Nintendo: "Non possiamo creare tutti i sequel che ci chiedono i fan"

30 Giugno 2022 20

Nelle scorse ore si è tenuto il tanto atteso incontro con gli azionisti di Nintendo, durante il quale sono emersi alcuni dettagli interessanti riguardo la strategia futura della casa di Kyoto, inclusa la sua posizione verso il tema dei sequel. Nintendo ha infatti una delle più ampie raccolte di IP originali all'interno di tutto il settore videoludico e in tanti desiderano assistere al ritorno di una serie o di un'altra, ma negli ultimi anni abbiamo visto l'azienda agire in maniera molto cauta, con recuperi mirati (come nel caso di Metroid Dread) che hanno lasciato fuori dai giochi diverse IP di spessore, come ad esempio Wario Land, F-Zero, Star Fox e molte altre ancora.

PARLA FURUKAWA: ASPETTARSI TROPPI SEQUEL NON È REALISTICO

Ad intervenire sulla questione è stato lo stesso presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa, il quale ha risposto ad una domanda molto diretta sulla questione, ovvero se l'azienda fosse intenzionata a riportare in auge alcune delle sue IP dormienti, come nel caso del già citato F-Zero.

Furukawa ha innanzitutto ringraziato i fan per il loro supporto alle tante serie Nintendo, ma ha anche detto che è effettivamente troppo difficile sviluppare sequel o remake per tutte le IP attualmente tra le mani dell'azienda, suggerendo quindi che molte di queste potrebbero non tornare per diverso tempo. Immaginiamo che Nintendo non voglia far morire definitivamente tutte le sue glorie del passato che attualmente non anno un titolo in fase di sviluppo, ma probabilmente passeranno diversi anni prima che gli sforzi dell'azienda possano spostarsi in questa direzione.

Shinya Takahashi, senior managing executive officer di Nintendo, ha infatti aggiunto che la società valuta in continuazione quali serie possono essere riprese e quali giochi ha senso portare in sviluppo, proprio in base ad una serie di criteri che puntano a riportare sul mercato dei titoli che possano essere apprezzati dai giocatori.

Insomma, è molto improbabile che nel corso di una sola generazione possano essere sviluppati titoli appartenenti a tutte le principali IP di Nintendo. Al momento le ultime indiscrezioni suggeriscono che il prossimo gioco (o meglio, serie di giochi) a ricevere una nuova edizione per Switch potrebbe essere la saga Metroid Prime, ma Nintendo non ha ancora confermato nulla.

5G senza compromessi? Oppo Reno 4 Z è in offerta oggi su a 269 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pask

Il problema,secondo me,di Nintendo è che si concentra troppo sui giochi di Mario! Si è scordata di Starfox,Wave Race,Pilotwings,F Zero, ecc! Sinceramente ho il voltastomaco ormai di Mario. E lo dico da possessore di Switch eh

Sirius Bau

Ho smesso di leggere a "copiato da Shadow of the Colossus".
Ciao Alebrasa...

Jack Slater
Sirius Bau

Ciao Alebrasa.
Comunque si puó osare anche stravolgendo ip storiche come hanno fatto con Zelda.
Alla fine la fonte di ispirazione per gli open world futuri è stata quella dell'open world di Breath of the Wild mica quella di Horizon Zero Dawn.

Jack Slater
Deadpool

Anche perché il numero di IP che hanno è impressionante, e praticamente tutte di qualità.

JustATiredMan

E hanno ragione... facciano un numero ragionevole di sequel, e poi facciano terminare in maniera dignitosa, senza lasciare temi aperti o domande irrisolte, buone solo per tenersi le porte aperte ad altri sequel.

Sirius Bau

Ma quando mai Botw 2 doveva uscire un anno fa?
L'unica data che si è vista in un trailer è stato un generico "2022" cosa che poi non si è verificata dato che il gioco è stato rimandato alla primavera del 2023.

JakoDel

c'è un "non anno" se volete correggerlo :)

IGN_mentale

Quindi i fan mandateli a fan chulo!

Kiko_fire_ram

Comprensibile ma dovrebbero almeno convertire i loro vecchi giochi rendendoli acquistabili dallo store. Non dico "regalarli" nell'abbobamento. Come facevano con 3DS sulla retro consolle. Così anche le vecchie IP starebbero comunque ancora giocabili, i fan più conti avendo accesso almeno ai vecchi e Nintendo continuerebbe a guadagnarci qualcosa dalla loro vendita.

Fandandi

Tranquilli, i fan sono contenti comunque, anzi se alzate un pelino il prezzo sono convinto che pagheranno molto volentieri.

boosook

Sì ok, però ai gamer (sto parlando in genere, non necessariamente di te) non va bene niente... se ci stanno troppo a fare un gioco non va bene, se poi però esce pieno di bug tipo Cyberpunk non va bene ugualmente. Nintendo ha sempre avuto una qualità molto alta sui first party. Su Zelda 2 ci sono enormi aspettative, io sinceramente preferisco che ci lavorino finché è necessario.

Goose

Poverini, fate un gioco ogni morte di papa e vi lamentate pure, e quelli che escono sono mille remastered.

TechFan

infatti, e Nintendo perché non ha tempo? stanno ancora piallando le textures di zelda 2 che doveva uscire un anno fa?

Comunque Nintendo aveva detto che aveva lavorato insieme per i Rabbits

Ricky

Perché farli e sprecare tempo e risorse quando puoi guadagnare su remastered di 30 anni fa a 60 euro

IlFuAnd91

Che è sviluppato da Ubisoft

Skanky

Giusto, meglio fare tutti i remaster di Wii/Wii u.

Jotaro

Nintendo: "Non possiamo creare tutti i sequel che ci chiedono i fan"
I Fans: "Ok!"

TechFan

Pero i Rabbits si?

Abbiamo provato FIFA 23, altro che addio: EA guarda al futuro

LEGO Star Wars: The Skywalker Saga provato: enorme e divertente

Recensione Horizon Forbidden West: un open world ricchissimo

GTA 6, ci siamo: Rockstar lo ha confermato ufficialmente!