Windows 11 disponibile da oggi: tutto ciò che bisogna sapere

05 Ottobre 2021 1104

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Microsoft ha annunciato l'avvio della distribuzione di Windows 11, che arriva a coronamento dell'immancabile fase di test partita a fine giugno con la collaborazione degli utenti Insider. Allo scoccare della mezzanotte, oggi, 5 ottobre, in perfetta linea con le previsioni, la casa Redmond ha iniziato ad distribuire la prima versione stabile per i dispositivi supportati. In questo articolo vogliamo fare il punto della situazione, indicando tutte le informazioni utili per scaricare la nuova major release di Windows.

INDICE

LE NOVITÀ DI WINDOWS 11

Tutto il clamore suscitato da Windows 11 si spiega con le tante novità che porta in dote, dalla rinfrescata grafica al supporto alle applicazioni Android, vediamo i punti principali.

NUOVA GRAFICA

Il primo punto importante riguarda un refresh grafico che Microsoft ha attuato su tutte le parti del sistema, dagli angoli arrotondati delle finestre ad un nuovo tema scuro. Troveremo anche nuove animazioni e suoni, un layout più moderno di Esplora File, la task bar con icone al centro, un rinnovato centro notifiche, nuove icone, sfondi, temi dedicati.

Windows sarà in grado di adattarsi a diversi dimensioni di schermo e con dispositivi touch modificherà la spaziatura tra gli elementi e abiliterà alcune gesture per facilitare l'interazione con il touch screen. Il primo impatto con il nuovo OS per noi è stato molto positivo dal punto di vista della grafica, si percepisce un lavoro attento dei designer.

NUOVO MENÙ START E RICERCA

E' da sempre un riferimento per Windows ed aveva bisogno di un restyling, Microsoft è andata oltre creando un menù start completamente diverso. Innanzitutto di default la sua posizione sarà centrale (ma si può sempre scegliere di allinearlo a sinistra), sono spariti i "live tiles" ed è stato riorganizzato con una sezione "consigliati" in cui compaiono i collegamenti rapidi a programmi, app e file utilizzati più spesso.

Anche la ricerca è stata migliorata, più "intelligente" nei suggerimenti, veloce e chiara nella visualizzazione dei risultati.

WIDGET

Nuova sezione widget personalizzabile con le notizie e blocchi scelti dall' utente, compare di lato in sovraimpressione con una leggera trasparenza. Bella graficamente e aperta ad inserti di app e programmi su cui Microsoft ha invitato gli sviluppatori a lavorare in modo creativo.

MULTITASKING

Lavorare su molte istanze, su diversi desktop virtuali e fisici sarà semplicissimo con Windows 11. Le finestre si possono bloccare su più punti e comporre un’interfaccia su misura dell’utente, le animazioni spiegano bene cosa accadrà e sarà sufficiente passare il mouse sull’icona ingrandisci per scegliere dove agganciare la finestra.

Non è tutto perché il multitasking è stato molto migliorato su più deskotp virtuali e anche utilizzando più monitor, ad esempio scollegando uno schermo i programmi verranno automaticamente minimizzati e la disposizione delle finestre ripristinata se il monitor verrà ricollegato.

MICROSOFT TEAMS

La piattaforma per le comunicazioni, chiamate, produttività e svago di Microsoft sarà ora integrata direttamente nel sistema operativo, non sarà necessario installare programmi e componenti aggiuntivi, ogni PC sarà subito pronto per gestire videochiamate e sfruttare le moltissime opportunità offerte da Microsoft Teams.

APPLICAZIONI ANDROID

Su Windows 11 funzioneranno le applicazioni Android e saranno eseguite nativamente sui sistemi con SoC ARM o virtualizzate sugli X86, avremo dunque accesso allo sterminato catalogo di app Android fornite dallo store Amazon. Le app Android si potranno cercare e scaricare anche attraverso un rinnovato Microsoft Store.

Bisogna però precisare che questa funzionalità non è disponibile al lancio della versione stabile di Windows 11. Bisognerà attendere il prossimo anno.

GAMING

Il mondo dei giocatori troverà un Windows 11 ottimizzato per sfruttare il catalogo Microsoft Game Pass e sui PC gaming ci saranno nuove possibilità per massimizzare le performance e l'esperienza di gioco con Auto HDR e Direct Storage.

REQUISITI MINIMI

Windows 11 non potrà essere installato su tutti i computer indistintamente, bisognerà anzi soddisfare alcuni requisiti minimi, alcuni dei quali stanno facendo molto discutere nei mesi scorsi. Nel documento scaricabile dal link sottostante è possibile visionare l'elenco completo dei requisiti tecnici.

TUTTI I REQUISITI MINIMINI PER WINDOWS 11 | LINK

Attenzione perché la situazione compatibilità è in costante divenire, non è escluso che un PC attualmente non compatibile venga poi inserito in un secondo momento tra i fortunati.

  • Processore: min 1 GHz - 2 Core
  • RAM: min 4 GB
  • Archiviazione: min 64 GB spazio libero
  • UEFI
  • UEFI Secure Boot abilitato
  • TPM 2.0 (trusted platform module)
  • Schermo: >9" (non vale per PC Desktop), risoluzione HD, 8 bit
  • Grafica: DirectX 12 API
  • Bluetooth (non vale per PC Desktop)
  • Ethernet o WiFi
  • Precision TouchPad (nei laptop dotati di touchpad)
  • Digitizer integrato nel TouchPad (nei laptop dotati di touchpad)
  • Tasto di accensione, Tasti del volume
  • Porta USB (almeno 1)
  • Uscita video (almeno 1)

Di tutti i requisiti minimi quello ad aver creato un po' di confusione è relativo al TPM 2.0, che riguarda un componente hardware o software che può essere equipaggiato a livello di scheda madre o CPU e garantisce elevati standard di sicurezza sui computer moderni.

Si tratta di un componente fondamentale per poter eseguire software aziendali che si appoggiano ai servizi Microsoft Azure ma non solo, garantisce che tutte le informazioni sensibili e password registrate sul PC vengano crittografate con chiavi inaccessibili.

Microsoft aveva in un primo momento consentito, pur non consigliando, l'installazione di Windows 11 anche su dispositivi con TPM 1.2, poi però ha cambiato idea riservando la compatibilità con il nuovo OS alle sole macchine con TPM 2.0.

Quasi tutti i computer immessi in commercio negli ultimi anni sono dotati del TPM, alcuni, specialmente gli assemblati, potrebbero averlo semplicemente disabilitato e sarà necessario attivarlo dalle impostazioni del BIOS.

E' importante sapere che praticamente tutte le CPU rilasciate negli ultimi 3-4 anni supportano il TPM, Microsoft ha comunque fornito una lista di processori compatibili con il nuovo OS. Attenzione però perché queste liste potrebbero ulteriormente ampliarsi prima del rilascio di fine anno, sappiamo ad esempio che si sta lavorando per valutare la compatibilità di modelli più vecchi di Intel (7a gen) e AMD Zen 1.

Riassumendo:

  • Intel 6° generazione (e generazioni precedenti), processori AMD non Zen > per ora non compatibili
  • Intel 7° generazione, AMD Zen 1 > per ora non ufficialmente compatibili, ma alcuni dispositivi che li utilizzano potrebbero diventarlo al termine del percorso di beta test
  • Intel 8° generazione, AMD Zen 2 e Qualcomm Serie 7 e 8 > sicuramente compatibili

Un metodo semplicissimo per verificare di avere un computer con TPM 2.0 è quello di digitare nella ricerca di Windows "tpm", nella pagina che si aprirà cliccare su "Processore di sicurezza" per visualizzare le informazioni sulla versione TPM eventualmente installata sul proprio PC.


In alternativa potete seguire un altro metodo che abbiamo descritto QUI valido anche per chi non usa Windows 10.

IL TOOL UFFICIALE DI MICROSOFT


Per verificare la compatibilità della propria macchina con Windows 11 si può scaricare il tool ufficiale direttamente dal sito di Microsoft, tornato online dopo essere stato rimosso perché aveva generato un po' di confusione.

In alternativa potete scaricare (è sicuro) un programmino open source ideato da uno sviluppatore indipendente, il nome è esplicativo: WhyNotWindows11, si può scaricare da QUI e vi dice dettagliatamente quali requisiti sono soddisfatti e quali no.


OGGI PARTE LA DISTRIBUZIONE, CHE DURERÀ PER MESI

La distribuzione di Windows 11 parte ufficialmente oggi, ma come di consueto si tratta di un processo graduale che parte dalle macchine più recenti, procedendo a scaglioni sino a raggiungere tutti i PC compatibili. Chi ha acquistato un PC recente con Windows 10 dovrebbe essere già in grado di scaricare l'aggiornamento, tutti gli altri dovranno attendere l'arrivo dell'upgrade.

Microsoft sottolinea al riguardo:

Prevediamo che a tutti i dispositivi WIndows 10 sarà offerta la possibilità di effettuare l'upgrade a Windows 11 entro metà 2022.

Naturalmente c'è sempre la possibilità di continuare a partecipare a Windows Insider, un programma a cui è possibile aderire gratuitamente e che prevede 3 livelli di coinvolgimento: "developer", "beta", "preview".

In tutti i casi registrandosi come Insider si riceveranno in anteprima le build di Windows 11, il canale developer avrà accesso a versioni instabili e spesso con qualche problema di prestazioni e sicurezza, le beta sono quasi sempre utilizzabili nel quotidiano mentre il canale "preview" riceve semplicemente "prima del resto" del mondo gli aggiornamenti.

  • Canale developer: già disponibile la prima build come aggiornamento di Windows 10
  • Canale beta: primo rilascio previsto durante l'estate
  • Canale preview: verosimilmente in tardo autunno

COME ADERIRE AL PROGRAMMA WINDOWS INSIDER

Registrarsi nel programma Windows Insider è piuttosto semplice, nelle impostazioni di Windows 10 l'ultima voce in basso si chiama appunto "Programma Windows Insider", cliccando si accede alla schermata di registrazione, se non dovesse caricare sarà necessario attivare i "feedback automatici facoltativi", entrando nelle impostazioni Privacy.


Tornando sulla scheda Windows Insider avrete ora l'opportunità di registrarvi collegando l'account Microsoft e scegliere il canale a cui aderire (si può sempre cambiare). Una volta terminata la procedura basterà riavviare il PC e gli aggiornamenti in anteprima arriveranno attraverso Windows Update come se fossero normali update.


ULTERIORI ELEMENTI SU WINDOWS INSIDER

Con il rilascio delle prime versioni sui canali Dev e Beta di Windows Insider si è creata un po' di confusione circa i requisiti minimi, Microsoft è dunque intervenuta per chiarire la situazione.


Nella tabella viene indicato come verranno gestiti i PC che facevano già parte del programma Windows Insider prima del 24 giugno 2021. In caso di incompatibilità con i requisiti minimi di Windows 11 gli utenti iscritti riceveranno comunque le build per sviluppatori ma non quelle beta, in tutti i casi al momento del rilascio finale saranno costretti a tornare su Windows 10.

COME INSTALLARE WINDOWS 11

Il metodo più semplice ed efficace per installare Windows 11 è tramite un aggiornamento di Windows 10. Questa sarà la modalità con cui la maggior parte dei computer con Windows 10 riceverà la nuova versione.

Microsoft ha specificato che non si dovranno attuare procedure particolari, si tratterà semplicemente di un aggiornamento un po' più corposo del solito, con un peso di circa 3,5 GB, magari qualcosa in meno a seconda della versione.

Gli utenti che aggiorneranno potranno decidere di tornare a Windows 10 entro 10 giorni senza alcun problema, trascorso quel periodo di tempo bisognerà invece procedere con un'installazione pulita di Windows 10 tramite supporto USB.

Lo stesso discorso vale per le preview di Windows Insider, si possono installare come un normale aggiornamento, noi l'abbiamo già fatto ed è filato tutto liscio.

In alternativa è possibile utilizzare:

  • Assistente per l'installazione di Windows 11. Si scarica dal sito ufficiale e si occupa di guidare l'utente nella procedura di installazione.
  • Media Creation Tool: si utilizza per creare un supporto USB o un DVD di avvio da usare per procedere ad una reinstallazione o a un'installazione pulita di Windows 11 sul PC
  • Download ISO Windows 11: possono essere usate per creare un supporto di installazione di avvio (unità flash USB o DVD) oppure una macchina virtuale (file con estensione ISO) per installare Windows 11. Il download tramite il sito ufficiale di Microsoft scarica una ISO multi-edizione che utilizza il codice Product Key per sbloccare l'edizione corretta.

Assistente per l'installazione di Windows 11, Media Creation Tool e ISO di Windows 11 possono essere scaricati collegandosi a questo indirizzo.

QUANTO COSTA

Arrivando da Windows 10 l'aggiornamento è gratuito. Microsoft permetterà di aggiornare senza costi per almeno un anno dal momento delle prime build ufficiali, verosimilmente dunque almeno fino a fine 2022.

Non è ancora chiaro invece il costo di una licenza nuova per Windows 11, ma i prezzi dovrebbero rimanere più o meno quelli del precedente OS (145 euro per WIndows 10 Home). Chiaramente i computer acquistati a partire dalla fine del 2021 saranno già equipaggiati con una licenza di Windows 11, salvo rare eccezioni vendute senza OS.

ALTRE DOMANDE FREQUENTI

Vi rimandiamo alla pagina ufficiale di Windows 11 in cui Microsoft aggiorna costantemente le domande frequenti che emergono.

VIDEO


1104

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

un'assurdità non poter aggiornare a win11.

antonello

Rufus

Paolo Passini

Ma i programmi diciamo diversamente originali, sono supportati ?

Fred

Rimane tutto come è

billkilluscoTrmp2020

Ho un I-7 68x0 e non è supportato, UFFA!! Che palle!!
Ma veramente fanno ed è pure TPM 2.0!!

Andrea1234567

Significa che do lo stesso legame di importanza alle due cose

Holy87

non lo sa, vede TPM e pensa a Palladium.
Il modulo TPM è un chip che contiene i dati biometrici e le chiavi RSA per la crittografia: conservando le chiavi di sicurezza in un componente hardware separato anziché nell'hard disk aumenta il livello di sicurezza dei tuoi dati (dal TPM le chiavi possono solo entrare, non uscire).
Inoltre, il TPM ha anche la funzione di crittografare e decrittare le informazioni, onere che altrimenti sarebbe dovuto spettare al processore, così da non influire sulle prestazioni.

Lillo il commentatore®

TREMONE

Lillo il commentatore®

LALA

Lillo il commentatore®

OE RICCHIO

Lillo il commentatore®

NGULA

Lillo il commentatore®

SI FIJ D RICCARD TU?

Lillo il commentatore®

UPA

Antonio Exidor

delpinsky
Fulmine81

Ma se io voglio semplicemente fare un aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 ovviamente tutto quello che c'è sul PC rimane così com'è giusto? E per poter riavere tutte le icone di collegamento dei programmi sul desktop come dovrei fare?

Cromage

Io sul pc di casa ho TPM 1.2 quindi resto fregato ?!?!?

spino1970

hai visto com'è impostato il secure boot?

Holy87
Sandro

Spiegarti le sue implicazioni non è il mio lavoro, come non è il mio lavoro educarti.

Quello era il lavoro dei tuoi genitori che evidentemente avevano di meglio da fare, proprio come me.

Holy87

perché non ne hai idea.

Sandro

E perchè dovrei?

Holy87

come volevasi dimostrare.
Ignoranti di informatica che pensano di essere fighi conoscendo qualche terminologia.

Sandro

Rane in pentola, rane in pentola ovunque.

Holy87

Se pensi che il TPM2 serva a "chiudere" l'OS significa che non sai che diavolo sia e a cosa serva.

Holy87

non so quale OS tu abbia provato, ma no, Windows 11 non è il completamento di Windows 10, neanche lontanamente.
Windows 10 è diventato ormai maturo, Windows 11 porta certamente novità sull'interfaccia ma ben lontano dall'essere maturo e completo. Con la nuova taskbar ed il menu Start, molte funzioni dei precedenti Windows sono state rimosse nella speranza di tornare in futuro, così come la presenza di eventuali nuove applicazioni che dovrebbero soppiantare quelle di Windows 10 che cozzano altamente con il nuovo stile grafico.
Windows 11 è un cantiere ancora aperto, così come lo è stato Windows 10 nel suo primo anno di vita.

Holy87
biggggggggggggg

In che modo il mac sarebbe chiuso? Puoi installare quello che ti pare e come ti pare.
E TPM 2 non significa minimamente che non puoi installarci quello che ti pare su windows

HeySiri

Si si ovviamente. Ti reinstalla Windows da zero.

Kemy

Basta lasciar fare tutto al media creation tool? Ma se lo installo in questo modo perdo tutto?

NaXter24R

Il mio punto verte tutto la. La gabbia non sempre è grande come si pensa. Per alcune cose veramente banali spesso si impazzisce. Vai ad eliminare i backup che occupano spazio per esempio, soprattutto se non sai dove trovarli nel finder

makeka94

durerà comunque 10 anni, anche senza win 11.

makeka94

CPU non compatibile

Nello Galasso

Tasto destro sul simbolo win e poi lo agganci alla barra per averlo sottomano!

Shalashaska

Con la differenza che gli altri OS non si portano dietro da decenni una UI/UX impasticciata e menu duplicati

SalvaJu29ro

Mi chiedo se si riescano comunque ad installare se si scaricano da Microsoft update catalog

Astronium

Ho un PC abbastanza vecchio quindi TPM non c’è (neanche 1.2) e la CPU è un i5 4460, con questo metodo l’update mi arriva su Windows Update o devo comunque scaricare la ISO? Mi conviene farlo o desisto? Grazie

Crash Nebula

Ma che cavolo significa AHAHAHA

max76

La stessa cosa degli altri OS ormai....

max76

Ah perché Android o iOS o macOs o qualsiasi distro Linux non sono in continua evoluzione?

Andrea

Non sono quelli gli aggiornamenti di cui si parla, ma i cumulativi che portano funzionalità

Odio_i_troll

Il vecchio portatile di mio padre, del 2012 li fa senza problemi fin'ora.

Ngamer

le persone comprano prodotti apple per la semplicità d'uso se una funzione cè la devono saper usare anche i sassi pero appena esci dalla gabbia dorata sei in difficoltà , poi le prestazioni sono sempre di buon livello ( ovvio possono ottimizzare al massimo hardware e software) inoltre comprano per il design e io aggiungo anche per il marketing che è davvero ottimo creano il bisogno anche se ne puoi fare a meno . certo il rapporto prezzo prestazioni lascia molto a desiderare migliorato un po con m1 . sono rimasto scioccato dal prezzo di alcuni piedini d'acciaio di ricambio per non so quale mac a 800 euro AHAHAH te li faccio io a 1 euro e ci guadagno :P

Emiliano Frangella

Bhe ottimo
A quel prezzo trovi anche con 3060 penso

Emiliano Frangella

Per che fare??

Ocram

Nono non esplode tranquillo. Anche io avevo un hdd ed era lentissimo. Con un ssd samsung è rinato

NaXter24R

Io son sincero, sono di parte, però anche mettendo da parte il tifo e guardando oggettivamente ai due sistemi, OSX lo vedo indietrissimo.
Sinceramente, applicativi a parte (perchè vincono sempre quelli, se il sw che ti serve non c'è, c'è poco da avere preferenze, vai dove c'è e basta), non ho alcun motivo per preferire OSX. Costa troppo per quello che offre. Con una distro linux faccio le cose che farei su OSX e per il resto ho Windows che come ho detto non è perfetto, ma funziona.
Ogni volta che qualche amico mi chiede un aiuto per roba da fare su OSX è veramente da mani nei capelli, soprattutto se non va il metodo convenzionale. Quello poi è anche il bello di UNIX, se lo sai usare, allora non hai problemi, ma se prendi un prodotto con OSX ti aspetti che sia semplice ed intuitivo, e non sempre lo è

Ngamer

ho sempre preferito win con tutti pro e i contro che aveva ora i contro sono molti di meno che in passato :)

guida ufficiale ms:

Da Windows 10 cliccate su cerca e digitate regedit
Recatevi a questo percorso HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup\MoSetup
NOTA | Se no trovate la voce MoSetup cliccate con il tasto destro su Setup e premete su Nuovo e Chiave rinominandola MoSetup
Nella parte destra cliccate con il tasto destro e premete su Nuovo e Valore DWORD
Rinominate il valore in AllowUpgradesWithUnsupportedTPMOrCPU
Impostate il valore su 1

NaXter24R

Lascia stare, che per ogni cosa buona ne ha 7 che non vanno. La base UNIX c'è tutta, o stai nella tua scatoletta, o come ti avventuri un pelo fuori, ed è più comune di quel che si pensi, ci son problemi se non sai dove mettere le mani.

Recensione Asus VivoBook Pro X 14, OLED concreto!

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!