Opzioni a tariffa zero: no dell'Europa, violano regole di Internet

03 Settembre 2021 32

La Corte di giustizia dell'Unione Europa ha preso una posizione netta rispetto alle opzioni telefoniche a tariffa zero, ritenendole contrarie alle regole che permettono di accedere ad Internet liberamente e senza restrizioni. Per fare un esempio - non a caso visto che vengono citate espressamente dalla Corte - sono offerte telefoniche a tariffa zero la Vodafone Pass.

DA SAPERE: le opzioni a tariffa zero sono frutto di una pratica commerciale con la quale un fornitore di servizi di accesso a Internet applica una tariffa a (costo) zero o comunque molto vantaggiosa, a tutto o a parte del traffico associato ad un'applicazione o a una categoria di applicazioni, che vengono proposte dai partner del fornitore. I dati consumati da queste applicazioni non erodono il volume di dati acquistato con il piano tariffario di base. In questo modo il fornitore rende le sue offerte più appetibili per l'utenza.

Il giudizio della Corte non lascia spazio a interpretazioni. Nella prima pronuncia l'organo di giustizia europeo boccia a monte il meccanismo delle opzioni a tariffa zero:

un’opzione a tariffa zero opera, sulla base di considerazioni di ordine commerciale, una distinzione all’interno del traffico Internet, non detraendo dal piano tariffario di base il traffico verso applicazioni di partner. Una siffatta pratica commerciale non soddisfa l’obbligo generale di trattamento equo del traffico, senza discriminazioni o interferenze, quale previsto dal regolamento sull’accesso a un’Internet aperta.

LA MATERIA DEL CONTENDERE PARTE DA UN CASO IN GERMANIA

Descritta come in apertura l'opzione a tariffa zero sembra essere tutta protesa pro cliente, che ha il vantaggio di conservare i dati compresi nell'offerta di base, senza consumarne altri quando utilizza determinate applicazioni. La realtà è diversa, perché in concreto ci sono operatori che prevedono opzioni a tariffa zero associate però a varie limitazioni:

  • alla larghezza di banda
  • alla condivisione della connessione in tethering
  • all'utilizzo in roaming

Sono queste limitazioni, secondo l'opinione espressa dalla Corte di Giustizia, a contrastare con i principi fissati dal diritto dell'Unione a tutela di un'Internet aperta.

Stream on di Telekom Deutschland è una delle offerte a tariffa zero ritenute illegittime dalla Corte di Giustizia europea

A rivolgersi alla Corte di Giustizia sono stati due giudici tedeschi chiamati a pronunciarsi sulla causa che vede da un lato Vodafone e l'operatore telefonico Telekom Deutschland e dall'altro la Bundesnetzagentur (l'Agenzia federale tedesca per le reti) e la Bundesverband der Verbraucherzentralen (associazione a tutela dei consumatori). La Corte ha appurato:

  • Opzioni a tariffa zero Vodafone Pass (Video Pass, Music Pass, Chat Pass e Social Pass):
    • sono valide solo in Germania, all'estero il volume dati consumato per utilizzare questi servizi è detratto dal volume dati compreso nel piano tariffario. C'è quindi una limitazione all'utilizzo in roaming.
    • anche nel caso di utilizzo tramite condivisione della connessione, il consumo dei dati viene detratto dal volume dati dal piano tariffario.
  • Su Telekom Deutschland: per alcuni dei suoi piani tariffari propone alla clientela l'opzione tariffaria aggiuntiva e gratuita - del tipo tariffa zero - denominata Stream On. L'opzione permette di non consumare i dati dell'offerta di base quando si avvia lo streaming di contenuti audio e video forniti da partner dell'operatore. Attivando l'opzione però l'utente accetta una limitazione della larghezza di banda per lo streaming video a un massimo di 1,7Mbit/s, e il limite si applica a tutti i video, indipendentemente dal fatto se siano o meno provenienti da un fornitori partner.

Sulle limitazioni la Corte precisa:

Le suddette limitazioni della larghezza di banda, della condivisione della connessione (tethering) o dell’utilizzo in roaming, dal momento che trovano applicazione unicamente a causa dell’attivazione dell’opzione tariffaria a «tariffa zero», che è contraria al regolamento sull’accesso a un’Internet aperta, sono anch’esse incompatibili con il diritto dell’Unione.

Le pronunce dell'Europa potrebbero rappresentare un monito per gli operatori telefonici che provano a rendere più accattivanti le proprie tariffe di base, aggiungendo le opzioni a tariffa zero da una parte e introducendo contestualmente limiti non sempre immediatamente visibili dall'altra.


32

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mostra 1 nuova risposta

Devono abbassare le tariffe, hanno guadagni astronomici, oltretutto se coprire tutto il paese costa ci può mettere mano lo stato visto che è interesse di tutti

BerlusconiFica

ma infatti, la gente ci casca come polli

BerlusconiFica

concordo pienamente. La strada deve essere quella dell'aumento dei gb indipendentemente dall'utilizzo che uno ne fa

SardignaNatzione

Il monopolio facebook c'è anche senza che Vodafone faccia un piano per dati illimitati dalle loro app. Avrei capito se questa diventasse pratica comune tra gli operatori, ma ora come ora non lo è e difficilmente lo sarà. Comunque vedo il tuo punto di vista e so che è valido. Ma credo che la priorità continui ad essere rendere l'internet ugualmente accessibile anche nei paesi in cui questo costitroppo

uncletoma

https://media1.giphy.com/me...

dario

Certamente, non ho mai visto di buon occhio questo genere di offerta, è anticoncorrenziale e chiaramente nel lungo termine si ritorcerà contro anche al consumatore.

Mostra 1 nuova risposta

Commento inutile concluso cosi ahahaah, ma anche il fatto che sia una cosa soggettiva... Pensa invece se la connessione di casa fosse limitata in GB e offrissero Prime Video gratuito. E netflix no. Cosa fai usi GB che non hai per vedere Netflix per 10 giorni oppure cancelli Netflix e vedi Prime tutto il mese?

Mostra 1 nuova risposta

Ridicoli come al solito

Mostra 1 nuova risposta

Perchè io ho un servizio streaming vantaggioso da offrire a te cliente, o comunque un servizio che genera concorrenza, e l'accordo con l'operatore rende la mia offerta inutile, tu come consumatore perdi un concorrente che poteva tenere bassi i prezzi e impedire un monopolio totale

Mostra 1 nuova risposta

Eh non è proprio una bella cosa in generale però... specie per certi servizi streaming ecc che potrebbero essere favoriti rispetto ai concorrenti. Ti danneggerà come consumatore a lungo termine

Mostra 1 nuova risposta

Ha tutto il senso del mondo, queste sono manipolazioni del mercato, danneggiano potenziali concorrenti dei servizi che usi creando monopoli assoluti quando già sono al limite del monopolio... Se non ci hai mai pensato dovresti ripensare un po' come funziona e rileggere la sentenza.

Mostra 1 nuova risposta

Grazie! Bello. Finalmente.

Sti favori non avevano senso, aumentino i GB per tutti i servizi senza discriminare e favorire i partner e non si lamentino.

SardignaNatzione

Che stronzata. Io con VOXI in UK mi godo whatsapp Instagram etc senza consumare dati ed è comodissimo. La discriminazione è altra, queste sono scelte di marketing.
Se davvero l'internet fosse un diritto, alcuni paesi come Olanda e Grecia non avrebbero tariffe da strozzino per la connessione mobile.
Ancora una volta la corte europea fa qualcosa di sensato domani

xpy

Sbaglio o l articolo è scritto molto male e la causa in realtà fa riferimento al fatto che queste offerte a "tasso zero" venivano applicate anche quando l'utente si trovava in altre nazioni e quindi in roaming?

Er Nutria

Difatti con vodafone è così, se riconosce il flusso verso una tv samsung ti blocca a 1MBit/s

dario

Chiaro, è un qualcosa in più dando per assunto che i concorrenti abbiano tariffe analoghe senza offrire servizi illimitati, ma è un qualcosa che scontato non lo è affatto, hai perfettamente ragione.

dario

Sì sì, sono d'accordo su ciò che dici.
Resta il fatto che oltre al pacchetto dati limitato hai traffico illimitato su determinati servizi... c'è la mezza sola della velocità limitata, ma di certo se è un servizio che usi molto puoi avere un tornaconto, non è affatto da escludere.
Poi chiaro, è un discorso a parità di tariffa rispetto a chi offre gli stessi gb ma senza servizi gratuiti, se altri quei gb te li danno a meno, e magari a quella cifra ti danno gb con cui copri ampiamente il traffico che generi con quei servizi, il discorso si fa ancora più relativo.
Anche su discorso di principio su ingabbiatura ecc. sono d'accordissimo.

Rendiamociconto

non è a svantaggio del consumatore

RiccardoC

non è qualcosa in più; è qualcosa che tu cmq paghi (personalmente preferirei dei GB in più da usare come mi pare, piuttosto che GB illimitati sui social che nemmeno uso), che limita le tue opzioni (perché quel servizio "gratis" lo usi alla velocità decisa dall'operatore, non alla massima possibile) e che è lesivo della concorrenza (e quindi ti danneggia come consumatore)

MarioT

E sulle rimodulazioni e i mesi da 28 giorni la Corte muta.

Ancora fanno giochetti questi?

boosook

Non è a vantaggio del consumatore. La neutralità della rete è a vantaggio del consumatore. Ci sono operatori ormai che offrono 120GB a 10 euro al mese, se uno ha necessità di usare molti dati può fare una di queste offerte (e non c'è solo Iliad, eh... CoopVoce 100GB a 8,90 al mese e tanti altri) anziché farsi ingabbiare in un meccanismo che dovremmo tutti rifiutare, che è quello di permettere al tuo gestore quanta banda darti su determinati servizi.

dario

è una sentenza a svantaggio del consumatore, che in quelle offerte aveva chiaramente un qualcosa in più, non in meno, rispetto all'offerta base.
ma qui si è tutelata la libera concorrenza, dato che ogni servizio offerto senza intaccare il traffico dati arreca un danno ai concorrenti, indubbiamente.
per cui non posso che essere d'accordo, non può essere lecita un'offerta del genere.

boosook

Perché, dal punto di vista del consumatore, per risparmiare due spiccioli stai accettando di minare un concetto fondamentale che sarebbe la neutralità della rete, e a lungo termine è una cosa che andrà a tuo svantaggio, dal punto di vista dei fornitori di servizi (ma in fondo anche tuo) invece rendi la vita più facile ai servizi che sono standard/monopoli di fatto e impedisci la concorrenza.

Mario

inoltre ti obbliga a vedere TUTTO lo streaming alla velocità decisa da quest'ultimo. Se volessi usare il telefono i tether per vedere che ne so disney+ in 4k non potrei farlo, andrebbe sempre ad 1,7Mb ??????????????????????????????????

LeoX

Sono d'accordo.

Scottyy Wiz

si ma poi...tutte le offerte attuali danno minimo 30gb di internet che per me sono piú che sufficienti..ovviamente se uno sfrutta il wifi nella maggior parte dei casi.

xan

perchè la telecom avrebbe un vantaggio commerciale rispetto a tipo netflix

invece di darti straming verso 1 fornitore gratis, ti desse piu GB

Antonio

Sinceramente non capisco il motivo.... Se con la Telekom ho il servizio streaming che non mi "consuma" dati, perché qualcun'altro dovrebbe essere contrario?

ThornC

Net neutrality...

Andredory
BlackLagoon

infatti mi sono sempre domandato come potessero offrire qualcosa del genere.. un concorrente come può pretendere di fare concorrenza se addirittura il traffico dati sull'altra piattaforma risulta completamente gratuito?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida