Moneta digitale: l'Europa accelera, l'Italia si pronuncia sui Bitcoin

02 Ottobre 2020 167

Da un lato la BCE pubblica il rapporto sul Digital Euro, dall'altro in Italia la Corte di Cassazione ha emesso un'importante sentenza sui Bitcoin. Le due vicende dimostrano come ci siano ancora orientamenti contrastanti sulla natura e gli impieghi delle criptovalute in generale e dei Bitcoin in particolare. L'Europa insiste sulla volontà di farle proprie e trasformarle in uno strumento di pagamento alternativa al contante, altri sottolineano che si tratta di prodotti finanziari.

EUROPA: SPINGE SUL DIGITAL EURO

La Banca Centrale europea ha pubblicato oggi un rapporto sul "Digital Euro": il marchio (già registrato presso l'EUIPO il 22 settembre scorso) che identifica quella che potrebbe diventare la prima moneta digitale dell'Unione europea. Condizionale d'obbligo visto che, anche se l'Europa dimostra di voler accelerare su questo fronte, i passaggi da compiere sono ancora numerosi.

L'obiettivo dichiarato è quello di offrire ai cittadini europei l'accesso ad una forma di pagamento sicura da usare in un mondo digitale in rapida evoluzione. Una moneta digitale per i pagamenti al dettaglio che si affiancherebbe al contante, senza sostituirlo. Prima però bisognerà valutare le implicazioni sul piano della privacy, dei rischi per i diritti dei cittadini, delle garanzie per le attività bancarie e gli effetti sulla stabilità finanziaria.

In concreto, il rapporto indica le principali date che scandiscono l'andamento dei lavori: il 12 ottobre prossimo si terrà una consultazione pubblica sul tema, poi verrà avviata una fase di sperimentazione ed entro la metà del 2021 si arriverà alla decisione se avviare effettivamente il progetto dell'euro digitale.

Molti dettagli sono ancora da definire, ma su un punto la BCE è subito chiara, ed è un argomento che, probabilmente, farà storcere il naso a chi delle criptovalute aveva apprezzato proprio l'essere indipendenti da un'autorità centrale.

Il Digital Euro, a differenza di criptovalute come i Bitcoin, prevede un controllo dell'infrastruttura del backend da parte di un'autorità centrale

Quando la BCE parla dell'infrastruttura del back-end della criptovaluta, ipotizza che ci possano essere approcci più o meno decentralizzati, ma aggiunge che, indipendentemente dall'approccio, l'infrastruttura dovrebbe essere controllata in ultima istanza dalla banca centrale. E' una presa di posizione che certamente non sorprende visto che l'Europa (e non solo) ha dimostrato un atteggiamento di ostilità nei confronti delle criptovalute che possono minacciare la sua sovranità monetaria - uno degli esempi più evidenti è stato l'atteggiamento assunto nei confronti di Libra, la criptomoneta promossa da Facebook. Avere il pieno controllo è quindi fondamentale.

CASSAZIONE: BITCOIN SONO STRUMENTI FINANZIARI

Intanto, in Italia la Corte di Cassazione ha stabilito (con sentenza 26807/2020) che una delle critpovalute più conosciute, i Bitcoin, non sono strumenti di pagamento ma veri e propri prodotti finanziari soggetti al Testo Unico sulla finanza. Ne deriva che se un privato vende bitcoin su un sito internet commette il reato di intermediazione finanziaria abusiva. Si tratta di una presa di posizione netta che contrastata con gli stessi orientamenti diffusi a livello comunitario - la Corte di Giustizia dell'Unione Europea, ad esempio, li aveva considerati strumenti di pagamento.

Il caso specifico riguarda un soggetto che ha promosso l'acquisto di Bitcoin tramite il suo sito web, servendosi di una piattaforma internazionale per l'incontro tra domanda e offerta. La difesa dell'imputato ha sostenuto che il reato di intermediazione finanziaria abusiva non sussisteva perché i Bitcoin sono mezzi di pagamento, ma la Cassazione è di contrario avviso:

la vendita di bitcoin viene reclamizzata come una vera e propria proposta di investimento tanto che sul sito dove veniva pubblicizzata si davano informazioni idonee a mettere i risparmiatori in grado di valutare se aderire o meno all’iniziativa, affermando che chi ha scommesso in bitcoin ha guadagnato più del 97% in due anni.

I Bitcoin sono quindi equiparabili a prodotti come le azioni, le quote dei fondi comuni di investimento e non alle carte di credito, debito e agli atri mezzi di pagamento (elettronici e non). Semplificando, possono servire a guadagnare (ma anche a perdere) denaro, e non semplicemente a trasferirlo.

La sentenza della Cassazione è importante per due ragioni: oltre a definire in maniera netta la natura dei Bitcoin potrebbe essere utile per dare un nuovo impulso alla normativa sulla compravendita di criptovalute che presenta ancora zone d'ombra - prima tra tutte il fatto che l'attuale regolamentazione non prevede un'apposita autorizzazione ma solo l'obbligo di comunicare l'avvio dell'attività al Ministero dell'Economia.

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Phoneshock a 613 euro oppure da eBay a 672 euro.

167

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Osmio76

Aggiornamento x2:
Bitcoin +360% dopo 5 mesi

(Prezzo al 2 Ottobre 2020: 10.600$)

Davide

Rischi prossimi allo 0 mentre la speculazione ha più volte ammazzato Bitcoin nel giro di poche giornate.
Prima o poi dovrai monetizzare e ad oggi non sai se ritirerai 100x o 0.01x

Osmio76

Tenendo tutto in € perderei sicuramente il 2% l'anno causa inflazione. Con il rischio iperinflazione dietro l'angolo.
E soprattutto rischierei prelievo forzoso, patrimoniali e patrimonialine.

Davide

Ti espone alla speculazione, che è molto peggio.

Osmio76

Bitcoin mi mette al sicuro da politiche monetarie scellerate e tassi d'interesse negativi.
E è migliore dell'oro nel fare questo lavoro.

Davide
Davide

Eh grazie, fare holding un anno fa era follia. È come dire che se avessi comprato azioni AMD al minimo storico avrei fatto un 40x

Osmio76

Condivido al 100% quello che dici.
Se vuoi seguimi su Twitter...mi trovi con l'handle @StevenTheHodler

Osmio76

Chi ha fatto hodling oggi è in guadagno nel 99% dei casi.
Chi ha fatto "trading" o ha comprato shitcoin probabilmente è in perdita.

Osmio76

La verità è che rosicano perché pensano di aver perso il "treno".
Non capiscono che siamo ancora all'inizio ed ancora è relativamente facile arrivare ad avere 0.1 btc.
Io personalmente tengo una liquidità minima sui conti perché ho una paura f0tt*ta dell'inflazione che arriverà a breve.
Turchia, Argentina, Russia la stanno vivendo già adesso. Noi saremo i prossimi, anche se adesso ci sentiamo intoccabili tra qualche anno ci ricrederemo.

Osmio76

Una bolla quando scoppia fa arrivare il sottostante a zero. Bitcoin sarebbe una bolla anomala... perché è già scoppiata nel 2017 secondo la tua ipotesi.
Come ti spieghi il fatto che negli scorsi giorni eravamo di nuovo a 19.000 dollari?
Per il discorso pagamento credo che stai stai considerando una narrativa di bitcoin che non esiste più dal 2013.
Bitcoin non vuole essere una valuta o moneta. Bitcoin vuole essere come l'oro (ma in forma digitale).
Chi puoi pagare con un lingotto d'oro?

Tip: Smettila di ros1care perché credi di aver perso questo treno ed inizia a studiare Bitcoin e le politiche monetarie.

Davide
Osmio76

Aggiornamento x1:
Bitcoin +70% dopo 2 mesi...

Osmio76

Ps. C0gl10ne

Osmio76

Update dopo 2 mesi:
Bitcoin +70%. Siamo a quota 15.600€

Davide
Tota's

Ma nessuno ti obbliga ad usare bitcoin, cosa che invece sono costretto a fare con la valuta fiat. E' questo che sta alla radice di tutto, la libertà di scelta in un mercato che si autoregola tra domanda e offerta.
Tu sbagli nel momento in cui paragoni Bitcoin alle banche, dato che sono due cose diametralmente opposte.

Non c'è la banca che ti vuole fregare ahahahhahahah spettacolo.

PS: il 15% di 10.000 è 1.500, non 150. Credo che questo calcolo la dica lunga sulla tua capacità di masticare coi numeri.

Ah, io sono un holder e dal 2018 (Bitcoin che calava a picco) ho fatto roba di +360/370%, senza trading ne nulla, solo tenendolo li buono buono e accumulando qualcosina ad ogni crollo.

Saluti

Davide

1) chi ha grosse quantità di Bitcoin influenza e come e non é vero che per ogni venditore c'è un acquirente. Infatti se l'offerta supera la domanda il prezzo crolla e dopo poco si può ricomprare a prezzo di saldo. Mi dici che 150$ non sono nulla ma rappresentano il 15% dei 10k che mi dici valere. In borsa ti sospenderebbero il titolo per eccesso di ribasso.
Economia 101, le basi.

2) appunto perché ci ho giocato ti dico che non vale la pena investirci soldi. Se punti a tenerli lì perderai sicuramente, se punti agli scambi stai giocando col fuoco.

3) le transazioni sono tracciare, le persone nel mezzo e le loro identità no.

4) Bitcoin nasce come valuta distribuita e si basa sul fatto che gli interlocutori siano insicuri a prescindere. Infatti la validazione avviene da tramite una rete che "decide" chi ha ragione. É ciò che in un sistema distribuito si chiama consenso.
Un sistema bancario ha una serie di regolamentazioni e garanti a cui dover sottostare e questo ti tiene al sicuro da speculazioni e oscillazioni pericolose che sono arbitrariamente scatenabili da chi ha molti Bitcoin. Nel sistema economico mondiale non serve distribuire il consenso. Non c'è la banca che ti vuole fregare.

Tota's

1. Chi ha grosse quantità può influenzare il mercato fino ad un certo punto, ricorda sempre che per ogni persona che vende, c'è una che compra. E' cosi che funziona un mercato, incontro tra domanda e offerta (si vede che nel tuo ragionamento mancano un pelo di fondamentali).
Tu credi davvero che una whale possa influenzare il mercato? Affermazione inconsistente, dato che tutt'oggi avvengono transazioni da 1.3+ miliardi ed il prezzo subisce variazioni irrisorie (oscillazioni di 70/150 dollari al massimo).

2. Esattamente, tu con le criptovalute ci hai giocato, infatti le tue argomentazioni sono palesemente influenzate da queste tue modalità d'utilizzo.

3. Mmm non saprei davvero come possano essere anonime, dato che le transazioni del network Bitcoin sono pubbliche e immutabili.
Tutt'oggi puoi reperire l'intera storia transazionale di bitcoin, dalla prima transazione avvenuta nel 2009 ad oggi.

4. Bitcoin nasce come metodo di scambio di valore immutabile, incensurabile, sicuro, dove la fiducia è dettata dalla certezza matematica. E se tu credi che fiducia a terzi e garanzie offrano benefici, ci vediamo alla prossima recessione economica :)

Saluti.

Davide

La differenza tra Bitcoin e l'oro sta nel fatto che l'oro è regolamentato e generalmente sale di prezzo nei periodi di incertezza. Bitcoin invece è fluttuante, soggetto alle indiscrezioni ed altamente manipolabile da chi ne ha una grossa quantità. Un paio d'anni fa giocavo anch'io con le criptovalute e analizzando i grafici del prezzo notavi che non appena veniva raggiunto un picco di massimo partiva la vendita in massa con volumi altissimi che facevano crollare il valore, segno che chi detiene una grossa mole di Bitcoin può influenzare il mercato. Proprio perché come dici tu ce ne sono solo 21 mln, chi più ne ha più può decidere.
Come bene rifugio è talmente inaffidabile proprio a causa delle fluttuazioni elevate, tant'è che non era raro vedere crollo giornalieri del 10% e passa.
Concludo dicendo che quando avevo i Ripple potevo cambiarli tranquillamente sull'exchange ed avere il bonifico. Essendo poi le transazioni anonime ci vuole poco a fare passare tutto per dei prestanome che ritirano per conto di altri o fanno da intermediari nelle transazioni.
Bitcoin nasceva come moneta ed è riuscito a dimostrare che le criptovalute non funzionano nel mondo vero in cui la fiducia e le garanzie offrono benefici ben più grandi

Tota's

Continuo a non comprendere dove vuoi andare a parare.
1. Chi lo usa Bitcoin? A questa provocazione potrei risponderti con "chi usa l'oro? Nessuno"
Perché Bitcoin é l'equivalente digitale dell'oro, una risorsa rara, con un alto valore intrinseco, della quale mai vorrei privarmi per acquistare un bene di consumo.
2. Lo spendono giusto i criminali? Ma l'hai mai usato bitcoin? Hai presente, anche solo di rado, quale trafila di controlli bisogna passare per convertire Bitcoin in valuta fiat? Perché se uno lo usa per attività criminali, vorrà pur spenderli i soldi provento di tale attività.

Poi non é difficile da capire, i Bitcoin sono solo 21 milioni, noi siamo 7 miliardi, non vedo come possa essere sfruttabile nella vita quotidiana da tutti, dato che tutti potrebbero arrivare a non poterne possedere manco una milionesima parte di Bitcoin.

E per ultimo, la cosa che mi piace di più.
Mentre voi fate quelli con la puzza sotto il naso e gettate melma su uno dei più grandi sforzi rivoluzionari di un network libero e incensurabile, c'è gente che ha salvato i risparmi di una vita da sistemi economici marci e corrotti (Argentina, Venezuela, Colombia).

Solo perché il coltello é diventato utensile comune da usare a tavola tutti i giorni, non vuol dire che non sia un'ottima arma del delitto, dipende sempre dall'uso che se ne vuole fare.
Bitcoin é la stessa cosa, lui é li, poi la gente decide cosa farne.

Davide

Chi lo usa bitcoin? Nessuno. Lo spendono giusto i criminali mentre le persone normali lo usano come asset per speculare. Ergo, non è una moneta e ha fallito in quello che doveva essere l'obiettivo ideale di chi l'ha inventato.
Era facilmente prevedibile che un bene non controllato da nessuno fosse in realtà controllato dagli speculatori (e lo noti benissimo nei volumi d'acquisto fatti coi bot) e quindi non utilizzabile

Tota's

Mah, io vedo ancora Bitcoin con una capitalizzazione di 200 miliardi e un hashrate che non ha mai visto valori così alti.
Infatti è cosi morto che in piena pandemia ha fatto 5000 > 11.000 dollari.

www.vr-italia.org

Dipende, per essere una criptovaluta dovrebbe avere quelle caratteristiche, altrimenti è solo una moneta digitale emessa e garantita da una banca centrale. Tieni presente che i miner non estraggono bitcoin o altre cripto, ma ricevono un compenso in bitcoin per il lavoro di validazione della transazione, per cui non sarebbe così assurdo lo stesso meccanismo, chi lavora viene pagato per il lavoro svolto. Di fatto però non abbiamo nessuna idea su cosa verrà fatto e se verrà fatto, io non ho detto che sarà così, ma che se avesse quelle caratteristiche, allora sarebbe così.

Quindi tu pensi che l'eu ti permetta di minare euro?
Non pensi proprio che non sia come le altre criptovalute?

d_eagle - clorochina al clero

A parte qualche eccezione, tutti i paesi del mondo risentono chi più chi meno dell'influenza delle superpotenze, a meno che non abbiano la forza sufficiente per fare da soli. L'Europa è di gran lunga la prima potenza economica mondiale e può tenere testa alle mire di USA e Cina, l'Italia da sola farebbe ridere i polli.
E ovviamente si ha più margine di manovra dentro la UE che da soli.
"L'italia non sta influendo per nulla ad oggi da 20 anni a questa parte."
Semplicemente falso, per quanto ovviamente Germania e Francia hanno avuto più peso dato che hanno una classe politica meno ridicola di quella italiana.

Rex

a me pare che i cinesi stiano comprando tutte le aziende che contano in Europa (anche dai grandi tedeschi). L'italia non sta influendo per nulla ad oggi da 20 anni a questa parte. Comunque hai appena ammesso che siamo comandati dall'Europa, confermando che saremmo controllati dagli USA o dalla Cina se usciamo, quindi.... Qui nasce un'altra domanda, allora tutti i paesi al di fuori dell'Europa sono sotto gli Usa o la CIna giusto? Chi ha più margine di decisone tra un paese UE o un extra ue sul proprio territorio secondo te? Sottolineo che non segue nessuno dei due politici da te elencati visto che anche quelli sono inaffidabili come tutti gli altri presenti in questo momento...

d_eagle - clorochina al clero

lol, la Polonia sta relativamente bene adesso proprio perché riceve fiumi di denaro dall'Europa.
"Fare le leggi come si vuole" questa è la ca.z.z4ta del secolo, l'Italia da sola senza lo scudo dell'Europa sarebbe in balia del volere degli USA e delle altre superpotenze mondiali, altro che fare come vuole. Ma dove vivi, su Plutone? Meglio adeguarsi alle direttive dell'Europa su cui comunque l'Italia può influire che finire alla mercé dei cinesi, dei russi o del presidente USA di turno.
Magari se inizi ad analizzare la realtà e la smetti di abbeverarti solo sulla pagina Facebook del KapitAno o di Giorgina la Burina ti sarà tutto più chiaro.
La robotizzazione del lavoro è inevitabile e bisognerà certamente cambiare il paradigma economico, ma non capisco cosa c'entra l'euro col fatto che vengano inventate macchine sempre più avanzate che sostituiscono il lavoro manuale

Rex

Non è il mio modello, è quello che vogliono fare e stanno percorrendo quella strada (aldilà che stranamente la disoccupazione è bassa e il link l'ho già postato prima). La Polonia è membro dell'ue ma l'ho tirata fuori per il discorso che non ha l'euro ed ha la sua banca centrale. Prendere le decisioni intendo fare leggi come vuole, giuste o sbagliate che siano (mentre adesso bisogna seguire tutto quello che dicono gli altri). Ultima cosa, quelli che di solito commentano così appartengono alla classe dei radical chic mi sa, distanti dalla realtà odierna... Se uno non si è ancora accorto che ci stiamo avvicinando e a quei paesi da te citati nonostante abbiamo l'euro (figli anche della corruzione non lo metto in dubbio, ma consideriamo anche la sovranità monetaria e le leggi ue). Non siamo solo noi in questo discorso ovviemnte, ma anche la Francia e i paesi PIGS in Europa...

d_eagle - clorochina al clero

"Semplice se esci almeno lo Stato può prendere delle decisioni, in EU no. O sbaglio?"
Sbagli.
Sulla Polonia non c'è nulla da tergiversare, se il tuo modello ideale è la Polonia è pure inutile parlarne... Senza contare che la Polonia è un membro dell'UE. Se vogliamo fare un confronto corretto con quello che proponi tu, bisogna guardare ad Albania o Serbia. No, grazie.

Rex

allora il discorso è uno: se stiamo in europa lavoreremo 12 ore al giorno senza pensione e diritti, se usciamo lavoreremo 12 ore al giorno senza diritti e pensione. Cosa cambia? Semplice se esci almeno lo Stato può prendere delle decisioni, in EU no.

frank700

A Roma, la maggior parte della popolazione era povera. Solo pochi erano ricchi, e una manciata ricchissimi. E le regole sulla moneta valevano anche allora.
Oltre al saccheggio post conquista, i romani imponevano le tasse sui territori conquistati. A Roma c'era tanta ricchezza perchè facevano lavorare gli altri, tanti altri. E ripeto ancora una volta che solo una piccolissima minoranza della popolazione era agiata.

piero

l'ultima parte della frase sarebbe potuta essere: a sto punto tanto vale che entri la bce, almeno il controllo passa ad una corporation che già conosciamo.

Mirko

Quindi non erano ricchi perchè con la sovranità monetaria stampavano tanti sesterzi?

Rick Deckard®

Siiii pieni di debiti, fallimenti e leggi da terzo mondo!

Rick Deckard®

Poveri piccoli italiani, potevano tenersi la lira che faceva acqua da tutte le parti e fallire invece sono passati all'euro e l'Europa li mantiene nei momenti difficili

d_eagle - clorochina al clero

Fare l’esempio del debito pubblico del Giappone per sembrare intelligenti

https://www.facebook.com/debitosovranosempre/
frank700

Perchè i romani rubavano l'oro ai popoli che conquistavano e schiavizzavano.

Francesco Renato

Ma chi ha parlato di truffa, sciocchino arrogante e presuntuoso, è il meccanismo proprio del libero mercato che porta gli operatori ad acquistare quando tutti acquistano e a vendere quando tutti vendono con conseguenti picchi ingiustificati delle quotazioni rispettivamente in alto e in basso, è per questo che esistono le banche centrali, per evitare che un fenomeno del genere colpisca anche le quotazioni delle monete.

Davide
d_eagle - clorochina al clero

Ahahah la Polonia, uno stato con le pezze al cu.l0. il paragone con Giappone invece non merita manco un commento, degno dei fan legaioli

Rex

infatti tutti gli stati al di fuori dell'euro (vedi Polonia) o fuori dlalla UE (Giappone?) usano i sacchi di banconote

L0RE15

Esprimo la mia opinione perchè sono in diritto di farlo, tanto più che ha un fondamento di veritá. Ad oggi tutti i metodi che implicano il non uso della Rete non possono minimamente sopperire alla mancanza di Internet. Lo so anche io che ci sono svarijati progetti, dai satelliti, alle frequenze radio, dvb-t ed altri. Ma hanno tutti enormi limitazioni o problemi e non è pensabile, oggi (tra 10 anni chissà), d un momento all'altro permettano ai BitCoin di esistere così come esistono oggi.
Se lei ha un metodo alternativo perfettamente funzionante, ce lo spieghi. Grazie.

LoneWolf®

I tuoi ragionamenti sono giusti in ottica di criptovalute come Bitcoin, Ethereum, etc. dove l'offerta di moneta è decentralizzata su più miners ed è limitata.

Una moneta digitale emessa dalle banche centrali è centralizzata ed illimitata, la tecnologia di blockchain viene impiegata ma su un numero prestabilito di intermediari che validano le transazioni (almeno questo è quello che stanno facendo in Cina con DCEP). Per questo non si può parlare di vere e proprie criptovalute e non sono viste di buon occhio dalla community, ma è anche un modo per eliminare la speculazione.

Il problema di dover trasferire fondi da un wallet ad un altro non sussiste, poichè avrai un unico wallet custodito presso la banca centrale. Ed è qui che sarà conservata tutta la riserva di moneta digitale.

L0RE15

Voglio vedere senza la Rete come usate i BitCoin...era quello il succo...

Ti prego, non nominare XRP... mi duole il cuore solo a leggerlo ahah

Osmio76

Per trappola intendo esattamente questo.
Purtroppo ci sono tantissimi bag holder di altcoins...vedi XRP e LTC

www.vr-italia.org

Sì, se è una criptovaluta. Non conta chi la emette e chi definisce le regole, se è basata su blockchain questa deve essere decentralizzata e permissionless, altrimenti si perdono tutti i vantaggi, primo fra tutti la garanzia di immutabilità delle transazioni. Se questa immutabilità me la deve garantire una banca o un consorzio di banche e istituzioni allora non ci sarebbe nessuna differenza rispetto al denaro digitale che usiamo comunemente.

Se avessi studiato, ti renderesti conto che il tuo commento non ha un briciolo di senso.

Oddio, trappola è un parolone. Grazie alle altcoin ho fatto un 500% del mio capitale per poi riversarlo sul btc :D . Se btc viene visto come speculativo, le alts lo sono molto di più, ovviamente solo per quello, appena sei in guadagno , prendi e saluti, al contrario di quello che fanno in molti che credono di diventare miliardari negli anni come successe per chi prese BTC ai minimi :D

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia