Alibaba come Google e Apple: dalla Cina l'accusa di monopolio

24 Dicembre 2020 70

Non sono solo Google, Facebook, Apple e Amazon ad essere accusate di monopolio: The Four sono stati bocciati dall'House Judiciary Committee statunitense a ottobre, con conseguenze che saranno tutte da capire nel corso dei prossimi mesi, e a quanto pare sono in buona compagnia. Anche se questo non pensiamo possa consolarle.

Stiamo parlando di Alibaba, il colosso cinese in mano a Jack Ma già finito nel mirino degli USA - ma per questioni differenti, legate alla guerra fredda con la Cina - e ora sotto il "fuoco amico" dell'ente regolatore di Pechino che ha aperto un'indagine per verificare la "sospetta condotta monopolistica" del colosso dell'e-commerce. Questo il laconico comunicato pubblicato dalla State Administration for Market Regulation (la traduzione in italiano lascia a desiderare, ma è il succo che conta):

Recentemente, l'Amministrazione statale per la supervisione del mercato, sulla base dei rapporti, ha avviato indagini presso Alibaba Group Holdings Co., Ltd. per sospetta condotta monopolistica come "la scelta dell'una rispetto all'altra".

"La scelta dell'una rispetto all'altra" va così interpretato: Alibaba in pratica vieta ai venditori che utilizzano la sua piattaforma di vendere i prodotti su altri siti di e-commerce, e tale pratica non viene vista di buon occhio dall'ente regolatore cinese che la considera anzi anti-concorrenziale. A breve ci sarà un incontro a cui saranno presenti tutte le principali società di e-commerce, tra cui JD.com, Tencent e Didi Chuxing: il regolatore dovrà decidere se inserire una serie di norme che vietino la vendita dei prodotti sottocosto, azione tramite cui le aziende preferiscono andare in perdita (nel breve periodo) pur di conquistare importanti quote di mercato, sino al monopolio.

Per Jack Ma non è un momento positivo, questo: l'ente regolatore cinese ha infatti di recente bloccato l'IPO da 34 miliardi di dollari dell'affiliata Ant Group (la proprietaria di Alipay, per intenderci), mettendo a rischio le strategie aziendali del Gruppo per gli anni a venire. C'è chi addirittura ipotizzi una crisi generalizzata dell'impero di Ma, che proprio in Occidente è alla ricerca di ossigeno. É noto l'investimento a Liegi per il gigante centro logistico europeo, così come sono ormai conosciute le manovre per l'espansione nel cloud, vera miniera d'oro su cui Alibaba - e non solo - sta puntando con forza.

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da ePrice a 769 euro.

70

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fede

Non è stata fatto la correzione :)

lucas

appena dopo che si è dimesso dalla carica di presidente del gruppo nel 2018 ha fatto la tessera del partito comunista cinese.. e questo anno dovrebbe lasciare anche il consiglio di amministrazione del gruppo.. jack in Alibaba ormai non ha più nessun ruolo tranne una quota azionaria inferiore al 5%.

lucas

jack Ma dal 2018 quando si è dimesso dalla carica di presidente ormai non è più niente in Alibaba, è azionista con una quota inferiore al 5%, e questo anno dovrebbe uscire anche dal consiglio di amministrazione di Alibaba come da programma, il primo azionista di Alibaba è softbank con il 25%

Alessandro

la scala mobile è stato un bene l abbiano abolita: un male che l abbiano istituita. Il debito che VOi giovani e quelli della mia generazione stanno pagando sono stati, in gran parte, generati con essa.
Mio padre nell 80 comprò un appartamento a 40 milioni di lire, con un mutuo assurdo. Nell 89 l ha rivenduto a 650 milioni. La rata del mutuo che pagava di anno in anno pesava sempre meno sul bilancio della mia famiglia e sai xche?! xche grazie alla Scala Mobile il suo stipendio aumentava mentre i debiti restavano sempre quelli.
Altra zozzeria in voga fino ad inizio anni 80 era andare in pensione con la minima: mia madre prende la pensione di 1200€ mensili da quasi 40 anni, pensionata a 35.

Tanto per: nell 85 ci fu un referendum x l ingresso in Europa, vinto. Per quanto mi faccia schifo ammetterlo Prodi ci ha salvato il cvlo dalla bancarotta. Nel 94 un litro di benzina costava poco piu di 1000 lire, nel 2000 stavamo quasi a 2000.
Quindi la liretta, cosi veniva definita in quegli anni, è stata spremuta fino all inverosimile generando tanti di quei debiti che ne avremmo per i prossimi 2000 anni

DefinitelyNotBruceWayne

Sono un perenne fuoricorso perché, oltre a non essere uno studente modello, ho sempre lavorato o fatto altro assieme all'uni (tipo frequentare un ITS) ma trovo anche che la possibilità di andare fuori corso per mille anni sia sbagliata: parcheggio perfetto per ragazzini che hanno paura di fare qualsiasi cosa e non fa altro che spolpare le famiglie e illudersi di avere diritto ad un certo futuro o lavoro solo perché sui banchi universitari hanno trattato in maniera superficiale X o Y.
L'università deve essere alla portata di tutti (sia a livello di costi che a livello di possibilità di reperire materiale, frequentare o rimanere allineati nonostante lavoro o famiglia), ma non deve essere un parcheggio momentaneo per futuri disoccupati.

amo gli adblock

il potere è nelle mani dei dittatori
nè del popolo, nè dei nigeriani

Margaret Thatcher

Invece credere che attualmente il potere sia nelle mani del popolo nigeriamo è da veri statisti illuminati.

amo gli adblock

secondo me dovrebbe essere 12 + 4 poi chi vuole potrebbe proseguire la specialistica di 1 anno. Così a 22 anni sei già pronto al mondo del lavoro.

sarebbe la situazione ideale senza intaccare la preparazione, purtroppo c'è la lobby dei prof che comanda.

DefinitelyNotBruceWayne

Ogni volta che guardano il CV ti tocca spiegare che non sei rit4rdato, ma che 13 anni di scuole + 5 di uni sono il percorso standard in Italia :')

Daniel Ocean

La liberalizzazione dei mercati che prima erano monopolio statale e la conseguente vendita a privati di molte imprese pubbliche negli anni '90 sono state fatte perché eravamo in un periodo di transizione verso il mercato unico, quindi bisognava rientrare nelle norme dell'UE.

Si può discutere circa il fatto che queste liberalizzazioni siano state fatte male, ma andavano fatte per entrare nell'UE.

Daniel Ocean

Le politiche antitrust sono complesse, a volte si può arrivare a risultati all'apparenza controintuitivi.

Bene che questa pratica abusiva di Alibaba venga perseguita anche in un paese come la Cina dove la concorrenza pare solo una sorta di velo di maya, ma paragonarla ai casi di Google e Apple come suggerito dal titolo mi pare un attimo azzardato.

Chiarisco il punto: per anni si è puntato il dito contro Google e Microsoft accusandoli di essere monopolisti nel rispettivo settore, ma siamo veramente sicuri che punire aziende che diventano quasi monopolisti nel settore perché hanno un grande vantaggio competitivo sia cosa buona?

amo gli adblock

e certo, il governo nigeriano ce lo ha messo eni!
cosa mi tocca leggere

evidentemente non ti è chiaro il livello di complessita della società

Margaret Thatcher

Perché notoriamente siamo nel mondo delle favole e i governanti li mettono lì il popolo e non chi detiene grossi capitali, come banche, fondi di investimento e multinazionali con l'aiuto logistico di milizie più o meno regolari.

amo gli adblock

quindi secondo te i nigeriani fuggono da eni? ahahha

non sai come funziona in quei paesi, la corruzione è peggio che in italia ed al governo conviene avere il popolo sottomesso. eni paga concessioni miliardarie alla nigeria, dove vanno a finire quei soldi? per lo sviluppo? manco per niente.

se i nigeriani stanno nella miseria devono ringraziare solo ed esclusivamente il proprio governo

Margaret Thatcher

Certo, in Nigeria la ENI non ha fatto e non sta facendo le peggiori porcate, no no...

amo gli adblock

quindi i nigeriani vengono in italia non perché hanno poca istruzione, ambizione, ma 0 opportunità.

secondo te loro vengono in italia perché nei secoli scorsi c'è stata la tratta e lo sfrùttàmento delle risorse, interessante..

ma quale è di preciso il meccanismo biologico che porta questa memoria storica?

Margaret Thatcher

Quando diventa non più sostenibile prova a chiederti perché succede no?
Non è che magari hai bombardato qualcuno, finanziato qualche gruppetto di ribelli moderati, appropriato di risorse naturali senza pagare il dovuto?

amo gli adblock

oggettivamente l'immigrazione è sostenibile solo se è moderata, qualificata e se c'è integrazione

amo gli adblock

L'unica cosa buona di salvini è aver forzato sull'immigrazione per spingere l'europa a dividere gli ìmmigrati.
e salvini non mi pare fosse di sinistra

poi l'europa dovrebbe investire in africa per non farli partire (istruzione, infrastrutture e lavoro)

Margaret Thatcher

Perché lì odi così tanto?

amo gli adblock

aggiongo per quanto riguarda l'istruzione:
Si potrebbe togliere un anno scolastico come si fa in tutto il resto del mondo civilizzato (a furia di anni in più gli italiani accumulano ritardi evitabili nei confronti dei colleghi).

poi ci vuole il coraggio di abolire quasi tutte le lauree triennali in favore delle quadriennali, spostando alcuni corsi esternamente all'università (tipo le professioni sanitarie, alcune lauree umanistiche e spingendo sulla diffusione degli ITS)

e poi, culturalmente bisogna imporre che sei "Dottore" solo se sei un medico o hai un dottorato, solo in italia i triennali si fanno chiamare dottori

Luca Lindholm

Veramente sono le destre liberal-conservatrici a volere masse di immigrati.
Lo dimostra il caso dell'Italia e della Svezia:
- In Italia era Berlusconi e Bossi, a inizio anni 2000 a essere a favore dell'accoglienza (dal 2002 cominciò il tutto, appunto), per poi proseguire fino al 2009 e poi di nuovo nel 2013-'14, con Letta e Renzi.
- In Svezia, l'immigrazione di massa è avvenuta durante il governo di centro-destra 2006-2014; appena è tornato al potere il Partito, abbiamo rimesso le cose a posto come erano prima del 2006: politiche migratorie attente e rigorose e rivalutazione dei sobbrghi dei grandi centri urbani ormai degradati, con tanto di controllo del mare e delle frontiere.

amo gli adblock

ma poi, i comunisti non sarebbero pro-immigrazione?

Luca Lindholm

In che senso?

Margaret Thatcher

Nemmeno a Natale riesci a farteli piacere gli immigrati ahahah :D

amo gli adblock

con le low cost tutti possono viaggiare a poco prezzo
questa è libertà, non il fatto di dover pagare un biglietto più caro del dovuto per salvare alitalia

comunque sotto ti ho dato un altra risposta

amo gli adblock

-la scala mobile con l'euro non la puoi fare, ma lo capite?
-la sanità è migliorata qualitativamente negli ultimi 20 anni, fattelo dire, e se dubiti di questo fatto puoi essere solo uno che parla di cose che non conosce
-sulla qualità degli insegnanti è meglio sorvolare
-il posto fisso NON esiste altrove, assumere un dipendente non deve corrispondere ad un matrimonio.

In più in un mercato del lavoro dinamico è più facile la ricollocazione, in uno statico come quello italiano se perdi il lavoro rischi di non trovarlo più
-il mercato libero è quasi sempre meglio, vedi telecomunicazioni, aerei

Sugli istituti di detenzione ecc, hai ragione, ci vuole certezza della giustizia e della pena
Sul fatto che si siano create lauree follì (per consentire a tutti i triennali di essere chiamati "Dottore") hai pure ragione, ci sono facoltà che potrebbero
Su una eccessiva immigrazione hai ancora ragione, ma c'è da dire che in quel caso l'europa ci ha abbandonato ed in italia sugli immigrati ci mangiano un sacco di persone

Luca Lindholm

E infatti si sono visti i risultati delle low cost: le entrate da turismo hanno diminuito la propria incidenza sulle esportazioni dall'11% al 7% in vent'anni, con tutto che sia più che raddoppiato il numero di arrivi e di pernottamenti.

Gran bel guadagno.

-.-

Vive

https://uploads.disquscdn.c...

amo gli adblock

belli i tempi in cui non c'era ancora la liberalizzazione delle compagnie aeree, ecc

piero

https://uploads.disquscdn.c...

DefinitelyNotBruceWayne

Hahaha che incredibile calderone di robe a caso.
Il declino delle scuole superiori e la moltiplicazione delle lauree che ci imbrocca? I laureati sono ancora pochi e ci sono interi settori che non riescono a trovare diplomati e laureati competenti.

"160.000 insegnati delle scuole secondarie fatti fuori"
qualità != quantità . Tra superiori, università e post-diploma mi sono sempre più convinto che buona parte del corpo docenti non abbia alcuna competenza e "rubi" il proprio stipendio dalle casse dello Stato senza nulla dare in cambio. Mi è andata bene perché ho frequentato scuole ed università senza problemi di fondi o simili e ho avuto i mezzi per studiare quello che volevo e come volevo (software ibm, MS, Google, Jetbrains e altri disponibile gratuitamente, HW moderno, Mac nuovi di pagga). Altrove, tanti altri, non hanno questa fortuna. Finanziare professori ed istituzioni che sfornano gente non preparata al mondo che la circonda equivale a sperperare denaro pubblico e condannare tanti giovani alla povertà.

"Progressivo smantellamento del sistema industriale pubblico ... "
Tra i soldi dati in passato a Fiat o casi come Alitalia ed Ilva oso dissentire e non penso che ci sia molto da approfondire. Tutte le nostre PMI orbitano intorno a progetti statali, finanziamenti europei e simili. Ho lavorato in ambito R&D sia nel pubblico che nel privato. In entrambi i casi i progetti erano al limite della truffa, organizzati in modo per portarsi a casa dei finanziamenti senza portare ad alcun risultato.

Tutto il resto, senza offesa, sono c4224te fatte a suon di ctrl c+ctrl v o scritte da chi pensa che Berlusconi = liberismo.
Da figlio di operai non mi interessa avere particolari bonus e tutele e non mi interessa lavorare per garantire queste tutele e questi bonus a gente che ha scelto di non fare niente. Preferirei sapere che se perdo il lavoro o mi licenzio oggi posso trovare tranquillamente trovare un nuovo lavoro domani perché il tessuto imprenditoriale è in salute, sapere che il mio percorso scolastico può portarmi ad un lavoro ben pagato e/o ad avere delle competenze richieste dal mercato del lavoro, sapere che, se mi gira e ho voglia di lavorare, posso aprirmi p.iva e lavorare per fare i miei soldi invece che dover saltellare tra le mine o soffocare per via della burocrazia.
Non parlo di far pagare anche l'aria, ma di evitare di svuotare le tasche di chi lavora per mantenere gente che si gratta la pancia, gente che ha scelto di parcheggiarsi nella PA a giocare a solitario o simili. Mantenere un carrozzone di incompetenti solo perché si prova pietà per loro alla fine porta a generare solo incompetenti e/o disperati ed è la situazione che c'è al momento in Italia.
Per una visione socialdemocratica come quella dei Paesi del nord servono un senso civico e delle risorse che non abbiamo. Per il liberismo servono tutta una serie di manovre che non abbiamo mai voluto fare. Ci limitiamo a calciare la lattina, una volta verso destra, una volta verso sinistra.

Davide

A un certo punto chi indaga sparirà e tutto verrà archiviato

ermo87

è la verità, se non la accetti io che ti posso fare.

buona giornata a te

Luca Lindholm

Che paracul4ata...

Vabbeh, buona giornata.

-.-

ermo87

non ti ho detto che hai scritto una definizione sbagliata, ti ho detto che fai un'associazione forzata

Luca Lindholm

Ho chiesto quali sarebbero i VERI principi fondatori del liberalismo come lo intende Lei... non tenti di schivare la domanda.

-.-

ermo87

ti concedo la privatizzazione della RAI che fondamentalmente non si è nemmeno concretizzato. il resto (e tante altre) sono scelte contingenti, come al solio abbastanza viziati dal sistema politico italiano

Luca Lindholm

E sentiamo... quali sarebbero le idee socio-economiche del VERO liberalismo, per sommi capi?

-.-

ermo87

manco la sfiora

Luca Lindholm

Beh, tutto ciò che ho elencato si avvicina all'ideologia generale del liberalismo (assenza dello Stato e di un potere centrale, libertà individuale massima)... va bene così?

-.-

ermo87

non è liberalismo sicuro, non è liberismo, e non è nemmeno liberale.

poi se a te non sta bene è un conto, ma dare certe etichette è roba da pazzi davvero

Luca Lindholm

Eccerto, non è liberalismo, chissà cosa sarà!

Ma roba da pazzi...

ermo87

Sei confuso, è tutto tranne che liberale quello che dici. E mischi pure il liberalismo.

Sei un po' prevenuto pure verso il socialismo

Luca Lindholm

Il fatto di essere senza una direzione politica-sociale-economica-morale dal 1992, con abbandono di ciascun individuo al proprio destino, che sostanzialmente si è tramutato in un'anarchia generale dove i più forti/ricchi prevalgono sui più deboli?

Beh, sì... è proprio il liberalismo: niente Stato né potere centrale, ogni individuo abbandonato a sé stesso e tanti saluti.

E lo chiamano pure "Stato socialista" quello italiano...

Cloud387

Infatti chi gestisce valute rischia di diventare uno stato a se stante con i relativi poteri ingerenze ecc.

Non per niente la questione della criptovaluta di facebook desta interesse.

ermo87

cosa cé di liberale in tutto ciò?

Estiquaatsi

Su altri giornali era spiegato che questi ormai non sono solo siti di ecommerce, ma operano anche come istituti finanziari, gestendo wallet, prestiti e investimenti.

Luca Lindholm
Io questo liberismo/liberalismo non so proprio dove lo troviate in Italia.

Ancora con questa esclamazione... ah, ma allora qui in Italia si ha la memoria corta:
- 160.000 insegnati delle scuole secondarie fatti fuori nel '95-'97;
- Abolizione dell'Equo Canone e della Scala Mobile nel 1991-'92;
- Progressiva eliminazione delle strutture sanitarie (diminuzione posti letto ospedalieri per 1000 abitanti), dal 1975;
- Progressivo smantellamento del sistema industriale pubblico (IRI) e non investimento più in quello privato (FIAT, Olivetti, etc.) a partire dal 1992-'93-'94;
- Precarizzazione del mondo del lavoro: Leggi Treu (1997), Legge Biagi (2003), Jobs Act (2014);
- Riforma (Luigi) Berlinguer (1997) e progressivo declino delle scuole superiori, con la moltiplicazione folle delle lauree;
- Permesso a CERTI privati di fare qual che volessero in ambito di trasmissione televisiva: Decreti Berlusconi (1985), Legge Mamì (1990), Gare per le frequenze televisive truccate (1997-'98), Legge Gasparri (2003);
- Eliminazione dei manicomi (1975), degli ospedali psichiatrici (2015) e ora si parla di abolire del tutto anche le carceri, dopo averle già molto depotenziate!
- Consentito ingresso, dal 2002, a oltre 3 milioni di immigrati irregolari, in piena circolazione delle regole europee, e concessione della regolarizzazione a oltre un milione di essi, con conseguenze per tutta l'Europa (e si parla pure di istituire lo Ius Soli totale!);
- Folli risultati dei referendum abrogativi:
--- 1985: Abolizione parziale della Scala Mobile (1985);
--- 1993: Abolizione finanziamento ai partiti, abolizione Ministero dell'Agricoltura, abolizione dei controlli ambientali effettuati dalle USL, etc.;
--- 1995: Privatizzazione della RAI, Conferma della possibilità di inserire pubblicità illimitate in TV, etc.

E potrei continuare ancora a lungo...

Tutte cose che all'estero non esistono o, anche in quei rari casi che lo fanno, sono pensate in modo completamente diverso.

Oh, eccome se di follie liberali in questi 28 anni se ne sono fatte, andando contro le direttive europee, alla Costituzione italiana e al semplice buon senso...

-.-

Cloud387

A parte i commenti ironici, leggendo l'articolo si capisce che non c'è nulla di strano nell'accusa fatta.

Non puoi costringere a vendere solo sul loro store

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale