WeChat si salva: la Corte d'Appello respinge il ban statunitense

27 Ottobre 2020 12

Dopo aver assistito al salvataggio in extremis di TikTok, la situazione si appresta a migliorare anche per WeChat, visto che nelle ultime ore è stato scongiurato il blocco immediato dell'applicazione negli Stati Uniti.

In particolare, i 3 giudici della nona Corte d'Appello hanno respinto la richiesta avanzata dal Dipartimento di Giustizia la quale - se accolta - avrebbe costretto Apple e Alphabet a rimuovere immediatamente WeChat da App Store e Play Store, in quanto la sua distribuzione sul suolo statunitense sarebbe stata considerata illegale. Il mancato accoglimento deriva dal fatto che il governo non è stato in grado di dimostrare alla corte l'esistenza di motivazioni valide per poter richiedere il ban istantaneo (mancano infatti le condizioni minime necessarie, ovvero il sussistere di un danno immediato e irreparabile).

Il caso non è comunque da considerarsi completamente archiviato, in quanto è in sessione una nuova discussione prevista per gennaio 2021, quindi quella attuale è da considerarsi come una momentanea boccata d'ossigeno per WeChat e per tutti gli utenti che utilizzano giornalmente l'app di messaggistica (oltre 19 milioni solo negli Stati Uniti).

Ricordiamo che WeChat è il principale canale di comunicazione per molte famiglie e imprenditori che desiderano restare in contatto con parenti e partner cinesi, quindi una sua messa al bando avrebbe ripercussioni decisamente importanti su tantissimi aspetti economici e sociali.


12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dark!tetto

Ovvio che non ci sono prove, aldilà dei 4 yankee della domenica qui dentro non hanno mai detto di averle. Ci ha povato e non è andata bene, il pericolo è potenziale come per huawei e qualsiasi azienda cinese, quindi niente ban immediato e Donald incassa :D

Dark!tetto

Infatti gli basta questo, ma non per il ban immediato, dovrà seguire l'iter esattamente come per Huawei, ZTE etc etc. Fin quando non ha prove reali il pericolo è potenziale e non immediato.

Undertaker

BAN,BAN,BAN, distruggerli subito.

Massimo

Ma come... Pensavo che Trump avesse le prove contro il fantomatico spionaggio cinese...

jose manu

Le prove le hanno1!1!
Non ho prove ma nemmeno dubbi

darthrevanri

Ovvio che trump ha qualche prova, e chi dice il contrario ha ragione

Guest
Roberto

ma ovvio che sono colpevoli... lo dice pure mio cuggino...

Aster

Lista corta!

Franz 451

arrivano!
talpagamer99 M_90

ErCipolla
governo non è stato in grado di dimostrare alla corte l'esistenza di motivazioni valide per poter richiedere il ban

Ecco, ora mi aspetto che tutti i fanboy di Donald che sostenevano la linea del "le prove ce le hanno, ma mica le vengono a dire a te hahaha" facciano mea culpa... ah no, dimenticavo, sono tutti burattini con un copione già scritto, interessati non alla discussione dei fatti ma semplicemente a diffondere propaganda becera.

momentarybliss

"Il governo non è stato in grado di dimostrare ...". Penso si leggeranno ancora motivazioni come queste per quanto concerne aziende e app cinesi bannate dagli USA

Huawei Watch GT 2 Pro: titanio e vetro zaffiro per diventare elegantissimo

La pandemia ha incentivato i pagamenti digitali: è la fine del contante?

Recensione Nubia Watch: molta forma, poca sostanza

Amazon Fire TV Stick e Cube, guida all'acquisto: modelli, differenze e prezzo