PayPal farà pagare il conto a chi non lo usa: cosa cambia dal 6 maggio 2022

21 Febbraio 2022 328

Nei giorni scorsi PayPal ha aggiornato le sue condizioni d'uso, introducendo alcune novità che entreranno in vigore a partire dal 6 maggio 2022. È bene prenderne visione in anticipo, perché i nuovi termini saranno considerati accettati automaticamente da tutti gli utenti che continueranno a utilizzare il popolare servizio di pagamento, da poco supportato anche dall'App IO, dopo la data indicata.

Sono numerose le novità introdotte, la più rilevante delle quali farà però storcere il naso agli utenti meno attivi: se il proprio conto PayPal non sarà utilizzato per più di 12 mesi, la piattaforma addebiterà in automatico una tariffa di 10 euro. Vediamo nel concreto cosa cambia dal 6 maggio.

CAMBIO SEDE LEGALE, NFT, UTENTI INATTIVI

Come sottolinea la piattaforma nel comunicato in cui sono elencati tutti gli aggiornamenti, le novità riguardano nello specifico gli Accordi legali del servizio, ovvero le regole che disciplinano il rapporto della piattaforma con gli utenti.

Tra le modifiche più significative figura il cambio di sede legale di PayPal, che si trasferisce dal Regno Unito in Lussemburgo e nuovi termini di acquisto degli NFT, le cui transazioni non potranno sforare il limite di 10.000 dollari, oltre ad alcune variazioni per gli account business.

L'aggiornamento più rilevante, come anticipato in apertura, riguarda i conti degli utenti meno attivi, che a partire dal 12esimo mese di inattività dovranno pagare una somma di 10 euro. Il costo verrà addebitato sui conti dei venditori da ottobre 2022 e sui conti personali un anno dopo, da ottobre 2023.

A partire dal 6 maggio 2022, verranno inoltre rimossi o modificati i riferimenti a eBay che non risultino più pertinenti, interrompendo l'applicazione dei contratti per i buoni regalo dei commercianti, e saranno introdotte nuove delucidazioni sulla raccolta dei dati personali degli utenti e verrà aggiornato il contratto sottolineando che l'azienda è titolare della fornitura dei dati per la fornitura dei servizi.

Per continuare a utilizzare PayPal, sarà obbligatorio sottostare al nuovo regolamento: in caso contrario, l'unica condizione è disattivare il proprio account prima della sua entrata in vigore.

LE NUOVE CONDIZIONI D'USO NEL DETTAGLIO

Di seguito riportiamo l'elenco completo delle condizioni d'uso della piattaforma, riportato sul sito ufficiale, che saranno attive a partire dal 6 maggio 2022. Da quella data in avanti, PayPal:

  • Modificherà il proprio programma Protezione vendite in modo da ampliare l'elenco degli articoli non idonei, che ora includerà taluni token non fungibili (NFT) associati a transazioni il cui importo sia superiore a 10.000 USD.
  • Modificherà le azioni che può intraprendere qualora l'utente svolga attività non consentite mediante la pubblicazione di contenuti illeciti tramite il sito web PayPal o l'utilizzo dei servizi PayPal.
  • Modificherà la sezione Reclami aggiungendo ulteriori informazioni relative ai reclami dei clienti.

  • Integrerà nelle Condizioni d'uso le condizioni principali dell'accordo sulle Informazioni importanti sui pagamenti e sul servizio, incluse le informazioni sull'entità PayPal che fornisce i servizi PayPal, informazioni generiche sul servizio e chiarimenti sulle comunicazioni, sulle condizioni e sulla risoluzione.

  • Specificherà che i consumatori hanno a disposizione 14 giorni per esercitare il proprio diritto di recesso dalle Condizioni d'uso.
  • Modificherà la legge applicabile dalla legge inglese alla legge del Lussemburgo e il foro competente dai tribunali inglesi ai tribunali del Lussemburgo per allinearsi alla sede di PayPal (Europe) S.à r.l. et Cie, S.C.A., banca registrata nel Lussemburgo.

  • Aggiungerà una nuova sezione per i titolari di conti Business in cui chiarirà che gli importi a loro dovuti da PayPal in relazione ai propri prodotti e servizi possono essere soggetti a revisione o svalutazione da parte di un'autorità di vigilanza o controllo. PayPal è tenuta a includere tale sezione in modo che le autorità pubbliche non debbano prestare supporto a istituti finanziari come PayPal nel caso in cui riscontrino difficoltà finanziarie.

  • Introdurrà una tariffa per inattività per i conti che siano risultati inattivi per almeno 12 mesi consecutivi. La tariffa inizierà a essere addebitata sui conti dei venditori da ottobre 2022 e sui conti personali da ottobre 2023.


328

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco

Evidentemente lo usavi molto...

Flavio27

Quotone! Idem

Flavio27

non lo dire altrimenti arrivano gli spammer a farti i messaggi pubblicitari su come devi usarlo. Perché, se non l'avessi capito, se hai un problema il problema sei tu, mica loro...

Roberto

oggi mi sono anche fatto un tè

claudio santini

È semplice, se hai la necessità di dover trasferire i soldi da PayPal ad una carta allora PayPal non fa per te. PayPal è per chi non deve fare questa operazione, altrimenti certo che non conviene.
Tutti i servizi in generale vanno sfruttati per i loro punti forti, usando contemporaneamente più concorrenti dello stesso servizio solo per le cose gratuite, in questo modo non si casca nel tranello che ha ogni servizio di farti pagare qualcosa.
Quindi PayPal per pagare online e un conto di una banca online per fare i prelievi, ho una carta di debito revolut solo per acquistare le criptovalute perché ha costi di commissioni bassi, ma solo per quello perché se usassi la carta online pagherei per ogni operazione. Ogni servizio va usato per il suo punto forte gratuito o con costi più bassi.

sasa

https://uploads.disquscdn.c...

sasa

Grazie di avercelo fatto sapere

Flavio27

Grande ahahaha

Suppaman

perche' le info sono memorizzate...

axoduss

hai paura a fornire la tua carta di credito od il tuo iban all'operatore telefonico?

pinoc

A me la cifra l'ha addebitata PayPal.
E quando ho dimostrato che non mi andava addebitata una seconda volta mi hanno detto "arrangiati".
Quindi si, mi aspettavo che PayPal risolvesse.

Portobello

dici? se è così allora io ho due account: manderò 1 euro a me stesso ogni anno

Roberto

non penso ... non lo devi usare, niente acquisti o vendite con paypal

Roberto

chiuso il conto... bye bye

Flavio27

Claudio perdonami ma continui a travisare quanto ho scritto. Non ho mai asserito di usarlo come conto corrente né tantomeno mi sono lamentato che sia caro oppure no. Ho riportato solo l'evidente esistenza di commissioni qualora si volessero trasferire i soldi sulla carta. Detto questo, ti hanno già bannato il commento per spam, quindi non serve che mi fai l'epopea sui pregi di paypal. Ti ringrazio per impiegare il tuo tempo nel tentativo di convincermi del contrario, ma la mia esperienza è stata e rimane negativa, quindi puoi tranquillamente evitare di perderci altro tempo, perché rimane pur sempre un'esperienza personale che, al contrario della tua, non vuole imporsi su nessuno. Adesso chiudo qui la discussione, inutile andar oltre. Buona giornata! :)

claudio santini

ma infatti non è fatto per quello, è ideale solo ed esclusivamente per pagare online ovunque anche su siti sconosciuti, perché non verranno mai a conoscenza del codice della carta di credito e da parte di chi vende beni e servizi online perché molto richiesta dalla clientela. Nasce per pagare su e-bay non è un conto corrente e non lo sarà mai. Sarebbe come se uno che fa 2GB di traffico al mese si lamente di un offerta da 30€/mese con giga illimitati perché troppo cara, semplicemente non è la tariffa per lui. Allo stesso modo chi cerca un conto corrente non deve usare paypal e se lo usa come tale non può lamentarsi perché è caro o poco efficace. Ha sbagliato servizio, quello che cerca è un altra cosa.
Altro esempio sarebbe come lamentarsi a Trenitalia che l'intercity Roma Firenze è più lento dell'alta velocità, se vuoi l'alta velocità prendi l'alta velocità non l'intercity e poi ti lamenti che è lento.

_Marok_

Ho un conto paypal usato una sola volta 10 anni fa e collegato ad una prepagata. Non so più nemmeno se esiste il mio accunt e nemmeno se ho più la mail con la quale l'ho aperto....Me lo avranno chiuso?

Kratox

Se compri su siti sicuri perché dovrebbe

max76

Amen, non compro su eBay da secoli e ormai di roba da venditori privati si trova sempre meno, la stragrande maggioranza sono negozianti....
Per vendere c'è Subito

gioboni

Cosa si intende per "inattività"? Basta una transazione su carta di credito passando tramite loro o si parla di movimentazione di fondi da/verso il conto?

Portobello

e se devi vendere una cosa?

Portobello

basta fare login una volta all'anno e non succederà nulla, nessun prelievo forzato!

Flavio27

Le commissioni per trasferire i soldi dal conto alla carta ci sono. Come vede, non tutti ne fanno l'utilizzo cui lei auspica, indi per cui si risparmi i papiri promozionali ed accetti che ci sia gente - neanche poca - che si sia trovata male. Le recensioni su trustpilot sono lì a testimoniarlo. Per quanto mi riguarda, mi fa più che piacere che lei si sia trovato bene, non mi piace invece che questo la porti a voler imporre il suo pensiero in chi, evidentemente, ha riscontrato problemi. Non travisi neanche su quanto ho scritto sull'assistenza, mai incolpata, anzi, mi ha aiutato a risolvere i problemi seppur con tempistiche molto prolungate. Per quanto mi riguarda mi sto trovando infinitamente meglio su altre piattaforme, quelle si gratuite, di cui non faccio il nome perché non ho alcun interesse nel promuovere o criticare questo o quell'altro. Ho riportato la mia esperienza, negativa, e questo è. Se ne faccia una ragione e tante care cose

claudio santini

ma quali commissioni? i trasferimenti tra conti PayPal sono gratuiti basta indicare che la transizione è tra amici e parenti. Inoltre il prelievo, che si paga ovviamente, non serve perché basta mettere le bollette dei vari servizi online come Netflix, Amazon Prime, Spotify ecc su PayPal, ed i soldi che saltuariamente finiscono sul tuo conto perché girati come restituzione di un prestito tra amici o perché hai raccolto i soldi di un regalo di gruppo vengono poi erosi e azzerati dal pagamento dei servizi a cui sei abbonato. Lo uso da un decennio ormai e non ho mai pagato una commissione. L'alternativa per questi piccole attività è la postepay, ma inviare denaro costa 2€. In un gruppo di 50 persone che devono fare il regalo ad una persona e decidono di mettere 5€ a testa. Con PayPal a fronte di una spesa di 250€ si avrà a disposizione la stessa identica cifra. Mentre con PostePay saranno necessari 350€ con 50 versamenti per averne 250. Nel caso in cui siano tutte coppie sarebbero 25 versamenti con una spesa complessiva di 300€. Insomma PayPal conviene senza dubbio. E' chiaro che chi riceve il malloppetto di 250€ non deve trasferirlo sul conto per poi comprarci il regalo, ma utilizzare i suoi soldi già sul conto tradizionale per il regalo e lasciare i 250€ su paypal che col tempo verranno esauriti grazie ai servizi online e alle spese su Amazon.
Sicuramente non va usato come conto principale dove ci carichi lo stipendio, chi lo fa sbaglia, meglio un conto corrente online di una banca.
Per esempio la persona che conosco che ha un negozio online, fa pagare con il servizio PayPal e Banca Sella per tutte le carte fisiche. Ma tutte le spese che ha, o perlomeno tutte quelle che può mettere in conto su paypal, le mette lì, così da diminuire la quantità di denaro da trasferire sul conto bancario e quindi le commissioni di trasferimento. Ha anche il negozio fisico e affitto e luce vengono pagate col conto PayPal del negozio online. Allo stesso modo, nel negozio fisico usa 4 POS di 4 Fintech diverse ed in base alla vendita usa il pos con meno commissioni, o in certi casi nessuna, in funzione del prezzo di vendita. Per esempio se la spesa è sotto i 15€ usa quella che non ti fa pagare le commissioni sotto quella cifra, se la cifra è di centinaia d'euro usa quella che ha la commissione con la % più bassa. Ha una tabella vicino la cassa con il POS da usare in base alla spesa. Ovviamente tutte e 4 le FinTech non hanno canoni nemmeno per il POS che sono stati pagati una tantum tra i 25 e 100€

Marco

Con la carta Buddybank che ho associato all’account PayPal !

Infinity

Non è più supportato come metodo di pagamento principale per integrare il suo interno basato su Adyen.

efremis

Purtroppo no.

fuma23

Quello, soprattutto, e gli upvote, credevo di essere l'unico ad avere problemi con disqus...

efremis

Ordina dal migliore non più presente..

Flavio27

Mah, con tutte le commissioni che si prendono sui trasferimenti di gratuito ci vedo poco. Ad ogni modo, ripeto, ognuno ha la sua esperienza. La mia non è predominante in nulla, come il fatto che lei si trovi bene non è indicativo in nulla per la mia.

claudio santini

Ripeto. Il servizio è gratuito! E' già tanto che esista una assistenza anch'essa gratuita. Conosco l'esperienza di chi ha un negozio online e usa la versione pro a pagamento e l'assistenza è perfetta. Hanno un team interno per l'assistenza pro, mentre per il conto gratuito si affidano a call center esterni.

max76

Confermo, ho avuto un problema l' anno scorso....
Dal nervoso ho chiuso sia PayPal, che eBay e vivo benissimo pure senza!

Delmut16

Chissà a quante persone soleranno i soldi la prima volta

Lupodany

Ma se come me tutto ciò che è associato ha su 0€???

Lupodany

Ti capisco. Io ho avuto il conto bloccato per 8/9 anni per un assurdità

Lupodany

E con c**** che gli pago un deca

Lupodany

A me nel 2012 mi avevano bloccato l’account per rischio di riciclaggio e per sboccarlo volevano dei documenti tra cui una bolletta a me intestata.. il problema è che non ho utenze intestate e quindi non ho potuto usarlo fino ad un annetto fa che hanno cambiato le regole (credo) ed è tornato a funzionare ma a prescindere a me non mi beccano più!

MorgaNet

Wow, ma davvero????
Ma pensa un po' te... Per fortuna che me lo hai detto, grazie!

No, non era un reso di un articolo.

In un caso era il furto di una consegna e nell'altro una truffa.

Nickname2

se le questioni sono rendi l'articolo e ti rimborso, quello si chiamo diritto di recesso, ed è presente in ogni caso.

Nickname2

buon per te...

MorgaNet

A dire il vero io ho risolto di recente 2 situazioni un po' complesse proprio grazie a loro e alla protezione che offrono agli acquirenti.... ;)

Undertaker, always banned

Se ne hai bisogno c'è una filiale per la vendita di biglietti per Napoli a prezzi "calmierati" in alternativa si potrebbe fare a distanza ma viene a costare un pò di più, vedi tu...

Nickname2

Credi?... ti aspetto al primo problema, l'assistenza di Paypal ormai va avanti per nomea...ma sta diventando ridicola

Mario Rossi

appunto... io sono di torino

Undertaker, always banned
Undertaker, always banned

Intendo quelli a Napoli...

Pollo

Questo è vero ma PayPal ti dà una protezione e rimborsi che gli altri non danno. Dalla parte di chi vende ,non cambia, da quella di chi acquista secondo me ancora è il più vantaggioso soprattutto per negozi non noti o esteri.

Mario Rossi

devo fare sempre tutto io, che p4lle

Mario Rossi

sono un po' distanti da torino pero'

yepp

https://uploads.disquscdn.c...

Android

Recensione Samsung Galaxy TAB S8 ULTRA: il re dei tablet Android è tornato

Android

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Android

Ecco i nuovi Galaxy Watch5, Watch5 Pro e Buds2 Pro! Le nostre prime impressioni

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!