Paper Mario The Origami King: un nuovo trailer mostra storia e battle system

13 Giugno 2020 11

A poco meno di un mese da quando è stato rivelato a sorpresa, ma anche dall'uscita prevista per il 17 luglio su Switch, Paper Mario The Origami King torna a mostrarsi.

E lo fa con un nuovo trailer di quasi 6 minuti che comincia a rispondere ad alcuni interrogativi dei fan, soprattutto per quanto riguarda le meccaniche del combattimento. Ma prima viene la cornice narrativa: quando il Re Olly, sovrano della popolazione degli Origami, arriva nel Regno dei Funghi, le cose cominciano a prendere una brutta piega. Il castello della principessa Peach viene divelto dal suolo e annodato da cinque enormi nastri. E indovinate a chi toccherà sbrogliare la matassa? Esatto, a Mario.

Non fatevi ingannare, però: le premesse narrative sono ingenue, ma la saga di Paper Mario è famosa per una scrittura brillante, piena di un umorismo demenziale e un particolare gusto per i giochi di parole e i paradossi. E poi Mario, come spesso gli capita in questa sua incarnazione RPG, si troverà a viaggiare per il mondo accompagnato da alleati improbabili, come Bowser Jr. e Bowser (che deve essere caduto vittima di qualche anatema scagliato da Re Olly, dal momento che si aggira per il mondo tutto accartocciato su stesso).

Gli ultimi due capitoli di Paper Mario, e cioè Sticker Stars per Nintendo 3Ds e Color Splash per Wii U, avevano però deluso i fan a causa di un sistema di combattimento mal bilanciato: gli elementi GDR classici, che danno un senso allo scontro, come la progressione per livelli e la crescita del party sono stati rimossi. E, peggio ancora, sono stati sostituiti da strane meccaniche legate al collezionismo di oggetti che poi in battaglia si tramutavano in mosse: prima di saltare sui goomba, però, toccava anche selezionarli. L'intera procedura, complice anche una difficoltà tarata verso il basso, finiva per rendere il battle system tedioso: l'opzione migliore era saltare le battaglie, dal momento che non se ne sarebbe cavato neanche un punto esperienza.


Perciò questi due titoli, differenza di tutti quelli che li hanno preceduti, e pur confermando molti punti forti della saga, hanno finito per lasciare i fan con l'amaro in bocca. E questo nuovo The Origami King, come sarà? Anche qui gli elementi GDR sembrano ridotti all'osso: tuttavia subentra una componente puzzle-tattica che potrebbe rendere ogni singola battaglia un enigma. Un misto tra la rotazione triennale e la ruota della fortuna: se avete visto il trailer, sapete di cosa sto parlando. Una meccanica simile, se sviluppata come Nintendo sa fare, potrebbe rivelarsi una carta (ma non una di Color Splash, si spera) vincente. L'importante è che esista anche una qualche forma di ricompensa per il giocatore, qualcosa che lo invogli a combattere per crescere, migliorare le proprie abilità. E su questo punto, ancora ci sono parecchie ombre.

Su tutto il resto, invece, c'è solo da alzare le mani - anzi, gli "Arti Magni", le manone con cui Mario potrà risolvere gli enigmi che scandiranno l'avventura. Lo stile grafico è il solito, pieno di personalità, ironico, che gioca continuamente sulla natura "cartacea" del mondo e sul rapporto tra 2d e 3d, che in questo caso è tematizzato dall'invasione degli Origami, esseri cartacei ma tridimensionali. Per non parlare dei temibili membri della Brigata Cancelleria: esatto, dovrete affrontare boss battle contro un astuccio di matite e un rotolo di scotch. Serve aggiungere altro?


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 452 euro oppure da Unieuro a 589 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Linkz

altro che PS5, questa è vera grafica: Nintendo N.1 al mondo

Sirius Bau

Vabbé, non c'era bisogno di rispondermi se non avevi argomentazioni.

supermariolino87

Si commenta da solo...

enri

Spesso sono più piacevoli questi giochi che mega complessi giochi a cui magari non ci giochi per una settimana e poi per ricordarti tutte le funzioni e comandi vorresti suicidarti

Sirius Bau

Come mai?

supermariolino87

Perdonatemi ma CHE SCEMPIO!

Sirius Bau

Anche per il tamagotchi

Kamehame

Esce solo per iOS o anche su Android?

Vive

Stilisticamente é adorabile e non dubito che lo script sarà ottimo (come tutti i Paper Mario, pieno di inside joke)

Però la difficoltà é importante da valutare, non che debba essere Dark Souls ma neanche facilissimo come gli ultimi e le monete devono avere un loro senso.

Sirius Bau

Io invece trovo il tutto cosí demenziale da trovarlo fantastico.
Piú che altro mi chiedo se ci saranno punti esperienza.

Danyeleee

Recensione Deadly Premonition 2: A Blessing in Disguise. Che passo falso!

Recensione The Last of Us Parte II: l'oscurità dentro

PlayStation 5 ufficiale: due versioni, design grintoso e futuristico | Caratteristiche

Xenoblade Chronicles Definitive Edition: la Monade torna su Switch | Recensione