NFT un successo anche nella musica italiana: Achille Lauro si unisce al coro

28 Giugno 2021 38

La brusca frenata dei concerti imposta dalla pandemia ha impattato sulle entrate degli operatori dell'industria musicale, a partire dagli stessi artisti. Come avvenuto nel settore del calcio e in molti altri, anche il mondo della settima nota ha avvertito l'esigenza di sperimentare nuove forme e modalità di guadagno per riaffermare il valore di un comparto già vessato da una crisi senza precedenti. Oltre ai concerti ed eventi in streaming, agli incontri virtuali con gli artisti e ai corsi online, un nuovo discutissimo trend ha iniziato a farsi largo pure in questo universo. Sì, sono sempre loro: gli onnipresenti NFT, i Non Fungible Token (qui il nostro approfondimento sul tema), che con la loro spiccata capacità attrattiva hanno conquistato anche un ambito così complesso e sfaccettato.

Dal DJ Steve Aoki, che ha messo in vendita una collezione di "gettoni digitali" raccogliendo cifre da capogiro (si parla di milioni di euro), ai Kings of Leon, la prima band a pubblicare un intero album in NFT, fino allo spiacevole episodio vissuto dal rapper e imprenditore Jay-Z: il fenomeno degli NFT musicali è sotto i riflettori già da tempo, basti pensare che nel secondo semestre del 2020, le vendite di musica in token non fungibili sono aumentate di 150 volte, arrivando a sfiorare i 300mila dollari lo scorso dicembre.

In Italia, l'intreccio della musica e della tecnologia blockchain sta prendendo piede già da qualche tempo. Lo scorso marzo, la SIAE (Società italiana degli autori ed editori), l'ente pubblico italiano che gestisce i diritti d'autore, ha annunciato la nascita di una piattaforma blockchain che traccia in modo trasparente ed efficiente la gestione del diritto d'autore. Un progetto che per la prima volta trasforma i diritti d'autore in asset digitali.


Tra i primi musicisti italiani a portare alla ribalta il fenomeno degli NFT è stato Morgan, pseudonimo di Marco Castoldi, balzato agli onori della cronaca per aver venduto per circa 21mila dollari la canzone "Premessa della premessa" sulla piattaforma Opensea sotto forma di token non fungibili, ma non solo: a perseguire sin da subito questa strada è stata anche la BHMG, la società fondata da Sfera Ebbasta, Shablo, Charlie Charles, seguita a ruota da moltissimi altri artisti e realtà del settore uniti dall'intento condiviso di cristalizzare l'unicità di un'opera, creando un "originale" in un universo infinito di copie.

Anche un altro artista di casa, l'istrionico Achille Lauro, qualche giorno fa ha annunciato il suo debutto nel business degli NFT, questa volta indossando vesti imprenditoriali. Con MK3, società che il rapper e cantautore ha fondato insieme al suo manager Angelo Calculli, ha firmato una collaborazione con Gian Luca Comandini, uno dei principali esperti italiani di tecnologia blockchain e criptovalute. Scopo dichiarato, quello di introdurre "nel mercato musicale nuove e innovative forme di business" per mitigare il rovinoso impatto della pandemia sul giro d'affari del comparto.

"Molti" - spiega Calculli - "hanno una conoscenza estremamente limitata del mondo delle criptovalute. Gli NFT sono visti solo come la “tokenizzazione” dei diritti di autore. In realtà dietro gli NFT si cela un mondo che è molto vicino alle leve finanziare utilizzate dai fondi di investimento e/o dalla Borsa".

Non sono ancora note le intenzioni dei firmatari della partnership riguardo alla tipologia e alle tempistiche dei progetti che ne nasceranno. Quel che è certo è che questo annuncio contribuirà, almeno in minima parte, ad innovare il settore.


38

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mUSOITA

Red Hot giovani ,ma lol

Faber

Mi riferiva un amico che lavora ad un certo livello che se non inserisci
in una presentazione le buzzword Musk, grafene, IA, blockchain, green non sei nessuno.

Nummepija

Mi sa che stai esagerando un tantino. Innanzitutto la prova del tempo è un grande filtro, arriva a noi solo quello che per noi è degno di menzione , tutto il resto scompare nell'oblio.. chiaro che nel passato è pieno di capolavori, tutta la fuffa chi se la ricorda?
A questo subentrano i gusti personali e effetto nostalgia che non ci fanno apprezzare le novità e ci lasciano ancorati al passato, tipicamente negli anni della gioventù spensierata o giù di lì.
In modo simile si percepisce la qualità della musica dal mondo come migliore, anche qua sia per questione di gusti che per grande filtro, la produzione mondiale è enormemente più grande di quella locale e nel mare di porcheria emerge più di frequente un buon pezzo (grandi numeri).
Infine, secondo me, nella musica anglofona c'è un pubblico più vasto ma molta più concorrenza quindi un pezzo deve necessariamente essere più curato o intrigante per emergere quel tanto che basta per essere notato lontano da casa.

Il fatto che le radio trasmettano in genere 50% di musica italiana, non vuol dire che in Italia produciamo il 50% della musica, solo che il pubblico vuole musica locale.
Tant'è che musica tedesca, finlandese, cinese, indiana non ci arriva (sul mainstream) perché è troppo lontana dai nostri gusti.

E poi dai.. proprio quest anno che hanno vinto i Maneskin?

DiscentS

Posto che ogni musica è bella quando hai voglia di ballare, cosi come ogni cibo è buono quando hai fame, ma mi dispiace il tuo gusto musicale non si è sviluppato nel giusto verso.

CiKappa

Per me l'unico cantante italiano rimasto a livelli elevatissimi è Zucchero. Mi piaceva anche Chiara (la veneta che cantava 10 anni fa, poi sparita e messa in ombra dalle più esibizioniste baby k, elettra L e altre oche)

danieleg1

Vale anche l'inverso per gli invasati...

Francesco Renato

In pratica 18.000 euro è il compeso ricevuto da Morgan per fare pubblicità ad un certo Natale Ferrara, founder di Poseidon, gruppo attivo nell’ambito delle criptovalute con sede a Lugano, così ora l'ex sconosciuto potrà acchiappare polli con Poseidon.

Gearless

questi commenti saranno molto interessanti da leggere fra qualche anno, come ennesima prova del fatto che il cambiamento è sempre un processo lungo e criticato, come ai tempi fu internet, oggi le crypto e il mondo che ci sta attorno. peace

C#Dev

Ma è proprio necessario fare articoli sull'ennesima speculazione economica?

Il metodo più assurdo per far girare soldi fra persone che vogliono movimentarli.

DiscentS

La bella voce non basta ci vuole un idea, se fai canzoni alla whitney houston ma il risultato sembra un karaoke in una nave da crociera non sfondi, soprattutto se sei nera in italia. Il mercato italiano è gestito da tre quattro produttori che smerciano m3rda per tirare qualche soldo dal pubblico di lobotomizzati che teniamo.

DiscentS

Rorrois?

DiscentS

Ma quale conflitto generazionale, ci sono molti cantanti giovani esteri di talento, Ed sheeran, dua lipa, adele, red hot chilli peppers, hanno iniziato tutti giovanissimi. Se non riconosci la m3rda non è colpa mia. Il problema è il tuo. Quasi tutti i cantanti italiani sono sciatti, inetti, superficiali sia a livello di testi che di musiche, per non parlare di quelli che poi sono sostenuti solo dal fatto che fanno specificatamente schifo, come se per una fetta di pubblico si sia una scala di valori invertita come all'inferno di dante, più fanno schifo più vanno bene, sono allergici alla musica di qualità.

Luca Lindholm

Aggiungo Roberto Cacciapaglia, forse unica vera rivelazione degli anni 2000 (più come compositore di canzoni che come cantante).
Una menzione particolare, tra i giovani del 2000, non può non andare a Jenny B. che stupì moltissimo a Sanremo 2000 e poi a Sanremo 2001 con “Anche tu”, mostrando una potentissima è bellissima voce afroamericana, un perfetto esempio di integrazione con l’Italia, tra l’altro (altro che Mahmood…).

Luca Lindholm

Certo, certo, i rapper che il mondo intero ci invidia…

…e poi su YouTube trovi delle autentiche perle bellissime, come questa interpretazione di Silvia Mezzanotte nel 1997 a Castelfranco Emilia, poco prima di diventare la voce dei Maria Bazar:

https://youtu.be/Ly2r0s_cQGk

Semplicemente tutto sublime: Lei, la sua voce e la bellissima canzone da lei interpretata.
Il tutto in un concerto in un piccolo paese, quando gli Artisti con la A maiuscola andavano tra la gente, senza pavoneggiarsi (mi viene in mente anche Amanda Lear che partecipava anche a tante Feste dell’Unità e sagre nel nord Italia, negli anni ‘70).

Andreoid

NFT is the new notizia sul grafene

Bayek di Siea

E dopo l’età ore-puberale di corsa ad arrestarlo…..tra L altro come mai non è ancora stato sbattuto in cella? Aspettano che si scopra che spaccia?

Luca Lindholm

Chi???????

asd555

Bah, Achille Lauro è la prova vivente che gli schiaffi pedagogici in età pre-puberale sono assolutamente utili e necessari.

asd555

Ok boomer.

Nummepija

LOL
mi sembra lo stesso discorso che ho fatto con mio padre di 70 anni

evviva il conflitto generazionale, una delle poche certezze che non ci lascerà mai!

Castoremmi

Dire che Achille Lauro fa canzoni tutte uguali e banali vuol dire non capire niente

jacksp

In effetti con la roba che hanno fatto ascoltare ai regazzini e visto il cervello che si ritrovano ci sta che vogliano provare a vendergli pure gli NFT.

jacksp

W la Maria!

DiscentS

Si intorno ai 40 anni ma li considero sempre ultima generazione (anni 80). Di particolarmente nuovo non vedo proprio niente di qualità.

Perdonami, ma Cremonini e Silvestri non hanno 20 anni...

Daniel

Quelli che escono da Amici - meno male c'è la Maria altrimenti la musica Italiana avrebbe chiuso baracche e burattini anni fa

Tugur Reddu

Ma Siae, di quel miliardo di debito che ha verso gli artisti e aventi diritto, ha poi iniziato a restituire qualcosa? Perchè a vivere di anno in anno con gli interessi di 1mld di soldi non miei (che poi non restituisco) sono capace anche io...

sbiki85
MatitaNera

non è che se interessa a quattro nerd sempre attirati dalle novità (come le mosche) è "un successo"...

Giangiacomo

"Grandi nomi" per una "grande musica" italiana che ancora oggi trasmettono e che tutti ci invidiano ... sicuramente, come no !

DiscentS

Processo di sviluppo e creazione di una canzone qualsiasi dei 20 enni di oggi: mandano un messaggio whattapp al produttore, con informazioni confidenziali tipo a che ora fanno la spesa o come si vestono, se uno che passava li ha guardati male e un colore di macchina che hanno visto che gli piace, qualche commento a caso su faccende amorose e le difficoltà della vita. Il produttore prende il vocale e ci mette una base qualsiasi copiata da qualche ritmo fico americano. Poi aspettano il giorno giusto per farla uscire in base alla memoria di pesce rosso che hanno gli ascoltatori tipicamente 3 mesi e hanno dimenticato la canzone precedente. In caso di tormentone estivo "corazon" invece il periodo si allunga a 12 mesi (giusto perchè è necessaria l'estate). Tolta la vecchia guarda, gli unici cantanti giovani italiani con talento sono Cremonini, Silvestri e a seguire pochi altri. Naturalmente è sempre colpa del pubblico che non capisce niente.

Daniel

Morgan e quell'altro li infatti quelli strani

Andrea

Achille Lauro fa musica?

AnalyticalFilm

Quando la moda sarà passata e l'entusiasmo ca*zaroda novità scemato, vedrete che gli NFT salveranno internet.

https://media4.giphy.com/me...

T. P.

ah be, allora corro anche anche io!!! :)

Just.In.Time

la peggio merd4 insomma, il nulla virtuale con il nulla musicale.

Zeronegativo

meno male.

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo