L'Italia ha fame di WiFi: 300 voucher in arrivo con WiFi4EU

10 Luglio 2020 28

Il WiFi pubblico in Europa è sempre più realtà con la pubblicazione dei vincitori del quarto (e ultimo) bando di WiFi4EU, programma istituito dall'Unione Europea nel 2017. La lista dei 947 Comuni è stata condivisa dalla Innovation and Networks Executive Agency (INEA), che ha selezionato i vincitori tra le 8.600 domande ricevute provenienti da tutti i Paesi dell'Unione.

Il prossimo passo tocca ai Comuni, che una volta ricevuta la comunicazione dovranno sottoscrivere un grant agreement per ottenere il finanziamento di 15.000 euro sotto forma di voucher. Il successo di questa ultima call è stato senza precedenti, tant'è che è stato deciso di non porre limiti di voucher per Paese partecipante.


Ci sono state addirittura 3.000 domande solo nei primi 5 secondi in cui è stato aperto il bando, con Italia, Spagna e Romania risultati essere i Paesi più attivi - altri come Bulgaria, Croazia, Grecia e Portogallo avevano già ricevuto numerosi voucher nelle call precedenti. Solo in Italia sono stati approvati circa 300 voucher da 15.000 euro ciascuno, destinati ad altrettante municipalità. Altri 40 Comuni sono stati inseriti in lista come riserve qualora dovessero esserci defezioni e rinunce.

Lo scorso ottobre erano stati 142 i Comuni italiani ad aggiudicarsi il finanziamento per l'esecuzione dei lavori. Nel complesso, WiFi4EU ha elargito 2.800 voucher nella prima tornata, 6.200 nella seconda e 1.780 nella terza, a cui si vanno ad aggiungere i 947 dell'ultima appena conclusa. In totale sono stati finanziati quasi 12.000 Comuni europei.

Per conoscere i Comuni italiani (e non solo) vincitori, rimandiamo alla documentazione disponibile in FONTE.

Credits immagine d'apertura: Pixabay


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ciao

Ma che deve fare l'Italia il peggior paese per internet veloce e non solo...
Abbiamo in certi posti ancora le ADSL o vdsl ridicole per non parlare della fibra che arriva massimo a 1 Gbt in download e 300 in upload. Mentre in altri paesi c'è già la fibra simmetrica pure a 10 Gbt in download e upload. Poi i wifi pubblici oltre ad andare più lenti di una ADSL 7 mega si disconnettono spesso e sono prive di sicurezza (per questo tutti quelli che si connettono dovrebbero usare una vpn). In molti bar ancora non c'è un wifi da dare agli ospiti ed anche in alcuni ristoranti. Vergognatevi. Per non parlare del 5G che ancora non mettono anche perché molte persone ignoranti si ribellano quando siamo da anni inondati da antenne 5G come quelle che trasmettono per guardare la TV. Per non parlare di tutte quelle soluzioni fwa tipo eolo etc. Che utilizzano bande ancora più alte però di queste non si lamentano. Che poi più la banda è alta meno male fa perché penetra meno nella pelle del nostro corpo però questo le persone ignoranti non lo capiscono. Perché molte di queste persone si affidano alle fake news diffuse su Facebook.

L0RE15

"L'Italia ha fame." Avrei chiuso il titolo alla terza parola.

sirkuito

La call e' il momento in cui si puo' accedere al bando facendo domanda. Ci sono bandi che hanno diverse call perche' i fondi sono distribuiti nel tempo non erogati tutti insieme

Aster

ma dai sicuro che in europa non hai trovato wifi in giro ?strano, o pure frequentiamo posti diversi.

Salvatore Provino

Hai nominato solo paesi in cui non sono stato (tranne Grecia 5 giorni nel 2014) buono a sapersi xD

Aster

vale ora,ma io parlo quando il roaming era il male.anche un locale in periferia in estonia o portogallo aveva il wifi.Gli autobus delle linee hanno tutti il wifi dalla grecia e turchia per passare altrove nel est europa,comunqune le mappe sono anche offline ,ti fermi per un caffe guardi le info online poi riparti:)

Salvatore Provino

Se stai prettamente nei centri storici e nella metropolitana magari il WiFi é un po' ovunque, ma questo vale anche per l'Italia in decine di città tourist friendly, appena ti sposti di poco però non c'è più WiFi pubblico e di certo non ce l'hai sui mezzi (taxi, bus, treni)

db1997

Intanto mi hanno spostato il piano BUL al 2023, non ho parole

Chabuje99

Sarebbe carino se questo 4EU fosse imposto a tutti i wifi pubblici comunali, senza dover avere mille credenziali e autenticandosi con WPA Enterprise
E magari come requisito installare esclusivamente wifi 6

Estiquaatsi

Perché questo è WiFi4Eur, mica WiFi5 o WiFi6

Estiquaatsi

In questo contesto "call" si dovrebbe tradurre come "bando".

Aster

io il contrario ne ho visto dapertutto.per telefonare non spendi come la rete dati,non se che piani hai avuto.Una sim locale si e comoda sopratutto in paesi dove hai 15-30 giorni di tempo per registrarla.Lo usi e lo butti per una breve vacanza tanto te lo hanno regalato in aeroporto.

Salvatore Provino

Principalmente la navigazione e potere avere accesso a numeri utili, i social non sono una necessità anzi dovresti farne a meno in generale. Pioi anche telefonare, ho girato più di 4 posti e di "wifi ovunque" non ne ho mai visto

Aster

infatti mi riferivo a questa assurda legge che ormai non esiste piu,fai un giro per i locali.

DanD

Perchè in Italia è vietato tenere reti aperte senza prendere i dati di chi si aggancia. Sbloccarle aumenterebbe di molto i reati informatici non potendo tracciare chi ha eseguito le azioni.

DanD

Turismo. Tutti i turisti hanno o piani limitati al 10% (europei) o senza internet (extra europei).

Dargli la possibilità di navigare e trovare possibili attività nelle vicinanze li aiuterebbe a spendere i loro soldi.

wifi si e 5G no.....bhoo

AndreDNA

non è vero che hanno tutti piani dati generosi.
Alcuni non hanno proprio un piano dati.
Queste soluzioni servono proprio per garantire servizi di base a tutti in tutte le circostanze (turisti compresi)

Aster

dipende dal paese o il tuo uso,se uno non ha social li basta anche il wifi in giro:)ci sono paesi che hanno wifi ovunque...anzi senza wifi non trovi quasi mai locali ,bar o ristoranti,per non parlare in hotel.Non ho mai capito perche in italia questa ostilita dove dovevi perfino registrare la carta d'identita.Quando anche un paese ad altro rischio terrorismo come israele ha wifi dapertutto liberamente.

Salvatore Provino

Molto poco pratico all'estero, conviene quasi sempre fare delle sim locali direttamente all'aeroporto (lì il wifi sì che serve un sacco) visto che in genere ci si sposta molto tranne quando si è nell'alloggio dove comunque c'è copertura wi-fi nella stragrande maggioranza dei casi

Aster

o viaggiare al estero,quando il roaming....

Aster

io da sempre,mai usato la rete dati sul cellulare

Salvatore Provino

In biblioteche e spazi pubblici, come nelle grandi piazze, è un ottimo modo per evitare sovraccarichi della rete ma eventualmente col 5G sarà meno necessario. In Wi-Fi, poi, i dispositivi consumano molto meno che su rete dati.

Salvatore Provino

Last call in inglese vuol dire ultima chiamata (come per gli aerei in aeroporto), Stefano ha fatto un mix italiano-inglese totalmente accettabile visto che è una forma usata ampiamente.

Galy

Ma qualcuno ha mai usato un wi fi pubblico ?
Sinceramente non ne capisco l'utilità, non mi vengono in mente casi dove potrebbe servire ad un privato, visto che ormai tutti hanno dai 30GB in su di traffico...

DefinitelyNotBruceWayne

"Italia, Spagna e Romania"

Tutti Paesi virtuosi e decisamente poco corrotti che hanno sempre saputo far tesoro dei fondi europei.

ghost

Che intendono per "ultima call"?
Io so che significa chiamata

Aster

Meno male che erano tutti connessi con la rete dati

Sky Wifi: l'offerta in fibra (FTTH) è ufficiale. Come funziona e quanto costa

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Covid-19: come non cadere nella trappola della falsa informazione | Podcast

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente