Smart working, gli italiani dicono sì

15 Ottobre 2020 629

Smart working sì o smart working no? Stando ad una ricerca condotta da Cisco, gli italiani propendono per il sì, e non di poco. L'87% degli intervistati si è infatti detto favorevole alla "nuova" modalità di lavoro, che poi tanto nuova non è ma che la pandemia ed il distanziamento sociale hanno reso pressoché imprescindibile in alcuni contesti.

E gli italiani vogliono sentirsi liberi di decidere se lavorare da casa o in ufficio anche quando l'emergenza sanitaria sarà passata. Smart working fa rima con maggiore autonomia per il 65% degli intervistati e con un miglioramento della qualità del lavoro stesso (66%).

Dunque nel dramma della pandemia la popolazione (italiana e non) vede anche un motivo di cambiamento epocale del modo in cui si lavora e nella gestione del proprio tempo. Dalla ricerca emerge come quasi 9 dipendenti su 10 vogliano una maggiore autonomia di decisione su "come e quando lavorare in ufficio".

I RISULTATI IN SINTESI
  • l'87% degli italiani vuole essere libero di scegliere se lavorare da casa o in ufficio
  • il 10% degli intervistati lavorava in smart working stabilmente o parzialmente anche prima del lockdown
  • il 65% degli italiani vuole maggiore autonomia
  • il 62% ora apprezza i vantaggi e le sfide dello smart working
  • il 33% dei responsabili aziendali hanno mostrato maggior fiducia nei dipendenti durante il lavoro a distanza
  • il 61% degli italiani ha fatto più attività fisica durante il periodo di smart working grazie al maggior tempo libero
  • il 48% intende non viaggiare per utilizzare il tempo per essere più produttivo
  • il 41% degli intervistati teme che dopo l'emergenza sanitaria i datori di lavoro non opteranno per una soluzione di lavoro casa-ufficio
  • l'83% pensa che le aziende debbano fornire ai dipendenti che lavorano da casa le stesse tecnologie a disposizione in ufficio
  • il 66% degli italiani è convinto che durante il lockdown la collaborazione tra colleghi è stata efficiente nonostante la distanza

Come fare, dunque, per soddisfare le richieste dei lavoratori che promettono maggior produttività a patto di ricevere più autonomia? La questione è culturale, certo, e per rivoluzionare un modus operandi serve tempo. É anche vero però che la pandemia ha accelerato i tempi, e la palla va colta al balzo. Ecco dunque come i dipendenti intervistati pensano che debbano essere allocate le risorse delle aziende il prossimo anno:

  • investire in tecnologie che favoriscano la produttività (42%)
  • rendere gli uffici più sicuri dal punto di vista sanitario grazie all'impiego delle tecnologie (31%)
  • fare formazione per aumentare le competenze digitali (30%)
  • aumentare la sicurezza informatica (29%)

Cosa succederà dunque il prossimo anno, e comunque ad emergenza terminata? Le aziende italiane si sono già dimostrate favorevoli al cambiamento - chi più, chi meno - e anche i big del tech sembra stiano abbracciando questa filosofia: Facebook, Twitter e Amazon si sono già mosse in tal senso, così come Microsoft nonostante i dubbi iniziali.

Se poi il nostro ufficio (a distanza) dovesse essere alle Barbados, beh, potremmo anche chiudere un occhio su come potremmo ridurci stando fermi a casa chini sul computer...

NOTA: lo studio Cisco Workforce of the Future è stato condotto su un campione di 10.095 intervistati in UK, Grecia, Germania, Spagna, Italia, Polonia, Russia, UAE, Svizzera, Olanda, Belgio, Lussemburgo.


629

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Loris Piasit Sambinelli

Da sviluppatore di automazioni RPA in questo periodo mi vien solo da "sfregarmi le mani".
Mai avuto cosi tanto lavoro.
Questo momento storico farà si che ora stiamo a discutere se essere favorevoli o no allo smart working , tempo 10 anni staremo a discutere che il posto del classico impiegato medio non esiste più.

GianTT

No dopo il covid li hanno semmai abbassati, io mi riferisco ai prezzi folli che c'erano prima. A livello nazionale i buoni pasto sono fissati per un valore massimo (senza tasse) di 7€ al giorno, ed è assurdo che bar e ristoranti che campano con gli uffici a pranzo non abbiano in nessun caso un menu scontato che si avvicini a questa cifra. Poi va be, hanno fatto i loro interessi trovandosi in una zona dove potevano approfittarne e senza far nulla di vietato ovviamente, ora però non mi interessa se piangono miseria, per 4 anni sono stato io ad andarci sotto per prendermi un piatto di pasta con acqua e caffè a 12-15€. E sicuramente non ho intenzione di tornare indietro solo perché loro stanno perdendoci soldi con lo smart working

Davide Nobili

Certamente, ma se loro hanno alzati i prezzi dopo il covid (credo ti riferisci a questo) immagino che sia perchè, dato l'aumento dei costi e il forte decremento di clienti, o facevano così o tanto valeva restare chiusi.
Infatti alcuni hanno chiuso

GianTT

Loro avranno prezzi alti, ma non è un problema mio se invece di ridurre i margini aumentano i prezzi. Mi spiace per loro, ma io guardo al mio interesse come loro guardano il loro

Diabolik82

Quindi no allo SW perché falliscono delle attività? Non capisco, io sto dicendo un'altra cosa: le aziende dovrebbero dare la scelta al dipendente di poter scegliere quando e se andare in ufficio, questo è il futuro. Ed infatti molte aziende High tech già lo stanno proponendo ai dipendenti. In Italia timidamente nelle TLC diverse aziende stanno proponendo la stessa cosa. Ovviamente per i dipendenti che possono permetterselo. Questo vuol dire che si svilupperanno attività non nel centro delle città magari, ma più in periferia o nei piccoli paesi? Ben venga, Milano Roma etc sono già troppo piene di attività, se ne chiude una parte non è la fine del mondo. Inoltre un imprenditore chiude un bar mensa per dipendenti di aziende vicine, magari aprirà un'altra attività che lavora ad es. con i turisti. Si evolve il lavoro, si evolve l'imprenditoria. Non si può fermare il progresso (perché lo SW è il progresso, arriverà come cosa normale che tu lo voglia o no), perché nel frattempo qualcuno ne ha svantaggi. Tutte le scelte hanno pro e contro. È un po' come dire che quando si sono diffuse le auto, i guidatori di carrozze hanno perso il posto, che quando si sono diffusi i telefoni o i centralinisti si sono estinti quando i telefoni si sono evoluti, etc etc. Ripeto, si chiama progresso. Tra non molto i cassieri nei supermercati saranno superflui, verranno automatizzate le casse, quindi che facciamo ci indignamo per i cassieri? Certo, ci saranno delle vittime, ma piano piano il cambio ci sarà. E creerà un diverso impiego, come che ne so riparatori dei sistemi automatizzati nei supermercati. Tutto sta ad evolversi. I camionisti perderanno il posto a favore dei camion a guida autonoma, i droni sostituiranno i corrieri etc... Il lavoro però non diminuirà, semplicemente si evolverà.

Tizio Caio

Ma nessuno lo applica in italia, non siamo ancora abituati a ragionare in questo modo

Kamgusta

Non è mica colpa mia se non lo attuano e preferiscono buttarlo in cuIo ai lavoratori come al solito

Ngamer

"I servizi della PA sono pessimi nella maggior parte dei casi, però i problemi vengono spesso più dall'alto che dal basso. Non c'è una visione strategica e non si pianifica, manca un progetto serio di riforme, non esiste l'idea di digitalizzazione ecc."

daccordissimo anche perchè spesso "sopra" non cè gente competente ma solo l amico dell amico di qualche politico messo li non per fare l interesse della collettività ma l interesse del partito pero non puo essere una scusa per fregarsene ognuno dovrebbe fare la propria parte meglio che puo .

Perché è una facoltà, ma non un obbligo del datore.

Tizio Caio

Peccato che poi tu abbia impedimenti di orari, non lavori ad obiettivi e quindi fai le stesse cose di prima ma a casa. Chiamasi telelavoro, punto.

Marco Gurrieri

Questo commento è di una ignoranza disarmante proprio

sagitt

Ho visto gente lavorare piu a casa che a lavoro

alex

Senza parole, seriamente.

Alex

io son in smart working da quando son nato, dall'età di 5 anni. Si chiama non far un caxxo.

Gios
Aster

si

qandrav

poi leggo ste cose e non ho più parole:

https://www.milanotoday.it/zone/centro/mascherina-labiale-arco-pace.html

Kamgusta

"sicuramente" non proprio... non sono obbligate e quindi...

alex

Infatti ho detto che ha ragione, non che abbia poi agito di conseguenza. Sono d'accordo sul fatto che non abbia agito nel modo corretto, come dicevo sotto all'altro utente andavano assolutamente regolati i mezzi, ad esempio aprendo e chiudendo i tornelli come facevano prima a giugno. Purtroppo non sempre partire dalle idee corrette si traduce nell'agire nel modo giusto

Vive

Ecco dov'eri finito Maxim Castelli.

DiRavello

ho preferito altro

qandrav

sala avrà ragione quando inizierà a farsi due ore da pendolare al giorno, prima deve stare solo zitto.

"È tutto collegato, non si può da un giorno all'altro uccidere completamente il mercato"
Su questo hai perfettamente ragione, nella via del mio ufficio NON hanno riaperto due bar e una rosticceria (ero cliente di 2 di queste 3 attività)
Non ho smesso di bere/mangiare, ma ora i soldi li do al supermercato (anzi ne do più di prima)

Ripeto, hai ragione e condivido (new york infatti sta un po' "morendo") ma sala ha fatto qualcosa?
Ha aumentato a dismisura i mezzi pubblici? no anzi anche stamane ho visto parecchi carri bestiame pienissimi (e alcuni hanno il coraggio di dire che i mezzi sono pieni all'80%)

Ha cercato di migliorare la viabilità? poco o niente, ci sono criticità macroscopiche a milano che sanno tutti, ma i politici non se ne rendono conto perché vivono in un mondo apparentemente diverso

Renditi conto che tu in poche righe sei stato molto più chiaro e preciso e diretto dello stesso sala, invece quello là parlava di "uscire dalla caverna" e cose simili.
Tu sei stato concreto e diretto (e onesto), sala no.

Aster

Se le donne lasciano il lavoro vuol dire che non andava cosi bene l'orticello italiano.

Aster

perche fino a pochi mesi fa i nidi e le scuole erano aperti,la babysitter poteva venire a casa senza paura.Il mondo andava avanti in sw e non,in italia di meno ma anche qui per fortuna qualcuno ha capito che spendere soldi in affito per palazzi e uffici e da medioevo.

alex

Rinuncio. Quando imparerai a scrivere in italiano ci risentiremo, non ho voglia di scomodare la stele di Rosetta ogni volta per capire cosa scrivi. In ogni caso fino a pochi mesi fa il mondo andava avanti tranquillamente con quasi nessuno in sw, chissà come si faceva, magia probabilmente

Aster

e quindi?prima che faceva questa gente?

alex

Ovvero un mese fa genio

Aster

Vorrei capire quando lo manda in cina o vietnam a seguire ha fiducia o no?cosa cambia tra la pianura padana e cina

Daniele

Alexa è bravissima ;)

Aster

non e vero asili e scuole hanno riaperto il 15 e alcuni 24

Aster

alcuni lo prendono

"33% dei responsabili aziendali hanno mostrato maggior fiducia nei dipendenti durante il lavoro a distanza"

Questo è indicativo: solo il 33% ha "fiducia"

È una sentenza di Padova (se non vado errato, non ricordo il foro) recentissima, che afferma l'incompatibilità del buono pasto con lo smart-working (afferma che non è "dovuto" dal datore anche a fronte del CCNL).

alex

Ah e le scuole sono aperte da UN MESE, come sempre, sono decenni che la scuola inizia ai primi di settembre, altro che due settimane

Aster

Quindi 37 mila donne e mamme che lasciano il lavoro per seguire i figli ogni anno in Italia dove vivono?!

Aster

Eh lo ripetuto che in alcuni casi con il telelavoro hanno interrotto i buoni pasto.Sicuramente ci sara una negoziazione o adeguamento del contratto e altre cose come già molte aziende stanno facendo

Aster

No sono due cose diverse.

Aster

Ma quando mai?!Quali scuole se sono aperte da 2 settimane e in campagna hanno già chiuso?!Quindi la zona citata da te e la più produttiva d'Italia con i bar e parrucchieri?! E la mia cos'è? Sei sicuro che non stai parlando tu del tuo orticello? La zona citata da te al massimo dovra reinventarsi ma l'articolo parla di altre cose. Rileggi elabora poi torna a commentare

Sepp0

Per me va bene 100% ufficio a patto che per legge tutti abbiano un lavoro ben pagato a massimo 15 minuti di macchina o mezzi pubblici da casa.

Io mi alzo alle 6.30 per arrivare in ufficio minimo due ore dopo e la sera non riesco mai ad arrivare a casa prima delle 19.30.

Mi piace l’ufficio e mi piacciono i colleghi con cui lavoro ma i 3 mesi di lockdown sono stati i miei 3 mesi di lavoro migliori in vent’anni. Non dover perdere ore di tempo per spostarmi non ha prezzo, solo chi non fa il pendolare o ha una situazione imbarazzante in casa a livello di rapporti interpersonali può preferire l’ufficio.

Kamgusta

Come minimo sta solo aspettando il crollo dell'immobiliare per risparmiare sul trasferimento, più lo sblocco delle assunzioni per tagliare rami secchi e razionalizzare gli uffici............

Kamgusta

I professionisti plurilaureati ci sono sono in Italia? Negli altri paesi non si formano e non lavorano, passano le giornate a giocare a ping pong?

Kamgusta

Guarda che gli indiani non sono i Pakistani che vendono rose, hanno un esercito di ingegneri e programmatori di prima classe.

Kamgusta

Sai che a questo non ci avevo pensato, ma hai ragione da vendere.
E' esattamente l'anticamera della dominazione umana, a quei punti non dovrai più concorrere solo con i connazionali, ma con miliardi di altre persone, molte delle quali disposte a lavorare per 5 dollari al giorno.

Kamgusta

Se mi danno 8 euro di buono pasto giornalieri, più 100 euro aggiuntivi (netti) mensili a coprire le maggiori spese di casa, volentieri.

Kamgusta

Esatto bello stare da mamma eh diravello

Kamgusta

Il telelavoro è lo svolgimento dell'attività lavorativa da casa, regolata da precisi termini temporali come se tu fossi in ufficio.
Lo smart working è il lavoro agile (così infatti si chiama, se poi i giornalisti sono stupidi...) ed è lo svolgimento dell'attività lavorativa da remoto, senza impedimenti di orari, ma con la necessità di raggiungere determinati obiettivi, concordati con il datore di lavoro.
Lockdown significa letteralmente "mettere sotto chiave" e si riferisce a quando cause esterne costringono la prigione a mettere tutti i prigionieri in cella e chiudere questa a chiave, così che non abbiano contatti con gli altri e con l'esterno.
Se vogliamo tradurlo in italiano "confinamento" non va bene, perché non rappresenta la situazione, è più corretto proprio "isolamento". E' qualcosa di ancora peggio della prigionia.
Simpatico come poi il termine sia stato "storpiato" per dargli un connotato meno negativo.

Saponificatrice(1 ban)

Che zizze!

Saponificatrice(1 ban)

Si dice TELELAVORO e non smart working. Si dice CONFINAMENTO e non lockdown. Inglesizzati del c4zz0

Davide Nobili

Hai trovato un'azienda serie e sei stato bravo a farti valere.
Molti sarebbero rimasti senza battere ciglio.
Poi generalmente in questi casi comunque sono retribuiti, ma preferisco vivere la mia vita che lavorare fino alle 20-22 per volere di qualcun altro e guadagnare di più.

jacksp

Se lavori in un gruppo come faccio io c'è la call alla mattina col gruppo di lavoro dove ci si allinea sulle attività e poi durante il giorno ci si può sentire per ogni evenienza. Capisco se sei da solo a casa e ti rompi, ma per quanto riguarda l'organizzazione del team non vedo problemi.

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim