Revolut e crypto: come funziona l'app e le differenze con un Exchange

02 Agosto 2021 97

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ultimamente il tema delle criptovalute sale sempre più spesso agli onori della cronaca, tra picchi vertiginosi e colpi di scena: per esempio, giusto qualche settimana fa il valore di Ethereum è schizzato ad oltre 4.000 dollari, per poi scendere di nuovo anche in seguito alla retromarcia di Tesla sull'acquisto di autovetture in Bitcoin. Dal canto suo, la Cina ha deciso di vietare transazioni e conversioni in criptovalute per evitare speculazioni.

Dunque, un mercato particolarmente volatile a cui, tuttavia, anche gli investitori italiani si stanno interessando: stando ai dati forniti da Revolut, nei primi tre mesi dell'anno c'è stato un aumento del 320% nel trading delle criptovalute.

La fintech, che conta 13 milioni di clienti nel mondo, recentemente ha aggiunto 11 nuovi token Crypto alla lista di quelli che è possibile vendere e acquistare all'interno dell'app, portando il totale a 21. Ma per una società che ha sempre privilegiato il concetto di risparmio rispetto alla mera speculazione, che cosa significa offrire investimenti in criptovalute? E quali sono le differenze rispetto ai classici Exchange?

COME FUNZIONA

L'app Revolut permette di convertire Bitcoin, Ether, Stellar e molto altro istantaneamente in oltre 30 valute, ed è possibile investire a partire da 1 dollaro, nei limiti del proprio piano (recentemente ne è stato aggiunto uno nuovo, di nome Plus).

Dunque è possibile comprare, vendere ed effettuare bonifici in crypto con i propri amici come con qualsiasi altra valuta; basta entrare nella sezione criptovalute del Dashboard Revolut, selezionare la scheda "Investimenti e risparmi" presente nel marketplace dell'app e accettare termini e condizioni.

Una volta attivata questa funzionalità, l'utente potrà utilizzare qualsiasi valuta fiat supportata (ovvero la valuta di uno Stato emessa da una banca centrale o un'autorità pubblica) per acquistare criptovaluta o scambiarla nuovamente per una valuta fiat. Revolut offre l'opportunità di vendere e acquistare criptovalute ai migliori tassi di cambio possibili collaborando con diversi partner per il servizio di Exchange.

I prezzi mostrati derivano dai servizi di cambi valuta con cui collabora, da cui calcola il prezzo medio ponderato per il volume (VWAP); i tassi derivati tengono conto di svariati fattori come la profondità di mercato e la volatilità dei prezzi, dopodiché viene applicato un margine - variabile a seconda del piano - sul tasso derivato, che viene mostrato separatamente prima di effettuare una transazione e in seguito nei dettagli. Il prezzo viene bloccato al momento dell'operazione.

Inoltre è possibile impostare degli avvisi sui prezzi e sui cambi valuta automatici: per non perdersi alcuna fluttuazione, si può scegliere di ricevere notifiche per tracciare i movimenti crypto in tempo reale quando il prezzo varia più del 2%. Disponibili anche le opzioni ordine limite, ordine stop e ordine acquisto, che automatizzano i processi di acquisto e vendita in base al fluttuare dei prezzi.

Ci sono anche dei limiti operativi, che sono 15.000 euro per ogni Exchange Crypto e 30 cambi al giorno, e non è possibile spendere le criptovalute direttamente dalla carta Revolut. Per quanto riguarda la custodia delle criptovalute, al momento Revolut non emette wallet individuali: quanto gli utenti le acquistano, la fintech le immagazzina in modo sicuro all'interno di un conto combinato, ovvero un gruppo di conti composto da hot wallet e cold wallet che svolge la funzione di deposito delle chiavi private.

La piattaforma di Revolut funziona su un sistema interno che si occupa di registrare l'esposizione dell'utente, visibile dal conto per criptovalute nell'app Revolut da cui è possibile gestire il saldo in moneta fiat e in criptovaluta. Proprio per via di questo sistema - una sorta di registro di tutte le operazioni e trasferimenti che avvengono all'interno della piattaforma - gli utenti che operano attraverso Revolut non possono vedere le loro transazioni sulla Blockchain. Dunque, ci si espone alle cripto ma non si abbraccia la decentralizzazione propria della filosofia che ha dato il via a Bitcoin e simili.

COSA CAMBIA RISPETTO A UN EXCHANGE?

La prima differenza rispetto a un classico Exchange sta nell'accessibilità: sono molti gli utenti che finora hanno utilizzato Revolut per gli altri servizi disponibili, e che adesso si ritrovano con questa nuova possibilità legata alle criptovalute direttamente nell'app. Dunque, accedervi acconsentendo ai termini di utilizzo è più immediato rispetto a registrarsi a un nuovo servizio con documenti, bollette domiciliate e tutti gli step delle procedure di identificazione per essere conformi alle normative europee.

In secondo luogo, Revolut permette di convertire le crypto in più di 30 valute e coppie di valute anche piuttosto rare; per esempio, c'è la possibilità di fare trading direttamente dai Bitcoin all'oro.

Altra peculiarità riguarda la possibilità di trasferire crypto direttamente ai propri amici - purché abbiano Revolut - senza passaggi intermedi; un punto a favore per sicurezza e semplicità, se si considera che l'alternativa classica per inviare criptovalute da un wallet all'altro prevede di copiare e incollare un indirizzo alfanumerico piuttosto lungo e dunque passibile di errori di trascrizione che possono costare cari, visto che l'operazione non è quasi mai reversibile.

Al momento il trasferimento di criptovalute al di fuori della piattaforma Revolut, come ad esempio verso un portafoglio esterno, non è supportato. Unica eccezione il Regno Unito, dove questa funzionalità è stata attivata in versione beta per gli utenti metal, che potranno quindi scegliere dove archiviare i propri Bitcoin con maggior libertà e flessibilità aggiungendo tre indirizzi esterni con limite di prelievo di 500 £ al giorno e 1000 £ al mese. La prospettiva comunque è di estendere questa funzionalità anche ad altri mercati.

A proposito di wallet, spesso gli Exchange permettono di utilizzarne uno fornito dal sistema oppure il proprio. Revolut invece per il momento non ne fornisce di individuali, e dunque si affida al proprio registro interno; motivo per cui, come anticipato, le operazioni di ogni singolo utente non compaiono sulla Blockchain.

Altri servizi utili sono la presenza di notifiche, avvisi di prezzo e cambio valuta automatico, ma anche la possibilità di accumulare automaticamente "il resto", l'equivalente virtuale dei centesimi che ci avanzano in tasca, sotto forma di Bitcoin, mettendo via un bel gruzzoletto senza accorgersene con la funzione Salvadanaio.

Per quanto riguarda il capitolo sicurezza, Revolut assicura che le chiavi private sono conservate offline per scongiurare il rischio di hacking. Ovviamente, al di là della sicurezza delle chiavi, trattandosi di criptovalute il rischio (finanziario) va tenuto in considerazione, come ricorda la stessa fintech:

"I token crypto sono asset volatili e i prezzi possono cambiare rapidamente. Sebbene Revolut creda nell'ampliamento dell'accesso alle criptovalute, tale attività potrebbe non essere appropriata per tutti, perciò l'azienda incoraggia i propri clienti a effettuare ricerche sulle varie criptovalute, sui rischi e sulle opportunità. Prima di acquistare o vendere criptovalute i clienti dovrebbero analizzare fonti indipendenti e apprendere le differenze tra i vari token, nonché considerare le loro circostanze personali. Come accade con il trading, il capitale è a rischio.”

Le criptovalute non sono un asset regolamentato nel Regno Unito e i fondi impiegati per effettuare questo tipo di transazioni non saranno salvaguardati (al contrario dei fondi utilizzati nelle transazioni in valute fiat, in conformità ai nostri obblighi legali ai sensi della "Direttiva sulla moneta elettronica 2011" del Regno Unito) o protetti dal Financial Services Compensation Scheme.

Articolo in collaborazione con Revolut

VIDEO

Questo video NON è da intendersi come consiglio finanziario né come promozione di investimento o piattaforme di investimento. L’obiettivo è fare informazione sull’evoluzione delle fintech e dei servizi che ne fanno parte.

97

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vittorio

Quella è un'altra cosa ancora. Devi dichiarare le attività finanziarie e i conti all'estero (quadro RW).

Keres

Hai qualche suggerimento riguardo gli ETF? dove iniziare, quale piattaforma ecc ecc sono proprio ignorante in materia.

EHz_

Devi dichiarare la plusvalenza. Io non vendo.

nutci2nd

Continui a non capire quello che dico, non so se lo fai apposta o perchè c'è un problema di comprensione.
Rimani felice nel tuo mondo d'illusioni credendo che chi non fa trading con le crypro sia un ignorante, se ti fa comodo così.

FrancYescO

E io ti dico che NO, non è tutto un domanda offerta, ci sono progetti che hanno fondamentali, aziende, banche, anche stati dietro, ovviamente a rischio minore corrispondono potenziali rendimenti/perdite minori... E se mi dici che non c'e n'è da studiare capisco ancor di più che ti manca una fetta gigantesca del mondo crypto che non è solo BTC ETH e compagnia che si son movimentate principalmente dal domanda/offerta.

Vuoi portare i fondamentali della finanza tradizionale al mercato delle cripto ma è qui che sbagli dato che per quanto alcuni concetti puoi traslarli, spesso son nate per stravolgerli.

nutci2nd

Ma nessuno ha mai detto questo, ho semplicemente asserito che le crypto non hanno un fondamentale da poter studiare per essere definiti investimenti sicuri, dove sicuro per il mondo dell'investimento si intende quando quest'ultimo può essere pianificato con logica in base ai dati fondamentali relativi ad uno o più sottostanti.
Le crypto hanno come unico market mover la domanda e l'offerta ed è per questo che il fatto che salgano o scendano è un qualcosa dato completamente al caso mentre, per la finanza tradizionale pur non conoscendo la struttura futura dei prezzi conosci i motivi per cui quei prezzi si muovo e riesci sempre a fare una stima.

Rettore Università di Disqus

Quanta ignoranza...

FrancYescO

Scusa ma lezioni di cosa sto dando? io volevo solo cercarti di far capire che le crypto non solo solo scommesse o nerd che credono nell'indipendenza monetaria, ma chi nasce tondo non può morire quadro...

nutci2nd

Non sai nemmeno di cosa parli e ti permetti di voler dare lezioni a chi campa con tutto questo da anni.
Pane e umiltà signore mio, le faranno bene.

FrancYescO

Quello che sta cercando garanzie (o magari, spera di spostare la
responsabilità dei propri investimenti) sei tu non io, e ti sto
continuando a ripetere che non sei andato nemmeno a guardare il
funzionamento di tali token
C'è chi si accontenta di un 3% l'anno, ma c'è anche chi preferisce mettere il 50%del portafoglio in slot machines, ad ognuno i suoi rischi, e al massimo quello per cui mi arrabbio è che come al solito si emanano giudizi senza conoscere la materia

nutci2nd

Contratto e certificato garantito dal broker.
Qui non si sta parlando della sicurezza del mezzo ma del sottostante ma, da come mi rispondi, non credo che tu sappia cos'è un sottostante.

Non ti devi arrabbiare perchè ti viene detto che i tuoi investimenti su crypto sono basati sul niente, è soltanto la verità.

FrancYescO

contratto o certificato garantito da chi? e menomale che ti ho riportato esempi che hanno la stessa risposta, ah ma si scusa tu le conosci perchè ci hai fatto trading.

nutci2nd

Non metto il lingotto in cassaforte ma so che l'oro esiste ed è fisicamente un bene che deve sottostare a delle leggi economiche naturali dovute alla sua esistenza ed utilizzo nel settore industriale.
Avere un sottostante non vuol dire comprare o vendere un bene fisico ma comprare e vendere un contratto o certificato che fa riferimento a quel bene, e non un token che ne replica il valore.
Ecco dove sta la differenza.

Francesco

Non mi riferisco solo ai commenti ma sono mesi se non da qualche anno che ovunque bazzico in rete trovo utenti che hanno comprato bitcoin e crypto

FrancYescO

Scusa quando tu compri petrolio ti metti un barile in garage, o un lingotto d'oro in cassaforte?

Il boomer che ti parla è anche più vecchio di te (e non vedo cosa c'entri l'età..), e come detto in un commento poco sopra, non sto qui per dire che le crypto siano meglio o peggio di qualunque altra cosa, ne mi reputo un esperto di finanza o economia (anzi..)... Semplicemente mi sento di controbbattere a pensieri quali abbinare le cripto ad un gratta e vinci, quando poi magari dall'altra parte ho lo stesso stereotipo di persona che vedo allo sportello di consulenza finanziaria di ISP (non voglio offendere nessuno eh, spero di far capire che intendo) che 10 anni prima consigliava investimenti in parmalat ;)

nutci2nd

Per te sottostante vuol dire essere un token che replica i prezzi di un altro strumento finanziario?
A me mancheranno tanti aspetti riguardanti le crypto (non è così visto che le ho tradate per qualche tempo) ma a te mancano degli aspetti ben più fondamentali di finanza ed economia.

La cosa bella è chi critica il mondo delle crypto automaticamente diventa un "boomer che non capisce iggiovani e la new economy".
Il boomer che ti parla, per inciso, ha 28 anni, campione.

FrancYescO

USDC, PAX per dire le prime due che mi vengono che semplicemente hanno un corrispondente 1:1 con riserva in dollari, ma ce ne sono per tutti i gusti, dalle materie prime agli stock e anche ETF, ovviamente spesso in questi casi viene meno la decentralizzazione che è uno dei concetti a cui si affiancano le crypto.

Credo ti mancano tanti aspetti delle crypto, non è tutto un "nerd che hanno i PC accesi in garage a consumare corrente"

Vittorio

Infatti. Speriamo regolamentino presto il settore, partendo dagli exchange.

nutci2nd

Appunto!
Quando uno strumento finanziario ha un sottostante tu sai che il suo prezzo è determinato dalla domanda e dall'offerta in relazione al prezzo stesso.
Ad esempio, se faccio trading su una materia prima, so che il suo prezzo verrà influenzato da quanti comprano e da quanti vendono ma anche dal fatto che quella materia magari serve per un certo tipo di produzione industriale e quindi il suo prezzo dovrà rispondere non solo agli investitori ma anche alla realtà dei fatti.
La stessa cosa vale per le valute, gli indici azionari e tutto quello che riguarda la finanza tradizionale.
Nelle crypto, invece, non hai niente di tutto questo e quindi, non essendoci il concetto di sovraprezzamento, fair value e valore di crescita nel tempo, non puoi nemmeno fare certi tipi di ragionamento. Il mercato delle crypto è completamente in mano a grossi investitori che vogliono speculare e a piccoli investitori che per non essere tagliati fuori gli vanno dietro.
Basta un tweet o una folata di vento che il valore può fare delle fluttuazioni repentine in pochissimo tempo mentre, per uno strumento tradizionale, servono dichiarazioni importanti di persone competenti nel settore (presidenti banche centrali, membri di consorzi di produzione ecc. ecc.).

Quindi si, dici bene, sono altri gli strumenti che hanno un sottostante ed è per questo che le crypto non sono un investimento serio e non lo saranno fino a che non lo avranno.
Poi, questo non vieta di poterci provare, ma quello che mi chiedo sempre è quanto abbia senso rischiare così tanto quando esistono strumenti finanziari, come quelli che ho citato sopra, che, pur non garantendo niente in ottica di previsioni attese, almeno possono dar luogo a dei ragionamenti oggettivi e probabilistici.

Renato

Qualcosa non mi torna… che sottostante dovrebbe avere una cryptovaluta? La cryptovaluta è il prodotto che compri e vendi mentre cambia valore anche repentinamente. Sono altri gli strumenti che hanno un sottostante o sbaglio?

Renato

La questione tasse su guadagni da bitcoin&C è quantomeno discutibile.

Le cryptovalute non sono contemplate legalmente ma l'AdE vuole la sua fetta di carne infatti qualsiasi investimento estero come qualsiasi cambio in valuta straniera se producono guadagni devi dichiararle.

Se superi i 51k€ circa, per una settimana, in deposito, le banche italiane lo segnalano all'AdE.
Revolut comunque ti chiede codice fiscale quindi valuta tu…

Io ho calcolato il 26% dei pochi guadagni e dormo tranquillo

Qualcuno ne sa di più?

M0rg@n

"giusto qualche settimana fa il valore di Ethereum è schizzato ad oltre 4.000 dollari,". Direi giusto qualche mese fà. comunque app fasulla. l'articolo è ben fatto, come tutte le pubblicità che vogliono farti usare la loro app, ma statevene lontani da app del genere.. usate solo quelle ufficiali..

Chabuje99

Revolut.... Quelli che di punto in bianco non ti fanno più accedere al conto via telefono per motivo random?

E con motivo random dico che non ti riconoscono più nei selfie e per qualche motivo dicono che "numero e passcode sono errati"... Si, anche se li cambi col loro procedimento del ca

Eppure giuro di non aver cambiato connotati nell'ultimo mese o di avere l'Alzheimer, perché poi guardacaso dalla versione web funziona perfettamente.

Se non è affidabile come conto (anche se lo uso più come ricaricabile) figuriamoci come strumento di "investimento"

nutci2nd

Quali e per ognuna dimmi quale è il loro "sottostante solido".
Sappi che il semplice fatto di esistere e di avere gente che ci crede non è un sottostante solido.

Josh

Ciao Dario.
Innanzitutto scusa per il tono un po’ saccente del mio commento; parto con le migliori intenzioni, ma poi, qualche volta, me ne scordo mentre scrivo.

In ogni caso ciò che intendevo dire era proprio questo: essendo la Lituania (come anche l’UK nel mio caso) il paese dell’IBAN degli account Revolut, ed essendo la Lituania paese appartenente al SEPA council, i versamenti SEPA tramite Revolut da e per i vari crypto exchange sono permessi e funzionano. Il problema di cui parli tu, ossia il mercante non supportato, si verifica se si cerca di caricare fondi su un exchange (come Binance) tramite la carta Revolut.
Per fare pagamenti SEPA tramite Revolut basta cliccare su “Invia” per la valuta corrispondente, e inserire i dettagli dell’account su cui si vuol fare il versamento.

Maggiori informazioni sui mercanti supportati le trovi qui (link solo in inglese, ma probabilmente si trova anche in italiano):
<url>https://www.revolut(.com/help/making-payments/paying-by-card/which-merchants-are-not-supported-by-revolut</url>

Canvas

Già, sono cose che uno deve gestire a sangue freddo, deve sempre pensare che i soldi è molto più facile perderli che guadagnarli. I soggetti che sono suscettibili ad avere dipendenze, soprattutto quella per il gioco d'azzardo, dovrebbero starne alla larga.

Vittorio

Eh sì aspetto qualche giorno in attesa di un calo e di vedere cosa succede. Poi se la situazione è troppo confusa lascio perdere.

Laevus

Va bene, in bocca al lupo per tutto.

FrancYescO

Potrei dirti allora di non metter bocca e sparare sentenze su cose che non conosci/hai provato ;)

Io non paragono nulla a nulla, lo stai facendo tu, ed è il motivo per cui dico che ci vedo ignoranza è proprio questo.

Ognuno si faccia le sue ricerche e si prenda i propri rischi ma non sparare sentenze del tipo "l'ETF è la scelta migliore in qualsiasi caso"

Laevus

Io vedo tanta ingenuità nel tuo. Innanzitutto non ho mai detto di non aver messo soldi in crypto. Se pensi che mettere i soldi nelle crypto sia un investimento al pari degli ETF sì, sei uno stupido, senza mezzi termini. Questo indipendentemente che se ti va bene puoi guadagnare 100x con le crypto. Ma mischiare strumenti finanziari regolamentati a livello nazionale e mondiale, con un mercato deregolamentato, è da folli totali. O vuoi dirmi che sono stupidi quelli che, parlando di crypto nei fari forum, pinnano avvisi nel non investire i propri risparmi, ma solo quello che si è disposti a perdere? Tutti scemi? Mettici tutti i tuoi soldi allora, magari fra un anno mi riderai in faccia a bordo della tua Lambo™.

Giulk since 71' Reload

Si bravissimo anche Luna è molto interessante, li non ho preso ancora posizioni ma solo perchè per ora come alts mi piace tenere coin con poco valore unitario :D

Occhio che c'è molto fud in giro, come saprai negli states ci sono voci di regolamentazione del mercato, tasse e altro infatti è di nuovo iniziata una discesa, poi come sempre non si sa se si scenderà ancora o sarà un fuoco di paglia, io al momento sono fermo con gli investimenti aspetto qualche giorno per capire che aria tira :)

Vittorio

Thanks. Più o meno sono le alts che avevo messo nel mirino (più LUNA).
Solo che ora mi pare una fase sbagliata per entrare, aspetto qualche giorno. Anche ETH dovrebbe calare sotto i 2000 e allora lo rivaluto.

Giulk since 71' Reload

Non sono cosi esperto purtroppo :), poi è un mondo talmente variegato e volatile che molti analisti secondo me tirano a indovinare, l'unica cosa che funziona e non sempre sono le statistiche / grafici.

Comunque personalmente ho posizioni principali si ADA e Matic come alts, poi ultimamente ho preso posizioni anche sulle XRP che sarebbero le Ripple quelle che stanno sotto indagine dalla consob Americana ma che fino ad ora stanno vincendo in tribunale, hanno una buona reattività e hanno preso margini anche in controtendenza rispetto ai btc

Comunque secondo me se vuoi investire sulle alts la parola d'ordine è diversificare, io diciamo che ne ho diverse in pancia ma di solito solo quelle che hanno un progetto che mi sembra valido dietro, le meme coin preferisco lasciarle stare

FrancYescO

Ci sono tante cripto "con sottostante solido".

FrancYescO

Io ci vedo tanta ignoranza nel tuo commento, e non solo riguardo le cripto.

Son tutti stupidi quindi quelli che non investono in ETF?

Sì lo so :)
Mi sembrava strano che una azienda inglese chiedesse ad un blog italiano di inserire un articolo...
Magari, come blogger, puoi anche "cercare" i tuoi clienti, no?

FrancYescO

Lo fanno anche per cifre minori, e menomale direi..E non è che bisogna "lottare" ma semplicemente dimostrare la fonte e il motivo per cui si sta movimentando tanto.

Vittorio

Occhio anche agli aspetti fiscali, alcuni exchange (anche tra i più grossi) non hanno la licenza per operare in Italia e hanno sede in paradisi fiscali. Questo vuol dire sanzioni più severe e grossi problemi se vi "scordate" di dichiararli.

Vittorio

Eccoti :) Hai qualche dritta sulle altcoin?

Vittorio

Il fatto che gli exchange facciano sempre più leva sul fattore "gaming" è preoccupante.

ProseccoDoc

Potete usare tutti i devolutosi che volete ma quando dovete intascare 400k 500k tutti scompaiono pure revolut e dovete lottare

Francesco Renato

Non è la prassi, la prassi vuole che siano gli uffici stampa o PR delle aziende a spedire le veline ai giornalisti, i giornalisti più "bravi" vengono poi premiati con inviti a congressi e viaggi di studio in località di vacanza.

Canvas

Ovviamente c'è anche il modo di convertire in euro dollaro altrimenti non ci sarebbero così tanti interessati. Alcuni exchange lo fanno direttamente per altri devi trasferire le criptovalute in "portafogli" esterni che poi permettano di convertirle in euro o dollari.

satopen

Revolut e crypto è un ossimoro, la decentralizzazione vs chi blocca i conti senza motivo dalla sera alla mattina.
Oltre al fatto che Revolut ha un comportamento ambiguo verso le crypto poichè le "vede male" quando si tratta di supportare gli exchange (vedi tutti i commercianti non supportati dalle carte con annesso messaggio) mentre le sponsorizza quando si tratta di comprarle al loro interno.

Magari mascherando la faccenda con finte questioni di sicurezza vogliono guadagnarci solo loro limitando la libertà degli utenti di spostare i propri soldi verso gli exchange.

Dario Lampa

Ciao Josh, grazie per il tuo intervento. A me risulta che la Lituania sia paese SEPA, e non mi risulta di aver citato pagamenti tramite bonifico.

Canvas

Molti exchange di criptovalute hanno profili di simulazione in cui puoi gestire un budget e capire come funzionano senza rimettirci soldi veri.

satopen

si vede che ci capisci veramente poco del mondo crypto. Una cosa è averle su un wallet decentralizzato e magari convertirne una piccola parte che vuoi spendere al momento di un acquista ed un'altra è affidarsi a servizi Revolut che dalla sera alla mattina possono bloccarti il conto e tenersi tutti i tuoi soldi, oltre ad avere commissioni e tassi di cambio altissimi...

Laevus

Vai tranquillo. Checché se ne dica, le crypto attualmente non sono un investimento. Azioni, ETF, obbligazioni sono investimenti, regolati a norma di legge e soprattutto assicurati. Mettere soldi sulle crypto è giocare d'azzardo, e per certi versi è un'enorme schema piramidale: i primi arrivati sono quelli che hanno fatto più soldi, se non hanno venduto. Ora i rendimenti sono potenzialmente minori, ma non c'è nessuna distribuzione di dividenti, è tutto basato sull'andamento della moneta, assolutamente suscettibile al mercato e all'hype in maniera molto più esponenziale rispetto al mercato azionario. L'unico vantaggio è che per ora in Italia non ci paghi le tasse sono i 51k, ecco.

Daniel

A me invece sembra che Elena sia preparatissima.

Josh

Senza valore ufficiale è un’espressione molto azzeccata, dato che descrive esattamente le valute fiat.

Le possibilità delle blockchain non si limitano alla finanza e alla speculazione a fine di guadagno. Se invece di fermarsi a preconcetti ci si informasse un po’, come per esempio con un corso (online e soprattutto gratis) del MIT, si inizierebbe a capire un po’ meglio di cosa si tratta e di certo non si insulterebbero sconosciuto su un blog.

Saluti,
-.Josh

Android

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

Tecnologia

Inspiration4: la missione termina con l'ammaraggio, è un successo | Video

HDMotori.it

Citroen C3 Aircross 2021: piccola ma pratica, nuova ma sente il peso degli anni

Alta definizione

Recensione GoPro Hero 10 Black, nuovo processore e stabilizzazione TOP!