Chrome OS 103 in rollout, non è un aggiornamento come tanti: le novità

25 Giugno 2022 65

I Chromebook e gli smartphone Android d'ora in poi avranno un rapporto migliore, più snello e proficuo. Merito della versione 103 di Chrome OS, di cui Google ha avviato la distribuzione proprio in queste ore. Le migliorie fanno parte dei progetti futuri di cui Google ha parlato prima al CES di gennaio e poi durante l'I/O del mese scorso, un percorso che porterà i due sistemi operativi made in Mountain View a collaborare di più e in modo migliore.

FOTO DELLO SMARTPHONE SUBITO SU CHROMEBOOK

L'ultimo Chrome OS espande Phone Hub, il centro di controllo integrato lo scorso anno che consente di rispondere ai messaggi, controllare il livello della batteria del telefono o attivare la condivisione Wi-Fi della rete direttamente da Chrome OS. Adesso alle funzionalità già esistenti si aggiunge la possibilità di accedere alle fotografie memorizzate sullo smartphone, che appariranno direttamente su Phone Hub nella nuova sezione Foto recenti.

Basta un clic per scaricarne una, quindi non c'è più bisogno di ricorrere ad altri metodi per trasferire le foto dall'Android al Chromebook: niente più inoltro di scatti e video passando da Telegram (il che magari, per i file più ingombranti, avrebbe implicato l'abbonamento a Premium), o lunghi caricamenti in cloud. È sufficiente tenere vicini i due dispositivi, il resto lo fa l'integrazione tra i sistemi facendo così invecchiare i tap sullo smartphone.

NESSUN BISOGNO DI DIGITARE LE PASSWORD

Un'altra conquista dell'integrazione tra Chromebook e smartphone Android che odora di Apple è la condivisione della rete Wi-Fi tramite Condivisione nelle vicinanze, già utile per passare musica, immagini o altri file. Con Chrome OS 103 è possibile condividere in maniera semplice la password di una rete Wi-Fi salvata su uno smartphone Android, il che è utile per evitare di dover trascrivere ogni singolo carattere di una chiave spesso molto lunga nel momento in cui si deve connettere a una rete un nuovo Chromebook.

È sufficiente recarsi nelle impostazioni Wi-Fi dello smartphone con la password in memoria, toccare prima il tasto condividi e poi nelle vicinanze per selezionare il Chromebook che si vuole connettere alla rete, il resto è tutto automatico.

Rollout partito anche per Screencast, l'app che consente di registrare delle clip su Chrome OS e di ritrovarsele automaticamente su Google Drive, pronte per essere condivise. "Screencast consente a chiunque di registrare facilmente video didattici, demo di software, presentazioni e altro ancora", spiega Google.

CONNESSIONE IMMEDIATA CON 'CENTINAIA' DI CUFFIE BT

Il post in cui vengono spiegate le novità immediate contiene pure quelle che non sono subito disponibili ma lo saranno nel giro di poco. Entro la fine dell'estate arriverà la possibilità tramite Fast Pair di connettere delle nuove cuffie semplicemente attivando il Bluetooth sul Chromebook: apparirà un pop-up che consentirà di associarle con un solo tocco.

A quel punto la connessione verrà memorizzata nell'account Google affinché possa essere poi immediata su qualsiasi altro dispositivo utilizzato con lo stesso account. "Questa funzione - annuncia Big G - sarà compatibile con centinaia di cuffie diverse".

5G senza compromessi? Oppo Reno 4 Z è in offerta oggi su a 269 euro.

65

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
pollopopo

Io avevo 6y75 fanless (guardati il tdp) e se non badavi troppo ad i consumi lasciandolo a briglia sciola (7w/10w se non ricordo male) francamente non arrancava mai in modo particolare, forse soffriva più la mancanza di altri 8gb di ram (ne aveva solo 8 a bordo)

Il problema sono le applicazioni che girano su windows in background, dovrebbe limitarle di più windows per evitar che assorbano troppa cpu.

pollopopo

Io, francamente ho un 4670 e non lagga, ho problemi quando ci sono degli applicativi in background aperti che fan casotto, ma non è colpa di windows, è colpa delle applicazioni

paki lodi

ma chi? ma se mi fa laggare un core i5 10th gen....con una cpu da tablet e 16gb, chrome os gira molto meglio. Finiamola di mitizzare sto winzozz. e' una ciofeca. il SO fa veramente tanto. E gli applicativi linux girano su una VM con un container.....chissa' come sarebbero state le prestazioni native!

paki lodi

io ci lavoro anche, Docker, Minkube e in generale tutto lo stack cloud va una meraviglia. non tornerei mai indietro a winzozz. solo problemi

Federico

ChromeOS (in realtà FydeOS), sul quale tutto il lavoro "serio" viene eseguito su Linux.
Quindi sì, si può dire Linux, anche se in modo più moderno, pratico, solido ed agganciato al resto del mondo attraverso Android.

Federico

Su Apple sì, perché alcune aziende acquistano macchine Apple per la loro qualità e poi le usano con Windows tramite Bootcamp o Parallels.
Google no, perché tolto un singolo modello di portatile raramente rinnovato non produce hardware, quindi non avrebbe alvuna ragione di pagare royalty ad Intel

T. P.

ma si streming, qualche giochetto da play store e cosette semplici...
sembra l'ideale anche per i miei genitori! :)

Giorgio

Ludico non per fare gaming è.....cazzeggiare online et similia

T. P.

ottimo, grazie! :)

cipo
Giorgio

Io l'ho preso 8/9 mesi fa per casa, se non devi lavorare ma usarlo in modo ludico è na bomba

Sven Goran E.

A cosa sei passato? Linux?

Federico

Quando Apple decise per il ritorno ai processori RISC, Intel comunicò che avrebbe supportato Cupertino nella migrazione, dunque è altamente probabile che abbiano concesso la licenza.
Però come dicevo nel caso di Google il supporto a Windows è tutto fuorché strategico.

Vive

Lo uso nel tablet 2 in1 e per le piccole cose è il top.

Sempre pronto, autonomia fantastica perché il SO è leggerissimo, le PWA ora funzionano come app native ma pesano molto meno, ecc.

Giusto la stampa l'ho sempre trovata troppo complicata con HP.

Rick Deckard®

Ma non hai provato... Non è affatto la stessa cosa

pollopopo

Ma, gli applicativi grosso modo richiedono le solite risorse, è il sistema che ne chiede meno (che poi windows gira bene anche con cpu da 10w oramai)

cipo

C'entra..eccome nella logica dell'apertura del discorso, forse la hai scordata. E' una constatazione per ribadire come molti utenti, sia di Apple che di Google, hanno spesso bisogno di far girare programmi X86.

Federico
Federico

Win10 fu un progetto straordinario, quando Marella lo illustrò al mondo in tanti ne restammo contemporaneamente increduli ed entusiasti.
Un OS Microsoft stabile e leggero in grado di essere eseguito ovunque, dai server ai telefoni passando per IoT ed Automotive!
Nadella era il nuovo Jobs!!!
Prime beta, fantastiche, prima release, fantastica.
E arriva anche una novità sensazionale: WSL, un nuovo layer totalmente scritto da Microsoft (e debuggato con sudore e pazienza da un sacco di gente). Incredibile, Microsoft che apriva ufficialmente al supporto ELF64 ed API Linux... da non credere, Nadella santo subito!!!

Passa un po' di tempo e tutto inizia a crollare... via il Mobile, via la IoT, ridimensionamento del programma Insider, via la Divisione Windows... via tutto, delle specifiche di progetto iniziali non restava più nulla, quello che doveva essere un OS semplice e leggero faticava perfino sulle macchine di fascia alta, sembrava di rivivere l'incubo Vista.

E a quel punto in parecchi ce ne stiamo andati.

Dark!tetto
MikaHakkinen

Le ultime release di windows 10 sono molto più pesanti delle prime versioni del 2015/2016.. chi dice il contrario mente sapendo di mentire

Rick Deckard®

Lo uso per lavoro da 6 anni e non tornerei indietro

Federico

A me non sembra, qui sono molti ad usarlo.
Certo l'Italia è un Paese retrogrado nel quale la via ai miglioramenti è sbarrata dalle abitudini consolidate, però da qualche mese sono arrivate anche qui le prime macchine professionali i5 ed i7, segno che seppur lentamente inizia a farsi strada anche fra l'utenza professionale nostrana.

ondaflex

Purtroppo passano gli anni ma a parlare bene di Chromeos ti trovo sempre solo

ondaflex

Fino a 2 o 3 versioni fa tenendo premuto su un link si apriva un menù che permetteva di aprirlo in altra pagina e altre cose (tipo tasto destro del mouse).
Ora appare in grigetto solo l'indirizzo a cui porta il link.
C'è modo di riavere il menù?

Federico

E che c'entra? Boot Camp caricava Windows su una macchina Intel.
Adesso che è diventata ARM sicuramente hanno ottenuto una licenza Intel.
Però mentre per Apple supportare Windows è strategico perché alla fine a loro interessa vedere l'hardware, per Google sarebbe anti-strategico.

Federico

Rivk, se devi eseguire del codice x86/64 su un ARM devi comunque Fare in modo che la CPU emuli un processore Intel, sandbox o non sandbox.
Se vuoi farlo per uso personale nessun problema, se vuoi farlo come progetto gratuito Open Source nessun provlema, ma se vuoi che a farlo sia un prodotto commerciale devi ottenere una licenza da Intel, e certamente Intel non te la concede gratis.

Rick Deckard®

Penso che si tratterebbe di emulazioni, per eseguire programmi particoli dentro una sandbox

Rick Deckard®

Ne spendi più 3 per Windows pari prestazioni

Ale
cipo

Alla fine sembra si ha sempre bisogno di un "windows"....
Non immagini qualche anno fa quanti iMac con x86 giravano con windows "nativamente" con bootcamp.

T. P.

dovrò prenderne uno prima o poi...

Federico

Meglio di quelli che lo spendono per i videogame

Federico
Federico

Allora sei molto più bravo di me nonostante i tanti anni passati e fare prima il beta tester e poi l'insider...
perché giudico assolutamente insoddisfacenti le prestazioni di Windows 10 nonostante l'esecuzione su un Dell professionale con Core i7, 32 GB di RAM e Storage Samsung serie Pro.
Immagino tu stia usando una versione di Windows 10 che ti è stata appositamente confezionata su misura da Redmond.
Versione che a me non è stata fornita nonostante gli ottimi rapporti che avevo con l'azienda.

ghost
antonello

Certo se ti ritrovi con cassoni di pc, io ho installato 11 dall'alfa ed è andato sempre più veloce ogni volta che aggiornavo! Adesso è quasi perfetto e non siamo alla release definitiva....sistiute i PC!! Oppure sappiate ottimizzarli!

Paul'S

aggiungo che alcuni programmi di windows fanno fatica a girare su alcuni PCWIN di fascia media, figuriamoci in emulazione su un chromebook da 300 euro

Paul'S

anch'io da anni, tramite account gmail e browser chrome, ho tutto sincronizzato sul PC e il cell android (foto, mail, SMS, whatsapp, file di drive, ecc...) il problema è forse per chi ha "saturato" giga di google foto e non vuole pagare l'abbonamento

boosook

Non hai idea di quante persone non sappiano nemmeno di cosa parli e continuino a farsi mandare le foto su Whatsapp per "salvarle".
Allora a un certo punto bisogna arrendersi e dire che, se la montagna non a a Maometto, Maometto va alla montagna. Accettiamo il fatto che per l'utente medio il concetto di cloud è troppo complesso e diamogli qualcosa che riesca a usare. Gli utenti avanzati continueranno a usare Google Foto.

ziovax
Castoremmi

Avrebbe sicuramente fatto vendere più chromebook

Castoremmi

Ottimo momento per spendere metà stipendio in un chromebook

Federico
Dark!tetto
Cass mia poi è un caso limite, qui senza connessione passa tutto in
modalità manuale e diventa una tortura perfino gestire la caldaia

Idem, ma a riguardo, cosa ne pensi della piattaforma Home assistant ? Si che a te ste cose piacciono ;)

Federico
Federico

Come ho già detto per Google non avrebbe alcun senso commerciale farlo, è Microsoft che alla fine si è vista costretta a supportare il software Android nel suo sistema operativo.
Google vuole che cresca l'utenza professionale di ChromeOS, e ci sta riuscendo, quindi che senso avrebbe dare la possibilità di installare Windows?
Oltretutto installare Windows snaturerebbe le caratteristiche di sicurezza, solidità e ridotta impronta di RAM e Storage.
Non commetterà mai questo errore.

Ricky

Basta pagare le royalties

Dark!tetto

Appunto, un CB poi...

Abel
Android

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Android

Ecco i nuovi Galaxy Watch5, Watch5 Pro e Buds2 Pro! Le nostre prime impressioni

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022