Internet Day: da ARPANET ai giorni nostri, è festa per la rete

29 Ottobre 2021 7

29 ottobre 1969 e 12 marzo 1989: sono queste le date da ricordare quando si parla di rete. Sì, perché proprio oggi si festeggia l'Internet Day, in ricordo di quel giorno di 52 anni fa in cui il dottorando Charles Kline inviò alle 10:30 di sera il laconico messaggio "Lo" da un computer dell'Università della California di Los Angeles a uno dello Stanford Research Institute. Doveva essere "Login", ma il sistema andò in crash prima che venisse completata la parola. Un'ora dopo venne ripetuto il test, questa volta con successo.

É la nascita di internet o, meglio, della sua antenata ARPANET: due soli nodi (le due università), a cui se ne aggiunsero altri corrispondenti all'Università di Santa Barbara, all'Università dello Utah ed alla società di ingegneristica BBN di Boston. E perché si festeggia internet e non il World Wide Web? Non sono la stessa cosa? Nient'affatto: il "compleanno" del WWW è il 12 marzo, giorno in cui il "nobel per l'informatica" Tim Berners-Lee - a quel tempo ricercatore presso il CERN di Ginevra - condivise con i suoi colleghi l'intuizione che avrebbe successivamente trasformato la trasmissione di informazioni da un ufficio all'altro tramite linea telefonica in quello che noi, oggi, chiamiamo Web. Semplificando, possiamo considerarlo un servizio di internet, e non un suo sinonimo.


INTERNET E WEB NON SONO LA STESSA COSA
  • Internet: insieme di reti connesse tra loro che trasportano dati digitali su diversi dispositivi terminali. L'Internet Protocol (IP) identifica i nodi della rete, il trasporto dei dati è gestito tramite uno standard di commutazione a pacchetto definito packet switching.
  • WWW: servizio supportato da internet, sistema di documenti in formato ipertestuale accessibili tramite internet
DALLA GUERRA FREDDA ALLA DIFFUSIONE DI INTERNET

Torniamo al di là dell'Oceano Atlantico: gli anni '60 corrispondono al pieno della Guerra Fredda tra USA e Unione Sovietica, con i primi intenzionati a mantenere la superiorità tecnologica sui secondi. E ARPANET nasce proprio in seno al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che ne aveva autorizzato l'accesso anche alle università del Paese. Da quel "Lo" in poi, la sua diffusione è stata rapidissima: dai prima due nodi si è passati a cinque, sino ai 37 del 1972. Dall'anno dopo la rete si è estesa anche fuori dai confini nazionali, arrivando all'University College di Londra ed al Norwegian Seismic Array di Kjeller, nei pressi di Oslo.

Su questa lavagna della Boelter Hall dell'Università della California di Los Angeles (UCLA) sono riportate alcune equazioni e diversi schemi che hanno portato alla nascita di ARPANET nel 1969
ARRIVA IL WORLD WIDE WEB

Negli anni successivi sono stati definiti i primi standard per i protocolli di controllo, sino a ciò che oggi chiamiamo IP (Internet Protocol) ed all'apertura definitiva della rete. Ed è qui che entra in gioco Tim Berners-Lee con il suo World Wide Web, cui fecero seguito negli anni successivi (1991) la nascita del primo sito web con protocollo HTTP e del linguaggio HTML: regole condivise per garantire la massima diffusione dello strumento, nonché la standardizzazione del formato dei pacchetti di dati che circolavano sulla rete.


7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
frank700

Mi sa che il mouse venne inventato prima.

Paolo Campi

E pure il prototipo del mouse

E al sugo di pappagallo pesciato? Io sì. :P

Portobello

hai mai assaggiato le penne al sugo di pantegana?

Arpanet è stata progettata da un musicista informatico.
(Non è vero, è solo una battuta) :D

frank700

Non credo che sia proprio una intuizione dato che la Xerox aveva già brevettato il protocollo ethernet.
A me piace anche ricordare come la Xerox già prima di S. Jobs avesse creato il Desktop Environment, con office incluso, che usiamo ancora oggi.

Portobello

adda venì baffone

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia