Facebook, c'è un altro problema privacy

02 Luglio 2020 32

Facebook ci ricasca: le informazioni degli utenti sono finite nelle mani di terze parti, al di fuori delle regole che ne consentono la trasmissione. L'apoteosi di questa illegittima diffusione di dati personali si è raggiunta con l'ormai storico caso di Cambridge Analytica, costato a Facebook una pioggia di multe e un non trascurabile danno d'immagine.

La premessa è che dal 2014 Facebook consente agli utenti del social network di decidere dettagliatamente quali informazioni condividere pubblicamente e quali no (es. indirizzo e-mail e data di nascita) quando usano l'account Facebook per effettuare l'autenticazione nelle proprie app; nel 2018 Facebook ha aggiornato le linee guida per evitare che gli sviluppatori continuino a ricevere aggiornamenti di tali dati, se l'utente non usa l'app per oltre 90 giorni - si precisa che questo controllo viene effettuato dai sistemi di Facebook.

Il sistema funziona e gli utenti sono sempre tutelati? Nient'affatto come dimostra il nuovo caso che è la stessa società di Mark Zuckerberg ad illustrare: negli ultimi mesi circa 5.000 sviluppatori hanno continuato a ricevere informazioni degli utenti oltre il termine di 90 giorni dall'ultimo utilizzo dell'app (su cui si erano loggati usando l'account Facebook).

Per Facebook la causa è riconducibile ad un problema che è stato corretto il giorno dopo la scoperta - non si sa quando è avvenuta, per quanto tempo la falla è rimasta aperta e quanti sono stati gli utenti coinvolti. I gestori del popolare social network aggiungono che continueranno a portare avanti gli opportuni approfondimenti.

E sulla possibilità che si tratti di una diffusione di informazioni contro il consenso del diretto interessato Facebook aggiunge: non ci sono prove che il problema abbia determinato una condivisione di informazioni incompatibile con le autorizzazioni concesse dagli utenti quando hanno effettuato l'accesso tramite Facebook. Come a dire: il consenso è stato dato 3 mesi fa, nel frattempo si presume che sia rimasto tale, anche se l'app non viene più usata.

Il dato certo è che una regola fissata da Facebook per tutelare gli utenti non è stata rispettata per un non meglio precisato problema che ha permesso a migliaia di sviluppatori di entrare in possesso di informazioni che non dovevano (più) avere. Apprezzabile che Facebook abbia almeno ammesso pubblicamente l'accaduto. Lato utente è bene chiedersi periodicamente quanti e quali permessi abbiamo concesso, quanti sono gli account che abbiamo creato, quanti sono ancora attuali e quali invece sarebbe opportuno cancellare del tutto - un'identità digitale lascia per strada una mole non trascurabile di dati nel corso della sua vita.

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 636 euro oppure da Yeppon a 760 euro.

32

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gnhfregiskgv

Facebook: mai una gioia

Astar

Il giorno che il mondo smetterà di usare i social sarà un mondo migliore e con più tempo da dedicare alle cose realmente utili.
I social, sopratutto FB, sono sovente il ricettacolo di ignoranti che hanno bisogno compulsivo di gridare ai 4 venti la loro ignoranza, di gente che non fa nulla in tutto il giorno, o di persone talmente fissate che per 4 like in più, sono disposte a compromettere la privacy loro e del loro figli (anche molto piccoli) esibiti come trofei da likes appunto.
Gente malata.

Fiore97

E dare i dati in mano a Putin no grazie

Undertaker

Il fatto è che devi fare il root per rimuovere le APK.

JUDVS

Ma quello è Pedro Beniez, lo scalatore sociale

Orlaf

Facebook già di per sè è un problema per la privacy, visto il modo in cui la gente comune spiattella i caxxi propri al pubblico senza preoccupazioni.

Pou magari si preoccupano che immuni li traccia AHAHAHA

QuelMattacchioneDiJohnMalkovic

beh mica vanno a controllare se nei milioni di record che gli arrivano esiste qualcuno che sono 3 mesi che non accede

Six

Quantomeno non saranno associate al tuo nome.

luis91

Beh sì dai, capiamoli. Gli esseri umani sono alle prime armi in effetti. :)

Ho preso er muro

Non effettuo mai il login nelle app con facebook e soprattutto su facebook non ho nemmeno il mio nome reale, uso firefox con facebook container, ma sto seriamente pensando di eliminare il mio account e ricrearne uno da zero solo per gestire i miei affair...

Logan

Emergere in un campo dove Facebook domina penso sia impossibile oggi, i boomer si indignano a fatti loro

Cosa che potrebbe essere estesa al 99% dei siti, ad esempio disqus

Francesco

Mai visto Boris?

Roskio

Perchè?

asd555

Swipe essere un'app ha molte più funzioni, temi e così via...

Apocalysse

E che differenza c'è nell'usare il browser direttamente ?

Alessandro Sanni

Sarebbe il momento di passare a "Vk - live chatting & free calls" prodotto da Pavel Durov, sviluppatore anche di telegram. Ottima alternativa a Facebook

Francesco

Ragazzi, non iscrivetevi su Facebook! Ho perso la corsa della vita a causa di quella robaccia

Francesco

Ragazzi, non iscrivetevi su Facebookk! Ho perso la corsa della vita a causa di quella robaccia! (cit.)

asd555

Non è altro che un wrapper, come collegarsi da browser...

momentarybliss

Tanto alla massa frega nulla, perché si illude che Facebook è gratis

Ho preso er muro

E il client di terze parti sai che uso ne fa?

No perchè se Facebook stessa contavviene alle sue policy, non oso cosa possa fare l'app di mariuccio rossettini snc.

asd555

Prova Swipe, non so però se è compatibile coi tablet!
Al massimo puoi collegarti a Facebook da browser... Con tutti i limiti del caso.

Dark!tetto

Ovvio che sono pagati, non è un segreto, più che altro in realtà non servirebbe nemmeno installare l'app di facebook per essere profilato.

Undertaker

Xiaomi lo installa d'ufficio assiema a Instagram, PAGATI?...

Hanno pure rifatto l'interfaccia di recente.

loripod

Ma esiste qualcosa per tablet? Perché quello ufficiale è veramente osceno.

Andredory
asd555

Basta non usare il client ufficiale che è una porcheria.
Io uso Swipe, consuma la metà della metà e fa quello che deve fare: farmi consultare le str*nzate dei miei amici, fine.

ErCipolla

FB vergognoso come sempre, ma vorrei anche menzionare quei "5mila sviluppatori che hanno continuato a ricevere i dati anche dopo che l'app non era più in uso"... interessante che NESSUNO abbia segnalato la cosa... e trovo poco plausibile che su 5mila nessuno l'abbia notato... ba%tardi e collusi, come prevedibile.

rsMkII

Beh dai possiamo capirli, sono alle prime armi

Fidaty

So' Ragazzi!

Sky Wifi: l'offerta in fibra (FTTH) è ufficiale. Come funziona e quanto costa

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Covid-19: come non cadere nella trappola della falsa informazione | Podcast

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente