Zero-Power: OPPO mostra il futuro senza batterie, alimentato da segnali wireless

20 Gennaio 2022 28

OPPO Research Institute ha presentato White Paper “Zero-Power Communication”, documento che esamina il ruolo della tecnologia Zero-Power Communication all’interno dell’attuale contesto IoT, delineando una tabella di marcia per lo sviluppo di questa tecnologia in concomitanza con gli altri sistemi di comunicazione del futuro.

Secondo OPPO, che già ha mostrato i sui traguardi in fatto di ricarica wireless lo scorso anno, in futuro i dispositivi IoT saranno in grado di prelevare energia direttamente dai segnali Bluetooth, Wi-Fi e dei telefoni cellulari, garantendo prestazioni e funzionalità migliorate, tra cui dimensioni più piccole, una maggiore durata e una diminuzione dei costi.

Ad oggi, la maggior parte dei dispositivi elettronici portatili deve forzatamente utilizzare delle batterie come unica fonte di alimentazione e anche se la tecnologia di queste batterie è notevolmente cresciuta nel corso degli ultimi anni, ancora presenta dei problemi significativi in termini di dimensioni complessive, costi di produzione, durata, facilità d'uso e rispetto dell'ambiente. La tecnologia Zero-Power Communication consente di eliminare la dipendenza da batterie, catturando dall’ambiente l’energia di radiofrequenza e generando una nuova fonte di alimentazione.


Nel suo White Paper, OPPO illustra degli scenari futuristici in cui esisteranno dei tag elettronici, tipo quelli che oggi utilizziamo per localizzare gli oggetti che si tendono a perdere con facilità permettendone la localizzazione anche a lunga distanza, che non avranno necessità di sostituire o ricaricare le batterie. Tag che potranno essere usati anche per logistica, circolazione delle merci, smart home, indossabili e dispositivi medici.

Oppo Zero-Power nella medicina

Sebbene esista già oggi nei sistemi di identificazione a radiofrequenza (RFID) una tecnologia di comunicazione passiva, questa deve far fronte a diversi problemi: brevi distanze di comunicazione, bassa efficienza e piccola capacità di sistema.


A differenza del metodo tradizionale, i dispositivi Zero-Power possono raccogliere segnali radio ambientali trasmessi da sorgenti come torri TV, torri radio FM, stazioni radio base e punti di accesso Wi-Fi (AP), utilizzandole come fonte di alimentazione. Inoltre, dopo aver raccolto l'energia dalle onde radio esistenti, il dispositivo può modulare i segnali radio ambientali con le proprie informazioni e trasmettere questi segnali all'esterno in un processo noto come "comunicazione di retrodiffusione".

I sistemi Zero-Power Communication possono essere costruiti in un contesto che utilizza le comunicazioni cellulari, le comunicazioni sidelink - più adatte alle comunicazioni a basso costo e a corto raggio, come i dispositivi wearable o quelli domestici intelligenti - o entrambe in un modo ibrido che permetterà agli sviluppatori di sbloccare più applicazioni.

In tutto ciò, OPPO ha già costruito con successo il proprio sistema Zero-Power Communication e ne ha dimostrato la fattibilità per le future reti di comunicazione e punta a rilasciare una versione commerciale entro i prossimi 3-5 anni. OPPO, inoltre, sta anche mettendo in atto un’iniziativa volta a promuovere lo standard Zero-Power Communication, proponendo progetti di ricerca al 3GPP e presentando i propri risultati durante conferenze di settore.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

In modo in più per avere potere sulle persone.

Roberto

Quelle di green hanno solo il colore dei soldi

bhora

Questa la mettiamo tra il santo Graal e il 5g dei vaccini. Oppure sullo scaffale delle scie chimiche?

Francesco Renato

Guarda che le tue carte di credito funzionano già con queste cavolate.

Sgrat

Ricordo totalmente rimosso!

Undertaker

Mi chiedo dove andremmo a finire, sicuramente l'uomo (come maschio) avrà seri problemi a fare alzare il Giggino.

Pip

Ricordi i ciondolini che si attaccavano ai vecchi telefoni che si illuminavano se ricevevi una chiamata o un messaggio?

Ecco, la stessa identica cosa

Fabrizio Spinelli

Poi ci preoccupiamo di cosa mettono nei vaccini :D

Sgrat

Oppo ci sta dando un'Opportunità.

Sgrat

'Conservazione dell'energia' con un superconduttore a temperatura ambiente lo potresti realizzare. Ma deve essere un superconduttore veramente a temperatura ambiente, direi tra i 50° celsius e i -20° celsius.

Sgrat

Anche se non te ne accorgi siamo inondati di trasmissioni su radiofrequenza.

Sgrat

Ma quindi? Non ho capito.

Ergi Cela

Beh è una tecnologia che aveva già brevettato nikola tesla e che poi i governi non gliel’hanno fatta usare perché avrebbe dato a tutti energia illimitata gratuitamente

HanselTTP

concordo e devo dire che (ammetto la mia ignoranza sul brand) non gli avrei dato un cent.

Pip

Sono arrivati con 30 anni di ritardo ma apprezziamo comunque lo sforzo https://uploads.disquscdn.c...

HanselTTP

i probblemi veri, queste si che son parole..

HanselTTP

la visione di Nikola Tesla che si avvera, energia distribuita on air. Interessante.

Jinno

Non c'è un futuro se si investe in ste cavolate invece di risolvere i problemi veri

Pip

Sisi, tutto molto bello, peccato che l'efficienza della soluzione sia rasente lo 0%

Alex Neko

Si ma non si parla di cellulari ma di rfid o mini circuiti che necessita milliwatt di energia

un cellulare ci metterebbe un anno per avere qualche minuto di carica

Surak 2.04

Sulla carta tutto bello, poi da vedere all'atto pratico cosa tirano fuori,
Sicuramente poter comandare i vari dispositivi senza allacci e senza pensare alle batterie, potrebbe rendere comode molte cose o anche cambiare abitudini, mentre oggi molti sistemi di domotica prevedono un continuo standby in attesa del possibile "comando" che di fatto consumano energia inutilmente e vanno pure collegati ad una fonte, e parlo dell'interruttore o comando non dell'eventuale dispositivo che magari necessità comunque di energia.

momentarybliss

Magari basterà tipo un mini condensatore

Surak 2.04

Una qualche forma di "conservazione dell'energia" a parte rari casi è per forza di cose, ma non necessariamente è detto che debba essere una ricarica chimica quindi una batteria, dipenderà molto da quanto il sistema può intercettare dall'ambiente e quanta energia gli serve

Surak 2.04

Da dire il solito "E' la somma che fa il totale" nel senso che se si ipotizzano centinaia di milioni di piccoli dispositivi con la loro batteria, il problema è sicuramente maggiore soprattutto poi se c'è rischio di dispersione (essendo piccoli oggetti, è più facile che finiscano nell'immondizia o spersi a giro, magari una volta dismessi).

Alessandro Apo

Non dire queste cose o farai perdere qualche posto da dirigente a qualche "ciao grande"..

Danylo

Se fossero senza batteria, andrebbero incontro a numerosi spegnimenti, anche brevi, nei momenti di scarso segnale.
E' piu' probabile le onde radio vengano usate per caricare piccole batterie e garantire cosi' la continuita' di alimentazione.

Danylo

"anche se la tecnologia di queste batterie è notevolmente cresciuta nel corso degli ultimi anni, ancora presenta dei problemi significativi in termini di dimensioni complessive, costi di produzione, durata, facilità d'uso e rispetto dell'ambiente"

Quindi le minuscole batterie dell'IoT non ripettano l'ambiente, ma le auto elettriche con 200 kg di batteria, sono Green?

Venom

Non so se sarà i futuro, ma Oppo sta dimostrando di investire bene e non fermarsi mai al compitino

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

Xiaomi 12 Pro sfida iPhone 13 Pro Max, Galaxy S22 Ultra e Find X5 Pro | Video

Una settimana con OPPO Find X5 Pro: prestazioni alte (il prezzo pure)

Una settimana con Oppo Find N: buona la prima! Recensione