggiungiamo anche smartphone e tv 55"? che dici?

Axe Capital

1,3 kg

LucaS888

“Ma non solo, nei momenti di relax possiamo anche piegarlo a libro e utilizzarlo come un e-book reader”

1,5kg di ebook reader?
Proprio rilassante....

Abel

Stupendo, come sono stupendi i fold... Purtroppo gli schermi sono ancora work in progress. Sto aspettando che la tecnologia sia abbastanza matura sul versante della durabilità per gettarmi sui pieghevoli. Spero che non abbandonino l'impresa perché il vantaggio tecnologico c'è, non è solo per show. Tutto dipenderà da Samsung che è il produttore trainante di questa tecnologia, spero non molli, gli altri seguiranno

Tarmacco

Scaffale… e piegato

ID
Ciccillo73

Be... https://uploads.disquscdn.c...

Ciccillo73

Cr1sto!

salvatore esposito

avevo immaginato un prodotto simile quando uscirono i primi pieghevoli. bravi
non escludo possa essere il futuro in moltissime situazioni, che ti serva un desktop, un laptop o un tablet per delle presentazioni, hai un unico dispositivo per qualunque esigenza (al netto di uno smartphone)

BlackLagoon

inutile esercizio di stile.
In the trash it goes!

ADM90

La piega da aperto si vede? Comunque come progetto secondo me è valido. Un portatile che può trasformarsi in “desktop”.

PyEr Natalizio

Mah...

Axe Capital

Ma lo vendono oppure è rimasto un concept?

DiRavello

sullo shop è esurito, vuol dire che li hanno venduti tutti

NOMC19

Solo a me sembra un tablet?

DesmoLuke

l'unica cosa di fascia top è il prezzo

T. P.

foto di apertura:
pubblicità occulta

https://media3.giphy.com/me...

Phabio

Bellissimo, quando il mio portatile cederà prenderò qualcosa del genere di sicuro.

acitre

3.299.

PCusen

Spettacolare! Non oso nemmeno immaginare quanto costerà.

Recensione Medion Erazer Major X10: Intel ARC A730M sfida la RTX 3060 | VIDEO

Recensione Asus Zenbook S13, vale la pena comprare un notebook premium?

Recensione MSI Prestige 15, un buon notebook tuttofare

Come scegliere il notebook giusto? Ecco i nostri consigli!