Silicon è un tool molto utile per i proprietari di un nuovo Apple Mac M1

25 Novembre 2020 96

Possiamo affermare con una certa sicurezza che la rivoluzione ARM avviata da Apple è iniziata decisamente meglio di quella di Microsoft, anche se è arrivata un po' più tardi. Nonostante siano una "first gen", i primi Mac e MacBook con chip M1 stanno incassando recensioni entusiastiche un po' ovunque, e "l'emulazione" (anche se non è il termine corretto) delle app progettate per processori Intel funziona generalmente molto bene, con scarsi casi di bug, incompatibilità o peggioramenti sostanziali delle prestazioni.

Quel che è forse più importante è che gli sviluppatori stanno rispondendo alla chiamata di Apple, e ci sono già molte versioni di app native Apple Silicon M1. Noi vi indichiamo le più importanti in un articolo dedicato in costante aggiornamento, ma oggi vi riportiamo anche un tool che controlla tutte le app presenti sul vostro Mac.


Il programma, che è gratis e open-source, si chiama semplicemente Silicon. È sviluppato dallo svizzero DigiDNA, lo stesso autore di iMazing, tool di gestione del proprio dispositivo iOS/iPadOS da Mac e Windows. Basta scaricare l'app dal sito ufficiale ed eseguirla; si possono poi trascinare le app che si vogliono verificare oppure dire al software di scansionare tutta la cartella Applicazioni.

È importante precisare che benché il tool funzioni anche su vecchie versioni di macOS, che non supportano Apple Silicon, mostrerà solo la compatibilità della versione dell'app attualmente installata sul sistema: in altre parole, non potete sapere dal vostro Mac con processore Intel se di una determinata app esiste anche la variante nativa per CPU Arm. Silicon rimane un tool utile, ma questa funzionalità capacità agevolerebbe notevolmente il processo di pianificazione del trasferimento alla nuova era. In ogni caso, il link per il download è qui sotto alla voce FONTE; basta scrollare la pagina in basso, dovrebbe essere la quarta app dall'alto.

VIDEO


96

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
UnoQualunque

Rispondo tardi ma voglio dare il mio contributo. Il problema di Windows, come dici esattamente te, è il suo enorme share e il fatto che in 20 anni la gente non ha usato solo che quello. Il problema dello store con poche app potrebbe essere quasi secondario se analizziamo cosa serve ad un utente "comune". Alla fine Windows 10S poteva andare bene per il 90% delle persone. Ma se non gli fai trovare Chrome ti dicono "non c'è internet su questo PC". Gli provi a spiegare che c'è Edge, ma niente, aprono "internet" e la seconda domanda "Ma non c'è Google, come faccio ad aprire i siti?" e li ti arrendi. Se credete che sto esagerando, ho dovuto rifare l'immagine di PC aziendali con Chrome anche se il nuovo Edge non da alcun problema perchè, è assurdo da dire, moltissimi colleghi (anche giovani) non sapevano come aprire un sito internet. Aprivano Edge, dopo che gli descrivevo l'icona e da li non sapevano cosa fare. Io spero che non modifichino l'esplora file. E' il programma principale usato in azienda, se lo cambiano anche solo di una virga mi troverò con la ditta ferma. E anche su come usano questo programma ne avrei da raccontare. Gente che per aprire i file parte dal cestino, chi deve avere tutti i link sul desktop se no non sa trovare una cartella, chi per andare tornare indietro mi ha cancellato delle cartelle perchè "non trovavo quella prima, pensavo che con il Canc annullavo l'operazione". Altro aneddoto, qualche mese fa ho cambiato gli schermi in azienda, la maggior parte mi ha chiesto "Ma cosi non perdo tutti i miei file?" e questa domanda me l'hanno fatto i 35enni come i 50enni. Oppure, quando dico "prova a riavviare il pc" oramai sapendo le capre tengo sotto controllo il ping, ed infatti poco dopo mi dicono "ok fatto" ma non ho perso un ping, indagando, invece di riavviare il PC, hanno spento il monitor. Ma ci rendiamo conto nel 2020 come siamo messi? E ci stupiamo perchè ogni progetto legato ad una nuova struttura di Windows fallisce.

monopattinoelettrico

avx come linus le reputo una cosa antica che non porta beneficio, in più possono sballarti i calcoli.
Però ormai stanno nel x86 e non le puoi rimuovere, intel addirittura ci ha messo le avx512, energivore ed inutili.
secondo me i calcoli pesanti e paralleli vanno spostati su gpu e quelli specializzati su coprocessori appositi

Davide

Qui in realtà si discuteva del fatto che ARM fosse "il futuro" o meno. Sei tu che sei così ossessionato da non aver nemmeno capito il succo del discorso.
Che sia una buona CPU lo dico anch'io

Davide

Non è vero che ARM consuma meno di x86 perché di per sé delle istruzioni non consumano meno.
Ciò che porta a consumi diversi è l'architettura che ci "monti sopra". Puoi cambiare architettura mantenendo lo stesso instruction set e migliorare ugualmente i consumi.
Nvidia semplicemente non aveva CPU da poter vendere e visto che le soluzioni ARM custom stanno guadagnando terreno in ambito Cloud hanno voluto evitare di perdere il treno.
In quel settore conta molto anche il poter proporre dei bundle e se ti scatta la vendita della GPU vuoi sicuramente buttarci dentro anche la CPU, no? Se Intel e AMD possono proporre soluzioni su tutti i fronti vuol dire che in caso di competizione Nvidia si troverebbe in svantaggio. Per questo hanno comprato ARM.
Puoi star certo che nel giro di qualche anno si interesseranno pure alle FPGA visto che la competizione ha già preso sia Altera sia Xilinx

Mastro

Ma di cosa parli ??? Te ne esci citando di leggere un libro, così a c a z z o di cane, ma quale differenza non capirei? Non ho letto quel libro e manco mi interessa farlo! Si discute sul fatto che abbiamo un air M1 che ha prestazioni di un MacBook Pro 16 Intel! Capisci ????

monopattinoelettrico

sui server i consumi contano tantissimo arm sotto questo punto di vista è meglio
non ha senso rimanere su x86, ciò che viene fatto su avx va fatto fare alla gpu

Davide

Parla di gestione della memoria condivisa, sì. Per il resto se non cogli la differenza tra ARM ed una sua incarnazione direi che il problema è alla base

Mastro

È quindi? Tratta di questo M1?

Davide

Tratta l'ISA ARM, l'architettura che ci costruisci sopra cambia di situazione in situazione

Davide

A Nvidia non potrebbe fregare di meno di M1. Sì sono interessati ad ARM per non rimanere tagliati fuori dal settore server, dove AMD e Intel avranno sia CPU sia GPU nel proprio portfolio

Andrea

Concordo!

Karellen

La piattaforma apple è molto più chiusa di quella microsoft, per quello storicamente i software "problematici" sono stati creati lontano da lei: il parco software apple è molto recente ed ancora supportato (quanti software già con catalina hanno smesso di funzionare?). È facile per loro dire che si cambia architettura stile "o mangi questa minestra o ti butti dalla finestra". In ambiente microsoft se fai una cosa del genere la risposta è che quelli che hanno software problematici si tengono l'os vecchio e non aggiornano più, e microsoft entrerebbe in competizione col loro peggior nemico che non è apple o linux, coi loro numeri da ridere, ma microsoft stessa...

monopattinoelettrico

non penso, ormai i linguaggi moderni possono girare su tutto
x86 è un architettura obsoleta che porta, per arcaiche retrocompatibilità, i consumi alle stelle.
Ad arm basta che aggiungi facilmente coprocessori specializzati per i vari compiti ed in pochi watt distruggi qualsiasi x86
Adesso capisco perché quest'anno nvidia si è dimostrata interessata ad arm, evidentemente sapevano di M1 e delle potenzialità di tale architettura

Cristiano72

Io guardo il risultato. Se fino a ieri i Mac Intel hanno sofferto problemi di temperature, di difficoltà ad essere ottimizzati per come è solita fare Apple tra hardware e software, e Apple ha optato per ARM, io mi limito a giudicare il risultato di tutto questo che per me è straordinario.
Merito di ARM? Anche. Sicuramente di Apple.

Davide
Mastro

Quindi mi stai dicendo che quel libro tratta i processori M1? Quando è stato pubblicato?

Davide
Cristiano72

Che poi a me se tutti questi errori ingegneristici dei quali io non sono tenuto a sapere, sono in grado di offrire delle prestazioni del genere, ben vengano.
Per usare un computer non deve essere necessario essere ingegneri.
Io non lo voglio neanche pensare quello che succede sotto.
Voglio che funzioni e basta.
E a quanto pare funziona alla grande.

Mastro

Mamma mia! Sembri quelli che dicevano che il primo iPhone non avrebbe cambiato il mercato. Ripeto anche ibm a inizio anni 90 era nella posizione Microsoft ora. I tuoi commenti sono la causa di prendere tutto come tifo da stadio. Esponiti meno e vediamo come vanno le cose, non esistono certezze ed è inutile che ti metti a consigliare libri quando là fuori è pieno di testimonianze di quanto sta accadendo, guardato la recensione di Maurizio Natali e smettila di rosicare

Cristiano72

Io mi baso sull’esperienza utente che un dispositivo mi da.
Apple ha cominciato con i processori A su iPhone, per poi passare ad iPad. Non ha sbagliato un colpo.
Sempre come esperienza utente ti posso tranquillamente dire dall’alto della mia ignoranza in materia maturata come utente e nerd fin dai tempi del Vic 20, che i miglioramenti che ho notato in una settimana usando questo nuovo chipset, sono mostruosi. Ripeto MOSTRUOSI. E lo faccio paragonando gli stessi applicativi che usavo prima con un MacBook Pro con i7 con stessa memoria e stesso ssd.
E queste prestazioni sono ancora castrate da una ottimizzazione di alcune app, ancora inesistente.
Se un errore tecnico, una sbagliata strategia, o qualsiasi altro tipo di leggerezza ingegneristica può dare questo tipo di soddisfazione agli utenti che usano il Mac come strumento di lavoro, ben vengano questi errori.

Davide

Eh? Leggiti il libro e poi vediamo. Il fatto che i processori ARM come tu li conosci siano usciti di "recente" conta zero.
Di ISA ne esistono una marea: Power, x86, ARM, RiscV, MIPS e alcune sono anche più recenti di ARM. Sono dunque meglio?

Cristiano72

Ci stai dicendo che Apple è contravvenuta a tutte regole su cui si basano le architetture di cui tu parli.
Un esercito di ingegneri informatici che sviluppano in Apple sta andando indietro, invece di andare avanti come suggerisci tu.

Davide

Consiglio anche a te il libro https://www.amazon.it/Structured-Computer-Organization-Andrew-Tanenbaum/dp/9332571244/ref=mp_s_a_1_2?dchild=1&keywords=structured+computer+organization&qid=1606330502&sprefix=structured+&sr=8-2

Davide

Da ingegnere informatico ti consiglio il libro Structured Computer Organization: https://www.amazon.it/Structured-Computer-Organization-Andrew-Tanenbaum/dp/9332571244/ref=mp_s_a_1_2?dchild=1&keywords=structured+computer+organization&qid=1606330502&sprefix=structured+&sr=8-2

Francesco Renato

Intel non ha dormito, è semplicemente arrivata al capolinea nel supporto di Windows e questo s.o. è a sua volta al capolinea a causa della necessità di mantenere la retrocompatibilità.

AllBlack

Praticamente un'app inutile dato che è presente come info ridondante in macOS BigSur.
basta recarsi in Informazioni su questo Mac -> Archiviazione -> Gestisci -> Applicazioni e scoprire se siano Universali o Intel, inoltre per andare più in fondo con le app di gestione sistema basta recarsi in Informazioni su questo Mac -> Panoramica -> Resoconto di sistema -> Software -> Applicazioni.

Cristiano72

Snocciola alcune delle tuo nozioni tecniche e facci capire a noi poveri incompetenti.

Cristiano72

Esatto.

Cristiano72

Guardati qualche video online. Sono ovunque e capirai.

Cristiano72

Infatti si è spiegato male. Apple ha comprato solo la licenza ARM. Il resto è tutta farina del suo sacco.

Cristiano72

E chi lo sta dicendo che ci debba essere la migrazione globale.
Io nel 1998 con il mio iMac g3 Strawberry, stavo cosi bene dall'alto del 3% di mercato globale che allora aveva Mac OS.
Che mi frega a me se Intel è nel 97% dei PC.
Come dici tu, quando io ho le app che mi servono, che gli altri facciano un po' come vogliono.
Soprattutto se si tratta di voler continuare ad usare dei processori ferri da stiro che raggiungono la fusione dopo 3 minuti che lavorano.

Mastro

una volta era quasi tutto su as400 il mondo Enterprise, poi è arrivato windows e ancora oggi ci sono postazioni as400 emulate. Successo 20 anni fa può succedere anche oggi

Mastro

e tu saresti quello competente?

Gentleman.Driver

personalmente penso che sarà la prima volta in vita mia che farò un pre order (per il 16")

JD MD
DiRavello

ah no? e il futuro sono gli x86 secondo te

Let's be friends forever

"che il grosso del mondo PC lo muove il settore Enterprise"
Settore enterprise che si è dato al cloud e basta safari per lavorare
Vedi software SAP ed Oracle che

Quindi non è vero

acitre

Del miscuglio di icone, stili e cose di questo tipo non frega nulla a nessuno fuori dai contesti di fissati nerd come noi.

Se a qualcuno la fuori dici: "non velo l'ora che riscrivano esplora risorse. Finalmente con un tema scuro che si rispetti e finalmente in fluent design coerente con il resto del sistema perchè quello di oggi ce lo portiamo dietro sostanzialmente almeno da XP"...

Ti guarda, prende il telefono e chiama l'ospedale per farti fare il TSO.

Lucasthelegend

magari il 16 costerà come i vecchi 15 senza dedicata..quindi sui 2100 euro...farebbero il botto..spero non li prezzino come gli attuali i9 con gpu radeon..

Davide
Davide

ARM è vecchia tanto quanto x86 eh

Egidiangelo

Probabilmente hai ragione ma credo che se non si danno una svegliata presto o tardi se ne pentiranno. Windows 10 da anni è comunque sempre la solita minestra e un miscuglio di vecchio e nuovo che non è nè carne nè pesce.

acitre

Nella loro idea Windows S (e Windows RT prima) erano una versione di Windows su cui installare solo applicazioni certificate tramite store. Applicazioni che non riducevano il PC un trojajo nel giro di pochi mesi perchè l'utente comune, cliccando su ogni ca77o di banner, installando 200 toolbar e programmi "consigliati" da installazioni di altri programmi ed evitavano alla radice la solita marea di abitudini da analfabeta informatico.

Ma l'utente comune (spesso boomer come dici tu) usa il PC come un mulo coi paraocchi. Mette la chiavetta della 3 per navigare e DEVE installare il software che sta in quella chiavetta per connettersi. Non sa che funziona automaticamente anche senza con gli strumenti di windows attraverso i driver che si è scaricato da solo. Il software sulla chiavetta è del 2012, non si installa su Windows RT/S, e parte la lagna... "lo sai che su windows adesso non si può installare più niente?"*

* Una delle tante storie di vita vissuta. Non mi sono inventato una virgola.

Rob3r7o

Non credo che nessuno di noi si aspetti una migrazione globale, non e' che non lo capiamo.

ma li è anche un problema di intel che ha dormito sui suoi successi del passato

reft32

Il futuro sarà ARM, x86 e un architettura vecchia.Intel e AMD vedendo il risultati straordinari del M1 di Apple, cominceranno a progettare anche loro processori ARM.Questione di tempo, ma Apple con la sua mossa ha dato via alla rivoluzione oltre a togliere ad Intel un fetta di mercato non indifferente.

Mike

Letteralmente chiunque abbia provato un mac con M1

Andrej Peribar
i primi Mac e MacBook con chip M1 stanno incassando recensioni entusiastiche un po' ovunque, e "l'emulazione" (anche se non è il termine corretto) delle app progettate per processori Intel funziona generalmente molto bene


Ma come sarebbe stato figo leggere:

i primi Mac e MacBook con chip M1 stanno incassando recensioni entusiastiche un po' ovunque, e "l'emulazione" (anche se il termine corretto è Dynamic binary translation <*link*>DBT) delle app progettate per processori Intel funziona generalmente molto bene

a *link* https://en.wikipedia.org/wiki/Binary_translation#Dynamic_binary_translation

Madfranck

gli intel sono alla versione 11 con un numero infinito di varianti. che problema c'e'?

Madfranck

1) i software stravecchi, normalmente, girano su versioni di windows altrettanto vecchie.
2) garantire la retrocompatibilita' a tutti i costi... garantisce solo l'immobilismo della piattaforma.
se fin dall'inizio microsoft avesse fatto come apple, ora i software vecchi di 30 anni sarebbero stati aggiornanti o soppiantati da software concorrenti piu' validi ed evoluti.
in ogni caso chi ha software vecchi, si tiene windows vecchi. come fanno quelli che hanno apple. e quel giorno che il pc apple si pianta allora piangono perche' non si sono voluti evolvere.

Recensione MacBook Air con Apple Silicon M1, il futuro dei notebook è già qui

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

iPhone 12, Mini, Pro e Max: vi spieghiamo le differenze (e quale scegliere)

Recensione iPhone 12 Mini: grazie Apple, ci voleva