Nvidia non può comprare Arm: la FTC fa causa e blocca tutto

03 Dicembre 2021 123

L'acquisizione da 40 miliardi di dollari di Arm da parte di Nvidia viola le norme sulla concorrenza e pertanto non può essere consentita. È questo in estrema sintesi il risultato delle indagini della FTC statunitense che ha deciso di bloccare l'accordo citando in giudizio il produttore statunitense. In merito all'acquisizione l'agenzia governativa dice: darebbe a una delle più grandi aziende di chip il controllo sulla tecnologia informatica e sui progetti su cui le aziende rivali fanno affidamento per sviluppare i propri chip concorrenti.

RISCHIO ALTERAZIONE DELLA CONCORRENZA IN TRE SETTORI

La FTC ha individuato tre mercati che potrebbero essere danneggiati se l'incorporazione andasse a buon fine. Si tratta di settori in cui già oggi Nvidia compete con altre aziende utilizzando prodotti basati sull'architettura Arm.

  • Sistemi avanzati per l'assistenza alla guida
  • DPU SmartNIC, dispositivi di rete utilizzati per migliorare la sicurezza e l'efficienza di server e data center
  • CPU basate su architettura Arm e utilizzate dai fornitori di servizi di Cloud Computing

Si ricorda che Arm, di proprietà di Softbank, non fornisce né commercializza chip e dispositivi hardware, ma sviluppa e concede in licenza progetti e architetture per i microprocessori. Le aziende licenziatarie usano queste risorse per realizzare i propri chip. Facile intuire quali potrebbero essere gli effetti derivanti dall'acquisizione di Arm: Nvidia entrerebbe in possesso di risorse che potrebbe utilizzare a suo vantaggio danneggiando i concorrenti.

Anche se Nvidia ha diffuso segnali rassicuranti - L'acquisizione favorirà la trasformazione di Arm e servirà ad aumentare la concorrenza e l'innovazione, anche nel Regno Unito, diceva - la FTC ritiene che i rischi siano troppo alti per dare il via libera all'operazione.

DANNI PER I CONSUMATORI

Il ragionamento della FTC è semplice: Arm sviluppa tecnologie fondamentali per i concorrenti di Nvidia, l'acquisizione darebbe a Nvidia il controllo sulla tecnologie di Arm, quindi Nvidia potrebbe controllare anche i suoi concorrenti. Gli effetti del venir meno di un regime di sana concorrenza ricadono sui consumatori e sono così sintetizzati dalla FTC:

  • qualità del prodotto ridotta
  • innovazione limitata
  • prezzi più alti
  • minore scelta

Alcuni aspetti meritano un breve approfondimento. L'innovazione limitata per esempio. Secondo l'ipotesi prospettata dall'agenzia è un effetto del nuovo ruolo che Arm assumerebbe dopo l'acquisizione, non sarebbe più un soggetto neutro, super partes, ma direttamente legato ad un (se non al nuovo principale) protagonista dei tre mercati sopraccitati. Interessante al riguardo questo passaggio della nota ufficiale:

Oggi i licenziatari di Arm, compresi i rivali di Nvidia, condividono regolarmente con Arm informazioni sensibili in termini di concorrenza. I licenziatari si affidano ad Arm per supporto nello sviluppo, progettazione, test, debug, risoluzioni dei problemi, manutenzione, miglioramento dei propri prodotti. I licenziatari condividono con Arm informazioni sensibili sulla concorrenza, perché Arm è un partner neutrale, non un produttore di chip rivale. È probabile che l'acquisizione si traduca in una grave perdita di fiducia in Arm e nel suo ecosistema.

Questa perdita di fiducia certamente non giova al miglioramento dei prodotti dei concorrenti di Nvidia. E poi c'è l'altro rischio legato alle scelte che Arm potrebbe fare in rapporto ai progetti futuri. Se un determinato progetto si traducesse in un vantaggio per la concorrenza e in uno svantaggio per Nvidia, Arm potrebbe decidere di eliminarlo:

È anche probabile che l'acquisizione danneggi la concorrenza nell'innnovazione, eliminando quelle innovazioni che Arm avrebbe perseguito, se non fosse stato per il conflitto di interessi con Nvidia. L'azienda risultante dalla fusione sarebbe meno incentivata a sviluppare o ad abilitare nuove funzionalità o innovazioni vantaggiose, se Nvidia stabilisse che potrebbero danneggiarla.

TEMPI LUNGHI PER L'ESITO FINALE

Con l'atto formale della FTC si pongono le premesse per quello che sarà un lungo iter giudiziario. Nvidia e Softbank sono state già chiamate in causa, ma l'inizio della procedura è fissato per il 9 agosto 2022. Per ora le parti in causa devono accantonare l'idea di procedere in tempi brevi con la fusione, ed a ciò si aggiunge il fatto che l'ostilità rispetto a questa ipotesi non è solo dalle FTC. L'autorità statunitense sottolinea di aver collaborato con le autorità antitrust della Unione Europea, del Regno Unito, del Giappone e della Corea del Sud. In altri termini si è creato un ampio fronte contrario alla conclusione dell'accordo tra Nvidia e Softbank/Arm che al momento appare sempre più messa in discussione.

Il Samsung più equilibrato? Samsung Galaxy A52 5G, in offerta oggi da Tecnosell a 330 euro oppure da Amazon a 415 euro.

123

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
biggggggggggggg
Che minki# c'entra? te lo ripeto a google la cosa non la ha minimamente scalfita dal momento che quello che non vende huawei lo vende un qualsiasi altro OEM

LOL non lo so vedi tu, se uno ti dice: domani con una legge ti togliamo il 5-10% degli introiti, ma tranquillo, troverai altri clienti. Una persona normale ti manda a fare in c**o in due millisecondi, evidentemente tu non amministrando un tubo non hai contezza della questione. Tra l'altro, hai dei dati a supporto della tua tesi?

Io? basta sapere che in android c'è molto java, proprio per questo un tempo c'erano anche i chip intel (mai andati perché x86 faceva cahare su mobile) e non ci sono mai stati grossi problemi di compatibilità

No genio del male, c'è la compatibilità x86 perchè android è sviluppato e compilato anche per x86 dalla notte dei tempi. Le app in java non c'entrano una sega perchè il sistema operativo è quasi interamente scritto in C/C++ (sai, è kernel linux) e no, anche se c'è ART non hai la sicurezza che le app funzionino perchè qualsiasi cosa che vada oltre l'app dei wallpaper utilizza un numero arbitrario e diverso di librerie.

Mah intanto funziona che è l'antitrust del paese a doversi muovere quindi se fosse dovrebbe essere l'antitrust cinese a dire qualcosa a tencent :D

Si infatti come puoi leggere dall'articolo in cui tu stesso stai commentando è anche l'FTC americana a esprimersi sulla questione.
Insieme alle antitrust cinesi ed europee:
https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/antitrust-ue-apre-indagine-approfondita-sulla-proposta-di-acquisizione-di-arm-da-parte-di-nvidia-85612263-6c46-4f4f-92d4-aecdac886dd7.html
https://www.ilsole24ore.com/art/l-antitrust-cinese-dovra-sbrogliare-maxi-deal-nvidia-chip-arm-AE1nasO

Mamma mia non ne azzecchi una, perchè non eviti di scrivere la tua su cose di cui non hai la minima contezza?

Ikaro

https://uploads.disquscdn.c...

NaXter24R

Io credo che ci sia tantissima ottimizzazione da fare su x86. Il futuro penso non sia ne uno ne l'altro quanto piuttosto un mix dei due, ma serve sempre che si sviluppi decentemente per entrambi, altrimenti l'utente ci perde solo.

GianTT

Si tantissimi poi danno per scontato che ARM sia meglio, ma vedremo nel medio-lungo periodo se effettivamente x86 è una tecnologia morente o se aveva bisogno solo di un po' di concorrenza

NaXter24R

Io la ricordavo così, perchè comunque è una loro invenzione e quindi si paga una licenza, che magari costerà pure poco, non so, però così era.
Con ARM io son contento, ma come ogni cosa la vedo un'arma a doppio taglio, perchè poi serve la compatibilità, che non è qualcosa di scontato.

GianTT

Dovrei ricercare, ma dubito che Intel o AMD chiedano a eventuali terzi dei soldi per quelle licenze. E' un modo che hanno (soprattutto Intel) per garantirsi da accuse di monopolio ed evitare che nascano soluzioni migliori nel mercato. O meglio, che nascessero... ARM ormai ha messo in crisi il mercato "tradizionale" dei processori

GianTT

Google è monopolista di fatto nel mercato dei motori di ricerca e ha un vantaggio su tutti i concorrenti nel mercato dei browser, che usa per nutrire il primo monopolio. Senza dimenticare i banner e i pop-up che ti invitano ad usare Chrome (e quindi Google) se apri anche solo Gmail da Firefox. Questa non è una questione da poco, è esattamente equivalente a quanto successo con Microsoft ed Internet Explorer.

Per quanto riguarda NVIDIA e ARM, non sarebbe il primo caso in cui succede qualcosa di simile. Tra l'altro l'alternativa quale sarebbe? Se Softbank non è economicamente nelle condizioni per continuare a gestire ARM, e dovremmo escludere tutte le società che sono direttamente o indirettamente coinvolte nel mercato dei processori, chi resta? Forse qualche cinese, ma sarebbe una soluzione accettata dai governi occidentali? In sede di acquisizione si può anche obbligare NVIDIA a firmare dei documenti in cui si impegna a non applicare politiche anticoncorrenziali con l'acquisizione di ARM

Ikaro
Sì dopo, sul momento ha perso soldi. Come hanno perso soldi le altre aziende a cui è stato vietato di fare affari con Huawei, con ZTE o con aziende cinesi in generale.


E secondo te non era una cosa ampiamente prevista :D

Si infatti, comodo buttare via 15 anni di lavoro su ARM lato mobile e lato server/desktop con milioni di librerie ed applicazioni ottimizzate per ARM, buttiamo tutto via e ricominciamo da capo.
Penso che solo per google riscrivere tutto il mondo mobile per RISC-V costi così tanto che fa prima a regalare 20 miliardi a softbank per continuare a farla andare.


Apple per passare da x86 ad arm con gli applicativi ci ha messo si e no un paio di anni, vedi te ;) non è assolutamente utopistico formare nel lungo periodo ingegneri a RISC-V, tu pensi veramente che questi hanno una visione che va da qui a 2 anni?

E non c'entra nulla esserci o meno ADESSO nel mercato.

LOL non funziona così una antitrust

biggggggggggggg
google non ha perso nulla perché huawei è stata sostituita dagli altri 500mila oem che usano android

Sì dopo, sul momento ha perso soldi. Come hanno perso soldi le altre aziende a cui è stato vietato di fare affari con Huawei, con ZTE o con aziende cinesi in generale.

uno standard aperto senza costi di licenza a quel punto che senso ha fare un consorzio ARM, si va su RISC-V

Si infatti, comodo buttare via 15 anni di lavoro su ARM lato mobile e lato server/desktop con milioni di librerie ed applicazioni ottimizzate per ARM, buttiamo tutto via e ricominciamo da capo.
Penso che solo per google riscrivere tutto il mondo mobile per RISC-V costi così tanto che fa prima a regalare 20 miliardi a softbank per continuare a farla andare.

Ma tencent non è attualmente nel mercato dei chip :D non farebbe scattare nessun campanello d'allarme dell'antitrust

Certo che è nel mercato dei chip: https://www.reuters.com/business/cop/tencent-has-long-term-plan-chip-development-investment-2021-11-03/
Così come altre che probabilmente ci si stanno buttando.
E non c'entra nulla esserci o meno ADESSO nel mercato.
Microsoft attualmente non ha chip, ma non verrebbe comunque venduta a loro perchè non ci vuole un genio per capire cosa ne farebbe con Azure. Anche in quel caso sarebbe una potenziale posizione anti-concorrenziale.

Ikaro
Non è che ci voglia tanto a capirlo: gli USA hanno messo i bastoni tra le ruote a huawei facendo perdere soldi anche alle sue aziende, google & co, che non hanno potuto più fare affari con huawei o farli come prima. Quindi direi più che altro che quando c'è di mezzo il nazionalismo non ci sono soldi che tengano.


Le uniche aziende che hanno perso qualcosa sono gli operatori telefonici "rurali" che avevano contratti con huawei, poca roba rispetto al mantenere la supremazia sul 5g... google non ha perso nulla perché huawei è stata sostituita dagli altri 500mila oem che usano android... detto questo stai mischiando capre e cavoli

LOL ma de che, RISC-V che è uno dei concorrenti di ARM è letteralmente un consorzio come te l'ho descritto io, dove ci sono dentro tutti.


Meno male che ne hai parlato te, proprio RISC-V è uno standard aperto senza costi di licenza a quel punto che senso ha fare un consorzio ARM, si va su RISC-V :D l'obbiettivo delle aziende da te citate è avere la meglio sugli altri non avrebbe senso per una apple (che ormai di arm mantiene le istruzioni base per soli motivi di compatibilità) condividere il lavoro con gli non avrebbe senso

Se Tencent (o prendi qualsiasi altro) volesse comprarsela per competere nel mercato dei chip avrebbe gli stessi identici problemi di NVIDIA perchè potenzialmente potrebbe distorcere il mercato.
Non è che ci vuole tanto.


Ma tencent non è attualmente nel mercato dei chip :D non farebbe scattare nessun campanello d'allarme dell'antitrust

biggggggggggggg
Ikaro
Quando si tratta di soldi non c'è nazionalismo che tenga...


I 500 miliardi di dazi e la fine di Huawei suggerirebbero l'esatto contrario. Non solo in terra americana, ma anche in terra europea.

E che ci azzecca? :D sono due questioni abbastanza diverse...

La strada del consorzio è abbastanza fantasiosa, io ti sto parlando di ipotesi reali

biggggggggggggg

Ma infatti l'unica modalità in cui qualcuno possa acquistarla è proprio il consorzio di cui parlavo sopra, per via della concorrenza.
I capitali google, qualcomm & co. ce li hanno, anzi direi che ne hanno di più.
La via più naturale, come sostengono ormai da anni tante persone, è creare una specie di fondazione, consorzio, in cui ci siano tutti quanti, volendo compresi i cinesi (anche se la vedo così così), che dia i fondi ad ARM per continuare a sviluppare in modo che nessun player del mercato possa creare storture alla concorrenza.
Tralasciando la questione delle rivalità con la cina, anche una sola azienda cinese o una sola azienda europea avrebbe gli stessi identici problemi di antitrust come li sta avendo NVIDIA.

Quando si tratta di soldi non c'è nazionalismo che tenga...

I 500 miliardi di dazi e la fine di Huawei suggerirebbero l'esatto contrario. Non solo in terra americana, ma anche in terra europea.

biggggggggggggg

LOL ma se i cinesi non fanno mezzo chip in autonomia e in america ci sono 40 volte le aziende di chip che ci sono in cina. Semmai è letteralmente il contrario.
Chi potrebbe essere interessato ad ARM in america? Vediamo: Intel, AMD, NVIDIA (come hai visto), Qualcomm, Broadcom, Amazon, Google, Microsoft, ecc. ecc.
Solo per citare le più grandi.
Figurati se i giapponesi che sono almeno qualche milione di volte più razzisti ed anti-cinesi degli americani gli lasciano ARM. Il governo giapponese ha già bloccato ai cinesi acquisti tecnologici di aziende giapponesi, si chiama legge e devi rispettarla. Se ti dicono che il comparto memorie di toshiba (come nel 2016) non lo vendi ai cinesi, tu non lo vendi ai cinesi, punto.

Comunque sta cosa che i cinesi possono sempre tutto e gli altri no è comica, vorrei capire da dove viene.

biggggggggggggg

La prima non sembra da quel che leggo e la seconda non trovo nulla, ma anche fosse è poca roba.

Non ho detto che sia facile o addirittura possibile… ho detto che l’Europa dovrebbe pensarci. Non c’è nulla di strano nel creare un ente per la tecnologia europeo che abbia partecipazioni in una privata. 2021 la nazionalizzazione di imprese è in costante aumento… se vogliamo parlare di problemi il primo è che ARM non nell’UE.

Anders Ge (f.k.a."usagisan")

Direi che non fa una piega.

Il corpo di Cristo in CH2O

riscV ha già vinto in tutti i contesti non consumer, dove la ricompilazione del sw e i compilatori ad alte performance non sono un problema (tanto è lavoro che si sarebbe dovuto fare lo stesso anche per arm), nel consumer invece dovranno passare altri 20 anni per avere un minimo peso a meno che, lì fuori, chi sviluppa non cambi idea e impari a lavorare con un briciolo di coscienza in più, leggasi: premere un tastino una volta di più.

TheBoss

s'ha

Guido

Ho già precisato che la questione Chrome è puerile per il modo in cui essa è affrontata.
La soluzione non è costringere Google a vendere Chrome o impedire a Google di usare un suo prodotto (il motore di ricerca) all'interno di un altro suo prodotto (il browser).
La soluzione è rendere noto alle persone che esistono più motori di ricerca e che è possibile scegliere liberamente il proprio motore di ricerca preferito.
Stop.
La soluzione non è impedire ad un'azienda di usare i propri prodotti all'interno dei propri prodotti, né impedire ad un'azienda di fare affari non vincolanti per l'utenza finale con un'altra azienda (nel momento in cui Google paga Apple per fare in modo che Safari utilizzi di default Google come motore di ricerca, questo non comporta l'impossibilità di cambiare il motore di ricerca). Tutt'altra questione è quella della profilazione dell'utenza: questo è un problema di privacy, pure un sito web può profilarti, sicché a questo punto la soluzione quale sarebbe? Chiudere il web? Ovviamente no: la soluzione è mettere un limite alla profilazione che le aziende possono operare e, al di sotto di quel limite, imporre una scala di livelli di profilazione lasciando all'utenza il compito di stabilire entro quale limite si vuole essere profilati.

In altri termini la differenza tra le due situazioni è la seguente: nel momento in cui Nvidia dovesse comprare ARM, non esisterebbero alternative all'aver a che fare con un competitor alle regole del competitor; nel caso invece di Chrome e di Google (motore di ricerca) le alternative ci sono e possono essere scelte anche internamente (puoi settare Duck Duck Go su Chrome, per esempio, o Google su Firefox), nessuna delle impostazioni predefinite è vincolante per l'utente finale, sicché non puoi attivare una misura governativa che impedisca l'azione imprenditoriale di un'azienda per non intervenire sul problema vero, che è l'ignoranza degli utenti.

NaXter24R

Io ricordavo che Intel lo da ad AMD in cambio dell'altra. Perchè AMD era nata come alternativa economica e usava x86 in licenza appunto.
Però se arriva un terzo e vuole fare un chip, deve pagare

GianTT

Dovrebbe essere stata rilasciata gratuitamente, da quanto ne sapevo era stata una precisa strategia commerciale. Immagino che AMD abbia fatto uguale con AMD64. A conti fatti conviene ad entrambe le aziende fissare uno standard e seguirlo insieme, permettendo al software di girare indipendentemente su uno e sull'altro processore e scambiandosi reciprocamente il mercato.

GianTT

Come l'aver lavorato per estromettere Huawei dalle infrastrutture tecnologiche del paese. Boris ne dice tante, ma le azioni non sono quelle di un amicone dei cinesi

GianTT

E secondo te perché Google paga svariati miliardi ogni anno ad Apple per avere il suo motore di ricerca impostato già di default su Safari? Tutti sappiamo che si può usare un altro browser e un altro motore di ricerca, ma quanti lo fanno? Il motore di ricerca poi permette a Google di accumulare informazioni su informazioni da parte di ogni utente, permette a Google di avere una profilazione assurda di ognuno di noi. Non è puerile per nulla la questione, ed il fatto che Google abbia una valutazione di circa 2 mila miliardi lo dimostra

opt3ron

Prima che diventasse di softbank era di un consorzio di imprese tra cui Apple e intel.

Roundup

Questo matrimonio non sa da fare!

Ergi Cela

“Facciamo una 3090 ti e l’affare si può concludere tranquillamente”

GianTT

Softbank probabilmente ha necessità di far cassa, in questi casi vendi ciò che è facilmente appetibile, ed ARM lo è. Aumentare il costo delle licenze avrebbe invece dato frutti a lungo periodo, quindi non abbastanza velocemente per Softbank.

PilloPallo
Andrea

Concordo pienamente con tutto ciò che dici.

Un chiaro indice sono i sempre più ingenti investimenti in RISC V. Sempre più aziende si stanno creando i chip custom per i propri dispositivi o server e pescheranno dalle licenze ARM solo fintanto che non avranno acquisito sufficiente Know How per utilizzare RISC V e creare customizzazioni al "100%".

Non saprei fare una previsione temporale, ma sono abbastanza certo che capiterà. Che sia fra 10 o 20 anni.

Ed è proprio li che guardano le aziende. Ciò che accadrà fra 5 anni è bene o male già definito e previsto. Ecco perchè SoftBank vende proprio ora.

xan

piuttosto che acquisita da nvidia è meglio quotata in borsa in modo indipendente. se venisse comprata da nvidia, tutte le altre aziende interessate ne risentirebbero, e non lo dico io è ma FTC.....

un esempio su tutti: secondo te nvidia continuerà a sviluppare la GPU Mali o la dismetterà per spingere Tegra?

Guido

Ma c'è una differenza sostanziale che è fondamentale e che, al tempo stesso, fa sì che la questione sia puerile: il motore di ricerca lo puoi cambiare. Quindi la chiave di volta non è iniziare una battaglia stile Crociate contro Google per impedire a Google di usare un suo prodotto all'interno di un suo prodotto (cosa che è una totale assurdità) ma è alfabetizzare un minimo le persone di modo che, volendo, possano cambiare il motore di ricerca. Pure io che sono un rintronato e un ignorante so che esistono diversi motori di ricerca e so come si cambia il motore di ricerca all'interno di un browser. Ecco perché la questione è puerile: non perché sia puerile in sé ma per il modo in cui essa è affrontata e per la soluzione che viene proposta.

Cerbero

La devi vedere in prospettiva l'acquisizione da parte di Nvidia sforzandoti di immaginare il mercato di ARM fra qualche anno,con e senza l'acquisizione. La capacita' di RISCV di erodere quote di mercato della multinazionale inglese sara' sempre piu' evidente perche' le licenze hanno un costo, molti si costruiscono i SoC in casa e con la vendita di licenze a terzi in declino non avrai margini di manovra per affrontare gli investimenti sempre piu' consistenti che richiedono architetture sempre piu' complesse.
Gia' oggi Softbank se ne vuole sbarazzare perche' non e' piu' la gallina dalle uova d'oro di qualche anno fa e gli investimenti richiesti sono troppo elevati per dei ritorni economici troppo in la' nel tempo.

xan

non sono d'accordo, ma è un discorso troppo complesso da fare per messaggi.
solo 3 cose al volo:
- ARM non è in perdita o difficoltà economiche, anzi l'opposto. Softbank la vuole vendere ora per massimizzare i guadagni
- l'esistenza della linux foundation non contraddice quello che hai detto ?
- "che riduca la sua dipendenza dalle licenze a terzi": ma se è proprio il core business di ARM, secondo te si dovrebbe mettere a fare altro?

Ikaro

E chi ha detto il contrario :D

Cerbero

Perche' l'interesse di un consorzio e' limitato a mantenere la neutralita' non sviluppare l'architettura,costruendo di conseguenza nuove strategie per affrontare (anche) nuovi mercati. Gia' oggi ARM fatica molto a far quadrare i conti rispetto alle entrate sempre piu' magre ed allo sviluppo dei design sempre piu' complessi e costosi.
Quanto vuoi che ci metta RISCV ad occupare una parte consistente del suo mercato fatto di licenze a terzi che si producono in casa architetture custom? E' una questione di qualche anno.

La realta' e' che per ARM,mantenersi sul mercato ed evolvere necessita di un soggetto molto interessato allo sviluppo ed all'evoluzione dell'architettura,che abbia le spalle (economicamente grandi) e che riduca la sua dipendenza dalle licenze a terzi.

Frank

Che non è vero che se Softbank vuole vendere nessuno può impedirglielo, possono ed infatti lo stanno facendo.

meglio così

Jolly3

La vedo un po' dura. L'ESA è un'agenzia europea sponsorizzata da vari stati con obiettivi ben diversi.
Mentre ARM è un'azienda privata e la UE è sempre stata ben lontana da idee tipo "nazionalizzazione di imprese".

Repox Ray

ASSOLUTAMENTE

xan

e perchè mai ?

parlo di una specie di "linux foundation"

ARM deve essere acquistato da un agenzia Europea creata ad-hoc.
Se abbiamo ESA possiamo avere un organismo unico europeo per la tecnologia avanzata.

Cerbero

Cioe' fatta morire.

Sei serio? Levare questo know-how all'Europa per darlo ad una dittatura comunista per riequilibrare il mercato? Dove hai studiato economia?
Ma che poi basti vedere quelo che è successo ad hong-kong e quello che accadrà a breve in Taiwan.
Io rimango basito quando leggo questi commenti. Senza parole.

xan

come ho sempre detto, ARM deve essere venduta ad un consorzio formato da tutte le aziende interessate ad usare le sue architetture

xan

prendi un top gamma del 2016 e confrontalo con uno del 2021

Jolly3

A questo punto intervenissero anche l'ONU, l'ACI, l'EMA e qualche altra sigla a caso .... ;-)
Tanto si è capito che i "POTERI FORTI" non vogliono questa cosa :-))

Luca Lindholm

Vabbeh, quelle sono le classiche anglo-sassonate...

Ikaro
Scemo 3.0

Va a finire che la vendono ai cinesi questi incapaci patentati

HDMotori.it

Tutti si lamentano per l'assenza di colonnine, ma... ne parliamo con IONITY

HDMotori.it

Askoll eS3 e NGS3: provata la nuova gamma di scooter elettrici per il 2022

Android

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

HDMotori.it

Mazda MX-30: la prova dei consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km