Apple, nel brevetto c'è il touch su MacBook. Così potrà estendere il display di iPhone

16 Gennaio 2020 35

In un brevetto depositato all'USPTO (chi volesse consultarlo integralmente, può farlo al link in FONTE), Apple descrive nel dettaglio una nuova modalità di interazione tra iPhone e MacBook (in realtà, i dispositivi coinvolti sembrano comprendere l'intero ecosistema Apple, e possono essere anche più di due: ma le illustrazioni si concentrano in particolare su questo scenario).

Il documento include anche un riferimento esplicito al touchscreen integrato nel laptop (che intanto con i prossimi aggiornamenti dovrebbe ricevere una Modalità Pro che permetterà all'utente di decidere quando aumentare le prestazioni a scapito dell'autonomia).

Ma procediamo con ordine: sembra infatti che a Cupertino abbiano studiato un modo per consentire ai contenuti presenti su iPhone di essere visualizzati ed espansi sul MacBook. Come? Le illustrazioni non lasciano spazio a dubbi: sarà sufficiente porre lo smartphone a contatto con lo schermo del portatile, e sia i contenuti che l'interfaccia andranno a disporsi di conseguenza, quasi travasandosi, fondendo le due superfici e creando una continuità di informazione tra i due dispositivi.


Un passo in avanti ulteriore rispetto a Handoff o alla possibilità offerta recentemente da Sidecar di impiegare iPad Pro come schermo addizionale, e che piuttosto sembra somigliare ed espandere il concetto alla base di Multi screen Collaboration di Huawei, o di Samsung DeX.

Nel brevetto, Apple identifica con l'appellativo "dispositivo elettronico 5004" lo smartphone, mentre con quello di "dispositivo elettronico 5012" fa riferimento al computer portatile.

"In alcune forme di realizzazione" si legge all'interno del documento "il display 5012 è anche un display sensibile al tocco". E ancora: "in una o più di tali realizzazioni, l'utente esegue opzionalmente una varietà di input tramite il tocco sul display 5012".


Tradotto dal brevetteseApple, nonostante le smentite e la tesi per cui mettere le dita sullo schermo di un portatile è semplicemente un modo scomodo di immettere input, al touchscreen su MacBook ci sta pensando, almeno in via ipotetica, almeno nel contesto di un nuovo modello di interazione con iPhone.

Interazione che sarà possibile in ambedue le direzioni: muovendo il cursore tramite il touchpad o digitando dalla tastiera del MacBook si potranno inviare input allo schermo di iPhone; ma anche sfiorando iPhone sarà possibile interagire con lo schermo del MacBook. Tutto questo, peraltro, dovrebbe essere integrato da una tecnologia in grado di riconoscere dove sta puntando lo sguardo dell'utente.


Sempre nel documento, si apprende che per Apple

"è necessario disporre di dispositivi elettronici che forniscano metodi e interdacce efficienti per far garantire le interazioni tra dispositivi. Queste tecniche possono ridurre lo sforzo cognitivo richiesto ad un utente che interagisce con il contenuto visualizato dalle interfacce di dispositivi posizionati uno sopra all'altro, e quindi migliorarne la produttività".

E quindi l'obiettivo è garantire un'interazione il più possibile priva di attrito, intuitiva, semplice, in pieno stile Apple. 

Ovviamente, come sempre in questi casi, bisogna tenere conto del fatto che le tecnologie descritte non necessariamente si tradurranno in realtà. Nota a margine: tra i quattro inventori citati dal brevetto figura anche Chang Zhang, che compare pure in quello dell'Apple Pencil con comandi touchscreen.

 


35

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AbstractBit

...Per molti.....

Saturno

rallentamento della gestione della sua gestione di antani?

Mariux Revolutions

Su Chrome OS forse è così, ma su Windows 10, ad esempio, va benissimo.
Ti parla uno che possiede, da ormai oltre un anno, il mitico Huawei Matebook X Pro.
Mai un singolo problema di touch, manco a pagarlo

Matteo

Non credo l'orientamento dello schermo sia la discriminante

lallino

Però tutti a ridere quando Apple nei keynote dice che il touch è scomodo su un portatile e a battere le mani quando lo mostra su iPad Pro

AbstractBit

Ah, sì, allora la tua idea su queste cose è abbastanza ragionevole.

AbstractBit

Ah, Ok....Così è un parere ragionevole, il tuo. Non hai tutti i torti.

lallino

Ma la tastiera va bene . Il problema è il metodo di puntamento.
Se tu Apple ritieni che quella postura è scomoda allora devi:
1) fornire il touchpad sugli iPad (cosa che in futuro forse farà) e
2) in modalità laptop disattivare la modalità touch, in quanto non ergonomica. E tu mi dirai, ma è comodo avere un input aggiuntivo opzionale.. si lo è.. allora mettilo anche sui MacBook.. la scusa della scomodità non regge se su iPad fai cosi

lallino

Intendo che Apple dice "usare quella postura sul Macbook non ha senso, è scomodo. Non la usiamo" (ti ricordo che sarebbe opzionale il touch, non metodo di input primario).. su iPad quando lo usi in modalità laptop il modo di usarlo è proprio quello che ritiene scomodo per il MacBook.. e considera che non hai alternativa, il touch è metodo primario. Quindi per ogni cretinata devi toccare lo schermo.

AbstractBit

Sì e no. Se vuoi usare una tastiera esterna puoi farlo.Se è quello che intendi.

AbstractBit

I MacBook sono progettati per essere usati con una tastiera che è parte di loro. I tablet, no.

lallino

Sul MacBook non la da però la scelta

lallino

Chiamalo come vuoi.. ma la modalità con cui lo usi con la tastiera è la stessa che Apple dice che è scomoda sui MacBook.. e per questo motivo non introduce il touch sui MacBook.. ed è un'incoerenza.. se quella postura non è comoda, non va adottata.. metti anche il touchpad sulla tastiera allora..

AbstractBit

Lei non ti fa usare nulla. Ti da la possiiblità di farlo ma è una tua scelta, non sua.

AbstractBit

Appunto.

AbstractBit

Perchè quello, nel caso te lo fossi dimenticato, è fondamentalmente, un tablet con tastiera, non un portatile.

AbstractBit

Quindi uno schermo orizzontale e non quasi verticale come l'MBPro e affini. E' diverso....

AbstractBit

Il Touch sullo schermo principale, se è quello che intendi, è causa di problemi alle braccia, a lungo andare e di rallentamento della gestione dlla sua gestione. Sui dispositivi Chromebook lo schermo è touch......E di una di una lentezza imbarazzante. Per le sue possibilità.

lallino

Apple ti fa usare su iPad la posizione che essa stessa reputa scomoda nei portatili. Questo è il punto.

Hey Siri

iPad però non è un portatile

Hey Siri

Non so. Hi hi

Hey Siri

Anch'io sogno un modo in cui hai un unico ambiente o account, con i dispositivi tutti sincronizzati (smartphone, tablet, PC, laptop,ecc.

Hey Siri
Saturno

perché mettere direttamente un display touch sarebbe troppo strano

Squak9000

vai a vedere tutti hanno mille mila brevetti depositati...

poi insomma... che ce li ha a fare microsoft i brevetti se non "esce roba" e quel che esce é anche fail?

Orlaf

Microsoft non esiste, è un'invenzione dei poteri forti

Matteo

Credo MS abbia un bel po di brevetti (simili) a riguardo, basta pensare al primo prototipo Surface, un tavolo-display che riconosceva gli oggetti adagiati sopra

stefanoc

Praticamente ci serve una seduta di fisioterapia al giorno solo per star seduti con mouse e tastiera 8h, non oso immaginare a star su col braccio a pigiare sullo schermo.. forse con un bracciolo...

unbe

che figata!

https://uploads.disquscdn.c...

cos'è un computer (cit.)

CAIO MARIOZ

Che spettacolo, un unico ambiente di lavoro per qualsiasi dispositivo, sempre sincronizzato e con interazione sovrapponibile

SignorVittorietto
lallino

Apple dice che il touch sullo schermo di un portatile è scomodo.. però poi l'iPad Pro si usa con tastiera e mani sullo schermo, come un portatile

Tony Carichi

Recensione iPhone 11 Pro Smart Battery Case: è il migliore, ma che prezzo!

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza