Falso NFT di Banksy venduto all'asta per oltre 300mila dollari

01 Settembre 2021 15

Dove c'è un business promettente è altamente probabile che ci sia anche chi provi a sfruttarlo per ricavare profitti illeciti. Negli ultimi mesi si è parlato molto degli NFT e della loro capacità di generare entrate per miliardi di dollari, introiti in tanti casi leciti, in altri, come nella vicenda che stiamo per raccontare, frutto di truffe. Ad essere caduto nella trappola di un malintenzionato è stato un noto collezionista di NFT che in rete si fa chiamare Pransky: il 30enne - che vuole restare anonimo - ha spiegato di aver preso parte e vinto ad un'asta relativa ad un NFT del noto artista Banksy. L'oggetto della vendita si è però rivelato un falso.

Ad indurre in errore l'acquirente è stato il fatto che la vendita era stata pubblicizzata sul sito ufficiale di Banksy (banksy.co.uk.); Il link inserito in una pagina ora rimossa rimandava ad OpenSea, uno dei più importanti siti di aste dedicate agli NFT. Tutto portava quindi a ritenere che fosse un'iniziativa del tutto legittima, ipotesi poi smentita dallo stesso team dell'artista che ha dichiarato: Banksy non ha creato opere d'arte NFT. Qualsiasi asta di NFT di Banksy non è in alcun modo associata all'artista. Pransky ipotizza che il sito sia stato hackerato per inserire il link e che l'hacker abbia segnalato in forma anomima dell'esistenza dell'asta tramite Discord. Nonostante le premesse, la vicenda si è conclusa abbastanza bene per il truffato, grazie, pare, ad una sorta di ravvedimento operoso del truffatore.

L'asta era stata pubblicizzata nel sito di Banksy, ma il team dell'artista smentisce qualsiasi collegamento. Si ipotizza che il sito sia stato violato

Pransky si era aggiudicato il falso NFT per 336.000 dollari in Ethereum con un'offerta che aveva superato del 90 per cento quella degli altri partecipanti all'asta. L'acquirente ha avuto il sospetto che fosse un falso NFT perché l'offerta è stata accettata immediatamente. Successivamente è avvenuto l'inaspettato: l'hacker/truffatore ha restituito al collezionista la somma versata, fatta eccezione per i circa 7.000 dollari di commissioni sulla vendita incassate da OpenSea. Una somma irrecuperabile perché una volta che il venditore accetta l'offerta, la criptovaluta viene immediatamente e irreversibilmente trasferita. Pransky, nonostante tutto, si dice soddisfatto per come sono andate le cose:

Il rimborso è stato del tutto inaspettato, credo che la copertura mediatica dell'hack, e il fatto di aver individuato l'hacker e di averlo seguito su Twitter avrebbe potuto spingerlo ad effettuare il rimborso. Mi ritengo molto fortunato visto che molti altri in situazioni simili ma con meno visibilità non avrebbero ottenuto lo stesso risultato.

Anche se non manca chi vede negli NFT l'ennesima bolla speculativa pronta ad esplodere, per ora il settore continua a macinare record di incassi (si vedano i dati di luglio scorso) e cresce il numero di persone disposte a spendere cifre rilevanti per entrare in possesso di un pezzetto di realtà digitale, unico o prodotto in quantità limitate.

VIDEO


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

E' andata avanti per 7 stagioni, se non erro. E' piena di arzigogoli e tecnicismi che mirano a truffare i truffatori di opere d'arte che poi finiscono regolarmente in galera dall'FBI, con in più una sottotrama orizzontale che tiene legate tutte le varie stagioni.
Ambientata a Ney York ( ma se vai a guardare è Vancouver, in realtà ).
Mi è piaciuta. ;)

Alex Roma

mai vista. la consigli? tutte le stagioni? :)

DaMorc

Siamo d'accordo. Ma appunto se è tutta una scenetta per farne parlare, qual è l'interesse di OpenSea ad apparire come uno squalo impermeabile alle leggi? Boh...

Francesco Renato

Piena di soldi non direi, nella fattispecie i soldi veri sarebbero solo i 7000 dollari pagati alla casa d'aste che si è prestata a questa sceneggiata avente solo fini pubblicitari, e forse neanche i 7000 dollari sono veri.

Francesco Renato

La storiella è tutta un delirio, investitore anonimo, artista anonimo, casa d'aste che non controlla la provenienza della merce, la favola di Biancaneve è più credibile di questa.

ErCipolla

Servono 50cc di sbauchina per endovenosa

Danny Green

La domanda che dovresti porti e' un'altra.
Perche' quella gente idiota di cui parli e' piena di soldi per poter comprare il nulla pagandolo anche fior di quattrini?
E' questo il punto.

DaMorc

Come 7000 dollari di commissione OpenSea irrecuperabili? Fai da intermediario per la vendita di "merce rubata", in altri contesti andresti in galera, e qui ti tieni le commissioni?

Scrofalo

Ma guarda che in fondo non è male tutto ciò. Se c'è gente completamente idiota disposta a comprare NULLA pagandolo anche fior di quattrini, è giusto che questi soldi passino a gente più furba.

Luke

It's a Prank-sy bro, it's a prank

Surak 2.04

Banksy, nft, aste misteriose, venditori anonimi, compratori anonimi, irragionevoli quando serve ma ragionevoli quando fa comodo.... praticamente una matrioska di fuffa al costo, sempre sia vero, di 7 mila dollari...

Danny Green

Parlava di preti?

Danny Green

Poi ancora ci si chiede perche' il mondo stia andando a rotoli.
Ci vuole un bel coraggio.

Flyn

Scanta bauchi, sveja macachi!

Ricordate la serie 'White Collar'?
:(

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo