Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

29 Giugno 2021 307

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Windows 11 è la novità del momento, la nuova versione del software di Redmond sta monopolizzando le cronache del mondo tech tra novità interessanti, data di arrivo, requisiti minimi e anche qualche protesta degli utenti. Con questo articolo vogliamo fare il punto della situazione ad oggi e chiarire tutti i punti ancora controversi su Windows 11, rispondendo alle domande frequenti che ci avete posto negli ultimi giorni.

INDICE

LE NOVITÀ DI WINDOWS 11

Tutto il clamore suscitato da Windows 11 si spiega con le tante novità che porta in dote, dalla rinfrescata grafica al supporto alle applicazioni Android, vediamo i punti principali.

NUOVA GRAFICA

Il primo punto importante riguarda un refresh grafico che Microsoft ha attuato su tutte le parti del sistema, dagli angoli arrotondati delle finestre ad un nuovo tema scuro. Troveremo anche nuove animazioni e suoni, un layout più moderno di Esplora File, la task bar con icone al centro, un rinnovato centro notifiche, nuove icone, sfondi, temi dedicati.

Windows sarà in grado di adattarsi a diversi dimensioni di schermo e con dispositivi touch modificherà la spaziatura tra gli elementi e abiliterà alcune gesture per facilitare l'interazione con il touch screen. Il primo impatto con il nuovo OS per noi è stato molto positivo dal punto di vista della grafica, si percepisce un lavoro attento dei designer.

NUOVO MENÙ START E RICERCA

E' da sempre un riferimento per Windows ed aveva bisogno di un restyling, Microsoft è andata oltre creando un menù start completamente diverso. Innanzitutto di default la sua posizione sarà centrale (ma si può sempre scegliere di allinearlo a sinistra), sono spariti i "live tiles" ed è stato riorganizzato con una sezione "consigliati" in cui compaiono i collegamenti rapidi a programmi, app e file utilizzati più spesso.

Anche la ricerca è stata migliorata, più "intelligente" nei suggerimenti, veloce e chiara nella visualizzazione dei risultati.

WIDGET

Nuova sezione widget personalizzabile con le notizie e blocchi scelti dall' utente, compare di lato in sovraimpressione con una leggera trasparenza. Bella graficamente e aperta ad inserti di app e programmi su cui Microsoft ha invitato gli sviluppatori a lavorare in modo creativo.

MULTITASKING

Lavorare su molte istanze, su diversi desktop virtuali e fisici sarà semplicissimo con Windows 11. Le finestre si possono bloccare su più punti e comporre un’interfaccia su misura dell’utente, le animazioni spiegano bene cosa accadrà e sarà sufficiente passare il mouse sull’icona ingrandisci per scegliere dove agganciare la finestra.

Non è tutto perché il multitasking è stato molto migliorato su più deskotp virtuali e anche utilizzando più monitor, ad esempio scollegando uno schermo i programmi verranno automaticamente minimizzati e la disposizione delle finestre ripristinata se il monitor verrà ricollegato.

MICROSOFT TEAMS

La piattaforma per le comunicazioni, chiamate, produttività e svago di Microsoft sarà ora integrata direttamente nel sistema operativo, non sarà necessario installare programmi e componenti aggiuntivi, ogni PC sarà subito pronto per gestire videochiamate e sfruttare le moltissime opportunità offerte da Microsoft Teams.

APPLICAZIONI ANDROID

Su Windows 11 funzioneranno le applicazioni Android e saranno eseguite nativamente sui sistemi con SoC ARM o virtualizzate sugli X86, avremo dunque accesso allo sterminato catalogo di app Android fornite dallo store Amazon. Le app Android si potranno cercare e scaricare anche attraverso un rinnovato Microsoft Store.

GAMING

Il mondo dei giocatori troverà un Windows 11 ottimizzato per sfruttare il catalogo Microsoft Game Pass e sui PC gaming ci saranno nuove possibilità per massimizzare le performance e l'esperienza di gioco con Auto HDR e Direct Storage.

REQUISITI MINIMI (PER ORA)

Windows 11 non potrà essere installato su tutti i computer indistintamente, bisognerà anzi soddisfare alcuni requisiti minimi, alcuni dei quali stanno facendo molto discutere negli ultimi giorni. Nel documento scaricabile dal link sottostante è possibile visionare l'elenco completo dei requisiti tecnici.

TUTTI I REQUISITI MINIMINI PER WINDOWS 11 | LINK

Attenzione perché la situazione compatibilità è in costante divenire, non è escluso che un PC attualmente non compatibile venga poi inserito in un secondo momento tra i fortunati.

  • Processore: min 1 GHz - 2 Core
  • RAM: min 4 GB
  • Archiviazione: min 64 GB spazio libero
  • UEFI
  • UEFI Secure Boot abilitato
  • TPM 2.0 (trusted platform module)
  • Schermo: >9" (non vale per PC Desktop), risoluzione HD, 8 bit
  • Grafica: DirectX 12 API
  • Bluetooth (non vale per PC Desktop)
  • Ethernet o WiFi
  • Precision TouchPad (nei laptop dotati di touchpad)
  • Digitizer integrato nel TouchPad (nei laptop dotati di touchpad)
  • Tasto di accensione, Tasti del volume
  • Porta USB (almeno 1)
  • Uscita video (almeno 1)

Di tutti i requisiti minimi quello ad aver creato un po' di confusione è relativo al TPM 2.0, che riguarda un componente hardware o software che può essere equipaggiato a livello di scheda madre o CPU e garantisce elevati standard di sicurezza sui computer moderni.

Si tratta di un componente fondamentale per poter eseguire software aziendali che si appoggiano ai servizi Microsoft Azure ma non solo, garantisce che tutte le informazioni sensibili e password registrate sul PC vengano crittografate con chiavi inaccessibili.

Microsoft aveva in un primo momento consentito, pur non consigliando, l'installazione di Windows 11 anche su dispositivi con TPM 1.2, poi però ha cambiato idea riservando la compatibilità con il nuovo OS alle sole macchine con TPM 2.0.

Quasi tutti i computer immessi in commercio negli ultimi anni sono dotati del TPM, alcuni, specialmente gli assemblati, potrebbero averlo semplicemente disabilitato e sarà necessario attivarlo dalle impostazioni del BIOS.

E' importante sapere che praticamente tutte le CPU rilasciate negli ultimi 3-4 anni supportano il TPM, Microsoft ha comunque fornito una lista di processori compatibili con il nuovo OS. Attenzione però perché queste liste potrebbero ulteriormente ampliarsi prima del rilascio di fine anno, sappiamo ad esempio che si sta lavorando per valutare la compatibilità di modelli più vecchi di Intel (7a gen) e AMD Zen 1.

Riassumendo, ad oggi 29 giugno 2021 :

  • Intel 6° generazione (e generazioni precedenti), processori AMD non Zen > per ora non compatibili
  • Intel 7° generazione, AMD Zen 1 > per ora non ufficialmente compatibili, ma alcuni dispositivi che li utilizzano potrebbero diventarlo al termine del percorso di beta test
  • Intel 8° generazione, AMD Zen 2 e Qualcomm Serie 7 e 8 > sicuramente compatibili

Un metodo semplicissimo per verificare di avere un computer con TPM 2.0 è quello di digitare nella ricerca di Windows "tpm", nella pagina che si aprirà cliccare su "Processore di sicurezza" per visualizzare le informazioni sulla versione TPM eventualmente installata sul proprio PC.


In alternativa potete seguire un altro metodo che abbiamo descritto QUI valido anche per chi non usa Windows 10.

IL TOOL UFFICIALE DI MICROSOFT

L'azienda aveva messo a disposizione un semplice tool per verificare se il proprio PC soddisfacesse i requisiti per l'installazione di Windows 11. Con un post sul live blog è tornata sui suoi passi ammettendo che il tool in questione aveva generato un po' di confusione e ha quindi deciso di rimuoverlo in vista di un futuro rilascio di una versione più completa ed affidabile.

In alternativa potete scaricare (è sicuro) un programmino open source ideato da uno sviluppatore indipendente, il nome è esplicativo: WhyNotWindows11, si può scaricare da QUI e vi dice dettagliatamente quali requisiti sono soddisfatti e quali no.


QUANDO ARRIVERÀ

Non c'è una data ufficiale ma i primi PC con Windows 11 saranno venduti verso la fine del 2021, si parla del periodo tra novembre e dicembre, le cose però potranno evolversi in modo diverso in base ai feedback di sviluppatori e utenti.

Ciò non significa che Windows 11 si potrà installare fin da subito come aggiornamento di Windows 10, Microsoft ha già infatti dichiarato che le prime macchine saranno raggiunte dal nuovo OS nei primi mesi del 2022, da lì in poi il cerchio si allargherà a scaglioni con la previsione di concludere il rilascio verso metà 2022.

Per chi volesse bruciare i tempi c'è la possibilità Windows Insider, un programma a cui è possibile aderire gratuitamente e che prevede 3 livelli di coinvolgimento: "developer", "beta", "preview".

In tutti i casi registrandosi come Insider si riceveranno in anteprima le build di Windows 11, il canale developer avrà accesso a versioni instabili e spesso con qualche problema di prestazioni e sicurezza, le beta sono quasi sempre utilizzabili nel quotidiano mentre il canale "preview" riceve semplicemente "prima del resto" del mondo gli aggiornamenti.

  • Canale developer: già disponibile la prima build come aggiornamento di Windows 10
  • Canale beta: primo rilascio previsto durante l'estate
  • Canale preview: verosimilmente in tardo autunno

COME ADERIRE AL PROGRAMMA WINDOWS INSIDER

Registrarsi nel programma Windows Insider è piuttosto semplice, nelle impostazioni di Windows 10 l'ultima voce in basso si chiama appunto "Programma Windows Insider", cliccando si accede alla schermata di registrazione, se non dovesse caricare sarà necessario attivare i "feedback automatici facoltativi", entrando nelle impostazioni Privacy.


Tornando sulla scheda Windows Insider avrete ora l'opportunità di registrarvi collegando l'account Microsoft e scegliere il canale a cui aderire (si può sempre cambiare). Una volta terminata la procedura basterà riavviare il PC e gli aggiornamenti in anteprima arriveranno attraverso Windows Update come se fossero normali update.


ULTERIORI ELEMENTI SU WINDOWS INSIDER

Con il rilascio delle prime versioni sui canali Dev e Beta di Windows Insider si è creata un po' di confusione circa i requisiti minimi, Microsoft è dunque intervenuta per chiarire la situazione.


Nella tabella viene indicato come verranno gestiti i PC che facevano già parte del programma Windows Insider prima del 24 giugno 2021. In caso di incompatibilità con i requisiti minimi di Windows 11 gli utenti iscritti riceveranno comunque le build per sviluppatori ma non quelle beta, in tutti i casi al momento del rilascio finale saranno costretti a tornare su Windows 10.

COME INSTALLARE WINDOWS 11

Il metodo più semplice ed efficace per installare Windows 11 è tramite un aggiornamento di Windows 10. Questa sarà la modalità con cui la maggior parte dei computer con Windows 10 riceverà la nuova versione.

Microsoft ha specificato che non si dovranno attuare procedure particolari, si tratterà semplicemente di un aggiornamento un po' più corposo del solito, con un peso di circa 3,5 GB, magari qualcosa in meno a seconda della versione.

Gli utenti che aggiorneranno potranno decidere di tornare a Windows 10 entro 10 giorni senza alcun problema, trascorso quel periodo di tempo bisognerà invece procedere con un'installazione pulita di Windows 10 tramite supporto USB.

Lo stesso discorso vale per le preview di Windows Insider, si possono installare come un normale aggiornamento, noi l'abbiamo già fatto ed è filato tutto liscio.

Quando Microsoft le rilascerà ufficialmente, oppure prima attraverso file che non tarderanno a comparire in rete, sarà possibile installare Windows 11 tramite ISO. Basterà creare un supporto USB avviabile tramite programmi collaudati come Rufus.

QUANTO COSTERÀ

Arrivando da Windows 10 l'aggiornamento sarà gratuito. Microsoft permetterà di aggiornare senza costi per almeno un anno dal momento delle prime build ufficiali, verosimilmente dunque almeno fino a fine 2022.

Non è ancora chiaro invece il costo di una licenza nuova per Windows 11, ma i prezzi dovrebbero rimanere più o meno quelli del precedente OS (145 euro per WIndows 10 Home). Chiaramente i computer acquistati a partire dalla fine del 2021 saranno già equipaggiati con una licenza di Windows 11, salvo rare eccezioni vendute senza OS.

ALTRE DOMANDE FREQUENTI

Vi rimandiamo alla pagina ufficiale di Windows 11 in cui Microsoft aggiorna costantemente le domande frequenti che emergono.

VIDEO

Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Tecnosell a 780 euro oppure da Amazon a 839 euro.

307

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Holy87

Se il tuo PC è scarso, quasi certamente non ti verrà proprio proposto l'aggiornamento visti i requisiti stringenti di Windows 11.

Carlito58

Hai ragione. Se succede potrebbe scoppiarti il pc.

Leonardo Cozza

premessa: non ho intenzione di aggiornare, il mio pc con W10 è troppo scarso e ha poca memoria. Ma come farò a capire in futuro se gli aggiornamenti proposti saranno per W10 o per fare update a 11? Non vorrei far partire aggiornamento a 11 senza volerlo... grazie.

Raxiel87

l'ho provato su un nuc, gira bene ma è (per ora) uguale a win 10 con il menù al centro, sempre un doppio pannello di controllo.. mah

Francesco Saverio Casadidio

Non credo proprio. Per lo meno come processore non è compatibile. Se ricordo bene ha un processore di quarta generazione. Quindi non può risultare compatibile a tutti i requisiti

gian77

Devo provare con il mio notebook Sony, "upgradato" con CPU T7400, SSD e 4 gb di ram del 2006. Windows 10 gira molto bene

Volpe
Volpe

"Tutti" non credo, analizzo semplicemente quali possano essere le motivazioni di tale scelta. Non mi elevo al di sopra di nessuno, a differenza di chi prende posizione per partito preso.

Marco Sartori

Infatti. A Novara ho girato tre negozi per trovare il più economico per riparare il p10lite con schermo rotto e nessuno chiedeva i soldi prima. Mha.

Marco Sartori

Angoli arrotondati?

AlexDelarge90

Quindi, in sintesi. Sulla mia configurazione che è la seguente: i7 920, 16 gb di RAM, 256 gb di SSD, Scheda video GT5450, Windows 11 girerà? Grazie

Danitkd

Lo spero.. Ma purtroppo la mia mobo non supporta uefi.. Quindi credo che dovrò rimanere su 10

Danitkd

Eh si! Dopo un cambio di pasta termica, ssd samsung (purtroppo la mobo non supporta PCI-e) e 8gb di ram 1333hz il PC è ancora una scheggia per un uso ufficio! Considerando che fa anche da server per il vecchio gestionale non male!

Danitkd

Purtroppo per l'ufficio non è pensabile il passaggio a Linux. I gestionali non supportano altro che windows.

SmallSize

Magari, i requisiti che ci sono ora sono solo per la versione professional…!!!

SmallSize

Quando finirà il supporto a Windows 10 potrai fare il passaggio a Linux o pensare di cambiare mobo procio e ram. Con 250€ dovresti cavartela

loresarr

Quel processore è uno dei meglio riusciti nella storia di Intel probabilmente, anche io ho un pc col 750 e vola ancora.

Lorenzomx

Con YouTubensfw

Devi andare in privacy e attivare la diagnostica facoltativa

trainwreck

I processori con socket 486 non dovrebbero avere l'nx bit, non era possibile installarci neanche windows 10, ci avevo provato con un vecchissimo pentium 4 anni fa

andrew

Eh, direi che non posso darti assolutamente torto...

xdepr

Chiedo venia, su disqus è sempre difficile distinguere i toni

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

No no. Io lo voglio W11. Anzi mi va meglio di W10.
Solo che me ne frega di quello dice Microsoft.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Se vuoi ti spiego come installarlo pure su un 486 qualsiasi.

a saperlo che c'è da attivare la diagnostica facoltativa.. non proprio intuitivo visto che la pagina insider non carica nulla se non si attivano, io che pensavo fosse un problema dei server.
comunque sul mio pc del 2008 sta scaricando la build 22000.51

Mr. Robot

È inutile elevarsi al disposta degli altri con mezzi commenti.
Siamo sopravvissuti tutti alle falle di sicurezza delle CPU Intel in un periodo nel quale, addirittura, dominava il mercato.

Andre Sergio Da Rio

boh

Mind_the_gap

è vero! non ci avevo pensato! vedrò se me lo fa senza perdita di dati! grazie!

salvatore esposito

se non vuoi installare software aggiuntivo, puoi provare con una distro live tipo lubuntu e usare gparted.
potresti dover installare gparted sulla live con il comando:
sudo apt-get install gparted

dovresti riuscire anche così

Mind_the_gap

grazie, speravo ci fosse un modo di farlo non installando software aggiuntivo, ma il software che hai proposto è una delle poche soluzioni (che sembrano funzionanti) che avevo trovato anche io...procederò con quella.

Mind_the_gap

guarda io ho un notebook acer preso nel 2014 e risulta compatibile a tutti i requisiti, quindi non pensare serva necessariamente un computer recente

Volpe

Non si parla non solo di "potenza", però vedo sfugge il putno a molti nei commenti.

Volpe

Contenti? Parli per far rumore? Sfugge comunque il concetto che non è solo questione di potenza e chi non è contento per partito preso può anche non usare questa soluzione.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Funziona bene il raytracing in tempo reale?

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Lo produce MS. Per forza.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Il problema è che il mio Core Duo fa girare divinamente W11, onde per cui vi stanno prendendo in giro e voi siete contenti.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Puoi sgolarti quanto vuoi ma qui non lo capirà quasi nessuno che hai ragione.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Fai come me.
Scarica la ISO.
La apri.
Pigi setup.exe.

E' identico ad aggiornare il tuo W10.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Il mio ce l'ha!
E infatti W11 funziona.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Per quanto ancora dovro' leggere ste cose senza senso.
Mi sono gia' stancato.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

UEFI Secure Boot abilitato
TPM 2.0 (trusted platform module)

Per fortuna che il mio Core Duo le ha tutte e due.

Danitkd

Con sto TPM 2.0 tra i requisiti minimi hanno ucciso questa relase. Un PC non lo cambi ogni 3/4 anni. Un buon PC se non usato per gaming o per programmi particolari ti dura anche più di 10 anni! In ufficio abbiamo PC con i5 750 di prima generazione e vanno ancora benissimo dopo aver aggiornato ram e inserito ssd.
Vedremo come andrà a finire ma spero che questo non sia un modo per spingere all'acquisto di macchine nuove ogni 3/4 anni.

Ritornoalfuturo

"Tasto di accensione" ...
meglio specificare che ci deve essere..altrimenti c'è chi si potrebbe lamentare per il fatto che w11 non funziona

pollopopo

davinci non è un programmino :P

andrew

Semplicemente mi era sfuggito che la risposta era diretta all'altro utente. La cosa si può far notare anche in maniera più garbata, non mi sembra di averti mancato di rispetto nelle precedenti risposte.

andrew

Alcuni li usano professionalmente, altri no. Una verità assoluta, per fortuna, non ci sta.

Mr. Robot

Sono d'accordo sul fatto di rimanere sul 10.
Non sono d'accordo sul fatto che un i7 3xxx non possa fare girare al meglio Windows 11 al contrario di un celeron di ultima generazione

andrew

Punti di vista, ci sta a chi va bene e chi no. A te a no, ad altri si.
Ti svelo un segreto: non sei il detentore della verità assoluta.

andrew

Vabbé... hai seri problemi.

salvatore esposito

EaseUS Partition Master lo fa,
c'è una versione free ma credo sia una funzione della sola versione pro.
puoi provare a controllare sul sito o magari ti spara la trial 30giorni della pro

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!

Windows 11 e TPM: che cos'è e come capire se il computer è compatibile