Spotify festeggia un altro trimestre positivo con l'Europa sugli scudi

27 Ottobre 2021 15

Le premesse affinché il 2021 di Spotify possa essere considerato un anno molto positivo ci sono tutte. Dagli ultimi dati diffusi emerge infatti come tanto il numero di utenti attivo ogni mese quanto gli abbonati alla piattaforma siano cresciuti raggiungendo, rispettivamente, quota 381 milioni e 172 milioni, con una crescita di entrambi i parametri del 19% nel confronto anno su anno.

Rispetto al trimestre precedente, nel terzo del 2021 gli utenti attivi sono cresciuti di 16 milioni circa e gli abbonati di 7 milioni, numeri in linea con ciò che l'azienda si aspettava alla chiusura del Q2 2021. Mentre al termine del Q3 2021 le aspettative per fine anno parlano di raggiungere quota 400 milioni di utenti attivi ogni mese e oltre 177 milioni di sottoscrizioni a Spotify Premium. La crescita, insomma, è evidente e oggettiva, foraggiata dall'espansione comunicata a inizio anno in 85 nuovi mercati e dalle prospettive ancor più rosee se il piano super economico con annunci passasse dai test ai fatti, e magari venisse pure accolto bene dal mercato.

Interessante quanto emerge dalle ripartizioni per regione dei due parametri. È l'Europa il mercato da cui arrivano di gran lunga le maggiori soddisfazioni per la piattaforma: il 34% dei 381 milioni di utenti attivi ogni mese proviene dal Vecchio Continente mentre il mercato nord americano "conta" per il 24% del totale. Probabilmente Spotify nel grande mercato USA soffre la concorrenza di Apple Music ed Amazon Music, ma il dubbio potrebbe rimanere insoluto ancora a lungo poiché i due servizi, purtroppo, non comunicano le dimensioni del loro bacino d'utenza.

Il pubblico pagante degli abbonati Spotify Premium è cresciuto del 19% anno su anno fino a 172 milioni di utenti anche per effetto - fa sapere l'azienda svedese - delle diverse promozioni lanciate nel periodo per l'abbonamento a costo ridotto. Ad ogni modo, ancora una volta è l'Europa a far sorridere Spotify dove risiede il 40% del totale degli abbonati, mentre il Nord America dà un apporto del 29%. In USA però Spotify è la piattaforma più utilizzata per i podcast, anche per l'offerta che alla fine del Q3 2021 ha raggiunto quota 3,2 milioni di trasmissioni (erano 2,9 milioni nel trimestre precedente).

L'aumento del rapporto tra utilizzatori e abbonati ha determinato anche una crescita delle entrate medie per cliente del 4% (4,34 euro). Complessivamente Spotify può sfoggiare un enorme sorriso per i ricavi di 2,5 miliardi di euro e per il reddito operativo di 745 milioni di euro.

VIDEO


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alexander

Infatti non uso cuffiette da 30-40 euro

Alexxx

L audio in Hi-fi soltanto se hai le cuffie adatte o un impianto Home sennò sono soldi praticamente buttati via.
Con le cuffiettine da 30-40 euro cinesi , ma non solo, le differenze non si notano

Anassimandro

Sono onesto, scelgo Spotify come app di streaming musicale solo perchè europea ;)

Marco

Ho amazon music (abbonamento parziale con prime) secondo me non c'è paragone... Sul lato app, playlist, mix creati per te... Spotify è unica... Per quanto riguarda testi, video non mi interessano perché al 99% delle volte ascolto la musica mentre faccio altro, in macchina mentre guido, sugli altoparlanti in casa mentre cucino, metto in ordine o altro, con gli auricolari mentre faccio sport... Potrei essere interessato all'alta definizione, anche se pure in questo caso, usando altoparlantei non all'altezza sarebbe probabilmente inutile...

Alexander

Purtroppo Amazon music ha un’app indecente

GinoK

Per quello fortunatamente ci sono app di terze parti (es. Versefy), almeno da PC.
Comunque c'è da dire che c'erano fino a qualche anno fa, poi Musixmatch si è resa conto che perdeva utenza sul proprio sito.

Mentre la cosa del Hi-Fi l'avevano annunciata all'inizio dell'anno e ce l'ha già Apple Music (oltre al resto della concorrenza), quindi spero davvero non rimandino ancora.

Michele

si si aspetta e spera, se fanno come i testi credo si parla dal 2016 dei testi brano all'interno dell'app...

Michele

escludendo i testi, alta definizione, i video e altro...prima di fare asserzioni visiona un po' il panorama. Hai provato amazon music?

Luca Bonora

dopo 4 anni di Tidal condiviso a 5 euro al mese... sono tornato a Spotify dopo che lo avevo usato con app tarocca all'epoca (inzio '17). Ho direttamente pagato un anno anticipato 99€. Comodissimo che senza usare le app Yamaha posso manfdare direttamente lo streaming sul sintoamplificatore.

Alexander

Aspettiamo ancora l’audio hi-fi e i testi in tempo reale

KK

Ma come, un po' di tempo fa qui c'era uno splendido che sosteneva fossero in passivo

AnalyticalFilm

Io la prendo come una notizia terribile quella dei podcast.

Marco

è il programma di streaming musicale più completo , c'è poco da fare ...

GinoK

Bene, ma sarebbe anche ora di rilasciare l'abbonamento Hi-Fi visto che mancano 2 mesi alla fine del 2021, anno in cui doveva uscire.

Cosimo

Dovrebbero aver paura del piano aggressivo di Apple per la musica, attualmente nessuno si aspettava un'offerta low cost da parte della Mela.

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo